Saluta, probabilmente per sempre, la pallacanestro statunitense uno dei personaggi più amati e controversi degli ultimi 20 anni: Tracy McGrady, 15 nella lega a spasso tra Toronto Orlando e Houston (oltre ai recenti “camei” a NY,Detroit e Atlanta), lascia l’NBA per approdare ai Qingdao DoubleStar, ambiziosa formazione militante nel campionato cinese.

Il rammarico, per lui i suoi fan e probabilmente per gli amanti di questo sport, che si legge tra le righe della sua dichiarazione d’addio, è che non sia mai stato capace di raggiungere (per demerito suo o altrui, decidetelo voi) traguardi importanti.
Queste le parole rilasciate sul suo network ufficiale.

There are times in life that a new road presents itself and it appears this time has come for me now. I am so proud of what I have accomplished these past 15 years playing in the NBA. It was a dream entering the league as I just turned 18 years old. I worked hard and poured my heart and soul into this game. I consider myself a student of the game as I have watched, studied and played with and agai
nst the best players in the world. The NBA was my University and I learned so much. The gratitude I feel is really immeasurable. I have experienced the best moments a player can experience and have had some dark ones too. Both equally important in helping shape me into the man I am today.

As I leave the league for now, there have been so many profound people who inspired me along my way. I have to say thank you for guiding me and having an enormous influence on the way I played basketball. Isaiah Thomas, Rich Devos, Leslie Alexander and John Gabriel, you believed in me and I thank you. Jeff Van Gundy, you exemplified the brilliance of what a great coach is. Steven A. Smith, you gave us players a voice and for that I thank you. Doug Christy, Charles Oakley, Dee Brown, Mugsy Bogues, Antonio Davis, Dell Curry, Kevin Willis, you all showed a young kid from Auburndale Florida how to be a better player. Kobe, you made me work harder and it was an honor to play against you. And Yao, we shared an experience together that will always be with me, thank you. Sonny & Pam Vaccarro showed me how there is loyalty and genuine friendship in this business. Arn Tellem and Tim Hoy, 15 years and you are still my agents. Thank you for guiding me throughout my career. When all is said and done, there is so many that made an impact on my life. I am one blessed man to have the love and never ending support of my wife CleRenda and the best 4 kids a man can ask for. But most important, I give glory and thanks to God. It is thru Him that I have been so blessed and I am forever thankful.

As I enter this next chapter, I am excited to play for Qingdao Eagles in China. I have been to China several times in the last few years and I love the people and the country. It will be an honor to play for them. Thank you to every fan that has followed me and believed in me. Injuries and all, I wouldn’t have changed a thing. I am proud of the mark I left on this game and am grateful to have been a part this league. It was a dream to play in front of all of you, each night, in every stadium. Thank you.

Tmac

Post By Niccolò Coveri (44 Posts)

“It’s just giving people opportunities..”

Connect

7 thoughts on “NBA – McGrady se ne va: destinazione Cina

  1. Cade qualche lacrima, più che altro per la tristezza nel realizzare che questo grande talento resterà nn espresso del tutto.
    Sulla sua personalità si discuterà sempre, ma il giudizio non potrà mai essere attendibile.
    Troppi infortuni che hanno condizionato e accorciato la sua carriera.
    Se fosse stato un giocatore integro, chissà come sarebbe andata a finire la storia…
    Ciao Tracy, e in bocca al lupo per la nuova avventura!

  2. Ciao Tmac. Non hai mai vinto l’anello, sei stato discontinuo, non hai mai passato il primo turno di playoffs, per vari motivi non credo tu abbia espresso tutto il tuo potenziale. Però, in alcuni abbaglianti momenti, sei stato il giocatore più grande che io abbia mai visto su un parquet….

  3. L’ho sempre abbastanza difeso (nonostante ne riconosca molti suoi limiti).

    Quando non fu infortunato..ha fatto delle stagioni della madonna.
    E anche ai playoff spesso e’ stato tradito dai suoi compagni (a cui faceva degli scarichi perfetti) piuttosto che da lui stesso.

  4. I suoi 13 punti consecutivi nei 35 secondi finali della partita contro gli Spurs del 9 dicembre 2004 rimarranno uno DEI PIU’ GRANDI momenti sportivi di sempre…..

  5. TMC coi suoi 13 punti e vittoria contro gli Spurs é entrato nella storia del basket: nessuno riuscirá mai + a fare una rimonta cosí..
    Grandissimo talento, non propriamente un vincente, ma sicuramente meglio di Vince Carter..

  6. Per TALENTO PURO cestistico (ripeto, talento, ripeto, cestistico) fra i primi 5 di sempre. La più grande EMOZIONE che abbia mai calcato un arena NBA (soggettivamente, of course). La più grande stilla di talento imprigionata in un giocatore. Non un vincente? vero, sinceramente…. chissenefrega…
    Come diceva Buffa”… quello con il numero 1, di maglia, nei nostri cuori ma non solo…”.
    Grazie di tutto Tracy…

Commenta