Una spettacolare immagine di North Carolina - Michigan State

E la prima è andata!

È passata una settimana di college basketball: North Carolina, a largo di San Diego, vince il Carrier Classic contro Michigan State nel primo match della storia giocato su di una portaerei; delle top 25 perdono UCLA e Vanderbilt. Coach K eguaglia il numero record di vittorie, 902, di Bob Knight.

Tanta roba… Ma adesso andiamo a vedere come è cambiato il ranking.

 

1. North Carolina Tar Heels (2-0)

I Tar Heels si confermano in vetta al ranking con due vittorie su due partite. La prima arrivata ai danni degli Spartans (67-55), nel Carrier Classic, dopo un inizio sofferto, salvo poi dominare grazie ad un ottima difesa, guidata da Henson (9 stoppate), e un attacco corale. Miglior realizzatore Barnes con 17 punti. Nel secondo, e più facile, match contro UNC Ashville (91-75), protagonisti assoluti sono Zeller, top scorer con 27 punti e il play Marshal che distribuisce la bellezza di 15 assist(!); ottima ancora la prestazione di Henson, 20+12, e di Barnes che ne mette altri 17. Tar Heels che dimostrano di meritare quel numero 1.

Next week:

vs. Mississipi Valley State 20/11

 

2. Kentucky Wildcats (1-0)

Una sola partita in questa prima settimana, che li vede vincere alla Rupp Arena contro Marist. Partono piano i Wildcats che all’intervallo sono a +9, per poi nella ripresa chiudere i conti con un eloquente 63-22 parziale. Vittoria finale per 108-58 con otto uomini in doppia cifra. Ottimo esordio per il miglior freshman della nazione, Anthony Davis, che mette una doppia-doppia da 23 e 10 rimbalzi, buona partita anche per gli altri due esordienti, Gilchrist che di punti ne firma 15 e Teague 16. Solo 8 punti per Terrence Jones, che parte dalla panchina dopo che in mattinata era stato coinvolto in un piccolo incidente stradale. Kentucky è ora attesa al primo test probante della stagione, il 15 contro i Jayhawks di Kansas.

Next week:

vs Kansas 15/11

vs Penn State 19/11

 

3. Ohio State Buckeyes (1-0)

Esordio senza problemi per i Buckeyes che destando un’ottima impressione battendo Wright State per 73-42. Buona partita per le tre stelle di questa squadra: Sullinger, 19+9 rimbalzi; Craft, 10 e 3 assist, e Buford, 13 punti di cui 9 nei secondo tempo. Da registrare anche l’ottima prestazione difensiva del team di Columbus che tiene gli avversari a 42 punti e costrigendoli al 31% dal campo. Adesso per Ohio State un test difficile contro i Gators di Florida, numero 7 della nazione, una sfida tra due attese protagoniste di questa stagione.

Next week:

vs Florida 15/11

vs Jackson State 18/11

 

4. Connecticut Huskies (2-0)

Due vittorie per gli Huskies con un protagonista principale, Jeremy Lamb al quale si chiedeva di essere leader e che per il momento ha risposto presente. 30 punti contro Columbia, 70-57 il finale, e 20 contro Wagner (78-66). Proprio nel secondo match, però, il top scorer è stato Napier, ottimo in entrambe le partite, che segna 21 punti dopo i 20 dell’esordio, il tutto con 4.5 assist di media. Tanta attesa per i primi minuti di Drummond, il gigante arrivato a sorpresa con un anno d’anticipo. Per lui 0 punti e 4 rimbalzi in 12 minuti nella prima partita della carriera, cifre che migliorano contro Wagner, 8+5 in 18 minuti. Fase di rodaggio per lui che dovrà salire di colpi ed essere protagonista in primavera.

Next week:

vs Maine 17/11

vs Coppin State 20/11

 

5. Syracuse Orange (2-0)

35 punti è lo scarto medio che gli Orangeman hanno rifilato ai propri avversari. All’esordio contro Fordham (78-53) il migliore è Joseph che segna 16 punti e guida un attacco che manda a canestro undici diversi giocatori. Nella seconda partita dell’anno, contro Manhattan (92-56) ad essere protagonista è la panchina, ma soprattutto Waiters (17) e Southerland (15) che segnano 32 alzandosi dal pino sui 50 totali che producono le riserve di Syracuse. Tra gli starters doppia cifra per Joseph (15), Triche (12) e Fab Melo che sfiora la doppia-doppia (11+9). Per gli Orange due vittorie di squadra che fanno ben sperare per il prosieguo della stagione.

