HAWKS 100, HEAT 92
Termina l’imbattibilità dei Miami Heat che vengono sconfitti in casa dagli Atlanta Hawks che disputano un sontuoso 4° quarto e grazie alla zona mettono in difficoltà l’attacco dei Miami Heat che si ferma a 92 punti (season low). Grandissimo impatto di McGrady che nell’ultimo periodo segna 11 dei suoi 16 punti e coadiuvato dalla triple di Pargo e Johnson (21 pts) costruisce la fuga di Atlanta. Brutta serata per Wade che chiude con un pessimo 4/17 dal campo che accompagna una doppia doppia da 12 punti e 10 assist. 28 punti per Lebron James (11/18) mentre Atlanta fa segnare la miglior perfomance stagionale dall’arco (56%).

WARRIORS 91, SUNS 102
La prima partita di Steve Nash da Steve Nash corrisponde con il 2° successo stagionale per i Phoenix Suns che nel match disputato di pomeriggio all’US Airways Center di Phoenix, battono i Warriors. Il momento chiave è metà 4° quarto quando i Suns piazzano un parziale di 11-3 che trasforma il vantaggio di 3 lunghezze in un comodo 94-83 a poco più di 2’ dalla fine. Merito delle triple di Frye, Dudley e Nash. Il canadese chiude il suo match con 21 punti, 9 assist e 9/13 al tiro mentre Morris continua la sua crescita costante (16 pts, 9 rebs). Per i Warriors, 3° ko su 5 gare nonostante il 50% dal campo ed un Ellis da 18 punti e 11 assist.

WIZARDS 92, CELTICS 100
Nella riedizione del match disputato 24 ore prima a campi invertiti, i Boston Celtics sfruttano il fattore TD Garden e battono nuovamente i Washington Wizards al termine di una gara piuttosto equilibrata e decisa soltanto nell’ultimo quarto. Decisivi Ray Allen, che segna 11 punti nell’ultimo periodo e Paul Pierce che deposita la tripla del +7 a 30” dalla fine. Per Boston è la terza vittoria di fila ottenuta grazie al 10/20 da 3 e alle buone prove degli stessi Allen (28 pts, 6/7 dall’arco) e Pierce (21 pts). Washington incappa nella quinta sconfitta consecutiva e resta ancora a secco di vittorie. Blatche segna 28 punti mentre Wall è impreciso al tiro (4/13).

PACERS 108, NETS 94
Indiana si riscatta dal ko di Detroit e torna al successo sbancano il Prudential Center di Newark grazie ad una prova corale e alla splendida esecuzione del tiro dall’arco. Sono ben 13 le triple a bersaglio su 21 tentativi con George che fa percorso netto (5/5) per i suoi 21 punti. Indiana prende definitamente il possesso della gara all’inizio del 4° quarto con due poderose schiacciate di Jones che regalano il +16 spegnendo ogni speranza dei Nets che si affidano al miglior Deron Williams stagionale (22 pts, 8 asts). Ma serve ben altro nonostante anche i 21 punti del rookie da Providence, Mashion Brooks.

RAPTORS 90, KNICKS 85
Dopo aver sfiorato il successo in quel di Orlando, i Toronto Raptors conquistano il 2° successo stagionale andando a vincere al Madison Square Garden di NY. Partita decisa nel finale con Andrea Bargnani che deposita il canestro del +3 a 46” dalla fine. Chandler risponde con la schiacciata del -1 ma ancora l’italiano fa 2/2 dalla lunetta per il nuovo +3 Raptors. Tocca ai Knicks che sbagliano la tripla del pareggio con Carmelo Anthony decretando la vittoria dei canadesi. 21 punti a testa per Bargnani e DeRozan mentre Calderon distribuisce 12 dei 21 assist di Toronto. Per New York si tratta della terza sconfitta in 5 gare, la prima in casa. Non bastano i 35 punti di Anthony che senza Stoudemire si prende ben 31 tiri.

MAGIC 78, PISTONS 89
Una buona prova difensiva nel secondo tempo è la chiave del successo dei Detroit Pistons che battono gli Orlando Magic costringendoli a soli 32 punti segnati nella ripresa. In attacco ci pensa Ben Gordon che mette a referto una prova da 26 punti con 6 assist e 8/15 dal campo. 14 punti a testa per Stuckey e Prince che combinano per 14/17 dalla lunetta. Orlando prende solo 28 rimbalzi con Turkoglu che segna 4 delle 8 triple targate Magic. Howard segna 19 punti con 7 rimbalzi e 5 recuperi ma fa 3/8 ai liberi per la seconda sconfitta stagionale dei Magic.

SPURS 96, TIMBERWOLVES 106
Altra vittoria per i Minnesota Timberwolves che battono un’altra texana, i San Antonio Spurs, per il secondo successo di fila. Incide tantissimo nell’economia del match l’infortunio a Manu Ginobili che si frattura il 5° metacarpo della mano sinistra sul finire del 2° quarto. Minnesota tira benissimo (57%) e sfrutta la grande vena di Ridnour che con i suoi 9 assist ispira il duo Beasley-Love che combinano per 43 punti e 20 rimbalzi. San Antonio subisce 66 punti nel primo tempo e cerca di rientrare a metà 3° quarto ma le triple di Johnson e Love unite ad un paio di canestri di Milicic consolidano il vantaggio Wolves. 16 punti a testa per Jefferson e Duncan (5 asts) con Parker che chiude con 3/11 dal campo.

