WASHINGTON 121 – MILWAUKEE 112

I Milwaukee Bucks perdono una partita cruciale per la corsa all’ottavo posto a Est in casa degli Wasginton Wizards. Mattatore della serata Jordan Crawford che chiude con 32 punti per i padroni di casa. Doppia doppia da 14 punti e 10 assist per John Wall che però tira solo 5-13 dal campo. Per gli ospiti non bastano i 31 di Monta Ellis (14-25 dal campo), i 25 di Jannings e la doppia doppia di Gooden (21 e 12 rimbalzi).

CHARLOTTE 68 – CHICAGO 100

La difesa dei Bulls schianta anche gli Charlotte Bobcats: solo 68 punti concessi. Senza Rose e Deng, i Bulls vedono Rip Hamilton miglior marcatore con 22 punti, aiutato da altri 3 giocatori in doppia cifra. Cichago perde solo 9 palloni in tutta la partita e concede solo il 29% dal capo agli avversari: miglior marcatore per Charlotte è infatti Walker con 16 punti ma con 4-12 al tiro.

CLEVELAND 87 – PHILADELPHIA 103

I Sixers interrompono la striscia di 3 sconfitte consecutive e ottengono un’importante vittoria in chiave playoff. Cleveland vede il ritorno di Erving dopo aver saltato 9 partite per infortunio, ma la sua partita non è ancora degna delle prestazioni precedenti: 9 punti con 4-10 al tiro. Per gli ospiti 5 giocatori in doppia cifra e Holiday top scorer con 24 punti.

NEW JERSEY 95 – NEW YORK 104

I Nets senza Deron Williams ospitano i New York Knicks reduci dalla partita contro i Celtics. Carmelo Anthony comincia dove aveva finito: 21 punti solo nel primo quarto (33 alla fine) e Knicks in controllo fin dal primo quarto. Ai Nets non bastano i 21 di Gerald Wallace: sconfitta 41 in stagione (22 vittorie).

ATLANTA 116 – DETROIT 84

Facile vittoria per gli Atlanta Hawks che fin dal primo quarto conducono 39 a 20. 6 giocatori in doppia cifra (Mcgrady top scorer con 17) e 13 complessivamente a segno per i padroni di casa; tutto facile: 37ima vittoria in stagione per gli Hawks.

MIAMI 96 – TORONTO 72

Vittoria facile per i padroni di casa (senza Wade, Bosh e Turiaf) che piazzano il parziale decisivo nel terzo quarto (23 a 11); LeBron chiude con 28 e 12-15 dal campo.

BOSTON 102 – ORLANDO 98

Vittoria in chiave playoff per i Boston Celtics che sconfiggono la rivale degli ultimi anni; biancoverdi in vantaggio fin dal primo quarto (33 a 22), ma devono soffrire fino alla fine per portare a casa la vittoria. Decisivo Paul Pierce: 29 punti e 14 assist per il capitano dei Celtics che piazza anche i 2 punti decisivi per il +4 a 7 secondi dalla fine. Per Orlando non bastano i 27 con 12-16 dell’ex Glan Davis: sconfitta numero 26 per Orlando in stagione (36 vittorie).

MEMPHIS 103 – NEW ORLEANS 91

26 e 20 i punti rispettivi di Gay e Conley nella facile vittoria di Memphis contro gli Hornets. Belinelli è titolare, gioca 35 minuti e chiude con 16 punti con 7-16 dal campo.

DALLAS 107 – HOUSTON 110

Houston necessita di una vittoria in chiave playoff ma i Mavs sono convinti a non lasciare spiragli aperti per la lotta ad Ovest: 35ima vittoria stagionale per i padroni di casa. Nowitzki è quello dei playoff: 35 con 12-12 dalla lunetta, aiutato da un redivivo Carter (23 punti) e altri 3 giocatori in doppia cifra. Per Houston non bastano i 20 di Dragic: situazione che si complica per i Razzi, che perdono una partita nel confronto diretto con Utah vittoriosa nella notte.

LOS ANGELES CLIPPERS 104 – DENVER 98

I Clippers ottengono la vittoria numero 39 della stagione: ospiti troppo atletici per i Nuggets che non riescono ad arginare CP3  e compagni. 6 giocatori in doppia cifra per Los Angeles con Paul top scorer con 21. Per i padroni di casa 4 giocatori a quota 12 punti e Ty Lawson a 24 punti (Gallinari 4 punti e 0-7 dal campo), ma non basta.

PHOENIX 97 – OKLAHOMA 109

Phoenix perde una partita ai danni di utah in chiave playoff, perdendo malamente contro gli Oklahoma Thunder. Career high per James Harden: 40 punti con 12-17 dal campo. 29 anche per Durant. Ora il record delle due squadre è 45-17 Oklahoma, 32-30 Phoenix.

SACRAMENTO 102 – SAN ANTONIO 127

Tim Duncan a riposo contro i Kings ma gli Spurs non trovano opposizione: 7 giocatori in doppia cifra e 11 giocatori totali a referto: vittoria 45 in stagione.

PORTLAND 91 – UTAH 112

I Portland TrailBlazers concedono una facile vittoria ai Jazz, desiderosi di fare il colpaccio ai danni di Suns e Rockets in chiave playoff: 27 per Harris e 23 per Hayward.

GOLDEN STATE 87 -LOS ANGELES LAKERS 99

Altra vittoria per i Lakers privi di Kobe Bryant: Bynum, Gasol e World Peace combinano per 71 punti totali e con 27-44 totale dal campo e strappano la vittoria nella baia: 40ima in stagione. Per i Warriors 4 giocatori in doppia cifra ma non basta: 22-39 il record per Golden State.

 

Post By Francesco Grazioli (62 Posts)

Connect

97 thoughts on “NBA – Utah recupera una partita a Houston e Phoenix, bene Belinelli, male il Gallo

  1. chi avrà il fattore campo tra La e Clips se arrivassero allo stesso numero di vittorie?non so gli scontri diretti

  2. I Bucks hanno perso il treno dei PO. La persa di ieri e la vittoria dei Sixers li ha messi in una condizione sfavorevole. I Wizard sono poca cosa anche se ora possono giocare seriamente per aver ottenuto il secondo peggior record. Casualmente si sono rivisti in campo degli “infortunati” che hanno alzato il livello di competitività del team. I Bucks non difendono. Non contengono le penetrazioni subendo una valanga di punti. Ho visto un team che non ci crede più. Considerando lo stato di forma dei Sixers non possono fare altro che mangiarsi le mani.

