Mavs - Thunder è la rivincita della finale di conference della passata stagione

Forse quest’anno come non mai si arriva alla post season senza riuscire neanche lontanamente a pensare a chi potrebbe arrivare fino alle Finals nella parte Ovest del tabellone.

San Antonio ha dimostrato tutta la sua solidità soprattutto “strutturale” con una RS praticamente perfetta, ma i dubbi sugli speroni restano molti, ripensando anche alla clamorosa uscita al primo turno dell’anno scorso.

OKC ha fatto di tutto per non essere considerata quello che sulla carta è, cioè la favorita numero uno, e l’impressione è che se Westbrook viene limitato non ci metta molto a perdere completamente la bussola.

E i Lakers? Dati per spacciati dopo il cappotto con Dallas e l’addio di Coach Zen hanno strappato un terzo posto complicatissimo e arrivano ai PO in forma e con un Kobe indemoniato, ma basterà?

Clippers e Grizzlies hanno dato grande spettacolo nell’arco di tutta la stagione, ma una delle due sarà fuori già dopo il primo turno, e con molti rimpianti. Ma insomma, nemmeno loro sembrano pronte per un viaggio in finale.

Allora forse arriverà la grande sorpresa dalle “sfavoritissime” Denver, Dallas e Utah? Il Gallo vuole mostrare di essere un duro anche nella post season, Wunderdirk e la sua banda di vecchietti terribili vogliono un altro botto, Utah sulle ali dell’entusiasmo di Salt Lake City sogna lo sgambetto agli Spurs. Ma pensare a una di queste tre squadre oltre il primo turno è già fantabasket.

Insomma, otto candidate a 12 vittorie dalle finali. Detta così, sembra facile…

#1 San Antonio Spurs (48W-16L) vs #8 Utah Jazz (36W-30L)

L’ennesima grandissima regular season degli Spurs questa volta dovrà per forza trasformarsi in una avanzata feroce anche nel tabellone dei Playoffs, perché la sensazione è che il Duncan commovente di quest’anno è forse arrivato all’ultima corsa e perché l’apice raggiunto da Parker implica una flessione inevitabile.

Ma forse l’elemento che davvero deve far compiere il salto di qualità alla squadra in questa post season è “El Narigon” Manu Ginobili, frenato da tanti piccoli infortuni ma ben dosato dal saggio Popovich, che arriva al momento clou della stagione con un roster sano e, anzi, in grande condizione. Un’altra chiave sarà la tenuta mentale delle cosiddette seconde linee, da Neal a Green, passando per Blair e Diaw. E occhio alla fame di vittoria di una vecchia volpe come Stephen Jackson…

I Jazz dal canto loro un’impresa, quella di raggiungere l’ottavo posto in una conference complicatissima come la Western, l’hanno già compiuta. Difficile, onestamente, che riescano in quello che hanno fatto i Grizzlies lo scorso anno, ma chi lo sa?

La filosofia di gioco è simile (tanti punti vengono dal pitturato grazie a due ottimi attaccanti in post come Millsap e Al Jefferson) e come sempre in questi casi, la pressione è tutta sul seed numero 1. La chiave per le speranze jazz è racchiusa nel giovane Gordon Hayward, che ha chiuso da grande protagonista la RS ed è pronto alla prima serie di Playoff in carriera.

PRONOSTICO: 4-1 Spurs

#4 Memphis Grizzlies (41W-25L) vs #5 Los Angeles Clippers (40W-26L)
Questa è in assoluto la serie sulla carta più equilibrate e interessante forse non solo della Western Conference ma dell’intera Lega.

“The Lob City” dopo una stagione caratterizzata dai voli ad alte e altissime quote di Griffin e Jordan sono attesi ad una prova di maturità alla portata ma assolutamente non banale. Tutto naturalmente nasce dalle mani incantate del miglior playmaker al mondo, Chris Paul, che ha saputo alternare bene la maschera del realizzatore con quella del passatore, contribuendo non poco alla “rinascita” di Caron Butler (incisivo anche dalla lunga distanza) e a quella soprattutto psicologica di Mo Williams.

Il fattore X sarà la coppia di SG formata da Nick Young e Randy Foye, che non dovrà far rimpiangere quel Billups alle prese da mesi con un brutto infortunio al tendine d’Achille.

Memphis dopo gli eroici Playoff del 2011 (senza Rudy Gay, tra l’altro) ha giocato per un’intera stagione ai livelli delle prime della classe mostrando una solidità e una compattezza del gruppo che forse non ha eguali, oltre a un ottimo attacco e una più che credibile difesa.