THUNDER 87, MAVERICKS 100
Dopo i Miami Heat, cade anche l’imbattibilità degli Oklahoma City Thunder che perdono a Dallas dopo 5 vittorie in fila. Per una sera, i Dallas Mavericks assomigliano tantissimo a quelli vincitori dello scorso campionato e limitano Durant e soci a soli 87 punti a referto con il 40% dal campo. Buon impatto di Vince Carter che guida i Mavs nel 2° quarto da 34 punti che da l’impronta alla gara di Dallas. Per il resto ci pensa Dirk Nowitzki che segna 26 punti con 6 rimbalzi e 10/16 dal campo. Bene anche Terry (16 pts) e Mahinmi che vince il duello con Perkins. Per i Thunder, ci sono i 27 punti di Durant ed i 18 (con 20 tiri) di Westbrook. Male anche al tiro da 3 (5/19) dopo aver disputato 4 partite su 5 al di sopra del 40%.

BUCKS 86, NUGGETS 91
Denver gioca malino ma alla terza partita in tre giorni porta a casa un successo importante contro i Bucks per la quarta vittoria stagionale. Milwaukee parte davanti nel 4° quarto ma si fa raggiungere e superare dai Nuggets che grazie alle giocate del duo Harrington-Gallinari arriva in testa nei secondi finali dove il canestro di Lawson del +3 a 10” dalla fine, il successivo errore di Jennings da 3 e il 2/2 ai liberi di Gallinari decretano la vittoria di Denver. Season high per il Gallo sia sotto la voce punti (21) che in quella rimbalzi (10) mentre Harrigton è sempre più un fattore uscendo dalla panca (17 pts, 8 rebs, 7/12). Milwaukee non sfrutta la serata imprecisa al tiro di Denver (39%) e perde il suo 2° match stagionale nonostante i 17 punti di Jackson.

HORNETS 90, JAZZ 94
Terzo ko consecutivo per i New Orleans Hornets che privi di Eric Gordon cadono in quel di Salt Lake City contro i Jazz. Match all’insegna dell’equilibrio e deciso soltanto nei minuti finali con le giocate di Harris e la schiacciata di Millsap a 55” dalla fine che regala il +5 ai Jazz che portano 4 giocatori in doppia cifra con un buon Al Jefferson che mette a referto 22 punti con 11/18 dal campo. Bene anche Harris (19 pts) e CJ Miles dalla panchina (11 pts). New Orleans tira il 50% e perde nonostante la grande gara di Jack fa l’Eric Gordon della situazione e segna 27 punti conditi da 11 assist. Altra opaca prestazione per Marco Belinelli che segna 6 punti in 37’ con 2/9 dal campo.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

92 thoughts on “NBA – Cadono Thunder e Heat, Gallinari trascina Denver

  1. delusione bella grossa,i knicks….bella sorpresa invece atlanta che anzi invece nn sorprende più,squadra ostica per tutti cn un identità precisa.
    se lebròn vuole l’anello se lo dovrà sudare,troppo presto molti han dato miami già vincente.

  2. con una stagione con partite così ravvicinate e senza preparazione, si vedranno parecchi risultati strani,perlomenoper un altro mese buono,ma a parte questo..mandar vi baffino no?ok manca stat,ma i knicks non possono andare da nessuna parte,pare evidente…bene i rap,mistanno,loro e il gelato,sorprendendo in positivo..presumo sia un fuoco di paglia,ma al momento molto ma molto meglio del solito..per il resto risultati in altalena..e giocando ogni giorno è ovvio..

  3. Ohh Tracy! Atlanta ha una precisa identità vero, quella di squadra da 50w e primo turno a Po, però quest’anno chissa… Teague sa fare, T. Mc fa il sesto di valore alla Crawford e gli costa 1/10, si ma è Tracy, è un’altra cosa! E’ un fuoriclasse.

    • tmac gli costerà un decimo, ma ha forse 1/100 delle articolazioni di crawford… è vecchio e spesso infortunato… non puoi considerarlo del valore di crawford, anche perchè se va bene tmac ne gioca 45 in una stagione accorciata, non di più… e gare così, purtroppo, ne fa 1 ogni 3 o 4, non ha la costanza anche solo di un crawford…

    • Ok il baffino avrà senzaltro le sue belle responsabilita però se sei costretto a schierare come guardie Fields e T. Douglas con ricambio il nonno di Bibby diventa dura. Poi dalla panca veramente si alza il nulla…
      Devo ancora vedere i Rapts ma dalle immagini del sito nba vedo che il mago segna che è un piacere ma sembra giocare da ala piccola più che da ala forte…

  4. Si vedrà ne riparliamo a primavera, Tracy stà carburando, non è la prima buona gara che fa, non sarà certo mai quello di 10 anni fa ma che posso dire… sono innamorato di lui da sempre.
    Negli ultimi Po Atlanta ha fatto pena, Tracy non ha mai passato un turno daccordo, ma sognarlo vincente e decisivo non mi costa nulla

    • Negli ultimi playoffs guarda che non ha fatto pena! Ha battuto i Magic 2-4 ai quarti per poi essere eliminata dai Bulls 4-2 nelle semifinali di conference. Poi Atlanta, Boston e Lakers sono le uniche squadre che negli ultimi 3 anni hanno sempre passato il primo turno.

  5. Vedere la foto di McGrady tra le notizie in primo piano di NBA.com non ha prezzo.
    Lui ha dichiarato prima dell’inizio del campionato di sentirsi bene come nn mai e di ritenersi in grado di tornare protagonista.
    Ok, magari ha esagerato, però è pur sempre un fuoriclasse e secondo me potrà ancora dire la sua.
    Io tifo per lui.