    Interessante la situazione tra Magic e Knicks. 3 gare di differenza quando ne mancano 4. Il tiebraker è favorevole a NY che deve affrontare @CLE, @ATL, LAC e @CHA, mentre i Magic @UTA, @DEN, CHA e @MEM. In sostanza i Magic per stare tranquilli ne devono vincere due per evitare un primo turno contro gli Heat. Heat che stasera affronteranno i Bulls distanziati di 2.5 gare.

    Non so se a NY vorrebbero un primo turno contro gli Heat, ne tantomeno contro i Bulls. Probabilmente data la situazione dei Magic tenteranno di riagguantare la squadra della Florida priva di Howard e con un calendario non proprio facilissimo.

    Ad ovest 5 sconfitta per i Rockets che le stanno perdendo tutte nei finali di gara. Nonostante tutto sono a mezza gara di distanza dai Jazz. Insomma c’è speranza. Jazz in carrozza mentre i Suns sbattono il muso contro Harden iscrittosi anche lui nel club dei quarantellisti. Se vuole, segna anche lui.

    I Mavs tirano un sospiro di sollievo mentre la tonnara tra le due losangeline prosegue. Clippers in formissima che attentano al terzo posto distante mezza gara, mentre i Lakers senza Kobe avranno gli Spurs, i Thunder e i Kings per finire la stagione. Togliendo l’ultima (seppur un “derby” insidioso per “l’amore” che li contraddistingue) le altre due sono toste. Il rischio non vincendo la division c’è e se ciò accadesse significherebbe un primo turno contro i Grizzlies. Che nessuno vuole affrontare. Se devono scegliere tra questi Mavs e i Grizzlies scommetto che le due losangeline prenderebbero i texani.

    Per l’ultimo posto ad ovest tante/troppe variabili. Non saprei. Per un verso vorrei i Suns dall’altro sarebbe bello premiare i Rockets e Jazz.

  3. I bucks si sono suicidati! Adesso ny deve assolutamente mantenere il settimo posto, miami sarà proibitiva ma meno di Chicago a mio parere, per il nostro roster. Melo continua la sua pazzesca rinascita, giocatore sublime. E c’era qualcuno, la ditta di nba news in primis, che asseriva che il gallo fosse più forte e utile. Frasi oscene. Gallinari fra l’altro sta giocando malissimo, e non sarà mai neanche lontano parente di melo giocatore. Sulle altre partite mi levo il cappello davanti al grandissimo pierce, altro giocatore fantastico e super capitano. E pure james mi sembra in Ottima forma soprattutto fisica dopo il calo fra marzo e aprile.

    • Danilo è ritornato da un infortunio. Normale che giochi male. La condizione verrà con le gare. Nessuno sano di mente può paragonare Melo a Danilo. In Italia c’è una frangia notevole di “esperti/appassionati” che vedono in Danilo cose che non stanno in cielo e in terra. Del tipo paragonarlo a Bird!!!!!

      Paragoni fatti su SKY non al baretto. Insomma provincialismo puro.

      Su i Knicks, ti dico che loro faranno di tutto per arrivare 6sti. Le possibilità ci sono.

    • NO magic nessuno ha mai sostenuto che il gallo fosse/sia/sarà + forte di Melo… qualcuno ha detto che con il Gallo il roster di NY era megli assortito e funzionale..

  4. Inaspettata sconfitta dei Bucks e di rimando vittorie di Phila e Nyk che tiene la 7°.
    Dallas dentro. A L.A. si giocano Memphis che in 5° a oggi si ritrova con Lac e una tra Sas-Utah evitando Okc-Lal-Dallas. C’è il “rischio” che le due si ritrovino anche quest’anno (Mem-Sas), anche se a Ovest conviene attendere l’ultima partita.

  5. Alert leggo ora su Memphis e L.a. e condivido…….lì si snoda molto sia nella città degli angeli sia per il proseguo dei P.o.

  6. la vittoria dei Jazz e la sconfitta di Houston e Portland di stanotte lascia tutto ancora indeciso per l ottavo posto,mentre sembra che i Bucks se lo siano definitivamente fumato con questa sconfitta….Phila torna a vincere finalmente,con le squadre di vertice che vincono ma cercano anche di far riposare i giocatori più importanti…

  7. Ai kings serve però pure qualcuno di già affermato per supplire alle mancanze dei due che hai citato. Evans a me piace un mondo, ma nel sistema attuale è sprecato. Io vedrei bene uno alla gasol a sacramento con evans, un contratto inutile e una scelta direzione lakers data l’età comunque avanzata di kobe. Gasol Più cousins sarebbe una coppia inarrestabile, tecnica pura, fantastica.

    • Tre opzioni per Evans:
      1- va via l’estate prossima per un rookie, o in un pacchetto con uno/due compagni per arrivare ad un giocatore utile. SF in primis, PG in secundis come titolare e spostare l’ottimo Thomas come backup, suo ruolo naturale.
      2- lo tengono e lo rifirmano l’anno prossimo;
      3- lo tengono, lo rifirmano, per poi cederlo nel caso fallisse nel ruolo di play o di ala piccola.

      Lui è il classico giocatore che non sa fare nulla benissimo, ma ha talento per fare tante cose benino. Il suo punto di forza è la transizione e la penetrazione al ferro. Come passatore e tiratore è sotto lo standard. Per passatore intendo come play. Non ha le doti per farlo e lo stesso Thomas, che è una via di mezzo riesce a far girare al meglio la squadra.

      Inoltre va detto che i Kings non vogliono regalare contrattoni (vizio che non passa con Salmons 8 mln per altri 2 anni, terzo non garantito!!!!). Dopo l’esperienza di Kevin Martin hanno bisogno di investire sul ragazzo giusto. Che è Cousins. Thornton 8 mln li ha per cui DMC se resterà nei binari andrà a prendersi il denaro che conta.

      Fossi in loro punterei su Dragic a cui dovranno scucire almeno 6/8 mln e su Batum che sarebbe perfetto da tre.

