New Jersey 97 – Toronto 85

Serata di rivalsa in Canada per i New Jersey Nets, che pur privi del miglior Deron Williams, al rientro da un leggero infortunio, trovano altissime medie dall’arco dei tre punti con un 15/32 di squadra. Oltre al solito di D-Will, 24 pt 9a e 5reb, grande serata per il tiratore Anthony Morrow, 24 pt anch’egli con 9/14 dal campo e e 6/10 dalla lunga distanza. Per i Raptors, in evidenza Josè Calderon con 19 pt e 8 assistenze e il nostro Bargnani con 17 pt e 2 stoppate.

Detroit 73 – Philadelphia 96

Ennesima sconfitta esterna per i Pistons, che cadono a Philly dopo un terribile quarto periodo. I padroni di casa, pur dotati di un Iguodala decisamente sotto gli standard, 5pt 4a e 4reb, ricavano 45 punti dei 96 totali dalla panchina, col duo Young – Williams in evidenza( in due, 31 pt), più la doppia-doppia da 16 pt e 14 reb del solito Spencer Hawes.  Per gli uomini dal Michigan serata no al tiro pesante, 0/10 , e unica nota positiva Monroe con 22pt 7 reb e 3ass.

New York 99 – Washington 96

Continua la striscia negativa per la squadra della capitale che, seppur a fatica, esce sconfitta per l’ennesima volta sul parquet di casa a favore dei Knicks. Grande serata per Melo Anthony, che combina 37 pt tirando però 33 volte dal campo, conditi da 7 reb. e 5ass. Doppie-doppie per Stat e Chandler, rispettivamente da 23pt e 12reb e 12pt e 15 reb. Per i Wizard, oltre ai soliti John Walla, 22 pt 9 ass e 5reb, e Nick Young, 24 pt, doppia doppia per Javaal Mcgee, che mette e referto 13pt  1o reb conditi da 4 stoppate

Atlanta 102 – Charlotte 96

Vittoria esterna tiratissima per gli Hawks, che dopo i tr ot di Miami risolvono la gare in un ot a Charlotte. Solita consistente prestazione per Josh Smith, autore della solita doppia-doppia da 23pt e 13 reb., più 15 pt a testa tra Joe Johnson e Marvin Williams. Ai Bobcats non bastano i numeri di DJ Augustin, 21 pt e 12 ass, e del rookia Kemba Walker, autore di 19 pt.

Indiana 87 – Boston 74

Prima sconfitta a domiciio per i Boston Celtics che trovana i Pacers in gran serata al tiro. Per i Pacers, ben sei uomini in doppia cifra, e Roy Hibbert sugli scudi, 11pt e 12 reb. I Celtics pagano uno scarsissimo contributo dalla panchina, solo 15 pt, e trovano in Allen l’unico spauracchio offensivo, 23 pt.

Chicago 87 – Orlando 93

Sono i Bulls ad aggidicarsim il match-clou della notte americana, che sbancano l’Amway Center di Orlando. Incredibile prestazioni per il solito D-Rose, che sfiora la tripla doppia con 21 pt 10 ass e 8reb. Boozer e Deng confenzionano altri 41 pt in due, e per gli uomini di casa l’unico a rispondere e Dwight Howard, che confeziona l’ennesima inutile doppia-doppia da 23 pt e 15 reb.

Denver 96 – New Orleans 88

Seconda vittoria lontano dalle mura amiche per i Nuggets di Danilo Gallinari. Nel derby tutto italiano tra il Beli e Gallinari, il migliore è proprio il Gallo che è il top scorer della serata grazie a 23 pt, season hig, frutto di un 9/17 dal campo con tre bombe. Per in Nuggets 5 uomini in double figure, mentre a NO non bastano i 16 pt dalla panchina di Vasquez e i 13 di Marco Belinelli.

Houston 94 – Oklhaoma City 105

Non riescono a vincere lontano da casa i Rockets, che contro Oklhaoma incappano in un altra sconfitta senza replica. Thunder guidati come sempre dal dynamic duo Durant- Westbrook, autori rispettivamente  di 26 e 15 pt, e dal sesto uomo di lusso James Harden, che mette a segno 23 pt colo 75 per cento al tiro. Non si rileva quasi niente per gli ospiti, se non la doppia doppia  da 10pt e 11 ass di Goran Dragic.