  6. Bruttissima tegola per gli Spurs. Non so quanto tempo avranno per recuperare, in una stagione così corta, e dopo aver dato via Hill, non vedo nel backup un sostituto che vale anche solo la metà del Narìgon.
    Sono un Heat-hater ma non mi accodo a quelli che vedono, nella sconfitta contro Atlanta, chissà quale campanello d’allarme per Miami: a quei tre interessa vincere a giugno, non fare 66-0.
    Mi preoccupa molto di più la sconfitta di OKC per il quale simpatizzo, non tanto per la sconfitta in sè (ci può stare, i Mavs di Nowitzki sono pur sempre i campioni uscenti) ma per l’ennesima brutta serata di Westbrook che mi sembra totalmente incapace di accettare il suo (peraltro importante) ruolo in squadra. Indiana e Denver le più belle sorprese (ma mica tanto, guardando i roster che sono di ottimo livello) di inizio stagione, come è gà stato detto da voci più autorevoli, bisognerà vedere quanto sarà adatto il basket “democratico” di Karl alla post-season. D’Antoni ha i giorni contati a NYC e credo lo sappia anche lui, e non se ne rammarica più di tanto: gli hanno messo in mano un roster che per la sua idea di basket è forse il peggio del peggio. Sarebbe un’idea affascinante invece vedere cosa riuscirebbe a ricavare da un simile roster Coach Zen… che probabilmente di rimettersi in gioco, con una scommessa simile, non ne avrebbe tanta voglia, ma considerando che i Knicks devono pur rappresentare qualcosa per lui, vista la sua storia… beh, never say never.

  7. nei giorni scorsi ho letto post che contestavano il gallo… ma io nn riesco a capirne il motivo… ok cè chi esagera e lo paragonava al 33 in maglia Celtics.. ma come si fa a criticae uno come il gallo che quest’anno almeno x il momento si stà dimostrando ingranaggio essenziale x questi Denver.. In questo momento è in difficolta nel tiro, ma sta difendendo alla grande.. nelle 2 gare vs LAL si è preso cura di Kobe con apprezabili risultati…

  8. anche io mi auguro che tmac torni protagonista, ma sono almeno 3 anni che ad ogni partita buona che fa si ripetono le stesse cose. però queste partite capitano una volta ogni morte di pa

    le altre partite

    concordo con brazz, questa sarà una stagione strana, perciò importante sarà qualificarsi ai playoffs ed arrivarci freschi. tutto il resto è utile per far volume. infatti per questo penso che per le squadre già collaudate è un occasione unica

  9. a me non interessa molto il giochino chi è più forte degli italiani etc.,per me il Gallo è quello più divertente da veder giocare,è una buona situazione per lui a Denver…Ginobili si è rotto il dito,mi dispiace perchè gli infortuni rovinano davvero la stagione,bella prova stanotte di McGrady,chissà che non sia solo un fuoco di paglia…le mani,di sicuro,non le ha perse…

  10. Notavo che in queste prime partite in assenza di J.R. Smith per ora c’è un notevole Harrington che si alza dalla panca dei Nuggets…se continuasse cosi magari un pensierino a sesto uomo dell’anno lo potrebbe fare…

    • C’è da dire che anche Brandon Bass a Boston non sta affatto sfigurando come 6° uomo, è in doppia cifra quasi ogni gara……

      • mi sa che il premio quest’anno se lo beccherà Harden… a meno di infortuni o grosse sorprese

  11. JR Smith finisce la stagione in Cina? Anche Chandler? O entrambi da Febbraio tornano disponibili come Kenyon Martin?
    Perchè potrebbero essere tre addizioni interessanti per qualche squadra…

  12. Dovrebbero liberarsi a marzo quando finisce la stagione in Cina mi pare..

  13. restano in cina finoa fine stagione,per quel che ho letto..2 cervelli in vacanza perenne…
    si vedrano alti e bassi pazzeschi..e le squadre più collaudate,come detto giustamente,ne beneficeranno..essenziale arrivare ad aprile freschi.e non dar l’anima adesso..per questo penso che squadre senza obbiettivi,tipo rap per dirne una,potranno inizialemnte beneficiare di distrazioni di squadre più forti..il gallo..bò, a me sembra discreto,nulla più..fa molte cose benino..benino..la sua fortuna andar via dal baffino,altrimenti avrebbe passato la vita a sparacchiare da 3…

  14. Almeno i Jazz in casa resistono e mantengono una classifica degna, certo in trasferta sono pietosi. Mi auguro che prima o poi i giovani interessanti che hanno facciano i miglioramenti dovuti, perchè a livello prospettico sono una buona squadra. Non capisco per quale motivo Radja Bell parta ancora in quintetto, non segna mai e toglie spazio ai vari Howard, Miles e al giovane Burks che dovrebbe giocare di più.

  15. Miami ancora super favorita per l’anello…quello di stanotte è stato solo un brutto incubo!!Anche perchè Wade che tira in quel modo nel secondo tempo mi auguro che non si vedrà più!
    Altro punto da migliorare sono i tiri liberi, non possiamo tirare sotto il 70%…per il resto non c’è storia è inutile che vi illudete siamo troppo superiori!
    I’M SORRY

    • stracciate pure il barcellona in finale di champions league quest’anno…

      • ci limitiamo al basket…forse potremmo dire la nostra su un campo da football am. Wade quarterback e james wide receiver!!

  16. Come sospettavo è arrivata una sconfitta orribile per i magic..giocato da schifo, nelson e j-rich inquadrabili, il ciccione che proprio non entra mai nel gioco e Howard che riesce addirittura a peggiorare le sue percentuali dalla lunetta rispetto agli anni passati! Necessità di cambiamenti

      • Farai come me
        che per un po’ tralasciai i Blazers in ricostruzione per tifare Rockets con la speranza che Drexler vincesse un titolo…?