Conley è vastamente sottovalutato ma sta facendo girare a mille i suoi compagni, Tony Allen è uno dei migliori difensori 1vs1 delle Lega e con Chris Paul in campo troverà pane per i suoi denti. Gay rimane il terminale offensivo numero 1 della squadra ma un Randolph in ripresa e la presenza in area di Gasol e Speights sono fattori da non prendere sottogamba.

E se fossi nei Clippers starei attento alla scintilla OJ Mayo, che dalla panchina rischia sempre di accendere un fuoco difficilmente domabile. E il fattore campo a Memphis è un fattore per davvero.

PRONOSTICO: 4-3 Clippers

#2 Oklahoma City Thunder (46W-18L) vs #7 Dallas Mavericks (36W-28L)

Sinceramente, a inizio stagione ero convinto che OKC avrebbe vinto addirittura più partite quest’anno, perché in una stagione così compressa (66 partite in 4 mesi) pensavo che il loro atletismo avrebbe spazzato via ogni concorrenza. E invece hanno faticato un po’ anche loro, anche se solo a tratti naturalmente.

Rimangono per tanti motivi i favoriti a Ovest per un posto in Finale, ma dovranno faticare non poco per rispettare i pronostici: su Durant, Westbrook e Harden c’è poco da dire se non che dovranno dimostrare di essere pronti a un certo tipo di partite senza appello. La differenza vera la può fare la difesa e in particolare la coppia di lunghi formata dallo spettacolare Serge Ibaka e dal più silenzioso Kenrick Perkins.

Dallas dopo una stagione travagliata ritorna sul campo di battaglia che più le si addice. Il trio Kidd-Terry-Nowitzki vale quanto quello messo in campo dai Thunder ma paga una decina d’anni di differenza di età media ma l’anno scorso in Finale di Conference fu un monologo texano.

Quest’anno la musica potrebbe cambiare soprattutto a causa della pochezza dei Mavs nel pitturato, visto che Haywood è un ex giocatore e le alternative scarseggiano. A scombinare tutto però potrebbe essere quel Vince Carter che non ha mai avuto grande feeling con la post season ma che se non èp all’ultima spiaggia poco ci manca.

PRONOSTICO: 4-2 Thunder

#3 Los Angeles Lakers (41W-25L) vs #6 Denver Nuggets (38W-28L)
La squalifica di un incommentabile Metta World Peace rappresenta per I Lakers un problema soprattutto per quanto riguarda la difesa, che perde uno degli interpreti più decisivi della Lega pur con tutti i limiti psichiatrici più che psicologici che si porta dietro.

L’attacco invece potrebbe addirittura beneficiarne, soprattutto se Matt Barnes sarà quello visto nelle ultime uscite. Su Kobe c’è poco da dire, a 33 anni dimostra una voglia di vincere disumana e un killer instinct che non può essere messo in dubbio. Il vero quesito è: si fiderà dei suoi compagni? Gasol e Bynum sono la coppia di lunghi più forte al mondo in questo momento, ma Bryant ha sempre fatto fatica a crederci.

La panchina offre poche soluzioni interessanti, e allora l’elemento che davvero può girare la squadra è il nuovo arrivato Sessions, che dovrà prendersi tante responsabilità in un mondo, i Playoff, che ancora non ha mai conosciuto.

Denver arriva ai PO carica come una molla, con la migliore fase offensiva della Lega e un grande entusiasmo. La forza della franchigia è anche il suo limite: è una squadra senza superstar, con un attacco molto ben bilanciato e tanti giocatori in grado di contribuire alla causa.

Nei finali tirati, quando il pallone scotterà e servirà qualcuno in grado di segnare tiri decisivi, verso chi si gireranno? Questa è la domanda alla quale lo scorso anno al primo turno con OKC non hanno dato risposta. Soffriranno terribilmente la coppia Gasol-Bynum sotto i tabelloni (ma d’altronde chi non la soffrirebbe?) ma sono atleticamente più forti e dovranno essere bravi a tenere alti i ritmi.

Forse è arrivato il momento in cui capiremo davvero quanto è considerato Danilo all’interno del sistema Nuggets.