Cleveland 98 – Minnesota 87

Sconfitta a domicilio per i Timberwolves di Rubio, che trovano la gran serata di un redivivo Antawn Jamison con i suoi 22 pt, conditi da 6reb. I Wolves pagano l’assenza di JJ Barea per infortunio e una terribile serata al tiro dall’arco con un 4/20 complessivo, e a portarli avanti non basta l’ormai ovvia double double di Kevin Love, che strappa 14 reb oltre a mettere a referto quasi un trentello, con 29 pt. Per i Cavs, ben sei uomini oltre i 10pt.

Menphis 85 – Utah 94

Vittoria interna per gli Utah Jazz che, grazie anche ai 20 pt di Al Jefferson, infilano la 3 W in fila, nonchè la 4 vittoria casalinga su altrettante gare disputate. Ai Menphis Grizzlies non bastano i 21 pt di Tony Allen e la grande serata di Marc Gasol, che realizza 21 pt e ci aggiunge 11 reb.

Portland 77 – Phoenix 102

Brutta serata im Arizona per per i Trail Blazers che lontani da casa non sembrano gli stesssi ed incappano in una terrible serata al tiro. Oltre al 2/19 dalla lunga distanza, infatti, preoccupa il 25/77 dal campo. Per gli ospiti poco da aggiungere oltre ai 14 pt di un Lamarcus Aldridge decisamente sotto media. Nei Suns, invece, grande prova corale. Sono in dieci infatti ad andare a referto, con sei uomini oltre le dieci realizzazioni, tra cui spicca che Nash che oltre alle solite 9 assistenze, infila 17 pt con un incredibile 7/7 dal campo.

Golden State 90 – La Lakers 97

Nessuna sorpresa allo Staples Center di LA, dove i Lakers, guidati dalle magie del solito Mamba, 38 punti e season high, ci mettono poco meno di tre quarti a chiudere la contesa in loro favore. Continua invece lo stentato inizio di stagione dei Warriors, che in trasferta sembrano ancora lontani dall’essere pericolosi. Da segnalare i 18 pt di Monta Ellis, con 10 ass e i 15pt+11 reb di David Lee da una parte, e i 17pt+11reb di Gasol dall’altra.

Post By raffop (31 Posts)

Connect

38 thoughts on “NBA – Torna alla vittoria NJ, Chicago corsara ad Orlando

  1. Bel bagno di umiltà
    spero,
    contro i Suns, che soffriamo tantissimo come i Warriors, da sempre…
    Spero sia la classica giornata no…che ogni tanto capita a tutte le squadre…
    NY che soffre contro la peggiore squadra di quest’anno….la vedo dura per Mike…

    • Sarà così con tutti. Non possono giocare allo stesso ritmo altrimenti scoppiano e si fanno male. Poi considera che i Suns erano riposati.

      • Si lo so
        ma come detto….Io non sono a Portland, ma meglio evitare di montarsi la testa, e la batosta di ieri spero abbia fatto bene a tutti….

  2. Visto la gara di Toronto e dei Magic. Che dire: come predetto da brazz se la RS è sempre stata infarcita da risultati e prestazioni altalenanti oggi come oggi sarà anche peggio.

    A Toronto si è vista una prestazione pessima dei Rapts non in grado di difendere sul perimetro 15/31 da tre concedendo una marea di seconde chance. Offensivamente salvo il duo Bargnani-Calderon gli altri sono stati imbarazzanti. DeRozan 3 punti, Ed Davis non era in grado di segnare da un metro dal canestro con gli ospiti che raddoppiavano il romano “sfidando” al tiro gli altri. Tiri insensati e senza molta logica. Dall’altra parte Deron Williams è una bestia. Squadra orribile che ha vinto sulle percentuali da tre e sul dinamismo di Humphries. Ovviamente senza DW questo non ne vincerebbero nemmeno 10. Per il romano una gara discreta in attacco, brutta in difesa. Senza energia. Sfiga è che ha giocato 36 minuti. Ora si divertirà con i suoi compagni a giocare 7 gare in 9 giorni. Auguri.

    Bulls più squadra dei Magic. Sono superiori per roster e gioco. Gara al rallentatore dove il talento misto ad organizzazione difensiva ha fatto il resto. Ognuno fa il suo trovando sempre soluzioni giuste. Quando leggo che i Knicks possono dare fastidio a Rose e compagnia sorrido.

    Per il resto vittoria dei Cavs (un filino sorprendende) ma neanche tanto, Kobe sforna 39 mentre il derby è andato a favore di un buonissimo Gallinari. Per quei pochi minuti visti Belinelli non ha sfiguarao.

    A proposito di ups and downs i Blazers che perdono di 25?