        • Io personalmente nn riesco a tifare per altre squadre, l’amore per i Magic è viscerale e naturale.
          Magari perderò un pò di entusiasmo nel seguirli, per fortuna nel frattempo ho l’ottima Juventus di questi ultimi mesi! ;-)

          • Beh anche Io non ho mai smesso di tifare Blazers
            ma non potendo vincere….ho sperato che il titolo lo vincesse Houston…

  17. buona prova del mago.. nessuno sottolinea che la gara stanotte l ha vinta lui, come del resto ha fatto il gallo per Denver. Lo dico senza voler fomentare polemiche sterili.. diamo a cesare quel che è suo!

  18. Forse dobbiamo convincerci che Bargnani è uno dei migliori giocatori di questa lega.
    DI sicuro il più grande talento uscito dai nostri confini!
    Seguito da Gallinari….

  19. Ciao ragazzi è un piacere ritrovarvi tutti!

    Volevo fare un po di considerazioni: stagione strana dove se ne stanno vedendo di tutti i colori tipo squadre che un giorno vincono di 30 poi perdono di 20 il giorno dopo (e iniziano ad essere parecchie).A me personalmente non piace e credo che Stern abbia veramente esagerato con quel tipo di calendario.
    Capitolo Italiani:Bargnani lo vedo molto motivato e con un atteggiamento diverso rispetto agli anni scorsi.Toronto è quel che è ma sembra che quest anno per lo meno ci sia un gruppo.
    Gallinari sta litigando con il canestro però ho notato che ha un esplosività che gli anni scorsi si sognava. Belinelli cè poco da dire lo vedo sempre più involuto.
    Contento per minnie,squadra giovane che grazie anche all’arrivo di rubio sembra sempre meno un gulag cestistico. Simpatizzo sempre più per portland non per la sfortuna ma perchè è una squadra quadrata e con gente che sa giocare a pallacanestro.

  20. Qualcuno mi spiega l’incazzatura (con tanto di espulsione) di Saunders dopo la stoppata subita da Rashard Lewis ad opera di Stiemsma????

    • Nessuno ne parla, ma stanotte ha sostituito J O’Neal, ed in 21′ ha sparato 13p e 7r 2a 2b, fisicamente sembra Griffin, come rookie potrebbe candidarsi tra quelli che competono per il trofeo dell’anno. Cosa ne pensate?

      • era fallo e non l’hanno fischiato, si è incazzato per quello. incoraggiante indubbiamente il rookie.

  21. Atlanta ha fatto l’affare dell’anno con T-Mac, firmato al minimo salariale è un colpo clamoroso.A noi faceva troppo schifo, d’altronde a parte Kobe tra gli esterni ne abbiamo tanti che sanno crearsi un tiro dal palleggio….

  22. Torno dalla germania distrutto ma ho la forza di guardare questi merdosi knicks. Cacciate il baffo, capisco la storia della panchina corta e della mancanza del play, ma comunque new york ha un rooster più che buono e giocare in questo modo è inconcepibile. Calderon e de rozan ci hanno fatto vedere i sorci verdi. Se la difesa non c’era mai stata ameno l’attacco all’inizio girava un po. Adesso zero assoluto in attacco. La palla non ha mai girato. 6 triple tentate in due minuti ad un certo punto allucinante. Migliorato il rooster ma con il baffo il gioco è peggiorato. e gestione dei timeout inconcepibili.
    L’unico a salvarsi è tony douglas e un po il melo. Novak ricacciatelo in Europa.
    Due partite fa avevo detto che avrei firmato un 5-3 nelle prox partite perchè avevamo un calendario facile e sono stato preso per pazzo. (cito: Toronto è una squadra di morti mi è stato scritto).
    Rivoglio il lockout!!

  23. Risultati strani in linea con quanto detto da alcuni. Con tante gare e b2b a raffica vedremo di tutto.

    Ho visto la gara dei Raptors, che dire: Knicks senza Stat perdono molto ma non hanno un gioco. Melo si prende 31 tiri, gli altri sparacchiano come vedono il canestro senza molta logica (35 triple tentate). Per paradosso i Raptors che a talento sono messi male giocano. Vivono e muoiono sul duo Calderon-Bargnani, ma almeno cercano di costruire gioco. La gara l’hanno vinta meritatamente facendo le cose giuste negli ultimi 5 minuti. Bargnani marcato da Chandler ha sfruttato le sue abilità prendendosi due falli convertiti in 4 punti negli ultimi 46 secondi. Inoltre a supportare l’italiano ci hanno pensato Butler con un paio di canestri importanti (nel finale) DeRozan e una buona difesa nel pitturato. La tattica di Casey era semplice: proteggere l’area.

    Ora avranno una giornata di riposo per ricaricare le batterie. Suppongo che Casey abbia voluto e preteso 80 minuti dal duo Bargnani-Calderon per dare entusiasmo al gruppo reduce da due gare perse malamente. Perchè è indubbio che non puoi permetterti di farli giocare 40 minuti a gara.

    NY assurda. D’Antoni mi da ai nervi anche se va in parte scusato per le prestazioni di Bibby e Walker. Sono stati inguardabili e deleteri.

    Benissimo il Gallo che fatica dall’arco (1/5) ma mette in piedi un’ottima prestazione. La sua carriera lontano da NY è una benedizione. Il sistema D’Antoni lo perseguirà per un pò lasciando il passo ad un basket più ragionato e non fatto di tiro da tre sempre e comunque.

    Sconfitte degli Heat, Thunder, Orlando… Vittoria di Minnie che sarà una bella mina vagante.

  24. Gallinari starà anche tirando di merda ma era un pezzo che non lo vedevo così esplosivo, adesso mi sembra anche meno goffo quando attacca il ferro.Prossima estate workout sul tiro e abbiamo un 20+5+5 di media.