      • hai detto niente alert! Dragic e Batum,due su cui si scateneranno aste pazzesche questa estate,comunque il secondo lo vedo riconfermatissimo ai Blazers mentre Dragic ha qualche possibilità in più di muoversi,visto che c è anche Lowry in squadra,ma non mi sorprenderebbe se poi scambiassero quest’ultimo per rinforzare la squadra e confermassero lo sloveno…

        • Se arrivasse Lowry non sarei per niente dispiaciuto. Su Batum va compreso la volontà del ragazzo. I Blazers sono nella terra di nessuno senza un’idea precisa di quello che vogliono fare. Giangio ne sa di più per cui potrebbe smentirmi alla grande.

          • ho letto qua e là su siti americani che i TB si stiano preparando per fare una grossa offerta per qualche free agent dal nome altisonante (si parlava di Nash come possibile obbiettivo),in ogni caso a Portland sono i primi a conoscere il valore del francese,poi avranno il diritto di pareggiare,sarà restricted fa…per me resta 100% poi mai dire mai..

          • aspetta i blazers hanno la loro scelta che sarà intorno alla 11 e quella dei nets che si spera sia a ridosso delle prime 3 piu altre 2 seconde scelte con cui prendere qualche panchinaro.. con aldridge e la rifirma di batum le scelte e qualche giocatore non male come matthwess hickson… non li vedo così male..

          • appunto dimenticavo che hanno spazio salariale..io è tra le squadre che vedo meglio x i prox anni.. tutto passa dalla scelta dei nets..

  8. Malgrado i tentativi (per ora vani) di Ginobili di frantumarsi, gli Spurs tengono un ritmo davvero spaventoso. Ora non sono tanto le vittorie in se, ma certo dare oltre 20 punti, in tre sere di fila, giocando un back to back to back, non è cosa da tutti i giorni, anche se 2 partite su 3 erano amichevoli…

    Direi che i texani possono ancora di più sorridere guardando il loro calendario (Lakers a parte, 4 cicloturistiche, a meno che i Suns non siano ancora in lotta per i PO), e guardando i minutaggi delle loro stelle: TP 32.5, TD 28.3, Manu 23.5. E loro tre segnano 45.5 punti a gara, in una squadra che ne mette quasi 103 ad allacciata di scarpa. Se si tratta di gestire le stelle, nessuno ha fatto di meglio in questa strana RS

    Il problema è sempre lo stesso, evitare gli infortuni, e vedere se certa gente decisiva in RS possa poi dare un contributo anche nei PO. Splitter, Neal, Green, Mills, Blair, Bonner, Leonard, qualcuno di loro potrà aiutare i Big, o spariranno come negli ultimi anni?

    Lakers che giocheranno con la bava alla bocca le ultime 3. Dato che devono affrontare sia OKC che Spurs, saranno loro l’ago della bilancia per il 1° posto ad Ovest, ma soprattutto devono stare molto attenti, perchè il 3° posto gli garantisce un 1° turno soft (Denver) o comunque non impossibile (Mavs), se dovessero scivolare al 4°, i Grizzlies sono probabilmente i meno graditi tra tutte le avversarie possibili, anche se li vedo meno solidi del 2011

    LeBron che fa 12/15 in una specie di amichevole, certo è che questo ragazzo sarà duro e infaticabile e indistruttibile, ma così rischiano di farlo arrivare con la lingua di fuori nei PO. Sempre tutto da guardare comunque il bilancio senza Wade (credo 13-1), direi che non è un caso. Ed è stato anche molto onesto, nel dire che il titolo di MVP per lui significherebbe molto

    Direi che al momento le due mine vaganti, sui due lati, sono Boston e Lakers, i cui infortuni forse sono costati qualcosa in termini di W (almeno per i Verdi), ma forse hanno permesso loro di responsabilizzare gente con abituata ad alti minutaggi (Bradley), o a prendere molti tiri. Credo che nessuno possa dirsi del tutto favorito in una serie contro i vecchiacci

  9. Da quando c’è Woodson NY ha un record pazzesco, ma purtroppo eravamo indietro come le palle dei cani, ergo quasi sicuramente non andremo sopra il 7° posto, MIAMI ci spezza le braccine ed anche quest’anno una stagione buttata nel bidone. Spero almeno di fargliela sudare ai tres amigos.

  10. L’88% degli abbonati Kings ha rinnovato per il prossimo anno. La più alta percentuale della lega. I tifosi non mollano e i Maloof, fatto saltare l’accordo sul progetto, stanno discutendo con potenziali soci/acquirenti. Tra questi pare ci sia l’interessamento di un bilionaire della zona. Va compreso se la famiglia vuole farsi da parte (al limite rimanendo con una quota minoritaria) o rimanere al comando.

    In città sperano che se ne vadano. Vedono in loro gli artefici dei disastri. Qualcosa di grosso sta per accadere e paradossalmente il fallimento dell’operazione arena sta dando un impulso inaspettato. La famiglia consapevooe di trovarsi in acque agitate si sta dando da fare per evitare di indebitarsi ancor di più. Devono 67 mln alla città senza considerare le decine di mln di perdite con i Kings. Insomma per evitare il collasso devono darsi una mossa.

  11. in your wais

    esageri troppo quando dici che lebron arrivera’ stanco ai po……anche perke’ le percentuali di stanotte sn frutto del suo buon periodo di forma ma anche della difesa nn difesa di toronto.E secondo me il fatto che facciano riposare wade in queste partite e’ sinonimo di una sola cosa…..ovvero che sara’ lui il giocatore predominante di miami ai po…..colui che portera’ palla e gestira’ i ritmi del gioco(un po’ quello ke piace fare anche a LJ)……il giocatore dell’ultimo quarto e nn solo del clutch shoot.

    Guardando le statistiche….mi sembra che PP ed harden abbiano fatto ottime partite….!!

    SAN ANTONIO E’ UN VERO RULLO….MA DA TIFOSO LACUSTRE L’UNICA SQUADRA KE NN VORREI INCONTRARE AI PO AL PRIMO TURNO SN I CUGINI.ANDANDO OLTRE LE PERCENTUALI DI VITTORIA IN STAGIONE MI SEMBRA KE ABBIANO VINTO MOLTISSIME PARTITE CON LE BIG ED ANCHE IN MANIERA CONVINCENTE!!!