  3. Senza il Mamba siamo da Lottery!
    Ancora ora e come sempre è il gicatore più influente e determinante della NBA.
    Sono totalmente innamorato di questo giocatore per quello che è e per quello che rappresenta… Mangia in testa a gente 10 anni più giovane, e quando sta bene fisicamente è il giocatore migliore della lega a 33 anni. La sua etica del lavoro, il suo carisma… Per me Kobe Bryant è il Basket.

  4. su Chicago orlando, secondo me si sottovaluta troppo Deng, in molti frangenti importanti della partita è lui che si prende le responsabilità! in questo inizio di stagione poi è fantastico in difesa, giocatore che adoro.

  5. Ho sperato nella sconfitta di new york contro la cozzaglia washington così cacciavano il baffo.
    Invece avanti con l’agonia. Vinto grazie al melo e alla difesa terrificante degli avversari.
    Solito discorso, o è in serata melo o Amare….altrimenti notte fonda.
    Più vedo Bryant avanti con gli anni…più mi ricorda MJ nella fase finale della sua carriera. Peccato che non abbia un supporting cast come il 23. Rischia un finale di carriera anonimo.

    • Semplicemente con l’involuzione del Turko e la partenza di Lewis, il mediocre Jameer ha sempre approfittato dei raddoppi su Howard e l’attenzione particolare delle difese su Lewis e il Turko, riuscendo così a prendersi spesso triple comode, ma ora il sistema è crollato e Nelson è passato da 4 a 2 opzione offensiva, in teoria almeno, il che ha portato ad aumentare la pressione difensiva su di lui.
      E poi credo che negli anni senza il Turko si fosse abituato ad essere il primo portatore di palla, cosa che ora con il ritorno di Hedo non succede più.

  6. Che amarezza, ridotti a contare su un Kobe monstre per vincere contro questi che erano pure senza Curry.Nel secondo tempo ha giocato SEMPRE, 41 minuti alla fine!!!!E da 3 facciamo veramente pena, non so nemmeno se arriviamo al 20% in stagione.

  7. poco da dire sulla sconfitta dei celtics contro gli ottimi e profondi pacers ( bravo bird a costruirli, buon sangue verde non mente), non ci sono nemmeno scuse perchè avevano giocato una sola partita nei tre precedenti giorni ( in casa con NJ), quindi se si perdono queste partite in casa figuriamoci quando ci saranno i back to back on the road come sarà il record eheheheheh

    spiace perchè ray allen in questo periodo sta tirando da tre con quasi il 70%, e gli altri vecchi pure fanno il loro con orgoglio ma attorno c’è il deserto e non basta da solo l’infortunio di jeff green ( comunque doloroso anche dal punto di vista umano), siamo al maliconico crepuscolo celtico.

    per portland sconfitta in back to back fisiologica.

  8. è un pò dura per tutti,sarà una regular season molto fasulla,comunque bisogna anche dare atto ai Warriors di non aver sfigurato coi Lakers..sconfitte sorprendenti,non tanto per la mia squadra,molti iniziavano a parlare di poff dopo alcune belle partite di Rubio,se ne potrà parlare dopo uno o 2 scambi sensati,Cleveland è comunque poca roba mi sembra….C’s che non posso giudicare ma il declino è dietro l angolo, è fisiologico,Bass non è male ma è un gregario,Green fuori per la stagione,si fa duretta…NYK che, lottare fino all ultimo per vincere con questi Wizards la dice tutto sulla conduzione tecnica, brividi…

  9. Toronto riesce a perdere contro DWill. Vederlo oltre il 50% sarebbe stato eccessivo
    Boston le prende da Indiana che è cmq una buona squadra. Per Boston l’unica speranza è laacchina del tempo.
    Diventa evidente che il 20+10 di zach non era il 20+10 più inutile dell’nba. Speriamo che al ritorno sia in forma.
    Kobe resta Kobe. A 33 anni i passaggi a vuoto ci stanno ma questo ha una classe indiscutibile

  10. Solo 14?? … avrei voluto darne almeno 35 di punti di distacco al caro Superman… Non vuoi venire da noi perchè a CHItown fa troppo freddo?? Beh, anche a -14 non si sta troppo caldi… GO BULLS!!

  11. scusate, ma lebron ha tirato una sola bomba (sbagliandola) in sette partite? si sta trasformando in power forward? ha incrementato il suo gioco in post? sta tirando con un mostruoso 60% con quasi 30 di media. un mostro.

  12. credo che i pochi commenti rispetto a qualche tempo fa dipendano dalla non eccessiva competitivita dei lakers …..