  25. prova solida di bargnani, nonostante gli iniziali 2 falli e sembra abbia preso un buon trend.. forse “merito” dei knickerbockers ma nel 4 periodo Andrea riusciva ad avere più palloni giocabili e non le solite patate bollenti negli ultimi 3 secondi. la pensavo come molti di voi sul fatto che la franchigia puntasse su ed davis e a cedere bargnani, pero questo qui gioca veramente pochino non ne sono più tanto sicuro o forse non hanno avvertito casey dei loro piani. Intanto calderon ha deciso di non farsi amnistiare la prox estate: senza i due europei sarebbe notte fonda.
    ora cerco di vedere il gallo che a vedere le
    stat e gli highlights sembra essere stato decisivo e incisivo.
    ottimi mavs e sono sorpreso da mahinmi incisivo per la 2 partita di fila. cmq sarà una stagione veramente strana alcune sembrano partite di pre season o esibizioni, ne vedremo molti di scarti di 40 e sorprese.
    hawks che sono i soliti: se la possono giocare con chiunque ma non possono aspirare a di piu che 2 turno di po. Un limbo (di alto livello) perenne. per Miami più che altro un incidente di percorso, d’altronde non le possono mica vincere tutte.
    scusate il pippone,
    peace

  26. Complimenti al Baffo, dunque. E’ riuscito a completare la dismissione (iniziata dal buon Thomas) di una delle squadre immagine della nba. Ho ancora negli occhi i giocatori che sputavano sangue ai tempi di Riley e Van Gundy. Sono un sentimentale tradizionalista, lo so. Ma lì vedevi lottare. Qui invece, ci sono quattro pazzi che sparano pallonate come in un tiro al bersaglio da oratorio.
    Forse chi aveva una decina d’anni nei primi anni Novanta si ricorderà che si dava del matto a Don Nelson che faceva fare il play a Anthony Mason…

    Passo e chiudo, ciao a todos

  27. I knicks sono imbarazzanti. Zero gioco di squadra, zero gioco in generale, poca difesa.
    Onestamente fossi in D’Antoni mi vergognerei. E questa è una squadra allenata bene? E questa è una squadra gestita da un professionista? Sotto di 17 in casa all’intervallo contro Toronto….semplicemente disastrati. Ma del resto quando si scende sul parquet regolarmente impreparati e si gioca sistematicamente senza nessuno schema preciso e nessuna idea di gioco i risultati non possono che essere questi. Si spera sia l’ultimo anno di questo scempio e che dalla prossima stagione ci sia un coach serio a NY

  28. Ciao a tutti, vi volevo riproporre la divisione in fasce per le scommesse (quindi non i favoriti per i playoff ma i favoriti durante la RS negli scontri diretti). Ovviamente rivista dopo queste prime partite. Che ne dite?
    Fascia A: Miami
    Fascia B: Boston-Chicago-Atlanta-Oklahoma
    Fascia C: Indiana-Orlando-Denver-Portland-L.A.Clippers-San Antonio
    Fascia D: New York-Toronto-Charlotte-Milwaukee-Minnesota-Dallas-L.A.Lakers-Memphis-Houston
    Fascia E: Philadelphia-Cleveland-Sacramento-New Orleans-Golden State-Phoenix
    Fascia F: Washington-Detroit-New Jersey-Utah

    Ciao e grazie a tutti

  29. questa è la mia view:

    Fascia A: Miami, Oklahoma —> pretendenti al titolo
    Fascia B: Boston-Chicago-L.A.Lakers –> immediate inseguitrici
    Fascia C: Dallas–Memphis-New York –> outsiders
    Fascia D: Orlando-Portland-L.A.Clippers-San Antonio-Atlanta —> buone squadre da secondo turno al massimo ma senza speranza per il titolo
    Fascia E: Charlotte-Milwaukee-Minnesota–Philadelphia-Denver–Indiana –> squadre in lotta per i playoff ma saluti e baci al primo turno
    Fascia F: Toronto-Cleveland-Sacramento-New Orleans-Golden State-Phoenix-Washington-Detroit-New Jersey-Utah–Houston —> squadre materasso che non faranno i PO salvo miracoli poco pronosticabili

    • Sono d’accordo salvo per la posizione di Charlotte. Li vedo in fascia F.

      @Andrea Baggio

      Sottovaluti tantissimo Philly. Quella è una squadra da po. Per come li hai posizionati tu pensi che i Raptors e i Bobcats siano migliori! Non credo proprio.
      Non ha una stella ma hanno un gruppo solido ed una panca decente.

      @flash
      Devi avere una sola “paura”, passami il termine: se i Knicks, per congiunzioni astrali favorevoli dovessero giocare le Finali di Conference preparati a sopportarlo per qualche altro anno. Sarò fatalista, ma l’unica strada che vedo per privarsi di lui sia un’uscita ingenerosa al primo turno dei PO. In quel caso con Stat-Melo-Davis-Chandler nel roster non potrebbe nascondersi dietro un dito.

      Quindi per quanto sia brutto o vincete l’anello o accettate l’idea di vederlo bazzicare da quelle parti per un pò.

      • allora sono tranquillo perchè giocando cosi anche con Davis più del primo turno NY no fà.
        I giocatori contano e sono fondamentali, però senza un sistema efficace ed un coaching staff competente alla fine non vai da nessuna parte. Il roster non è equilibrato, ci sono dei ruoli scoperti e la panchina è quella che è. Ma lo stesso discorso si può fare per tante altre franchigie, che però non giocano cosi di schifo, che anche se perdono ti danno la sensazione di essere squadre e non un’accozzaglia di giocatori, e che hanno un’identità.
        NY non c’è l’ha, e nell’era D’Antoni non l’ha mai avuta questo è il nocciolo della questione. Quindi illusioni non sono contemplate neppure quest’anno con lui sul pino.