PRONOSTICO: 4-2 Lakers

Post By Marcello Oberosler (9 Posts)

Twitter: @m_oberosler

Connect

13 thoughts on “Western Conference Playoffs: First Round Preview

  1. Concordo più o meno con tutti i pronostici, anche se sulla seria Clippers vs Grizzlies vedo sinceramente meglio gli orsi. I Clips hanno chiuso in calando e sono alla prima esperienza in post-season, il fattore campo secondo me sarà decisivo quindi dico Grizzlies in 6. Per quanto riguarda le altre sono pienamente d’accordo Spurs e Lakers non dovrebbero avere problemi (gli speroni faranno un pelino più fatica secondo me…) mentre tra Dallas e OKC secondo me la differenza è molto più ampia…non dico sweep ma se ne vincono una è grasso che cola…

  2. La-Memphis è obiettivamente difficile da pronosticare, penso che sia da 50-50 ma se si vuole puntare su una vittoria dei Clippers mi va bene, ma non 4-3.. non vinceranno mai al settima a Memphis.. a sto punto era molto più credibile un 4-2…

  3. Complimenti ottima analisi…….ma pure io non sono convinto che i Clippers passeranno, nonostante Paul nei PO porta il livello del suo gioco ancora più in alto, Memphis con un Rudy in più, faranno bene come l’anno scorso se non meglio…..poi tutto può succedere,in questa serie più che in altre,ma io sono per un 4-1 Grizzlies

  4. Di basket capisco pochino, ma mi piace da matto guardarlo. Per i pronostici però mi butto. San Antonio 4-2. Oklahoma 4-1. Memphis 4-2. Denver 4-2.

  5. LAC MEM serie tiratissima… vedo più talento individuale a LA ma meglio distribuito e più profondo a MEM… sono convinto che le 2 squadre saranno vicinissime in termini di prestazioni, ma Paul può far davvero saltare il banco in ogni momento… Poi bisogna vedere la prima di Griffin ai PO… il dollaro lo butto su LA, e a questo punto sì, credo sia più facile in 6 che in 7… vincere G7 a Memphis credo sia proibitivo…

  6. Memphis-Clippers è la serie del 1° turno playoff dell’Ovest dove S.Antonio se non sottovaluta troppo Utah e li tiene ” a freno” sotto le plance passa. Dove i Lakers contro Denver sfruttando i loro lunghi e non facendo “infuocare” troppo la truppa Karl passano e dove, con tutte le solite incognite che questo bellissimo sport offre, gli Okc dovrebbero far ritornare i campioni in carica a casa senza troppe difficoltà o patemi mentre la prima rimane la serie più aperta e difficile da decifrare. La chiave potrebbe rivelarsi la consapevolezza dei propri mezzi e in questo vedo avanti Memphis che potrebbe presentarsi in questa serie come nell’eventuale proseguo dei p.o. molto più pronta sotto l’aspetto mentale.

  7. Secondo me il primo turno ad Ovest andrà così:
    San Antonio-Utah 4-1
    Oklahoma City-Dallas 4-2
    LA Lakers-Denver 4-2
    Memphis-LA Clippers 4-2
    I Lakers devono tenere basso il ritmo e Kobe deve modificare il proprio modo di giocare ( più facile a dirsi che a farsi, visto il suo individualismo! ) usando le sue doti tecniche per servire i due sette piedi, andando meno in isolamento e prendendosi i tiri decisivi nel finale; gli Orsi Grigi sono più squadra dei Clippers, sono più forti nel pitturato ed hanno migliori opzioni da nel tiro da tre. Le altre serie non avranno storia.

    • Kobe che si trasforma in Magic ed arriva alle Finals, cosa sto sognando? Lui vuole vincere in stile Jordan.

  8. San Antonio-Utah 4-0 …Spurs troppo esperti…

    Oklahoma City-Dallas 4-1 …Chandeler non cè più…non vanno da nessuno parte…

    LA Lakers-Denver 4-2 …Gialloviola “svogliati” in 6 gare cosi rientra “Metta” per il secondo turno…

    Memphis-LA Clippers 4-3 …Grizzilies…sono più equilibrati e rodati…nei playoff non si vince con i “lob” ma con i tiri liberi e un gioco di squadra ben strutturato, ed i Clippers non sono messi benissimo…

  9. Dallas verrà spazzata via. Chandler non c’è più, Dirk così è troppo esposto. L’esperimento Odom è naufragato, Carter non è un gran valore aggiunto, Rodrigo non è al livello di JJ.
    Memphis in rs mi sembra sia sotto, nei confronti con i velieri.
    Lakers 4-2
    Spurs.. son curioso di vedere come neutralizzeranno la frontline di utah. 4-1

Commenta