Next week:

vs. Colgate 19/11

 

6. Duke Blue Devils (2-0)

Record! È questa la parola che accompagna le prime due affermazioni stagionali dei Blue Devils. Si, record, perchè ora sono 902 le W che Coach K ha firmato nel mondo del college basketball. Numero che lo porta ad eguagliare il record di Bob Knight. Due vittorie diverse, la prima sofferta, arrivata con il minimo vantaggio (77-76) contro una ottima Belmont. Partita tirata, che ha visto protagonisti Rivers e Curry autori di 16 punti, sotto i ferri un ottimo Mason Plumlee (13+14), e la panchina, dalla quale si alzano Thornton e Kelly che vanno entrambi in doppia cifra. La seconda partita, invece, è dominata. Contro la modesta Presbyterian, Duke stravince, 96-55 il finale. Miglior marcatore della serata Kelly con 17 punti e ottima prestazione di Rivers (15). Il prossimo match contro Michigan State può confermare Coach K come il più vincente di sempre nell’NCAA.

Next week:

vs Michingan State 15/11

vs. Davidson 18/11

 

7. Florida Gators (1-0)

Florida vince 99-59 contro Jackon State la prima partita dell’anno, e il protagonista, inatteso, è Mike Rosario, trasfer da Rutgers, che uscendo dalla panchina firma 19 punti, come Boynton, e strappa il premio di MVP della partita. Ma ottima per i Gators è la prova di squadra con 6 uomini in doppia cifra, e dieci degli undici giocatori scesi in campo che sono finiti a referto. Da segnalare anche la doppia-doppia di Young, 12+10, e il buon esordio di Beal che mette a referto 14 punti. Florida è attesa adesso dal match contro Ohio State, numero 3 della nazione, che potrà misurare le loro ambizioni per il prosieguo della stagione.

Next week:

at Ohio State 15/11

vs North Florida 17/11

 

8. Lousville Cardinals (2-0)

Due su due per Louisville, che grazie ad un ottima difesa non ha problemi a portare a casa le prime vittorie della stagione. Entrambi gli avversari tenuti 48 punti e un 25% medio dal campo. L’attacco è guidato, contro Tenn-Martin (83-48), da Kuric e Benahan, entambi 14 punti; e Siva che ne segna 10 e aggiunge anche 9 assist. Nella seconda partita, contro Lamar (68-48), invece il top scorer è Swopshire che, dalla panchina, porta 13 punti ed 8 rimbalzi. Altri tre sono gli uomini che vanno in doppia cifra, Smith e Benahan con 10 punti, e Siva, 11 punti per lui, che però tira 3/10 dal campo.

Next week:

at Butler 19/11

 

9. Pittsburgh Panthers (2-0)

Un attacco scintillante che porta a due belle vittorie per i Panthers. All’esordio Pittsburgh domina contro Albany (98-56) con Woodall e Gibbs sugli scudi. Per il primo, MVP della partita, 25 punti e 10 assist, per il senior invece 21 e 7 assist. Nel secondo match a Gibbs, miglior marcatore della serata con 24 punti, e Woodall, altra doppia doppia da 17 e 10 assist, si aggiunge Robinson che segna 22 punti tirando col 90% dal campo. Si attendono miglioramenti dall’ All american Birch, 4 punti, 6 rimbalzi e 22 minuti totali, necessari se a marzo si vuole fare strada.

Next week:

vs Long Beach State 16/11

 

10. Memphis Tigers (0-0)

I Tigers devono ancora scendere in campo, sono attesi all’esordio contro Belmont. Subito un test attendibile.

Next week:

vs Belmont 15/11

 

11. Baylor Bears (2-0)

Grande impatto nel mondo dell’NCAA e nella sua squadra per il freshman Quncy Miller. Il prossimo Durant è top scorer in entrambe le vittorie dei Bears, firmando per due volte 17 punti. Nel primo match contro Texas Southern (77-57), oltre al già citato Miller, buona partita anche per l’altra stella della squadra, Perry Jones, che va in doppia-doppia, 11 punti e 12 rimbalzi; per Acy, 11+7, e Jefferson, che segna 10 punti partendo dalla panchina. Nel secondo match stagionale i protagonisti sono gli stessi. Contro Jackson State, vittoria per 92-56, sono sempre questi quattro giocatori ad andare in doppia cifra. Già detto di Miller, Acy è il secondo miglior marcatore, 14 punti; 11 per Jones e 13 per Jefferson. Buoni segnali per i Bears, ma è lecito aspettarsi qualcosa in più da Jones, e se dovesse arrivare allora i Bears potrebbero fare davvero paura.

