Il vincitore: Kevin Harvick

Il vincitore: Kevin Harvick

Nella nottata tra sabato e domenica si è svolta la prima gara dell’ anno, non valida per il campionato NASCAR, ed è andata al pilota del Richard Childress Kevin Harvick.

La gara consisteva in tre segmenti da 30/25/20 giri per un totale di 75. I piloti presenti erano 19 con l’esclusione del campione Keselowski, e la presenza di grandi nomi come Jimmie Johnson, Tony Stewart, Denny Hamlin e per l’appunto Kevin Harvick.

Il primo segmento è caratterizzato da un incidente al giro 15 che coinvolge 7 piloti: Jimmie Johnson, Jeff Gordon, Denny Hamlin, Kurt e Kyle Busch, Mark Martin e Martin Truex Jr.

La miccia è stata accesa da Stewart che, nel tentativo di superare Matt Kenseth cambia “corsia” toccando la punta del Ford di Marcos Ambrose; dietro di loro è una catena d’impatti: Denny Hamlin sfiora la fiancata di Johnson e nella frenata viene spinto da dietro dal compagno Kyle Busch, il quale lo spedisce dritto verso il malcapitato Johnson e contro la ruota anteriore destra di Kurt Busch.

A quel punto Kyle tampona Johnson, Gordon va a muro e spinto verso il basso del circuito mette fuori uso le Toyota di Martin e Truex; a loro volta Harvick, Edwards e Logano riescono a salvarsi passando sul lato sinistro del tracciato.

All’ ultimo giro della prima frazione, Kenseth e Stewart si presentano appaiati tallonati dal 29 di Harvick, il quale all’ esterno spinge Stewart che vola verso il traguardo e vince con qualche metro di vantaggio sul secondo arrivato.

Dopo una sosta ai box si riparte per il secondo segmento da 25 giri: Harvick prende il comando sin da subito e non lo lascia più fino alla fine mettendo in fila Biffle,Logano, Truex, Stewart ed Ambrose.

L’ unica scintilla di questa frazione è stato lo sfioramento tra Dale Earnhardt Jr e Joey Logano: ad uscirne malconcio è proprio il figlio di “ The Intimidator” che alla fine risulterà dodicesimo ed in ultima posizione.

Il terzo ed ultimo segmento è stato quasi un copione del secondo: Harvick mette subito la testa avanti senza farsi troppi problemi tallonato dal solito Stewart e Kenseth.

Quest’ ultimo che decide di tentare la via interna; infatti il neo arrivato in casa Gibbs Racing, riesce a fatica a mettere il muso della sua Toyota davanti a quello di Harvick per un solo giro, poi il 29 domina con una semplicità imbarazzante tenendo in riga tutti per i restanti 12 giri.

All’ ultima fermata, Harvick deve contenere l’attacco sulla linea bassa di Stewart prima, e poi con un repentino spostamento verso destra, chiude il buco a Biffle sulla linea alta andando a vincere la prima gara della sesta generazione NASCAR.

 

Post By Davide Sarti (157 Posts)

Sono un grande appassionato di motori americani, che a 27 anni ha seguito le orme dei grandi campioni. Tramite la mia passione e le mie conoscenze cercherò di raccontarvi il mondo della NASCAR nel modo più dettagliato possibile. Possibilmente, cercherò di farvelo amare

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.