  12. La differenza lampante con l’anno scorso, per quanto riguarda gli Spurs, condizione fisica a parte (toccando ferro sembrano stare tutti bene) è il gap sanato nel reparto ali: 12 mesi fa per forza di cose bisognava partire con un Jefferson mai veramente inserito nel sistema e, quando contava, andare poi per forza di cose col quintetto piccolo con Manu o Neal da 3 e Bonner da 4.. quest’anno Pop da 3 può schierare Captain Jack, che avrà pure i suoi anni ma fornisce ancora oggi un contributo 10 volte maggiore di quello di RJ o Leonard, che è semplicemente il miglior difensore tra le SF ad Ovest… più poi l’opzione quintetto piccolo di cui sopra con Danny Green, altro che difendicchia mica da ridere… in più ha pure la possibilità di avere uno Splitter con un anno in più di esperienza ed avere in roster Diaw, uno che a) ai PO c’è già stato e b) possiede capacità di passatore/tiratore che un Blair si sogna la notte…

    Certo, nei PO la rotazione in genere si riduce a 6-7 max 8 elementi, però quando dalla panchina si alzano Manu-Jackson-Splitter più, all’occorrenza, tiratori come Bonner e Neal (Blair, salvo accoppiamenti favorevolissimi, si vedrà i PO dalla panca), diciamo che sei abbastanza coperto…

    Per quanto mi riguarda San Antonio deve cercare di evitare come la peste i Lakers, che possiedono ancora troppo strapotere sotto le plance… quindi chiudere in testa all’Ovest con i Lakers terzi, come in questo momento, con una possibili e semi LAL-OKC sarebbe grasso che cola per i texani….

    Stanotte ho visto NY… che dire, partita durata 5’… 6su6 in 300” per 18 punti di Melo che hanno ammazzato la gara… Nets poi tentanti di rientrare a metà ultimo quarto, ma Knicks che stranamente usano la testa per chiudere definitivamente la pratica… palla in post da Melo, il quale viene subito o quasi raddoppiato e circolazione di palla sull’arco con ribaltamento sul lato debole dove il Jr o il Novak della situazione colpiscono da 3… in questa particolare situazione, con Chandler in vernice, 3 tiratori sull’arco e Anthony al gomito NY con NY è veramente difficile accoppiarsi… sfiga per Woodson&Co una delle poche che ha le caratteristiche per farlo è Miami, che al 90% sarà la prima avversaria ai PO, salvo suicidio Magic (perdere 3 partite di vantaggio quando ne mancano 4 mi sembra dura anche in contumacia Howard)..

  13. Kings

    L’unico modo che hanno i Kings per svoltare definitivamente è avere una botta di culo e pescare il jolly prima scelta assoluta… ciò vorrebbe dire Anthony Davis… e una frontale Davis-Cousins, in previsione futura, sarebbe veramente spaziale…

    Certo, ci sarebbe bisogno di tutto un contorno.. ma intanto mettila lì una coppia di lunghi del genere…

    • Se arriva Davis, anche il quintetto che vede nella peggiore delle ipotesi Thomas, Thornton, X (dalla cessione di Evans), Davis e Cousins già sarebbe da po. Come panchinari ci sono Garcia, Hayes, Thompson, Fredette, Salmons che non sono proprio sterpagllia.

      • Chiaro che con Davids e Cousins avresti una copia devastante, potenzialmente dominante per i prossimi 10 anni, ma le probabilità di pescare la n. 1 son basse….ipotizzo: se i Kings pescassero la quarta/quinta scelta chi pescheresti (posto che Davids sarà sicuramente n. 1 e Robinson nei primi 3)? Secondo me nel ruolo di SF – in cui siete oggettivamente scoperti – ci sono dei prospetti davvero interessanti come Kidd Gilchrist e Harrison Barnes (che durante la March Madness non si è visto un granché, ma potenzialmente è davvero molto promettente).

        Dando via Evans, io proverei a prendere una PG (Lowry sarebbe l’ideale, visto che con l’esplosione di Dragich ha poco spazio).

        • Concordo. Con il quarto peggior record una scelta alta arrivera’. Nella peggiore delle ipotesi l’8. Sarebbe sfiga non da poco. Barnes ha potenziale da vendere. Lowry sarebbe un bel tassello. Non dimenticare che nell’anno in cui avevamo il peggior record arrivo’ Evans e non Griffin. Magari ora ci riprenderemo il pick numero uno mancato.

          • Barnes ha un ottimo tiro,per il resto a me sembra un giocatore molto limitato…catch and shoot e poco più…lo vedo come un Deng molto meno versatile e meno bravo a creare dal palleggio

  14. Scusate, ma davvero i Lakers hanno realizzato 37 canestri di cui 34 su assist? Ok l’assenza di Kobe e la difesa Warriors, ma, se non è un errore di stampa, credo sia un record epico…

  15. Forse i thunder hanno tirato i remi in barca…..ma in queste ultime partite fanno meno paura.Squadra dalla difesa arcigna e dall’attacco prevedibile…..formata da grandi individualità.
    Nell’ultimo articolo di playitusa viene citata come principale contender all’anello.
    E’ senza ombra di dubbio una delle squadra piu’ forti….ma li vedo in calo e nn dotati del cambio di marcia….giocano sempre in quarta…e se qualcuna dovesse ingranare la quinta saranno dolori.
    San Antonio e’ formata da un roster dall’età avanzata….completa in difesa ed in attacco…carisma e talento…ed un genio in panchina.Depone a sfavore la mancata freschezza dei loro uomini chiave….ma come dallas insegna……!!
    Memphis ha un roster variegato e lungo….grande talento….ma nessun valore assoluto.Nonostante cio’ nn vorrei mai incrociare il loro cammino….anche se a discapito dell’anno scorso mi sembrano meno competitivi.
    I Lakers rimangono una delle squadre con il miglior blasone.Hanno uno starding five all’altezza per centrare il titolo….ma panchina un po’ corta e discontinua.Perso Odon e Phil si ritrovano un sessions ed un bynum maturato dal punto di vista tecnico e salutare.L’avvento dell’anello dipenderà dalla capacità del 24 di coinvolgere i compagni e di metterli a ritmo….oltre che dalle sue stesse condizioni di salute.Nel loro caso l’allenatore e’ un optional…ehehe
    I Clippers sono una squadra che per talento nn ha nulla da invidiare alle altre.Completa in ogni reparto…con il miglior playmaker della lega….ed a tratti irresistibile.Purtroppo la continuità nn e’ nelle loro corde ed e’ una squadra umorale……attenti a nn farli gasare pero’!!!
    Dallas e’ nella situazione dell’anno scorso…..nessuno ci punterebbe un euro…!!!…Sembrano logorati piu’ di qualunque da questa stagione compressa post lockout….ma i po sn un’altra cosa…ed il loro leader stà ritrovando la forma migliore.Grazie a loro abbiamo capito che nothing is impossible….ma a meno di un miracolo quest’anno nn li vedo in finale.
    Alle altre rimangono le briciole…..hanno le stesse probabilità dell’inter di vincere lo scudetto quest’anno…ehehhe!!
    Per quando riguarda l’est….beh ci sn due squadre e mezza.A chicago e miami darei il 45% cadauna di probabilità d’arrivare in finale….il restante 10% ai knicks.
    Una conference dove nn ci dovrebbero essere sorprese….