Next week:

vs San Diego State 15/11

 

12. Kansas Jayhaws (1-0)

Dominano dal primo minuto i Jayhawks che portano a casa la prima W stagionale ai danni Towson, battuta 100-54 e mai in partita. Percentuali che sfiorano il 60% dal campo e il 45% da tre e sei uomini che arrivano in doppia cifra per Kansas. Ma ottima è la partita di Robinson che segna una doppia-doppia da 18 e 11, e Releford che mette 14 punti a referto. Da segnalare anche l’apporto di Teahan, 11, e Young, 13, che segnano 24 dei 36 punti che arrivano dalla panchina, oltre all’eccellente playmaking di Johnson, autore di 8 assist. Dopo l’ottimo esordio, però, per Kansas arriva il primo durissimo test contro la numero 2 Kentucky, per dimostrare che anche quest’anno possono essere protagonisti.

Next week:

at. Kentucky 15/11

 

13. Xavier Muskeeters (1-0)

Privi della loro stella Holloway, i Muskeeters vincono per 74-63 all’esordio contro Morgan State in una partita spezzata in due al ritorno in campo dopo l’intervallo, quando Xavier raggiunge il +17, e poi mai più in discussione. Protagonisti della serata il senior Lyons autore di una partita a tutto tondo, a referto con 22 punti, 7 rimbalzi, 6 assist e 3 rubate, e il freshman Wells che contribuisce con 12 punti al successo finale. Aspettando il ritorno di Holloway, Xavier la settimana prossima sarà impegnata contro IPFW e Miami (OH) prima di affrontare test più attendibili per capire le reali possibilità dei Muskeeters.

Next week:

vs. IPFW 15/11

vs. Miami (OH) 18/11

 

14. Wisconsin Badgers (1-0)

Dominanti. È questo l’aggettivo più appropriato per definire i Badgers nella partita contro Kennesaw State. Risultato finale 85-31, risultato parziale al primo tempo 41-8. Per Wisconsin è stata una passeggiata, e il miglior marcatore è stato Brust, che uscendo dalla panchina ha segnato 14 punti. Ammistra Taylor, stella della squadra, che segna 11 punti e distribuisce 7 assist. In attesa di test migliori, un buon inizio per Wisconsin.

Next week:

vs Colgate 16/11

vs Wofford 19/11

 

15. Arizona Wildcats (3-0)

Sono stati i primi a cominciare ed hanno messo insieme già tre vittorie. Impegnati nel Coach vs Cancer, hanno giocato e vinto contro Valpaiso e Duquesne. Due vittorie non facili, sofferte fino agli ultimi minuti. Contro Valpaiso (73-64) i migliori sono stati Fogg (16 punti) e Perry (14); nella seconda sfida del torneo, con Duquesne (67-59) è stato Mayes il mattatore della serata con 19 punti, Perry va in doppia cifra segnando 11 punti. Nella terza partita disputata Fogg è tornato ad essere il migliore dei suoi e con 21 punti aiuta non poco i Wildcats a conquistare la vittoria contro Ball State (73-63), fondamentale il supporto di Hill (16). Sotto tono il miglior recruit di Arizona, quel Josiah Turner che doveva prendere da subito in mano le chiavi della squadra e che invece segna solo 7 punti in due partite, senza essere nemmeno in formazione contro Ball State.

Next week:

at. St Jhon’s 17/11

finale del Coach vs Cancer 18/11

 

16. Alabama Crimson Tide (2-0)

Due buone vittorie che mettono in mostra un’ Alabama compatta e competitiva. All’esordio battono North Florida per 64-44 senza affanni. Ottima la prestazione della difesa che tiene al 23% dal campo gli avversari, in attacco buona performance di Green, che dimostra subito di essere il miglior giocatore della squadra, con 18 punti ma anche 5 palle perse, coadiuvato da Mitchell, autore di 17 punti e 10 rimbalzi. Nel secondo e più impegnativo match contro Oakland (74-57) Green si conferma top scorer segnando altri 18 punti, buono ancora una volta l’apporto di Mitchell sotto i tabelloni, 12+9 per lui. Anche Releford e Lacey vanno in doppia cifra. Per i Tides ora un altro buon test contro Maryland.

