Cleveland 94 – Atlanta 121

Denver 119 – New York 114 (2OT)

Philadelphia 92 – Miami 113

Portland 91 – Detroit 94

Dallas 83 – New Orleans 81

Sacramento 95 – Memphis 128

Charlotte 89 – Chicago 95

San Antonio 102 – Houston 105

Oklahoma City 84 – New Jersey 74

Minnesota 98 – Utah 108

Post By Max Giordan (965 Posts)

Max Giordan segue l'NBA dal 1989, naviga in Internet dal 1996. Play.it USA nasce dalla voglia di unire le 2 passioni e riunire in un'unico luogo "virtuale" i tanti appassionati di Sport Americani in Italia. Email: giordan@playitusa.com

Connect

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

91 thoughts on “NBA – Il Gallo dice 37 e vince a NY, sesta W in fila per i Grizzlies

  1. THE FACTS: Playing against his former team for the first time since he was dealt in the Carmelo Anthony trade last February, Danilo Gallinari scored a career-high 37 points and grabbed 11 rebounds as the Denver Nuggets won their fourth straight road game, 119-114 in double-overtime, over the Knicks at Madison Square Garden.

    The Knicks have now dropped six straight.

    Three former Knicks combined for 77 points, highlighted by Gallinari, who went 18-for-20 from the line.

    QUOTABLE: “It was great. I want to thank all the New York fans for the ovation they gave me.”
    — Gallinari on getting cheered when he was introduced.

    THE STAT: Gallinari scored nine points in the second overtime — going 7-for-7 from the foul line — as the Nuggets outscored the Knicks 14-9.

    QUOTABLE II: ” Six straight is never easy. It’s never easy losing six straight.”
    — Amar’e Stoudemire

    notare anche come viene definito Danilo all’inizio degli highlights “the key figure for Denver now”

  2. da notare come gli ha segnati i 37 punti..

    18/20 dalla lunetta

    solo 3 tiri da tre.
    Ha attaccato il ferro..

    per fortuna se ne è andato da quell inferno chiamato NY oggi abbiamo un giocatore molto piu completo…

    direi bene:)

  3. Ed oggi in parecchi si dedicheranno ad auto-compiacersi, sparando anche titoli esagerati, come ho già sentito, tipo il mip. Oggi giusto anche, ma sempre parzialmente, dato che si suole rammentare in anticipo che ogni figura passata nella nba, e che ci sia rimasta il tempo per farlo sapere ad amici e parenti, ha fatto una gran bella partita.

    Ma non voglio passare per quello che lo odia; volevo soltanto anticipare le azioni e l’autoerotismo che inonderà nelle prossime ore il blog. Magari come monito all’astenersi da affermazioni forti.

    Preciso: a me non piace, ma è un buon giocatore. Ed il fatto che, per una volta, abbia steso Anthony non mi fa cambiare opinione, ne la dovrebbe far cambiare a nessuno. Poi ognuno è libero…

    Tralasciando Gallinari, che me ne frega poco o niente data la totale assenza di patriottismo nelle mie vene, mi duole per Sacramento che, poveracci, ne hanni presi 30 senza spada ferire. Forse meglio così, ne perdessero parecchie altre e puntassero al prossimo draft tenendo saldo il nucleo giovanile.

  4. Ammiraglio forse non ti sei accorto che a Sacramento manca tutto tranne che la gioventù. Non penso che la loro strada per migliorare passi dall’aggiunta di altri giovani ma nelle scelte sul nucleo attuale, nello staff da rifondare, dei soldi che non vengono spesi.

    • Non penso che un’eventuale prima scelta gli faccia così cagare, come non fa cagare a nessuno. L’allenatore l’hanno appena cambiato, diamogli tempo. I soldi perchè li dovrebbe spendere, in realtà buttare, adesso? Per prendersi un vecchio rincoglionito e arrivare ai playoff per poi farsi massacrare? Meglio tenerseli e spenderli quando la squadra potrà contare davvero.

  5. e meno male che era solo hype, che era un giocatore medio che non spostava e che a Denvere stava dietro a lawson e Nené.

    i giudizi, in questo forum, dovrebbero essere un po’ più moderati, a volte.

    37 punti con 19 tiri.

    (ma ha sbagliato il libero della vittoria e ha difeso male su melo nei possessi decisivi, ma questo nulla toglie alla prestazione monstre)

  6. Un italiano ne spara 37 in faccia ad una delle ali piccole più forti al mondo (anzi ad uno dei giocatori più forti al mondo) giocando al Madison dove magari poteva pagare un pochino l’emozione per via dei trascorsi e si ha da ridire, pazzesco, invece che goderselo, vi meritate Rusconi ed Esposito, che poi ha messo anche i punti decisivi nei due OT ed è tutta la stagione che stagiocando su livelli alti, dopo un inizio disastroso.

    • spero tu non ti riferisca a me, su questo forum ho difeso a spada tratta gallinari dalle accuse di montato, mediocre, irrilevante, raccomandato.

      e sono strafelice per la prestazione che ha fatto.

      ho precisato che ha anche fatto qualche errore per dovere di cronaca e perché non è il caso di abbandonarsi all’esaltazione.

      secondo me gallinari è un grande giocatore in prospettiva, ma attualmente ha ancora dei difetti da limare e deve migliorare in alcun frangenti.

      non è uno da 35 punti di media ma è il leader della sua squadra e gode di grande rispetto nella lega.

      il che non può che farmi piacere.