    • Dal basso della mia ignoranza:
      – aggiungerei Dallas alla Fascia B
      – se Memphis e NY sono outsiders allora ci metterei anche Portland e San Antonio, infortuni permettendo per entrambe.
      – metterei Indiana-Philly-Denver e Minnie in Fascia D
      – metterei Golden State e Houston in Fascia E

    • sembra un giochino divertente..

      Fascia A: Miami, Oklahoma, Chicago (mi paiono sottovalutati) —> pretendenti al titolo
      Fascia B: Boston-Dallas-Lakers-San Antonio (anche loro sottovalutati)–> immediate inseguitrici
      Fascia C: Memphis-Clippers-Portland (con o senza oden, sono tosti e iniziano ad avere esperienza)–> outsiders
      Fascia D: New York-Indiana-Atlanta-Denver —> buone squadre da secondo turno al massimo ma senza speranza per il titolo
      Fascia E: Orlando (do per scontato che dwight se ne vada, mi spiace per i tifosi magic..)-Milwaukee-Minnesota–Philadelphia-Houston (i rockets in ultima fascia mi sembrava un po’ troppo..)-> squadre in lotta per i playoff ma saluti e baci al primo turno
      Fascia F: Charlotte-Toronto-Cleveland-Sacramento-New Orleans-Golden State-Phoenix-—> squadre materasso che non faranno i PO salvo miracoli poco pronosticabili
      Fascia G: Washington-Detroit-NJ-Utah –> squadre da lottery immediata

      • chicago ci sta, probabilmente li considero un po’ meno per il fatto che l’anno scorso hanno fatto un exploit ma cmq ai playoffs sono usciti in modo abbastanza netto contro gli heat che dopo un anno potranno solo essere migliorati. invece rose mi sembra ancora un po’ solo anche con hamilton.. resta comunque un roster validissimo e un allenatore eccelente

        san antonio secondo me ha 0 possibilità di vincere il titolo, sono stati bastonati l’anno scorso dopo una regular season trionfale, figurarsi adesso con un anno in più sul groppone (chiedere a duncan se si sente o no il passare del tempo).. lieto di essere smentito ma credo che già il secondo turno sia un successo… finali di conference solocon congiunzioni astrali favorevoli.. finali impronosticabili, vittoria men che meno

        per il resto ci può stare; solo qualche considerazione: denver li ritengo una squadraccia con tanti giocatori buoni ma non buonissimi, gerarchie poco definite e troppo spazio lasciato alla voglia dei singoli di prendersi un tiro a piacimento. credo facciano la fine dello scorso anno: PO tranquilli ma uscita al primo turno. il secondo turno mi sembra u miraggio quindi la fascia C è troppo

        portland la vedo come eterna incompiuta (non per colpa loro ma della sfiga) senza chance di vincere il titolo

        houston dopo le vicende dello scambio di mezzo roster poi saltato nella trade per cp3 credo siano poco motivati e non raggiungano i playoff

        i clippers che un po’ mi entusiasmano sono ancora immaturi, li vedo al massimo al secondo turno

        nb il calendario corto e compatto può magari dare la possibilità a qualche squadra mediocre di qualificarsi a dispetto delle attese…ma poi ai playoff emergerà il vero valore

        • farà strano, ma sono d’accordo con le tue motivazioni.. alla fine sono valutazioni per lo più soggettive ed è un giochino divertente!
          Quoto il tuo ultimo paragrafo in toto.

  30. ahah… i lakers in fascia inferiore a quella di indiana, portland, orlando e san antonio..?
    era una barzelletta, vero..?

  31. rispetto a quella di shaq
    knicks un paio di gradini più giù..sixers invertiti con orlando…charlotte in fascia F

    • michele, si dice tra le 4 e le 6 settimane, ma dipende dal risultato dei raggi che gli faranno oggi

  32. buon anno a tutti, ragazzi.
    sinceramente ho visto solo una manciata di partite negli ultimi giorni. Non ce n’è stata una normale.. o brutte o pazze.

    Raptors
    Concordo con chi dice che i Knicks facciano schifo, mentre TO ha un gioco e difende il pitturato con i denti. Bargnani, anche se inizia ad essere stanco (ieri ha giocato bene i primi due quarti per poi sparire e tornare ad un minuto dalla fine), sembra cambiato. Non solo in difesa, ma anche in attacco: tira meno da fuori, penetra molto di più, ha un gioco in post migliorato, così come la visione di gioco..

    Pacers
    Visto che nessuno ne parla, dico la mia: ho visto giocare indiana e paul george è un giocatore che mi piace tantissimo. A parte ieri, deve migliorare in continuità al tiro, ma può diventare all-star se migliora regolarmente. Inoltre, i Pacers sono 4-1 e giocano bene. Non male..

    Atlanta
    teague molto promettente, ma si è visto dagli scorsi po. Mcgrady fa sempre piacere, ma aspetterei di sapere cosa ci dicono le sue ginocchia ad aprile.

    Kevin Love
    Non capisco perchè non ne parliamo mai. 25pt/15rb di media fino ad ora (di cui 5 offensivi!), è duro sotto canestro, tira da tre, la passa, non rompe, è pure bianco! Io mi ricordo ancora cosa fece insieme a Durant ai mondiali.. Fuoriclasse
    Free Agent “Cinesi”
    Infine, vedo che ci sono dubbi sul funzionamento delle clausole di rilascio dei vari “cinesi” Chandler, martin, jr, brooks, etc.. Forse posso spiegarlo: non importa quando finisce il campionato cinese (fine marzo), ma quando le squadre di appartenenza vengono eliminate dal torneto, alla fine della stagione regolare o dei playoffs. Quando questo avviene, i team hanno la facoltà di rilasciare i giocatori sotto contratto anche prima della fine dei po. Ma è una facoltà delle squadre..