    • @AMADJ

      un po di giorni fa me l’avevi chiesto:

      tifo pistons ma è da un po che ho smesso di seguirli cioè da quando non hanno piu una squadra.. dopo lo scambio billups-iverson e dopo le sciagurate firme di villanueva e gordon(!)..xrò simpatizzo anche x i blazers,i kings,i 76ers e gl’hawks.. quest’anno ai playoff fra le squadre che hanno qualche speranza di arrivare in fondo tiferò grizzlies..

      x quanto riguarda il mio giocatore preferito non sballo x le superstar già affermate.. adoravo R.Wallace adesso invece dovessi dirne uno dico Josh Smith..

  16. posto per la prima volta e propongo uno spunto..
    tutte queste partite saltate da wade e rose sono davvero frutto di infortuni, precauzione, ecc.. o dietro, come sospetto, c’è una strategia di thibo e del filippino per colmare con l’esperienza e la consuetudine limiti chiave in vista PO?
    -per i bulls la necessità di sopravvivere senza rose e far emergere e responsabilizzare altri scorer
    -per gli heat “costringere” lebron a prendersi sulle spalle la squadra nei finali

    veloce riflessione sui rockets, per cui simpatizzo: ok la stagione sopra le aspettative ma se fai 0-5 nel momento chiave della stagione con utah, phoenix, denver due volte e mavs (ovvero tutte le concorrenti dirette nella lotta dal 6° all’8°) meriti di andare in vacanza a fine aprile.
    ci beccheremo la solita scelta intorno alla #15, sperando che il draft profondo faccia scendere qualche giocatore con potenziale..

    • Sulla prima parte direi 50e50. In parte infortuni, in parte riposo e in parte responsabilizzazione del supporting cast. Va ricordato il loro record che li rimette al riparo da spiacevoli sorprese. Primi o secondi. Non concordo sul discorso Rockets. E’ vero hanno perso nei finali senza mollare mai. Dragic alla prima vera esperienza da titolare, Parsons e’ un rookie, Lowry e’ giovane, idem Budinger, Patterson…… Se escludi loro rimangono Lee, Scola e Camby. Questo conta eccome nei finali senza dimenticare il calendario per nulla benevolo. In fin dei conti sono a mezza gara dai po.

    • dragic è buono ma non lo trovo piu forte di lowry e mi sembra che la squadra girasse meglio con quest’ultimo.. ora dragic l’anno prox è free agent mentre lowry ha ancora ,oltre quest’anno, altri 2 anni di contratto a 6 mln l’anno.. fossi in loro punterei senza dubbio su lowry..

  17. io vorrei che una volta tanto i knicks vincessero un titolo per cui fare il secondo turno o il primo poco mi importa. che vengano pure i 3 amigos vorrà dire che li porteremo alla settima come ai vecchi tempi

  18. Sono d’accordo con Magic Che per Ny sia meglio Miami pur con tutto il rispetto e sono fiducioso per la volta in questi anni vinciamo partite che come contro i Nets l’anno scorso incredibilmente perdavamo (Cleveland mi sciocco’) e un Melo che sta tirando in tutti i modi leciti e non da paura! Sul Gallo rispetto si ma non mettiamolo a confronto con Melo su….non esageriamo poi la trade fu discutibile (dirigenza moooolto particolare…) ma per il resto….

  19. 13-1 senza Wade… Di coincidenza ormai non si può parlare… Si può dire semmai che LBJ senza Wade riesce a mostrare la bestia che è. Siamo giunti al paradosso che a limitarlo non è un avversario ( perchè nessun avversario può limitarlo), ma è un compagno di squadra.
    A me sembra che poi anche la squadra giri meglio, mi sembra una “Cleveland parecchio migliorata”.

    Se nei playoff LBJ si rompe, per Miami è finita. Se a farlo è Wade, forse gli va pure meglio ( a livello di chimica sicuramente)…

  20. troy hudson 88

    A quanto pare ti piace il gioco di squadra….dove nn ci sn superstar….ma solo giocatori funzionali e con carattere.Anche se ad onor del vero quei pistons di talento ne avevano da vendere (ed avevano la piu’ grande difesa mai vista su un campo da basket).
    B.Wallace e smith sn 2 mostri da competizione….e due teste di caxxo.
    Devo dire che i tuoi grizzlies nn si accopiano male con i miei lakers…..e’ una squadra fisica e tecnica…una delle poche in grado di competere con noi su ogni aspetto del gioco…..preferirei nn incontrarli mai!!!

  21. ormai siamo giunti al paradosso in cui i lebron fuck boys sn convinti che miami sia migliore senza wade…eheheh

  22. …e che il mondo fosse stato migliore se fosse stato creato ad immagine e somiglianza di queen james…eheheh

  23. Io da tifoso Knicks ci metterei la firma se Wade andasse a farsi una vacanza nel primo turno dei PO, no ma dico i tifosi di MIAMI sono impazziti?