  7. Avevo cercato di essere il meno scurrile e moderato possibile, ma vedo che le mie precauzioni sono andate a farsi fottere direttamente.
    Ha fatto una bella partita, ma cercate di non sborrarvi addosso tutta la giornata per cortesia. Spero che così sia stato abbastanza chiaro…

    Wallace

    Guarda che a me della provenienza di un giocatore non me ne frega assolutamente nulla. Per me in NBA ci poteva stare Rusconi o il Diablo o Gallinari o nessuno o chi ti pare a te; a me non cambiava nulla.
    Se vedo bei scontri tra grandi squadre ai playoff, che me ne frega a me se a capitanarle c’è un italiano o uno statunitense?

    • E dico questo perchè non si può sentire che a quei due poveri cristi di Love e Bargnani ( altri due di cui non me ne frega niente, quindi è soltanto a titolo emblematico), ogni volta che fanno una cazzatella, gli si butta merda addosso ed invece per Gallinari si trova sempre una giustificazione.

      • mi sa che dovresti darti una calmata, sai. meglio non iniziare la giornata così. chi è che si sarebbe sborrato nelle mutande?

  8. Io invece volevo fare i complimenti a david stern. grazie al suo pronto intervento infatti ha reso gli hornets una squadra da nbdl, squadra dalla quale il pezzo più pregiato della trade,ovvero gordon, se ne andrà quanto prima. Il tutto per stimolare nuovi compratori..

  9. Ammiraglio

    Mi considero una persona molto poco patriottica, ma se debbo essere sincero, dal tuo commento traspare non tanto una indifferenza (come tu dichiari per il nostro connazionale) nei confronti del Gallo, ma una vera antipatia, un fastidio per la bella prestazione…

    Io la partita l’ho vista in diretta, almeno gli ultimi 22 minuti, e ti debbo dire che si, per quanto non sia certo un tifoso sfegatato del Gallo, vedere un mio connazionale (che fino a prova contraria ancora non è diventato un tamarro o un personaggio pubblico insopportabile) essere così determinante, mi ha fatto comunque molto piacere

    Mi rendo conto che ognuno ha il suo metro di valutazione, così come magari la tua avversione non è tanto per il giocatore in se, quanto per i suoi supporters (è il motivo per cui a me stanno sulle palle i Lakers, il 90% degli utenti del forum che tifa per loro sarebbe da crocefiggere per le palle, ti fa passare la voglia di guardarli con obbiettività)

    Però debbo dire che il tuo commento sembra uno di quelli che Abitato lascia periodicamente per LBJ, nei quali si intuisce un odio che nulla a che fare col reale rendimento del giocatore in campo, o il suo atteggiamento

    Ah, a proposito, mi sono visto gli Heat stanotte…il solito LBJ, quanta mancanza di umiltè mentre faceva 12 su 17, si vedeva che segnava non per vincere, ma solo per fare dire al mondo “sono meglio di Kobe”

    • periodicamente mi pare difficile visto che scrivo con cadenza biannuale praticamente, visto che ho parlato di LBJ solo quando l’ho visto giocare (ovvero 5 giorni fa, dopo ho parlato di altro)..del resto sei il re degli obiettivi giusto?

      devi avere una vita parecchio frustrante se il tuo primo pensiero sono io!

      • A quanto ne so ultimamente sul forum è arrivato un altro utente che si fà chiamare Abitato. No ne sono certo ma abbastanza sicuro.

        • sono sempre io, una volta non mi faceva postare e ho cambiato alias..cmq non cambia la sostanza, sono tornato da pochi giorni a scrivere (ergo “periodicamente è una cazzata grande come l’ego di IYW), ho parlato di LBJ solo quando l’ho visto giocare e (come già confessato) con toni legati alla frustrazione di vedere l’antibasket (1vs5) vincere su un orologio (grande pop!). non passo le mie giornate a valutare come ha piegato l’asciugamano LBJ. piuttosto sono curioso di vedere cosa succederà a giugno: ha ragione IYW e il re è diventato re, o quel che ho visto è il segnale di una persistente mancanza di umiltà? io per ora propendo per la seconda, pronto a cospargermi il capo di cenere se arrivasse fino in fondo

          • volevo dire “persistente mancanza di maturità”, non umiltà

    • “così come magari la tua avversione non è tanto per il giocatore in se, quanto per i suoi supporters”

      Cogli il punto esattamente; ma io questo l’ho già specificato nell’ultimo post. Di lui non me ne frega niente, come non me fregava niente di Bargnani quando è approdato negli States, ma, al tempo, tutti ad esaltarlo, a dire che era colpa dell’allenatore, che era colpa di Bosh che lo ostacolava o di chi non gli passava bene la palla e via dicendo.
      Siccome questa difesa era motivata soltanto da un nazionalismo demenziale, mi era iniziato a stare sui coglioni.
      Terminato il tifo paradossale che c’era per Bargnani, hanno attaccato con Gallinari ( denigrando contemporaneamente l’altro) e quindi la mia intolleranza si è spostata su di lui.
      Ma lo ripeto: lo reputo un buon giocatore e sta facendo bene quest’anno.

      Per quanto riguarda LBJ, inutile commentare, quello che fa parla da solo, non c’è bisogno di aggiungere altro.

