rpm_g_denny-hamlin_mb_600L’incidente e la frattura vertebrale a Fontana di Denny Hamlin ha portato preoccupazione e movimento in casa Gibbs, dato che il pilota, almeno dalle prime news, rimarrà fuori per sei gare.

Le chiamate per la monoposto numero 11 sono due e provengono dal Michael Waltrip Racing: Mark Martin ha lasciato il suo 55 al compagno Vickers per la gara di Martinsville svoltasi domenica scorsa.

Dopo questa prima mossa, il piano può apparire semplice ma è allo stesso contorto; Martin dopo Martinsville torna ad accasarsi al numero 55 scambiando Vickers sull’ auto di Hamlin, il quale sarà sicuramente presente nelle gare di Texas, Kansas e Talladega.

Vickers, corre in Nationwide per Gibbs e si è dimostrato soddisfatto di questa opportunità esprimendo il suo supporto ad Hamlin.

In forse invece è la gara di Richmond, tappa tra le ultime due gare citate precedentemente. Hamlin ha commentato dopo Martinsville di voler tornare a guidare nella competizione di casa, prima di saltare ‘Dega, gara di per sé molto rischiosa.

Martin, dal canto suo domenica scorsa nella sua prima apparizione con Gibbs ha seguito le istruzioni di Hamlin: “Lui è un maestro del piccolo ovale di Martinsville, lo ha vinto 4 volte in pochi anni”.

Infatti nella trentennale carriera il “veterano” ha di certo ottenuto risultati di rilievo, ma è riuscito nell’ impresa soltanto 2 volte in 49 partecipazioni ufficiali, la prima delle quali rimonta al lontano aprile 1992. Nella sua ultima apparizione sul circuito, Martin è stato coinvolto in un incidente e ha scontato una penalizzazione, e nonostante tutto è giunto in decima posizione.

In base alle statistiche delle prime 7 gare, Martin ha chiuso terzo a Daytona per poi spegnersi nelle gare seguenti, Vickers invece, ha avuto solo due partecipazioni, con risultati migliori del compagno di squadra con un ottavo posto a Bristol ed un undicesimo a Martinsville

In conclusione, salvo la probabile parentesi in Virgina il 27 aprile prossimo, il ritorno definitivo alle corse è pianificato per Darlington, l’atipico ovale “troppo difficile da domare”.

Potrebbe essere un riavvio un po’ lento del pilota dopo una lunga assenza, anche se le statistiche sul circuito di Darlington sono a suo favore: in 7 partenze è giunto una sola volta fuori dai primi 10, vincendolo nel 2010 con un paio di secondi posti, l’ultimo lo scorso maggio.

L’attesa del suo ritorno è già enorme per garantire emozioni ancora più forti nelle gare che seguono quella di Talladega, tanto che Danica Patrick ha aggiunto una scritta sulla sua auto “Denny riprenditi al più presto”, e noi appassionati di motori rimaniamo in attesa per vedere nuovamente quel numero 11 sotto la bandiera.

Post By Davide Sarti (157 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

Commenta