  24. quelli ke sostengono ke miami sia migliore senza wade nn sn fan’s della franchigia ma della queen…eheheh

  25. Un conto e’ il record 13-1 in contumacia Wade in rs, un conto e’ giocare i po senza di lui. Che i due si pestino i piedi e’ pacifico, come pacifico e’ che gli Heat, cosi’ come sono strutturati giocherebbero meglio senza una delle due stelle. Il problema e’ tutto li’. I due amici hanno voluto fortemente giocare insieme, convinti che il talento facesse la differenza (come dargli torto), salvo comprenedere che la convivenza e’ difficile. Loro sono convinti di farcela perche’ in fondo l’unico ostacolo vero per le finals sono i Bulls. Quindi il vero nodo non e’ chi gioca meglio con chi in assenza di tizio o di caio, ma di trovare un modo per risultare efficaci senza pestarsi i piedi. Non di facile soluzione considerato che i due amano avere la palla in mano. A loro servirebbe un play credibile (ai loro occhi) che non c’e’.

  26. ho visto la partita di dallas e mi è venuto in mente un confronto che qui si è fatto poco, e che almeno esula totalmente da lebron vs kobe vs mj. Secondo Voi chi è stato più forte fra kidd e nash, i più grandi play dell’era post stockton? Qui si sente sempre, giustamente, parlare benissimo di steve, play visionario e meraviglioso, ma a mio modesto parere inferiore a kidd come giocatore nella totalità. Kidd è stato uno dei più completi della storia, rimbalzi, assist e difesa a 5 stelle. Nash dotato di un pizzico di regia in più, e più tiro, ma senza la solidità e anche senza la carriera di kidd, che a inizio millennio ha portato da solo i nets alle finali!

    • Kidd è un giocatore più completo di Nash, a mio modo di vedere,miglior rimbalzista (tra i migliori del ruolo,se non il migliore ) e difensore….in attacco Nash è abbastanza superiore,un tiratore allucinante…Kidd ha avuto una carriera migliore fino ad ora,ma c è anche da dire che il vecchio Kidd non esiste più, Nash è ancora lui nonostante tutto…a me Kidd è quello che piace vedere di più dopo Magic,vederlo dal vivo è stato ancora meglio…mi ha fatto piacere abbia vinto il titolo l anno scorso,lo meritava così come lo merita Nash…prendo Giasone ma credo sia una questione di gusti più che altro,sono molto vicini…

        • per kidd è più completo ma penso che nash sia più forte… troppo miglior passatore e troppo miglior penetatore/tiratore rispetto a kidd..
          guardando alle carriere credo che non si possa non dire che per arrivare a quelle finali, i nets incontrarono il nulla in una povertà assoluta per quanto riguarda le squadre di quella conference in quegli anni.
          I suns fecero sputare sangue agli spurs…
          sul finale di carriera io credo sia serafico dire che con nash i mavericks avrebbero vinto ugualmente il titolo..

  27. @showstopper

    Condivido il discorso Spurs (chiave il discorso Jack-Diaw-panchina).

    Nei precedenti anelli il coach li condivideva,giustamente, con i propri atleti. Se dovessero arrivare fino in fondo tutto o quasi tutto, questa volta, sarà merito di Popovich.
    A mio avviso saranno i suoi P.o., gli Spurs andranno o arriveranno dove li porta il loro coach dovendo,oltretutto, “centellinare” il tutto con molta più attenzione rispetto al passato.

  28. corsa 8° posto ad ovest:
    phoenix ha il calendario peggiore (lac e den in casa, uta fuori e sas in casa), houston il migliore (noh fuori, gsw in casa, mia fuori e noh in casa) ma è quella meno in forma, utah per me la favorita anche perchè ha lo scontro diretto decisivo con phoenix in casa (orl, pho e por tutte in casa).
    Pur tifando jazz non so se davvero augurarmelo….il draft è buono quest’anno e arrivare ottavi per per perdere 4-1 o 4-0 al primo turno non è il massimo…..mah, vediamo che succede!!!

  29. Kidd adesso è più usurato per il tipo di carriera che ha condotto, credo.
    Nash è venuto fuori in modo fenomenale piuttosto tardi.
    Comunque ny a fine stagione perderà jr smith, come lo sostituiamo?
    Siamo senza scelte e la dirigenza punta a rifirmare Lin ahimè; io invece punterei si a rifirmarlo il cinese, ma per scambiarlo poi insieme a Stat per giocatori più adatti alla squadra; il mio sogno impossibile sarebbe via stat, lin e paccottiglia per d-will e humphries.

  30. Kidd per completezza e stile di gioco, lo reputo il miglior pm del dopo stockton.

    Anche se Nash fa davvero innamorare di questo gioco..
    per qualità e per la sempre più rara professionalità.

    JR smith non è da sostiturire fields shumpert e novak bastano e avanzano… prendete un dannato play serio. Piuttosto l’ ultracentenario Miller che a far panca a denver non ci sta.

  31. su kidd nash scusatemi però.. fermo restando che gli assist non sono tutto… ma kidd da quand’è che non è in doppia cifra con gli assist????

    • Quest’ anno ci sarà andato max 6/7 volte.. l’ unica voce che non è regredita è “age” :)

      • Kidd a parte Dallas con cui ha vinto il titolo ha sempre avuto squadre meno competitive di Nash…ma a parte questo non vedo tutta questa differenza tra i due come passatori…

  32. Pur essendo un estimatore di Stat so benissimo che il prossimo anno per il bene della franchigia dovrà fare le valigie a causa di enormi problemi di salary cup.
    Pensavo ad una trade con Utah tipo STAT e DOUGLAS per HARRIS, MILLSAP e KANTER magari drogando i dirigenti dei Jazz si potrebbe fare. Si potrebbe mettere anche una trade più seria con STAT a TORONTO in cambio di BARGNANI (A.K.A. PRIMO PASTA) e magari un CALDERON che è al penultimo anno di contratto anche se col MAGO (che per me è un gran giocatore che gioca in una squadra di merda) rimarrebbe il problema difesa.

  33. beh io lin e stat per il mago e lo spagnolo la farei subito!..magari Toronto ci dà pure qualcos’altro però, a me come back up baylees piace. Oppure una uguale con houston per scola e uno fra i due bei play che hanno.