  10. LL stai fors rosicando?
    Pensa che Eric Gordon (due partite sole per ora) sta per essere rifirmato con estensione dl contratto, è la punto di diamante degli H

  11. grande soddisfazione per il Gallo, sono contento per lui e spero che ieri abbia fatto ricredere alcuni dei suoi detrattori

  12. denver ha vinto la prima prova generale di P.O.
    coach karl ha ruotato solo 7 (sette) giocatori in 58 minuti
    avevano una voglia di vincere pazzesca
    in btb, dopo essere arrivati in albergo alle 4 del mattino
    che dire ancora…. ps per il baffo: ma quello spilungone pallido non era solo un tiratore da tre che doveva starsene sulla piastrella d’angolo sul lato debole a vedersi lapartita senza pagare? chi l’ha fatto entrare in campo per 51′ ? chi gli ha permesso di entrare sotto a prendersi 20 (venti) ft ?

  13. Julius, certo che sto rosicando. Tra l avere uno come paul e non averlo(nei lakers) c e una certa differenza..ma non credere che con gordon gli hornets saranno temibili o appetibili..buon giocatore di sicuro, ma se non fosse stato compagno di blake nessuno se lo filava. cmq non ho la sfera di cristallo e dunque non posso prevedere il futuro. Col tempo si vedrà se sarà stata una trade sensata. Di certo mi girano un po’ per quell annullamento

    • Certo che è stato spiegato ovunque il perchè la trade NOH-LAL è saltata. Ed erano tutti punti oggettivi. Gli Hornets l’anno prossimo hanno un monte salari di 30 con la possibilità di amnistiare Okafor (13MLN). Direi una bella base per una ricostruzione fatta a dovere.

      Con i giocatori di LAL si sarebbero trovati la squadra da figurine per tanti anni. E si sarebbero trovati in un limbo che avrebbe ritardato la ricostruzione.
      Sei tifoso quindi è normale che ti bruci (soprattutto perchè ora in squadra ti gioca ancora Fisher per oltre 30 minuti) però non venire qui a sparare contro la trade fatta con i Clippers che rispecchiava tutti i parametri che l lega aveva dato.

  14. Non credo che Gordon si sia giovato più di tanto della vicnanza di Griffin, dia il valore del gocatore è oggettivo e indiscutibile. Non entro nel merito della trade ma dico solo che questi Hornets (con Gordon) se fossere ad est farebbero i Po tranquillamente
    In pochi anni Garnett-Stat-Melo-Deron W. hanno cambiato conference … eppure c’è una differenza di rendimento a favore dell’ovet sempre maggiore !? Mah

    • Verissimo,l’esempio sono i Jazz e i Nuggets,squadre futuribili che senza big(almeno Utah)giocano molto meglio ed hanno molta più “fame”….staremo a vedere!!!

  15. Sull’apetibilità commerciale degli Hornets prob. contano di più i contratti in scadenza (Kaman) e le scelte che i giovani futuribili e talentuosi

  16. Una nota al discorso Gallinari. Lui come Andrea hanno segnato il loro massimo in carriera contro NY. Contro due difensori molto sospetti come Stat e Melo.

    Non voglio sminuire Gallinari perchè farne 37 (anche in 51 minuti) sono tanti e non è cosa da poco. Se non hai talento non li fai. Per cui simpatie e/o antipatie ieri Danilo ha fatto un partitone.

    Tornando alla gara trovo disarmante vedere un genio del basket, con mani di velluto, fare obiezione di coscienza in difesa. Parlo di Melo che non vorrei mai nella mia squadra.

    Kings
    Accontentiamoci di aver vinto contro SAS. Ieri siamo stati spazzati via da una squadra obbiettivamente più forte di noi. Non abbiamo un play che inneschi i compagni con criterio. DMC è vittima di un sistema di gioco farraginoso non in grado di sfruttare il talento a disposizione. Riguardo ai soldi da spendere permettetemi un appunto: si può discutere se perdere per una delle prime scelte o aggiungere talento al gruppo. Sono del parere che al team serva un play e uomini d’esperienza che guidino il gruppo che non ha una figura di riferimento. Soffriremo anche quest’anno con Smart che cercherà di sbrogliare la matassa.

    Heat
    Che dire: sono superiori ai Sixers. A me sembra che senza Wade vadano meglio ma il discorso non è nuovo. Quando tornerà il 3 dovranno convivere.

    Jazz-Wolves
    Jazz sempre avanti seppur di poco. Negli ultimi due minuti sul +4 hanno fatto le scelte giuste mentre Minnie ha sbagliato piazzati e layup. Per Love una serataccia condita da amnesie difensive da cazzotti in bocca. Mi ha ricordato il mitico Bargnani, e i miticissimi Stat e Melo.

    Belinelli
    Garaccia.

  17. E dire che con Paul Millsap la classe operaia va in paradiso e merita l’All Star Game no?

    • Gran giocatore. Mi piace più lui che Al Jeff, seppur giocano in ruoli diversi. Mi sembra l’anima del gruppo.

      Discorso ASG: lo meriterebbe lui, Aldridge e forse altri che al momento dimentico.

  18. Leggo commenti di utenti poco patriottici. Beh io lo sono eccome. Sarà accentuato dal fatto che vivo all’estero ma a me se gli italiani fanno grandi cose nella NBA mi esalta e godo. Non solo perchè sono italiani ma anche per la prospettiva futura riguardo la nazionale.