  13. giornata stanca..
    visti TO (Alert ha detto tutto), Knicks (per vedere la fine di mike.. e dopo due quarti sembrava cosa fatta) e la sfida italiana tra il Gallo e Rocky.
    Denver contro NOLA.
    Ho visto i Nuggets per la prima volta in stagione e mi hanno ricordato il motivo per il quale non vinceranno il titolo al 90%: hanno due quintetti ottimi e troppa democrazia. Ricordano tanto i blazers.. e come i Blazers devono trovare un go-to guy sul campo. Gallo, che non lo è ancora, top scorer e solito gioco totale. Ma da tra non gli entra più nulla.. Lawson, che pare il più lanciato a prendere le redini della squadra, appare ancora acerbo. Afflalo è uno dei 5 migliori difensori della lega! Sottovalutato.
    Per gli Hornets, Beli ha fatto una bella partita e Jack è in stato di grazia. Aminu, invece, non riesce a passare la palla neppure a se stesso. Ma come si fa?

    michele
    i Pacers non li ho visti, ma sono convinto da un po’ che l’ex #33 Celtics abbia messo su una buona squadra. Collison è un giocatore intelligente e George vuole diventare Mip (ma i sophomores possono?). Inoltre, hanno Hibbert come ottimo centro per il futuro e Granger etc. Se li hai visti penso che ti sia fatto un’idea..
    Nei verdi continua, tristemente, il declino difensivo (movimenti laterali) di KG. Mi sa che anche con un RayRay in gran spolvero e un buon PP non si va da nessuna parte..

    Infortuni
    da qualche parte ho letto che quest’anno c’è già stata un’impennata del 30% di infortuni rispetto al medesimo periodo della scorsa stagione (prime 10 partite).
    A me non interessa più di tanto il discorso sulla regular falsata. Mi preoccupa invece il fatto che alcune stelle possano infortunarsi prima dei po! Quella sì che sarebbe una brutta storia..

  14. le statistiche sono piu o meno qll cmq….anzi negli ultimi anni di carriera se si va a vedere smistava meno assist jordan…peccato ke i lakers avranno un record intorno al 50% o poco piu altrimenti x l’mvp ci sarebbe anke lui tranquillamente nonostante gli acciacchi

  15. RS tostissima, che spingerà i coaching staff a limitare l’utilizzo dei big per non rischiare infortuni. Vedremo partite folli legate anche dalla forza delle panchine. Chi le avrà buone non potrà non giovarsene, considerato i continui b2b e la sola giornata di riposo. Per quanto possa essere paradossale questa RS seppur più corta premierà i roster lunghi con le seconde linee che avranno più minuti di quanto normalmente sarebbe accaduto in una da 82.

    Non oso immaginare lo spettacolo al limite dell’orrido quando vedremo il 10/11 e il 12mo in campo. Ieri a Toronto si è avuto un antipasto.

    Wizard
    Visti per 5 minuti. Li allenerei meglio io, imbarazzanti. Vero pure che dall’altra parte non scherzavano.

    • Esagero
      ma quasi commovente…
      Spettacolare,
      inutile dire che in america sono anni luce avanti a noi….

      p.s.: naturalmente…di Portland solo 2 secondi…magari se c’era Roy…un bel duetto con Clyde non era male…oppure Oden con Walton….magari….

      • Diciamo che una scena molto commovente è Nash con Pistol Pete…

        p.s.2: altro frammento di Portland…l’esultanza di Shaq….

  16. tweet di bagatta
    BASKET Dee brown si ricorda che era il vice di deron williams e da solo(28 punti) batte milano.
    qualcuno gli dice ke è brandon brown ke ha fatto 28 pt?

  17. Vista solamente una loro partita, ma se i Nuggets giocano bene, allora New Orleans gioca meglio.
    I Nuggets mi hanno fatto tristezza nei loro continui uno-contro-uno dopo un paio di passaggi. L’unico uomo “d’ordine”, Miller, mi è sembrato frustrato dal comportamento della squadra. Il Gallo prova a fare come farebbe Lebron, senza esserlo. Mai una palla in post alto, mai un movimento solo per far girare la palla, attirare un raddoppio sfruttando la stazza, solo testa bassa al ferro o tiri.
    Molto meglio Minnesota con Rubio in campo che distribuisce la palla.