Next week:

vs Maryland 17/11

 

17. Michingan Wolverines (2-0)

Prime partite positive per Michingan che domina all’esordio contro la modesta Ferris State, 59-33 il risultato finale. L’attacco dei Wolverines porta tre uomini in doppia cifra: Douglass e Smotrycz segnano 14 punti, Hardaway jr 12. Nel secondo impegno altra vittoria e altri tre uomini in doppia cifra. Top scorer questa volta è Hardaway jr che segna 15 punti, Smotrycz si ferma a 13, come il rientrante Burke. Per Michingan adesso la sfida contro Western Illinois prima dell’inizio del Maui Invitational.

Next week:

vs Western Illinois 17/11

 

18. Vanderbilt Commodors (1-1)

Perdono tante posizioni i Commodors che dopo il buon esordio contro Oregon (78-64) firmato dalle eccellenti prestazioni di Jenkins (24) e Taylor (21+11 rimbalzi), perdono in casa contro Cleveland State con il punteggio di 71-58. Concedono il 50% dal campo agli avversari, e in attacco oltre a Jenkins, 17 punti ma 5/14 al tiro, non producono abbastanza per poter evitare la prima e prematura sconfitta della stagione. Un segnale difficoltà o un semplice incidente di percorso? Sarà il tempo a risponderci.

Next week:

vs Bucknell 15/11

at North Carolina State 19/11

 

19. Texas A&M Aggies (2-0)

Kennedy comincia con il piede giusto la sua avventura sulla panchina degli Aggies conquistando le prime due vittorie della stagione. Privi di Middleton dopo 10 minuti di partita contro Liberty, sono i Turner e Lombeau a salire in cattedra e portare Texas A&M alla vittoria. I tre giocatori firmano 50 punti e gli Aggies vincono per 81-59. Nel secondo match, ancora privi di Middleton i texano affrontano Southern University (83-58). Miglior realizzatore si conferma Ray Turner che mette altri 20 punti, mentre Elston Turner e Lombeau ne mettono 11 a testa. Adesso per Texas A&M c’è da affrontare il Coach vs Cancer, e di conseguenza avversari più forti che testeranno le possibilità degli Aggies.

Next week:

at Mississipi State 17/11

finale Coach vs Cancer

 

20. Cincinnati Bearcats (1-0)

Prima vittoria stagionale per Cincy che in casa batte Alabama State per 65-40, scappano nel primo tempo e poi amministrano il risultato. Quattro uomini in doppia cifra con Gates miglior giocatore, 15 punti e 11 rimbalzi per il centro. Ottimo il supporto di Kilpatrick che sfiora la doppia-doppia, 13+9. Anche Dixon e Wright vanno in doppia cifra.

Next week:

vs Jacksonville State 15/11

vs Presbyterian 19/11

 

21. Marquette Golden Eagles (2-0)

Un attacco scintillante porta i Golden Eagles a due semplici vittorie. Addirittura dilagante Marquette all’esordio, 91-37 il risultato finale e 6 uomini in doppia cifra, con Johnson-Odom miglior realizzatore a quota 16 punti. Contro Norfolk State i Golden Eagles si fermano ad un passo dai 100 punti. È 99-68 il punteggio finale. Crowder è il top scorer con 25 punti e anche 10 rimbalzi, ma ottima è pure la prestazione di Johnson-Odom che firma 24 punti e distribuisce 6 assist. Inizio facile per Marquette che dà morale per il resto dell’anno.

Next week:

vs Winthrop 18/11

 

22. Gonzaga Bulldogs (1-0)

Esordio vincente per i Bulldogs che faticano, ma alla fine hanno la meglio su Eastern Waghington, guidata dai 25 punti di Chiverton e i 17 di Colimon, per 77-69. A guidare Gonzaga, che a sei minuti alla fine era sotto di un punto, al primo successo stagionale è Sacre, doppia-doppia, 22+10, e realizzatore degli ultimi 6 punti della squadra, coadiuvato da Harris e Carter, autori rispettivamente di 17 e 16 punti; 11 punti per il play esordiente Pangos. Ma questa partita ha dimostrato anche che è necessario il ritorno di Olynyk e un maggior apporto della panchina se i Bulldogs voglio restare nel ranking e soprattutto fare strada a marzo.