    • A Toronto non sanno che fare con Bargnani. Ha giocato troppo poco e non sanno qual e’ la versione che si presenterebbe nel training camp. Inoltre hanno un pick alto che dira’ tanto sulleloro intenzioni. Se prendessero una PF allore per l’italiano sarebbe giunto l’ora di andarsene.
      Lo scambio Stat + paccottiglia per Calderon/Bargnani lo accetterebbero al volo. Lo spagnolo era gia’ stato ceduto ai Cats per poi non fare nulla, Bargnani lo sacrificherebbero per uno Stat che nella dirigenza vedrebbero benissimo anche per via di alcune connessioni. Per Bargnani, Calderon e Knicks sarebbe un affare. Avrebbero un play valido, un 4 di valore come Andrea che farebbe a scopa con Chandler senza dimenticare le capacita’ offensive del mago che darebbe una dimensione diversa all’attacco newyorkese. La difesa? Be non e’ che Stat e Davis/Lin siano dei muri. Poi giocare in una squadra forte aiuta a muovere meglio le gambe.

  34. stat lin per calderon bargnani…ed è a favore dei knicks…MAH
    secondo me qua c’è gente che non ha idea di cosa sia stat in forma e motivato…quest’anno non è mai stato in forma e la morte del fratello non ha aiutato…quando stava otornando s’è rotto…ragazzi non date i numeri su!

    • Stat in forma e motivato: dimmi quante volte hai trovato Stat in forma e motivato dopo la mega trade con Denver!! C’è poco da fare, la convivenza tra lui e Carmelo è impossibile, come è impossibile la convivenza tra Lin e Carmelo!
      Anthony ha bisogno di un vero PLAYMAKER, uno che appunto crei gioco, non di un mangia palloni come Lin. Secondo me Calderon è perfetto. Come lo sarebbe Kidd per esempio. Come lo sarebbe il Barone in decenti condizioni fisiche.

      • In realtà nelle gestione woodson si era rivisto il vecchio stat, poi si è infortunato…vedremo..io prima di parlare di incompatibilià assoluta voglio vederli bene sotto un altro sistema che non sia quello scellerato di D’antoni..

    • Non si parla di valori tecnici ma di convivenza. Come ha già scritto Nicola non c’è verso che Lin, Stat e Melo possano convivere nella stessa squadra. Penso che Lin rimarebbe comunque, per una questione “anche” di marketing.

      Per il resto Calderon e Bargnani sarebbero delle aggiunte notevoli. Neanche stessimo parlando di Gaines e Ed Davis.

  35. D’accordissimo con Nicola, e poi lo Stat attuale secondo me non vale assolutamente il mago visto prima degli infortuni pre all-star. Acidità, tu vedi uno Stat che non esisterà più, purtroppo.

  36. Fermo restando che adoro entrambi sia come giocatori che come personaggi, se dovessi scegliere tra Kidd e Nash, al top della carriera, vado col primo…

    Non so in base a cosa di possa dire che Nash sia un miglior passatore o penetratore. JK ha vinto 5 volte la classifica degli assist, e tranne quest’anno è sempre stato tra i primi 10. Con questo non voglio dire che sia necessariamente peggiore del canadese, anzi, semplicemente li vedo alla pari (e sono entrambi 10 piste davanti a tutti gli altri play del dopo Stock)

    Bisogna tener conto del fatto che Kidd, una volta lasciati i Suns, non ha mai giocato in squadre run and gun (gli stessi Nets giocavano molto più a metà campo, basta vedere le medie punti), mentre di Nash è vero l’opposto, ha sempre e solo giocato in squadra “7 seconds or less”, il che ha ovviamente gonfiato sia le medie punti che quelle assist

    Questo non per sminuirlo, solo per dire che non si possono confrontare le nude statistiche (a vantaggio di Nash nei punti di media) senza considerare i sistemi in cui hanno giocato. Fermo restando che come tiratore Steve è ovviamente di molto superiore a Kidd

    Resta però il fatto che il basket si gioca sulle due metà campo, ed in questo non c’è mai stato confronto tra i due. Steve è da sempre un telepass in difesa, Kidd è stato, con Payton, il migliore della sua generazione, con in più la possibilità, dato il fisico, di essere efficace anche sulle guardie avversarie

    Certo che si tratta comunque di due grandi, ed insieme a Duncan, Ray Allen, Ginobili, fanno parte di quei pochi che vorrei sempre veder vincere a prescindere, per via della loro classe, del loro rispetto del gioco, degli avversari, del basket in generale. Manca solo Nash all’appello, speriamo che gli sia data una chance di vincere nel 2013

  37. Per me Payton è stato il miglior difensore tra i play che ho visto, meglio anche di stock, anche grazie all’altezza 193 che permetteva a lui(come a kidd) ti marcare molto bene anche le guardie.

    Ne sa qualcosa jordan che nelle finals del 1996 giocò senza brillare, anche grazie alla difesa di payton. Quelle furono le uniche finals in cui jordan affrontò un grande difensore nel suo ruolo, e guarda caso non dominò, anzi si parlò addirittura di dare il finals MVP a Kemp che fu uno dei pochi capaci di mandare in tilt rodman.

  38. Si, come passatori si, come giocatori nel loro complesso no…ma io parlavo di assist…

  39. In quel senso, direi proprio di sì, payton era più realizzatore(di brutto) rispetto a kidd e nash, ma meno passatore. Il problema di nash è sempre stata la difesa, molto scarsa, e comunque tra lui e kidd anche io prendo il primo. Giocatore assurdo e irripetibile, quando mai uscirà un play di 193 in grado di mettere più di 100 triple doppie, senza saltare come un grillo ecc…???

  40. salve torno a postare dopo una vita….

    tra Kidd e nash vado col primo molto piu completo ma sicuramente sono di un altro livello rispetto alle nuove generazioni il fatto che ancora oggi riescano ad essere decisivi nelle loro squadre dice tanto . spero che nash riesca a giocarsi una finale , lo merita sicuramente.

    Maicol f.

    ok payton era un grandissimo difensore ma quelle finals del 96 non avevano bisogno di un Jordan stellare ..i sonics non diedero mai l’impressione di poter veramente vincere la serie ,fu uno Sweep lungo.
    Kemp fece una usa serie altalenate anche se in alcune gare Rodman gli vide solo la targa.pero secondo me l’mvp di quelle Finals fu il verme ..