    • Esatto.. L’unico che può tornare senza il beneplacito della squadra è kenyon martin avendo risolto il contratto, ma deve comunque aspettare che la sua squadra venga eliminata

    • Su Love sono assolutamente d’accordo, è per questo che i T-Wolves li vedo buoni 6°-7° alla fine della RS. Con Rubio in continuo adattamento, Tolliver buon rincalzo sono dicreti anche in panca, se gli crescerà l’entusiasmo possono fare come Memphis l’anno scorso……

      • I TWolves possono diventare una 6° 7° 8° a fine regular season solo scambinado qualcuno sul mercato in cambio di una buona guardia tiratrice…

        Martin da Houston magari?

  33. Charlotte effettivamente giù in basso, mi sono dimenticato di spostarla..
    Orlando ci sta un gradino più in basso

    Ny: la considero una squadra allenata di me*da da un coach inadatto.. Tuttavia pensavo le stesse cose prima di PO dell’anno scorso e poi contro Boston hanno giocato molto bene perdendo 2 o forse addirittura 3 partite all’ultimo possesso..
    Una difesa oscena che pero ai playoff non si sa come aveva retto e un attacco disorganizzato che però nei momenti di bisogno può essere sostenuta dal talento dei singoli (e quello decisamente non manca)… Penso che faranno una regular season con alti e tanto bassi, perdendo male con squadrette ma magari togliendosi qualche soddisfazione con le forti..
    Qualcosa ai PO posso dare, magari si beccano un altro sweep ma non sarei troppi sorpreso se arrivassero in finale di conference

    Per Philadelphia rivendico la scelta: possono anche andare ai playoff come 6-7-8º ma poi 4-0 o 4-1 e a casa

  34. melo piu passano gli anni e piu diventa cicciotto,tra 15 anni è largo il doppio di o’neal!!!

  35. ma d’antoni da dove è sbucato? parliamone un pò perché non capisco tutto sto credito verso di lui. io ricordo solo i suns che giocavano bene, ma hanno continuato a farlo anche senza di lui. invece nelle altre squadra cosa ha combinato per considerarlo un top coach?

    • sia che ogni tanto mi chiedo la stessa cosa per avery johnsson? ha portato dallas alle famose finali e da allora è un top coach.. non mi ricordo di altro..

  36. forse d’antoni è così considerato perchè ha portato un gioco nuovo, più divertente (ma di certo non per me) che si adattava bene a phoenix per la presenza di un certo nash… il voler replicare la stessa filosofia in una squadra senza play mi sembra già una ca**ata di suo; la scarsa attenzione per la difesa dimostra incompetenza e scarsa conoscenza delle dinamiche dei PO

  37. d’antoni andava bene per riportare spettacolo in una grande mela decaduta,adesso che NY ha ambizioni serie in effetti mike comincia a stonare. di certo il roster è cmq un tantino sopravvalutato,a mio parere resta poco piu che sufficiente…

    • CONCORDO il rooster di NY è decisamento sopravalutato… tre big che probabilmente mal si accoppiano tra di loro e poi???? molto poco x me

  38. I TWolves possono diventare una 6° 7° 8° a fine regular season solo scambinado qualcuno sul mercato in cambio di una buona guardia tiratrice…

    Martin da Houston magari?

  39. Ben ritrovati a tutti! Brevi considerazioni su queste prime partite..

    Italiani

    Mago: in attacco è un All-star fatto e finito già dall’anno scorso, i miglioramenti difensivi sono dovuti al fatto che difende meglio tutta la squadra, iniziando da calderon e Derozan (che non verranno ricordati difensivamente come i nuovi Payton e Doug Christie del ruolo). La novità fondamentale è che finalmente Toronto ha un allenatore dopo anni di “Auto-gestione” con Triano.

    Gallinari: migliora costantemente ed è nella squadra perfetta per un giocatore come lui, non specialista ma completo in tutti gli aspetti

    Beli: Monty Williams (fior fior di coach tra l’altro!!!) lo fa giocare con continuità e minuti. Con Eric Gordon out se non si sveglia adesso…

    Anello

    Vedo Miami sopra tutte anche perchè la passata stagione hanno dimostrato ad Est di essere superiori sia a Chicago che a Boston. Non credo che con Hamilton i Bulls abbiano fatto uno step decisivo, mentre con i Celtics andrei comunque più cauto a darli per morti. NY male, ma male veramente…

    Ad Ovest vedo molto più livellamento, un gradino sopra metto i Thunder e a sensazione metto come possibile outsider Portland che è squadra tostissima. Da li in poi fate voi…

    MacGrady

    Commovente, rotto e zoppo quanto volete però il talento rimane da top 5. Ripeto… il talento. Non ha passato mai un turno di PO? Chissenefrega..

  40. scusate la domanda. qualcuno di voi legge American Super Basket? l’ultimo numero che avete comprato a quando risale?io non l’ho più trovato e vorrei sapere se dipende dalle edicole oppure se proprio non è uscito…grazie

  41. Ciao a tutti vi seguo da un pò ma è la prima volta che scrivo, a mio parere Heat e Thunder sono una spanna abbondante sopra tutti, gli outsider più temibili mi sembrano Lakers e Bulls, ma i primi mi sembrano in parabola discendente, mentre ai Bulls serve una seconda vera stella per essere davvero competitivi, fossi in loro farei di tutto per provare a prendere Howard, in fondo Noah+Boozer/Deng potrebbe essere alla lunga l’offerta migliore per i Magic, ma a quanto pare DH non sembra dello stesso avviso.