  18. dopo 2 settimane di gioco abbiamo già l’MVP stagionale… si potrà dire quello che si vuole su LBJ, che non sia un vincente, che sia un montato, che nei momenti di pressione vada in difficoltà, ma questo qui ha una capacità di dominare le partite che nessuno ha mai avuto.
    MVP a mani basse quest’anno, il terzo della sua carriera e probabilmente ne arriveranno degli altri.
    lo aspetto ai PO quest’anno, dove credo non fallirà, ma di una cosa sono sicuro, a fine carriera sarà stato il milgior giocatore di stagione regolare di sempre.

    • “una capacità di dominare le partite che nessuno ha mai avuto”

      Concordo con il fatto che Lebron sia un fenomeno fuori dal normale e che attualmente è probabilmente il più forte, o comunque uno dei due più forti, ma hai qualche problema di memoria? O segui l’NBA da tre anni?
      Certe dichiarazioni risparmiatele per cortesia, per rispetto ai vari MJ, Johnson, Jabbar, Shaq, Bryant e via dicendo…

      “il milgior giocatore di stagione regolare di sempre.”

      Un premio che nessun vincente vorrebbe… anzi, un insulto alla carriera.

  19. Intanto, i Pacers continuano ad essere la squadra rivelazione di questo inizio stagione.
    Jazz che infilano la quarta W di fila e mi sorprendono. La considero tuttora una squadra da lottery, ma se continuano così possono togliersi qualche soddisfazione.
    Danilo col nuovo massimo in carriera di punti, 31 (di cui 16 nel 3° quarto), ma Spurs che in casa sono imbattibili. Stanno facendo la stessa regular dello scorso anno, pochi minuti ai big e pioggia di triple con i giocatori che meno t’aspetti. Ai playoff basterà? Io dico di no.
    Lebron con 22 punti nel primo quarto, per finire col solito trentello condito da rimbalzi e assistenze. Non so se vincerà il terzo MVP, perchè Durant (clutch nella vittoria di stanotte contro i Warriors di un buon Nano) sta facendo un campionato ad alti livelli e, per chi vota, il fatto che non sia in squadra con DWade conta molto..
    Phila annienta TO, che sembra tornata quella dello scorso anno. Hawes continua il suo ottimo inizio di stagione, Tuner è migliorato di molto. I Sixers se la giocheranno coi Pacers per il 5° posto ad est.
    JSmoove trascina gli Hawks contro una Chigao stanca (Rose pessimo). CIononostante, Atlanta è sempre la solita. Cito Sir CHarles a proposito: “Man, I don’t like ’em. They’re just a bunch of nice guys, that’s all they are”. Rispetto!

  20. Vedere i Rapts di ieri è stato penoso. D’accordo che i Sixers sono un’altra cosa ma le prestazioni dal terzo “violino” in poi sono state orribili. Cazzarola parlano di costruire la squadra attorno a Ed Davis e DeRozan. Ok ammettendo che siano migliori di come hanno giocato le ultime due, non credo che il solo Valanciunas possa dare molto di più, insieme al “fenomeno” proveniente dal draft. Gente come Forbes-Butler-Carter-Johnson James-Barbosa sono poca cosa. A parzialissima scusante ci sono gli infortuni di Bayless e Kleiza che hanno qualche punto nelle mani.

    Mi dispiace vedere Andrea lì. Ieri ha fatto il suo (in difesa alcune cappellate e obiezioni di coscienza) ma ha fatto di tutto. Nonostante la difesa avesse un occhio di riguardo su di lui ha messo su una doppia doppia.
    Mi auguro che vada via o che quel inetto di Colangelo la smetta di prendere dei cessi per affiancargli dei giocatori veri.

    Bulls
    Hanno perso con gli Hawks. Normale amministrazione. Rimbalzeranno alla prossima. Ottimo Danilo anche se uscito perdente. Belinelli giù ma proprio giù.

    Indiana come i Sixers sono ottimi pur non avendo la stella di primissimo livello.

    Sixers-Pacers
    Guardando il salary cap, i primi avranno un’altra stagione da 56 mln (non rifirmeranno Nocioni) dovendo scegliere se offrire un contratto a Hawes (penso di si) che li porterà sopra il cap. Brand ci sarà per un altro anno per poi liberare spazio salariale. I Pacers sono messi molto meglio perchè dal prossimo anno avranno 35 mln impegnati con West all’ultimo anno e i pezzi pregiati (salvo Granger) con contratti da rookie. Avranno spazio per estendere e andare sul mercato delle FA. Bird sta lavorando bene.

  21. Evidentemente s’è perso lo Shaq di inizio millennio o il primo Jordan, certe volte fate veramente cascare le braccia per le minchiate che scrivete

Commenta