    Francamente se devo avere un fremito per Love, Griffin, Wade….ne ho di più se Belinelli mi spara un buzzer, se Danilo ne mette 37, o se Bargnani possa annusare l’ASG. Cerco sempre di essere obbiettivo nonostante abbia un occhio di riguardo per loro, ma a differenza di alcuni di voi (che rispetto assolutamente) provo piacere vedere il Gallo spararne 37 in faccia a Melo e a quell’idiota di D’Antoni.

    • senza considerare che, al momento, rappresentano la più concreta speranza di rilanciare il movimento italiano, in crisi ormai da anni (anche se i vari poeta, vitali, hackett ecc mi piacciono molto)

      • Tra i nomi da te citati a me piace Hackett da quando, finalmente, viene utilizzato da guardia. Vitali ahimè non i piace, mentre per Poeta il suo lo fà.

        Io comunque, fossi nella Federazione, imporrei ai team di dare tutti i giovani italiani a Treviso da Djordjevic, l’unico che in questi anni ha puntato su di loro (è una frase tra il serio e lo scherzo, quindi non commentate troppo pesantemente :P )

        • sasha idolo

          ho visto treviso un paio di volte, la squadra gioca proprio un bel basket e lui è unico nel tenerli vivi mentalmente, sostenendoli quando (vista la giovane età) si perdono un attimo..non sottovaluterei però anche la Virtus (da tifoso F!), tanti italiani e che giocano bene insieme. Invece spiace per gentile (talento da NBA), punta di diamante a tv, si sta involvendo nella confusione di milano

  19. dico solo una cosa:aspettiamo ancora un pi’ prima di emettere la sentenza defjnitiva su stat e melo (non difensivamente perche’ e’ appurato come i2 non siano 2 buoni difensori, anche se va’ detto il sistema in cui giocano oggi non li aiuta a mascherare i difetti ma anzi li amplifica se possibile).
    magari con un altro coach, una preparazione non ridotta all’osso potrebbero anche convivere e bene.
    quello che fa specie e’che stat in attacco e’ ai minimi storici, mai visto prendersi cosi pochi tiri(brutti tiri tra l’altro), giocare cosi pochi p&r e avere quelle % cosi orride.

    • e con chi li gioca i P&R? Con Douglas?? Con Melo?…la vedo dura. L’attuale sistema di gioco di NY e il roster a disposizione non è quello giusto per far giocare uno come Stoud.

      Tanto alla fine il problema è sempre quello. Andare dal barbiere e tagliare il baffo…

  20. Alert

    Riguardo i Kings io non la vedo così grigia come te. Con un’altra scelta alta quest’anno possono aggiungere il pezzo mancante ed, quanto letto, il prossimo draft è strapieno di gente.
    Ora come ora io i soldi li risparmierei tutti per poi mettere sotto contratto gente al momento che conta e non ora che tanto le speranze di far bene sarebbero comunque bassissime.
    L’anno prossimo avranno 40 milioni di cap ( non devi rifirmare nessuno di rilevante), e questo significa che ne hai 18 da spendere per qualcuno. Senza contare che con l’amnesty ( che non ho ancora capito bene come funzioni) può fare un piccolo taglio.

    • Quando applichi l’amnesty su un giocatore elimini il suo contratto dal monte salari, ma devi continuare a pagarlo fino a quando non trova una nuova squadra.
      Ed anche quando l’ha trovata, devi pagare la differenza tra lo stipendio che aveva da te prima dell’amnesty e quello attuale.

      (io così l’ho capita e la so, spero solo di non aver detto vaccate).

  21. Comunque penso che il buon Gallo quando vede MElo è come un toro davanti ad un drappo rosso. Mi ricordo, ai tempi in cui i due avevano le maglie opposte ad oggi, i 30-32 punti che il Gallo sparò in faccia a lui con un terzo quarto da 17 punti (contro i 16 di Melo).

    A mio avviso, e non so perchè, sti due si odiano non poco.

    Concludo dicendo che fà piacere vedere Danilo che ne mette 37 prendendosi falli a ripetizione.

    Come han detto i nostri vati su Ball don’t LIe (quest’espressione mi piace troppo) “CON QUELLA CORAZZA CHE GLI HANNO MESSO ADDOSSO …”
    Vabbè ora torniamo con i piedi per terra perchè la prossima partita ne metterà soltanto 13-15 pt e comincerà di nuovo una sequela di post …

    P.S. Una partita con 2 OT, Stat che rimane in campo per 45 minuti e si prende solo 9 tiri? Ragazzi qui c’è qualcosa di veramente serio su cui ragionare.

  22. Stat va comunque innescato e a NY stanno ancora cercando la miccia, il baffo dovrebbe girare mezzo stipendio a Steve Nash, con lui ha fatto un figurone e si è creato una carriera da coach che ora sta dimostrando di non meritare, certo basterebbe anche il Barone per cambiare qualcosa
    Alert
    più che di patriottismo l’italiano (provinciale) si copre di campanilismo
    Abbiamo due italiano nell’elite dell’Nba, che facciano a meno l’Allstar game a me importa poco, certo quel carrozzone mediatico arriverebbe anche qua ma cambierebbe poco in un paesa “calciodipendente”

  23. Accio

    1) Grazie della spiegazione. Io ero rimasto alla amnesty del 2005, noto un’evoluzione.

    2) I 9 tiri di Stoudemire l’avevo notati anche io. Soprattutto in relazione ai 14 di Fields, ai 16 di Shumpert ed ai 10 di Douglas.
    Se non sfrutti Stoudemire in attacco, io non capisco chi dovrebbero sfruttare. Offensivamente è sicuramente tra i primi tre lunghi del pianeta ( difensivamente è un aborto invece).