  41. Boh, “kemp fece una serie altalenate”

    23.3 + 10 + 2.2 + 1.3 stl + 2 blk con il 55% dal campo e l’86% ai liberi, il tutto contro i bulls delle 72 W con muniti di 3 dei migliori 10 difensori della lega…

  42. no però adesso basta, dovete farla veramente finita, Bryant è un giocatore finito, finito, capito, FINITOO

  43. Nash è più spettacoloso e plateale nelle giocate,Kidd è quello che in silenzio il suo lo fa sempre ,dettando i tempi di gioco in modo incredibile. Ho amato anche il Billups , il vero bigh shot delle penetrazioni di Detroit ma il vero play per antonomasia, sublime ed elegante direttore d’orchestra di una sinfonia perfettamente sincronizzata è Chris Paul

  44. Ho visto due video riguardanti la vicenda Howard-Van Gundy. In sostanza DH potrebbe non giocare i po se sulla panca ci fosse ancora il coach. Sempre che sia in grado di giocare.

    Sembra che il vero scontento sia DH mentre i compagni non sono contro il coach.

    La situazione può volgere nell’immediato in due modi: silurano SVG, oppure Howard gioca.

    Howard non sopporta quando Stan gesticola sulla panca, in generale il coach non riesce a rimanere sobrio e calmo, suscitando le ire del giocatore. Passi questo, che può starci, rimane il dubbio che il problema sia il coach o il giocatore.

    Non conosco i loro rapporti, ma è chiaro che un giocatore non può vagamente pensare di rimanere seduto in panca ai po se ha la possibilità di giocarli. Sarebbe una mancanza di professionalità e di rispetto verso la franchigia, i compagni, i fans e non ultimo la NBA.

    Normalmente si fa fuori il coach, visto che la lega è player’s oriented però in questo caso sono dell’idea che chi deve andarsene sia il numero 12. Considerato il salary, considerato le oggettive difficoltà di tradare gente come Hedo e non ultimo di migliorare sensibilmente il team nell’immediato, non credo che un nuovo coach possa fare meglio di SVG. Non è che con Phil Jackson, Howard mette su percentuali ai liberi sopra il 70%.

    Quindi lo si scambia con Bynum e tutti proprio tutti sarebbero contenti. DH avrebbe il suo mercato, Hollywood, vestirebbe una canotta importante e giocherebbe in un team che punta senza mezzi termini all’anello. Dall’altra parte i Magic avrebbero un problemone in meno, un giocatore devastante che sa anche tirare i liberi, cosa per nulla secondaria e oltretutto giovane. Ci sarebbe l’incognita ginocchio, ma non si può avere tutto. In fondo perdere DH per Bynum non sarebbe uno scandalo.

  45. Nash-Kidd

    Nash migliore nel tiro e forse dico forse nel passaggio. Doti di playmaking allo stesso livello. I numeri contano poco perchè dipendono molto dl sistema di gioco. Se hai molti più possessi i numeri tendono a lievitare.

    In difesa non c’è storia, Kidd è avanti di parecchio, aiutato dal fisico e dalla tecnica difensiva..

    Parliamo di due Hall of Famer.

  46. Ad oggi mi tengo tutta la vita bynum..jim buss non lo ha voluto cedere fino ad ora, dubito che lo farà in futuro vedendo la stagione che sta facendo

  47. Tra Nash e Kidd, scelgo il secondo senza pensarci; nonostante la bravura di Steve non ho dubbi.

  48. kidd sempre..nash ti condiziona troppo difensivamente..
    sulla serie bulls-sonics..lin realtà non iniziò mai..3-0 facile poi relax ..nessun bisogno di un jordan men che normale..delle 6 finals dei tori nettamente la più squilibrata…

  49. Wade infortunato favore a Miami..vi rimangerete tutto come pecore ai playoff,come sempre tra l’altro.
    Intanto,per fare i vostri ragionamenti idioti,Wade l’anello al dito l’ha già messo,e in bacheca in casa ha l’unico titolo di MVP che un giocatore possa sperare di ottenere.
    Detto questo,io adoro LeBron James come giocatore,spero che quest’anno vincano il titolo,anche se dubito che sarà lui a trascinare gli heat a tale traguardo.
    Non nego neanche che sia il giocatore più dominante della lega,ma la mentalità vincente è tutta un’altra cosa.
    Il problema è che taluni hanno la memoria non corta,bensì cortissima, talaltri sono completamente incompetenti e lasciano il tempo che trovano.
    Sicuramente se il Wade post 2006 non fosse stato martoriato dagli infortuni in questo momento avrebbe tutt’altro tipo di considerazione.
    Anche se,a dire il vero,queste boiate escono fuori soprattutto qui in italia..penso che nessun cronista americano con un minimo di quotazione possa anche solo abbozzare nel suo cervello un pensiero simile.
    Questo blog sta diventando criptico,prima bene o male,escludendo rare eccezzioni,il livello di competenza medio dell’utente era medio-alto.
    Ricordo quando sono entrato parecchi scontri,ma almeno si sapeva qualcosa di ciò di cui si discuteva.
    Ora,esulando dagli spammers,il blog è pieno,ma veramente zeppo,di una marmaglia di simil-esperti sgrammaticati,che esprimono pareri fuori dalla grazia di dio nascondendosi dietro alla frase “è un mio pensiero e va rispettato”.

    • Vogliamo parlare di questo commento:”delonte thought hayward’s ear was lebron’s mom”…geniale…

  50. @ il canestro/Liam/marimba/ tanto sei sempre il solito…..
    Io mi domando una cosa.
    Fai un commento stupido e fuori luogo e poi ne fai uno sensato. Ma chi vuoi che ti risponda?
    Torna alla tua triste vita oppure impara ad interagire con le persone.
    Saluti sfigato.

  51. IYW…

    hai ragione quando parli di sistema che può drogare le cifre, che ripeto non sono tutto.
    comunque non ricordo l’ultima stagione finita da Kidd con la doppia cifra degli assist.
    i play off scorsi kidd li ha giocati benissimo difendendo bene, anzi benissimo su kobe, però è anche varo che la squadra che ha avuto kidd l’anno scorso nash non l’ha mai avuta.
    io credo, i fatti non esisteranno mai per darmene prova, che se l’anno scorso nash avesse giocato con dallas il risultato sarebbe stato lo stesso.

    con la stessa logica usata io credo che in un sistema difensivo nash un minimo sarebbe migliorato.. se Dio non voglia, dovesse andare agli heat dubito che non si metta a difendere un minimo.. poi qui potrò essere smentito ma al momento la vedo così

Commenta