Next week:

vs Washington State 15/11

vs Hawaii 19/11

 

23. California Golden Bears (2-0)

Due vittorie, ma la notizia migliore è Allen Crabbe. Il sophmore segna 24 punti all’esordio contro UC-Irvine, risultando il miglior realizzatore del match vinto per 77-56 dai suoi Golden Bears. Gutierrez gioca un ottima partita segnando 11 punti e distribuendo 7 assist. Nella seconda partita dell’anno è sempre Crabbe il migliore dei suoi, segna 21 punti e tira 5/8 da tre. Ottima ancora una volta la prestazione di Gutierrez che si conferma secondo miglior realizzatore della squadra con 15 punti, ai quali aggiunge 5 assist. Bell’inizio per Cal.

Next week:

vs Austin Peay 15/11

 

24. Missouri Tigers (2-0)

Buon inizio di stagione per i Tigers privi di Coach Safford. La vittoria contro SE Missouri State (83-68) vede un attacco in palla, quattro uomini in doppia cifra, e la coppia Denmon-Ratliffe che segna 40 punti equamente distribuiti tra i due. Contro Mercer è Pressey che indossa le vesti di go-to-guy mettendo a segno 22 punti. Da sottolineare anche la prova di English che scrive 18 punti a tabellino. Per i Tigers vittorie contro avversari modesti, ma che consentono alla squadra di mettere a punto nuovi meccanismi in vista di una lunga stagione.

Next week:

vs Niagara 17/11

 

25. Florida State Seminoles (2-0)

Entrano nel ranking i Seminoles grazie alle due vittorie di inizio stagione. La vittoria contro Jacksonville (79-67) ha come protagonisti Snear, 16 punti, e i due uomini che si alzano dalla panchina, Shannon e Dulkys, che segnano 31 punti in due. Contro la UCF del figlio di Michael Jordan, dopo un primo tempo in equilibrio nel secondo tempo Florida State scava il vuoto e controlla la partita fino al fischio finale che fissa il punteggio sul 73-50. Protagonista della serata è James che scrive una doppia-doppia da 18 e 11 rimbalzi. Snear conferma il buon inizio di stagione firmando un’altra prestazione da 15 punti.

 

…esce dalla classifica:

UCLA

I Bruins escono dal ranking dopo la sconfitta rimediata contro Loyola MaryMount per 69-58. Una partita che ha visto i Bruins incapaci di contenere difensivamente Hamilton e Ireland che segnano in due 44 punti, e che in attacco chiudono con un 2/15 da dietro l’arco che non basta per conquistare la vittoria. Top scorer Nelson 13 e i due gemelli Wear, Davis 13 e Travis 11. Ma la notizia peggiore per UCLA arriva nei giorni seguenti alla partita, Nelson è escluso dalla squadra per motivi di condotta e il suo rientro è in dubbio. Questa è una notizia che potrebbe mandare la stagione dei Bruins a sud.

 

È passata solo una settimana di College Basketball e già sono arrivate le prime sorprese, la strada è ancora lunga ma vale la pena non perdersi neanche un minuto del campionato più eccitante e imprevedibile del mondo.

In settimana ci saranno i primi scontri tra top 25, la settimana prossima faremo il resoconto. Buona visione e… Stay Tuned!

 

 

Post By Galians (53 Posts)

Dalla prima partita di LeBron seguo il mondo NBA, la coppia Buffa-Tranquillo mi ha fatto innamorare!
La semifinale tra Duke e UConn nel torneo NCAA 2004 invece mi ha fatto scoprire un mondo ancora più fantastico, quel college che produce passione e talento, Marzo è il mese più bello dell’anno.
@Rgalians su Twitter

Connect

3 thoughts on “Ncaa Basketball Ranking Week 1

  1. Grande impatto per Quincy, questo oltre alle enormi qualità fisico tecniche puó vantare una grande personalità, si propone già come miglior realizzatore in una squadra, che non dimentichiamo, schiera un certo perry jones(apparso comunque sottotono). Va ricordato anche che ha già subito un grave infortunio al ginocchio, ma sembra comunque definitivamente recuperato! In molti già prima dell’inizio della stagione hanno ipotizzato un One and One, io vado oltre e azzardo che sarà sicurente nelle prime 6/7 scelte!

  2. Stanotte ho festeggiato Sir Coach K, dove K non sta per Kellogs :P Congratulazioni a uno dei migliori allenatori di sempre!

    P.S. alla redazione: un bel focus-biografico (non da wiki) per celebrare IL coach?

  3. stanotte senza perry jones, miller ha messo via altri 20 punti, però la stagione è appena cominciata, e i test più avanti saranno sicuramente più attendibili… poi per il draft, se si dichiarerà, sicuramente un posto almeno in top 10 ci sarà. ma ripeto, è presto, anche per eventuali mock draft!

Commenta