  24. per la delusione di questo inizio stagione si chiama deron,e vero che ha attorno a se il deserto tecnico pero sta faccendo proprio schifo dall’inizio della stagione e con ogni probabilita verra messo sul mercato prima della deadline senon come ha gia fatto capire se non arriva un top player lui andra altrove giustamente direi pero mi aspettavo una stagione migliore da parte sua.

    al momento james e decisamente l’mvp di questa prima parte di stagione anche se il verdetto finale sara emesso da aprile in poi visto che non e proprio una novita che sia dominante in rs.

    per quanto riguarda il ROY invece la battaglia sara tra irving e rubio,al momento la mia scelta va a irving anche perche lo considero un vero rookie al contrario dello spagnolo che e falso rookie per certi versi.
    stiamo parlando di uno che ha disputato la sua prima gara di eurolega a 16 anni,ha giocato diversi tornei internazionali come la coppa del mondo,europei e i giochi olimpici con la spagna.inoltre e da diversi anni che gioca ad alto livello in europa invece irving ha praticamente saltato il college visto le sole 11 partite giocate a duke l’anno scorso.
    ecco per tutti questi motivi la mia scelta del ROY va ad irving.

  25. Ora che ci penso, prima che Nash, a me Rubio ricorda un fottio JWill, la versione folle di quando era ai Kings…JWill era più matto e tutto sommato anche più divertente, però il ball handling, la visione di gioco, la velocità, la fantasia nei passaggi…

    JWill ha avuto una carriera forse sotto le aspettative, ma ha comunque vinto un titolo da protagonista. Spero che Ricky faccia ancora meglio

    Diciamo però che se continuano a pomparlo così su nba.com inizierà presto a starmi sulle palle…

    • Ti dovrebbe stare sulle palle se il ragazzo non rimanesse con i piedi per terra non se la NBA lo pompa. Loro devono pompare tutto e tutti semplicemente per alzare l’interesse anche verso quelle realtà marginali come Minnie.

    • certo che giocatori con questa fantasia non ce ne sono sempre meno nell nba di oggi….

      ad inizio anni 2000 c’erano lui alston francis iverson marbury sprewell bibby marck jackson e tanti altri… insomma una folta schiera di pg che potevano sempre sorprendere e divertire con una giocata folle e spettacolare

  26. @julius

    In Italia il tifo è sempre campanilistico. Questo perchè siamo da 4° mondo sportivamente parlando. Non seguo più sky perchè vivo a Londra ma sentire Federico Buffa ( in un video postato su youtube) parlare di Andrea per frasi fatte senza averlo visto giocare quest’anno (detto da lui) mi ha dato fastidio.

    Posso capire le preferenze, posso capire le simpatie ma non vedere i cambiamenti di attitudine e/o i miglioramenti di un giocatore mi infastidiscono, se poi per contraltare vanno a descrivere minuziosamente qualsiasi variazione infinitesimale del Wade di turno, di Kobe, di James e via discorrendo.

    Idem per Gallinari. Ha giocato un europeo schifoso, a Milano non è stato un vero fattore ma non si sa come i commenti erano sempre un filino “protettivi”. Questo è campanilismo bell’ e buono che mi urta.

    Ricordo solo questo fatto: nei 41 punti di Andrea si disse che li fece contro una squadra mediocre difensivamente e contro un certo Stat. Oggi ho letto da più parti che Danilo ha fatto un paritone contro i NY, senza citare il casello autostradale composto da Melo e compagni.

    D’altronde se Mario Boni ha parlato di Gallinari come il nuovo Bird!

    @Ammiraglio
    Smart è migliore di Westphal. Quindi come coaching staff siamo megli meglio di prima. Si andrà alla lottery sperando di pescare un giocatore veramente funzionale al team e solo non un veicolo pubblicitario (Fredette) che non c’entra niente a Sactown. Questa squadra ha troppi doppioni, non ha ne un play (Thomas è stato preso al secondo giro), ne una SF. Quindi se agiranno con criterio le speranze di risalire la china ci sono ma dovranno capire chi sacrificare e chi no. E qui si giocherà il futuro della franchigia.

    • sul gallo a milano, l’ho visto giocare dal vivo più volte, ho visto come e quando scariolo lo chiamava in causa e il ruolo che rivestiva nella squadra. stante che gli eccessi sono sempre sbagliati e che a me piace molto il giocatore, nell’olimpia era corpo estraneo, senza l’investitura che, per spessore tecnico, meritava. infatti milano ha giocato meglio le partite immediatamente successive al suo rientro a denver. la sensazione in città era di un’operazione più di marketing che tecnica: visto che sarebbe tornato in usa scariolo non ci ha investito..insomma non è stato un fattore perchè non volevano che lo fosse (forse a ragione, e cmq non significa che lo sarebbe stato se gliel’avessero chiesto, infatti cfr europeo)

  27. sconcertanto dalla pochezza dei Knicks e sono 6 in fila….
    (però il tiro da 9 metri di Andrè Miller poteva uscire e probabilmente la portavam a casa)
    mi chiedevo: usare Stat, il quale sembra involuto, coem pedina di scambio per giocatori un attimo più funzionali (guardia + un 4), sarebbe una sconfessione troppo grande per la società (sti cazzi imho) ma così non possiamo andare avanti.
    tifo spudoratamente Memphis ad ovest

  28. @alert70
    Siamo fuori dagli 8, come temevo, abbiamo perso contro i Pistons in crisi, senza Wallace….noi siamo in crisi.
    La prossima è contro di voi in casa….speriamo bene!!!