    • Benvenuto!
      Il problema secondo me è che Chicago è cmq una squadra molto forte e ben costruita: ha rose, un fenomeno; Hamilton che è il tiratore di cui forse avevano bisogno per fare il salto di qualità; deng che è un buon difensore e buon attaccante; boozer buon attaccante e noah buon difensore… La panchina non è granché salvo gibson che è decisamente un buon backup

      I punti deboli fondamentalmente sono la difesa di boozer che rischia di essere stuprato da ogni PF (ma il sistema difensivo numero 1 della NBA riesce spesso e volentieri a sopperire a questa lacuna) e una seconda opzione offensiva di livello visto che nei p.o. si tende a marcare stretto rose e le alternative diventano così un po’ pochine…

      Secondo me la strada intrapresa dalla dirigenza è giusta: la squadra è forte e equilibrata
      Scambiare due titolari per prendere howard può essere rischioso perché rimarresti con un buco (e se metti gibson titolare poi chi si alza dalla panchina??)
      Deng è troppo importante in ottica di scontro diretto con gli heat perché può in qualche modo impensierire lbj sui due lati del campo
      Noah secondo me è fortissimo non tanto tecnicamente ma perché è eccellente in difesa e a rimbalzo, ha un’intensita pazzesca e contagiosa, non pretende di tirare ma se lo servi comunque fa il suo e in più ha delle buone capacita di passare la palla quando si mette in punta…
      Non credo che coach TT voglia privarsene

      Secondo me disfare la squadra solo per inseguire Miami e i suoi Big 3 può essere un errore fatale; non credo poi che orlando accetterebbe mai boozer e il suo contrattone che sarebbe invece il giocatore maggiormente indiziato a essere tradato

  42. Bho…. quest’ anno con un mercato “zoppo” all’ inizio e una stagione troppo imprevedibile… prima della deadline potrebbe succedere di tutto, molto dipende dalla classifica che si verrà a creare nelle prossime settimane.
    Nulla vieta ad una Boston sotto in classifica di mettere sul mercato i propri contratti in scadenza (KG, Allen e J.Oneal..mica spiccioli) rinunciando a ogni ambizione “rinforzando” qualche squadra dell’ ovest per scelte o prospetti.
    O magari una orlando che, capito di non ottenere nulla dalla cessione di superman, decida di scambiarlo per liberare cap per il nulla più totale ma con un contratto in scadenza appiopando i vari turkoglu dhuon etc etc.. o al contrario qualche pazzo tipo Dolan che smantelli la squadra solo per DH.

    Come al contrario se non si delineassero per bene gli equilibri potrebbe regnare l’ immobilismo più totale visti i tempi stretti fra le partite e il poco tempo di inserire un nuovo negli schemi… e via tutti con le dita incrociate ai PO sperando di battere miami.

    Visto che la RS pare più “stupida” del solito, speriamo almeno in un mercato divertente :)

  43. Bulls
    Non capisco, non li vedo così male in ottica playoffs.. Sono forti, con un tecnico preparato, sanno giocare bene a zona (che gli Heat soffrono ancora..) ed avranno più esperienza e fame. E’ vero, hanno la sfiga di accoppiarsi male con Miami, ma nel famigerato ruolo di SG sono già migliorati e possono ancora farlo. Brewer è un ottimo difensore, rip ha esperienza e col tempo si integrerà meglio. Le scommesse sono rischiose, ma io un pensiero a JR (FA da marzo, circa) lo farei: un ottimo sesto uomo, gioca anche da SF e nel sistema “democratico” di thibodeau riceverebbe la palla spesso. Inoltre -a parte infortuni- arriverebbe bello riposato. PF: Sempre per le stesse motivazioni, penserei a K-mart come difensore che entra al posto di “urlo come un cane ma in verità sono molle” Boozer. Ovviamente sono due teste calde, sarebbe da prenderne uno.
    Però, ripeto, mi sembra che i Bulls siano un poco sottovalutati.

    E, a proposito di sfide da playoffs e accoppiamenti da vedere: stasera alle 2 c’è Portland at OKC.
    Buona nottata!

  44. Tra l’altro non sono d’accordo con chi dice che i Bulls sono andati oltre le loro reali possibilità nella scorsa stagione, per i seguenti motivi:
    Rose secondo me è ancora all’80-85% del suo potenziale
    Boozer peggio dell’anno scorso non credo possa fare
    Noah per chi segue i Bulls l’anno scorso non ha nemmeno giocato la sua miglior stagione (causa anche infortunii)
    C’era Bogans e si giocava in quattro in attacco

    Temo però che Hamilton non basti ancora a colmare il gap deicisivo per vincere l’anello e sopratutto battere gli Heat poichè manca una vera seconda stella (anche se spero di sbagliarmi.. ),comunque sia la finale di conference deve essere l’obiettivo minimo quest’anno…

  45. Fascia A: Miami, Oklahoma, Chicago
    Fascia B: Dallas, Lakers,Portland, Orlando, San Antonio, Boston
    Fascia C: Clippers, Memphis. Houston, Philadelphia, Denver, New York, Atlanta
    Fascia D: Sacramento, Minnesota, Toronto, Indiana, Milwaukee, Detroit, New Jersey(con Lopez sano), Golden State
    Fascia E: Phoenix, Utah, Charlotte, Cleveland, Washington, New Orleans

  46. Vero o falso, ma i rumors sulla cessione di Cousins non cessano. Considerato quanto costa (poco) è appetibile a molti, inclusi i Celtics. Certo che a Boston avrebbe pane per i suoi denti.

    Se mai accadesse vorrei che i Kings mettessero nel pacchetto qualche altro giocatore per arrivare ad ottenere qualcosa di concreto. Vedremo.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.