New Orleans 34 at Dallas 31 OT0ap2000000115162_gallery_600[1]

L’orgoglio dei Cowboys, capaci di rimontare dal 31 a 17 fino al pareggio negli ultimi minuti di partita, viene sconfitto da un field goal di Garrett Hartley dopo cinque minuti di over time. Spettacolo nel cielo dove Tony Romo (26/43,416 yards e 4 td) e Drew Brees (37/53,446 yards e 3 td) si ribattono colpo su colpo ma alla fine le 116 yards corse dai Saints con un rush td di Mark Ingram danno un sensibile vantaggio permettendo agli ospiti di alternare le corse ai passaggi. La palma del miglior wr spetta a Dez Bryant: il ragazzo dei Boys gioca una partita strepitosa ricevendo 9 passaggi, 224 yards e 2 td vincendo così lo scontro diretto con Marques Colston, arrivato a quota 10 prese e 153 yards. Difese messe a soqquadro dai passaggi ma quella dei Saints riesce a limitare a 40 yards le corse dei padroni di casa ed a recuperare un fumble. I Cowboys non sono ancora fuori dai PO anche se la vittoria dei Redskins a Philadelphia e l’imminente sfida in trasferta nella capitale sembrano aver già deciso la Division, complice la sconfitta dei Giants nel Maryland.

Minnesota 23 at Houston 6

Lo spettacolo dei Vikings continua contro i Texans già proiettati alla post season. Nelle file dei Purple and Gold Christian Ponder si ferma a un 50% di completi, 174 yards e un td pass per Kyle Rudolph; Adrian Peterson fermato a 86 yards in 25 portate e la spalla Toby Gerhart riesce a varcare la goal line su corsa per il definitivo 23 a 6. Brillante il kicker rookie Blair Walsh con 3/3 dal campo e complice di una stagione che porta sicuramente la sua firma. Nei Texans non brilla il back field e Matt Schaub gioca una partita senza acuti ne dolori; J.J. Watt realizza il 20esimo sack della stagione ma adesso ci si attende un riscatto a Indianapolis in previsione PO. I Vikings salgono a 9 vittorie, la qualificazione non è matematica e settimana prossima arrivano i Packers già in forma post season: rivalità e PO in una sfida ricca di storia.

Oakland 6 at Carolina 17

Partita noiosa seppur con nervi molto tesi e diverse flag usate dagli arbitri. Cam Newton decide la partita lanciando un td pass a Steve Smith e correndo 60 yards con una marcatura; al resto ci pensa la difesa che limita l’attacco dei Raiders a 189 yards e un intercetto a Matt Leinart, entrato al posto di Palmer uscito per un mostruoso placcaggio rifilato dalla star nascente Luke Kuechly, anche ieri superlativo con 13 placcaggi. I Panthers pareggiano il numero di vittorie dimostrando che con un’altra gestione si sarebbe potuto fare qualcosa di più.

Tennessee 7 at Green Bay 55

Spettacolo al Lambeau Field dove Aaron Rodgers gioca una partita superlativa completando 27 passaggi su 38 per 342 yards e 3 td. Altra buonissima prova del wr James Jones con 7 prese e 100 yards e finalmente anche le corse prendono vita realizzando 117 yards e 4 marcature, una delle quali di Rodgers. Splendida pass rusher che realizza 7 sacks e ferma l’attacco ospite a 180 yards. Giornata da dimenticare per Jake Locker, autore di un impreciso 13 su 30 con 140 yards, 1 td per Kenny Britt quando il tabellone segnava già 55 a zero, e due intercetti; back field senza acuti e una difesa obbligata a subire le scorribande dei Packers.

New England 23 at Jacksonville 16

I Patriots faticano contro i Jaguars ma alla fine la spuntano e mantengono il terzo seed della già decisa Afc. Tom Brady gioca al di sotto delle sue capacità completando solo 24 passaggi su 41, 267 yards, 2 td e 2 int; le marcature sono di Welker e di Woodhead mentre al resto ci pensa il piede di Stephen Gostkowski. Chad Henne rovina la prova da 29 su 51, 348 yards lanciando un solo td per Justin Blackmon e ben tre intercetti; il rush game produce 93 yards ma il solo piede di Josh Scobee non riesce a rimettere in piedi la partita.

Indianapolis 20 at Kansas City 13

I Colts si qualificano ai play off decidendo la partita nel quarto quarto con il td di Reggie Wayne ricevuto su passaggio di Andrew Luck. L’ex Stanford completa solo 17 passaggi su 35 per 205 yards ma a decidere la partita bastano l’intercetto di Darius Butler e il piede preciso di Adam Vinatieri. Nei Chiefs brilla come sempre Jamaal Charles, autore di 226 yards in 22 portate e un td da 86 yards; Brady Quinn non brilla lanciando due intercetti vanificando lo splendido lavoro del back field arrivato a racimolare ben 352 yards. I Colts sono in paradiso, la terra promessa di Mr.Comeback è arrivata e chissà che non si possa infastidire qualcuno a gennaio.

Buffalo 10 at Miami 24

I Dolphins approfittano degli errori dei Bills, aggravati da 4 turnovers, e guidati da Ryan Tannehill (13/25, 130 yards e 2 td) piazzano la settima vittoria in stagione. Reggie Bush corre 65 yards con un td e riceve 4 palloni per 42 yards e altre due marcature. I Bills sbagliano troppo: Ryan Fitzpatrick completa 20 passaggi su 35 per 240 yards, un td e un int. Il back field vede C.J. Spliller correre 138 yards in 22 portate ma i tre fumble persi dell’attacco pesano e non poco sull’economia dello scontro.

Commento: l’Afc è già decisa con Houston,Denver, New England, Baltimore, Indianapolis e Cincinnati. Nella Nfc i Vikings hanno lo stesso numero di vittorie dei Bears e la prossima settimana si giocheranno tutto in casa contro i Packers mentre Rg3 per coronare una stagione fantastica dovrà battere Dallas. Colgo l’occasione per augurare a tutti i lettori e agli appassionati di football un Buon Natale e delle felici feste natalizie.

Post By Federico Vedovelli (538 Posts)

Student, rugby referee, Carolina Panthers, NCAA Football, NBA, Radio Play.it. Affascinato da Twitter: CamFederico

Connect

One thought on “NFL – Week 16 Results (1/2)

  1. “L’ex Stanford” ha lanciato 4.183 yard in stagione… sono 132 in più del rookie record stabilito da Cam Newton (4.051) l’anno scorso. E manca ancora una partita.
    Un ferro di cavallo che portava fortuna l’avevo già visto. Un Fortuna che porta (trascinandoli ai playoffs) dei ferri di cavallo, ancora no.
    Il bello è che sa anche correre per andarsi a prendere il primo down.
    Il problema è che se non corri prima di lanciare e se non giochi la pistol offense quest’anno non sei di moda.
    Vabbé, ne riparleremo quando la pistol offense in NFL finirà come la wildcat…

    Buon Natale.
    ab

Commenta