    • Mi vuoi dire che i Kings vinceranno a Portland? Non accadrà. Ci batterete senza pietà, per giunta dopo una giornata di riposo. Non essere troppo pessimista.

      Voi avete una squadra tosta che può perdere anche contro i Pistons. Il calendario così concepito porta a delle sconfitte inaspettate. Vedi gli Spurs fregati dai Kings. E quando ricapiterà.

  29. Se Denver continua così merita un giocatore che li rappresenti all’ASG, ergo, non è che ha più possibilità di andarci Gallinari di Bargnani?No perchè se ne chiamano uno dei Nuggets non si scappa, o lui o Lawson

  30. Cavs 6-9, Knicks 6-10, Bucks-Celtics 5-9, Nets-Raptors 4-12, Pistons 4-13, Bobcats 3-13, Wizard 2-13.

    Le prime sei della conference hanno almeno 5 gare di vantaggio. Se i Knicks e i Celtics non si danno una sveglia potremmo vedere due franchigie inaspettate ai PO.

    Knicks: @Bobcats, @Cavs, @Heat, @Rockets, Pistons. Calendario fino alla fine del mese. Se non ne vincono almeno 3 son caxxi amari per il coach.

  31. certo che leggere qst commenti sul gallo che a ny non era niente mi fanno inbufalire….non è vero che adesso è un fenomeno osceno con karl e con il baffo era una pippa assurda che doveva solo tirare da 3…io il gallo l’ho seguito quando giocava a new york ed era buono, diciamo che prometteva bene…tirava male e girava male quando i knicks perdevano ma era lui dopo STAT la punta di diamante…ed era spesso il gallo che decideva le partite mi ricordo la bella difesa su anthony, lo sfondamento preso contro rose, tutte per fare vincere la partita..! quindi non spariamo cazzate…ovviamente gioca meglio a DENVER perchè sta crescendo di mentalità, di gioco come è normale che sia per un ragazzo di 23 anni…però non dite che a ny era solo un giocatore perimetrale che faceva solo quello e risultava una pippa..!

    • Hai ragione su Danilo. Il problema non erano i Knicks ne la giovane età. Ma il sistema ridicolo del coach. Fosse rimasto lì non sarebbe cresciuto come può farlo a Denver.

      Basta vedere come D’Antoni non cambia una virgola nel suo modo di intendere il basket anche se ha interpreti non adatti. Vedere Stat relegato a 3/4 violino dietro Iman mi fa ridere. Vedere Chandler incazzarsi come una bestia per delle mancate rotazioni difensive pure.

  32. Un paio di spunti qua e là:

    – i New York Anthonies perdono di misura con un Gallinari che mi ha impressionato molto di più in difesa che in attacco.. intendiamoci, bisogna sempre metterli 37 davanti a Melo eh..

    – Lebron sempre più a suo agio senza Wade.. ma è Bosh il vero beneficiario.. impatto notevole e spaziature migliori in campo per tutti gli Heat… obv ciò non significa che il problema sia Dwayne o che sia scarso o bla bla bla.. faccio solo notare come, record 6-0 a parte, il gioco offensivo scorra più fluido senza Flash..

    – Portland in trasferta è una sciagura.. perdere a Detroit è un brutto segnale.. hanno un rendimento tra casa e trasferta come il giorno e la notte.. e questo accomuna molte squadre di livello (gli Spurs sono tipo 1-6 lontano dal Texas)..

    – personalmente Rubio ricorda più Kidd che Nash.. comprensione totale del gioco, capacità di lettura mostruosa (forse fin troppo), predisposizione alle steals e a rimbalzo e tiro costruito col tempo…

    – Chicago vince senza metà squadra ma non perdendo 1/10 della propria identità.. ed è questo che fa grande un allenatore.. ed hanno pure rispolverato dalla DLeague Mike James (9 e 10a in 17′)..

  33. Ieri su twitter bagatta parlava di voci da new york secondo le quali d antoni sarebbe stato mandato a casa dopo una eventuale sconfitta contro i nuggets.

  34. Una domanda
    per chi ha gli occhi solo per i Blazers….;-)
    Ma Gallinari,
    ha una abilità incredibile nel prendersi i liberi, e non è Howard…: come fa?

  35. Gallinari alla fine ha solo dimostrato quello che già pensavo di lui.
    Non è una superstar, ma è un giocatore con le palle. Che sbaglia poche decisioni e che ti può pure sparare il partitone di fronte ad un avversario importante.
    Con lui come stella non lo vinci di certo il titolo, ma uno come lui in squadra credo che farebbe comodo a chiunque.
    New york è inutile anche starne a parlare. Han portato due ventellisti ed è ok. Tutto il resto lo hansbagliato. Dalle scelte ai draft alla scelta dell’allenatore. Tutto.
    Ora hanno una squadra costruita male ed un allenatore che non è in grado.
    Miami gioca meglio senza wade ed è logico. Giocherebbe meglio anche con wade e senza lebron.
    Miami è contender solo perché quei due sono tra i 5 o 6 migliori giocatori del mondo. Ma sono anche i più incompatibili tra di loro.
    Credo che se al posto di lebron ci fosse un iguodala o un granger o un wallace sarebbero cmq una contender e giocherebbero pure meglio. Prima che mi insultate volgio chiarire che lebron è per me al momento il miglior giocatore del mondo. Sto parlando di equilibrio di squadra visto che il basket è uno sport di squadra, non è tennis o pugilato.

  36. Bibby, Webber, Divac, Stojakovic, Chirstie ed Adelman in panchina… Che squadra della madonna…

  37. ogni tanto un pò di patriottismo non farebbe tanto male comunque, Gallinare, Bargnani e Belinelli stelle nella NBA non possono che essere un validissimo esempio per molti nostri giovani che se anche nati in un paesello del lodigiano, ma con classe e voglia di emergere puoi giocare da titolare in NBA e girare gli states in business class, scusate se è poco….poi a qualcuno della propria patria come ha già detto non gliene frega niente, ma se non credi nella patria nella tua famiglia e in Dio rimane davvero ben poco

  38. Limitiamoci a parlare di basket. D accordo sorridere ogni tanto, ma chi vuol parlare di porno vada sui siti appositi se no qui diventa tutto una pagliacciata

  39. Dio con la patria e la famiglia che ci azzecca?

    ma diamo la parola al buon vecchio Dan Peterson che consiglia ai Knicks di prendere, per dare una parvenza di ordine alla squadra, un gran play e lo vede in… jamaal Tinsley e il suo fisico da bevitore di birra…

  40. No più che altro e’ che “io credo nella patonza” non fa ridere. Ho sorriso sui commenti dell ammiraglio e di qualcun altro. Il tuo si dimentica in fretta

  41. Mazzabubu

    “Trovati una ragazza….ne va della tua salute mentale!”

    1) Ma chi ti ha detto che non ce l’ho? 2) Ma che volevi dimostrare con questo tuo commento da illuminista? Spiegamelo per cortesia, che non trovo spiegazioni plausibili.

  42. Se NY rimedierà altre sconfitte con le squadrette entro la fine del mese lo mandano a casa.

    • secondo me il problema è che la dirigenza crede ciecamente in lui…
      perchè a me sembra palese che sia un allenatore monotematico, che non pensa alla difesa e che ha un attacco fatto di poche idee e troppe libertà concesse..ma questo lo si sapeva anche prima
      adesso è chiaro che non è il coach giusto per la squadra, che pur avendo giocatori importanti e ben pagati non vanno da nessuna parte, non c’è un straccio di gioco, stat non viene più considerato e melo fa quello che vuole (con risultati quanto meno altalenanti)… in ottica PO è ancora peggio visto che la difesa non mi pare abbia fatto grandi miglioramenti nonostante woodson..
      detto tutto questo, dopo un filotto di 6 sconfitte contro squadre non esaltanti, se io fossi un dirigente anche solo mediocre capirei l’andazzo e coglierei l’occasione al balzo per cacciarlo via… nessuno avrebbe niente da ridire.. poi sinceramente non so chi c’è disponibile (phil jackson? sembra che voglia stare in pensione.. larry brown? boh non so che fine abbia fato… ma cmq anche mio padre allenerebbe meglio)
      e invece non fanno niente?? vuol dire che son proprio convinti?
      ok aspettare il barone, ma se questo sta fuori ancora un mese cosa fai? arrivi con un distacco di 10 vittorie da recuperare? e chi ti assicura che poi finalmente si troverà la quadratura del cerchio?

      • Credo che il Coah meriti piu’ rispetto, qualcosina l’ha vinta, tu fai forse Popovic di cognome?

        • non lo dico solo io, che sono un pirla qualunque, ma lo dicono gli esperti di basket americani e non (certo dire che bagatta è esperto fa un po’ ribrezzo ma non è il solo)
          persino phil jackson non era andato al madison per sua stessa ammissione perchè non voleva che la sua presenza destabilizzasse d’antoni visto che lo davano come suo possibile sostituto

          se poi vedi come giocano credo si possa criticarlo anche senza essere popovich, no?

          perchè sennò di questo passo possiamo chiudere il forum visto che a qualsiasi osservazione facciamo verso allenatori, dirigenti, giocatori tu potrai sempre rispondere “e chi sei tu per parlare?”

          e se vogliamo dirla tutta, visto che lebron è un perdente perchè non ha mai vinto niente (visto che sembra (forse giustamente) contare solo il titolo) allora anche d’antoni non ha vinto niente in nba

          • E la battuta sul tuo cognome era riferita alla tua precedente, riguardo al fatto che pure tuo padre allenerebbe meglio….

          • ah scusa era un malinteso… l’ho scritto male: intendevo che larry brown non so che fine abbia fatto (cioè se voglia continuare a allenare visto che è un po’ che non sento il tuo nome o preferisca godersi la pensione milionaria) e che anche se sia lui che phil jackson si tirassero indietro, cmq anche mio padre allenerebbere meglio di d’antoni, quindi la dirigenza non farebbe fatica a trovare un sostituto
            brown uno dei migliori degli ultimi vent’anni senza alcun dubbio

  43. detto questo concludo con un pensiero tutto mio:
    di buoni giocatori ce ne sono tanti, di stelle vere, decisive e talentuose come melo ce ne sono davvero poche.. ricordiamo che è il miglior clutch player in circolazione (e la dimostrato anche stanotte con il tiro del supplementare pur in una partita disastrosa)
    quindi non mi sento di condannare lo scambio che l’ha portato nella grande mela, sacrificando giocatori sì buoni ma mica così forti.
    ricordiamo lo scambio:

    New York: acquista Carmelo Anthony, Chauncey Billups, Shelden Williams, Anthony Carter e Renaldo Balkman.
    Denver Nuggets: acquista Raymond Felton, Danilo Gallinari, Wilson Chandler, Timofey Mozgov, la prima scelta dei Knicks nel 2014 ed una seconda scelta del 2012 e del 2013 (originaria dei Warriors).

    prendi chauncey e carmelo, 2 giocatori eccellenti e decfisivi come pochi (anche se billups in fase calante) più qualcosa di contorno (giusto per quadrare)
    dai via un buon play (che però sostituisci più che degnamente, anzi! poi magari felton è più adatto per il run&gun ma chi ti dice che è vangelo lo stile dantoniano?)
    2 giocatori buoni come il gallo e chandler ma non certo dei fenomeni, con il primo che è relegato al tiro da 3, fa vedere delle buone cose ma è ancora poco costante…e lo sostituisci con melo!!!
    wilson giocatore che non mi fa impazzire, buon talento ma mangiapalloni.. si crede kobe ma non lo è… in una squadra con melo, stat e billups che te ne fai?? il ruolo di guardia è di fields, discreto, niente di più ma funzionale
    mozgov non bisogno di commenti, nessuno ha pianto per l’addio
    le scelte future sono robetta

    ne esci fuori con una squadra billups-field-melo-stat-jeffries
    il ruolo di centro è l’unico poco coperto con jeffries-turiaf-balkman che non sono certo fenomeni ma d’altronde miami ha joel anthony titolare

    il problema è che quest’estate hanno deciso di sfanculare tutto: mandi via billups rimanendo senza play salvo firmare dopo il barone e bibby (bah) sperando che riescano a sopperire all’addio di mr big shot
    prendi chandler che con d’antoni c’entra come i cavoli a merenda e lo strapaghi

    poi posso capire che melo e stat non siano il massimo della complementarietà, ma se ben allenati possono fare ottimamente.
    secondo me con la squadra di fine anno scorso, allenata da uno serio e magari con un paio di ritocchi minori (chessò cerchi di prendere dalambert, pryzbilla boh) potevano far male a tutti nei play offs

    a sto punto possono prendere arenas così per 3 giorni i tifosi sono contenti e poi possono ricominciare a fischiare

    • Loro hanno preso Chandler perchè “impressionati” dalle Finals. Ovviamente senza considerare il coach.

      Il vero punto è: se hai Stat che non difende cosa lo tieni a fare se hai già Melo con le stesse caratteristiche (forte in attacco e molto ma molto sospetto in difesa)?

      Non basta Chandler a coprire i buchi. Quello che non capisco è il motivo per cui Stat non lo sfruttano. Uno come lui o segna 20 punti oppure il saldo punti segnati e punti concessi va assolutamente a sud.

      Se in un quintetto hai Melo-Stat-Shumpert che non difendono con i soli Fields e Chandler più proni a farlo dove vai?

      La soluzione è chiamare Sloan che deve mettere nella testa di quei ragazzi il culto della difesa. La stessa cosa accaduta a Toronto. Squadra vergognosa tecnicamente e difensivamente che è stata una barzelletta per due anni. E’ arrivato Casey ed è cambiato l’approccio. Poi perdono per oggettive carenze nel roster, ma intanto sono presentabili.
      I knicks hanno due giocatori tra i primi 15/20, un gruppo non eccelso ma neanche vergognoso che deve assolutamente avere una disciplina che D’Antoni non da. Basterebbe un allenatore alla Casey per cambiare registro.

      Per quello trovo assurdo continuare con un allenatore integralista che ha le pezze agli occhi. La mia sensazione è che lo vogliano tenere fino al ritorno del Barone convinti che sia il play “adatto” al gioco d’antoniano.

  44. buona analisi ..in più aggiungiamo che col baffino in ogni caso non andranno MAI da nessuna parte…certo che al momento sono la comica dello sport professionistico..

  45. Una sofferenza vedere Boston così, sopratutto i vecchi, davvero in palese e inevitabile declino fisico, sempre e comunque forza Celtics.

  46. Sto vedendo LAC-TOR e mi domando: il ritmo delle partite quest’anno è il medesimo di questo match? Insomma mi sembra di guardare un allenamento 5v5 di una squadra di pensionati.

  47. NYK: quando vidi la trade (io che non sono un fan di Melo,per carità ottimo,fortissimo,non al livello di KB;LBJ,Wade,Durant almeno per me),pensavo che fossero rimasti in mutande,uno scambio che portò NY a smantellare la squadra,poi la bella idea di tagliare Billups…vabbè…Gallinari bella gara,degli italiani è quello che mi diverte di più,ma sono d acccordo con Alert quando parla delle valutazioni di BUffa sul Bargna e sul Gaallo un pò superficiali….Utah Jazz e Rockets che mi sorprendono molto,li pensavo molto peggio….sconfitta dei “miei” WOlves ma continuamo ad avere mezzo roster fuori per infortuni vari,sconfitta in back2back contro una squadra che lotterà per i poff ci può stare,Love ha giocato (e tirato) male….mi dispiace un pò anche a me per i C’s ma i tifosi non possono pretendere di meglio,sono durati tantissimo dagli scambi per Ray Ray e KG,è già tanto se possono ripartire da uno come Rondo,mica pizza e fichi….ultima cosa: quanto cazzo è clutch Andre MIller?? uno che mi è sempre piaciuto sin da quando era rookie ai Cavs!

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.