851-1lojGY_AuSt_55Chicago Bulls @ Indiana Pacers 80-97

Arrivano a cinque le vittorie consecutive degli Indiana Pacers, ancora imbattuti. A farne le spese questa volta i Bulls di Derrick Rose, trovatosi subito in problemi di falli. Tra i migliori degli ospiti proprio il #1 e Luol Deng, autori entrambi di 17 punti. Inutili però, dato che l’unico compagno di squadra ad arrivare in doppia cifra è stato Kirk Hinrich con 12. Per quanto riguarda i Pacers, ancora un’ottima prova da Paul George, che mette a referto 21 punti e 6 rimbalzi. Bene Scola dalla panchina con 12 punti, ottima la doppia doppia di David West con un bel 17+13 rimbalzi. Anche grazie al contributo di Hibbert con 8 punti, 10 rimbalzi e 5 stoppate, i Pacers mettono il parziale decisivo nel quarto periodo, chiuso sul 34-18 per i padroni di casa.

Toronto Raptors @ Charlotte Bobcats 90-92

Con questa vittoria i Bobcats sono alla migliore partenza della loro storia nelle prime cinque partite, la migliore dalla stagione 2009-2010. Le migliori prestazioni per la squadra di Charlotte arrivano da Gerald Henderson, autore di 23 punti, e Michael Kidd-Gilchrist, autore di 14 punti. Migliore tra i Raptors, Rudy Gay con 20 punti. Sesta vittoria casalinga consecutiva per la squadra di MJ contro i canadesi. Da segnalare, dopo la brillante prova di New York, i soli 5 punti (con 2/13 al tiro complessivo) di Kembra Walker.

LA Clippers @ Orlando Magic 90-98

Con la vittoria di questa notte, gli Orlando Magic conquistano le loro prime tre vittorie di fila dallo scorso dicembre. Migliore della partita Nikola Vucevic, che conquista 21 rimbalzi conditi da 30 punti. Oltre a lui, altri quattro giocatori dei Magic hanno concluso in doppia cifra: 12 per Moore, 11 per Nelson, Oladipo e Afflalo, quest’ultimo però con una brutta prova al tiro, terminata con un 5/16 complessivo e nessuna tripla a segno. I Clippers arrivano a rimontare grazie ai 12 punti dell’ex di casa JJ Redick nel terzo periodo, 17 alla fine per lui. Accompagnano inutilmente i 23+13 rimbalzi di Griffin, i 9+19 rimbalzi di Jordan e i 18+10 assist di CP3. Il parziale di 26-16 del quarto periodo chiude il match, comunque punto a punto fino alla fine, a favore della squadra della Florida.

Washington Wizards @ Philadelphia 76ers 116-102

Dopo un avvio di stagione scoppiettante arriva la seconda sconfitta in fila per i 76ers, e la prima gioia stagionale per la squadra capitolina. La partita ha sempre visto avanti i maghi di Washington, grazie alle ottime prestazioni di Wall (24+9 assist), Beal (17+8 assist), Gortat (19+12 rimbalzi) e Ariza (15+6 rimbalzi). A livello generale Washington vince la partita grazie alle 18 triple messe a segno, che sono anche il record della franchigia in una singola partita. Dall’altra parte da registrare i 24 di Evan Turner, i 23+13 rimbalzi di Hawes e i 19+7 assist di Michael Carter-Williams.

Utah Jazz @ Boston Celtics 87-97

Altra sconfitta per gli Utah Jazz, prima vittoria per i Celtics di Brad Stevens. La partita assume la piega decisiva già nel secondo quarto, quando i Jazz chiudono la frazione di gioco con solo 8 punti. Serata quindi pessima al tiro per la squadra ospite, alla fine con 46% totale dal campo e 1/10 da oltre l’arco. Le migliori due prestazioni arrivano da Hayward con 28 punti (12/20 complessivo al tiro) e Enes Kanter con 22 punti e 8 rimbalzi. Migliore prestazione per i bianco-verdi di Brandon Bass, grazie ai suoi 20 punti. Ottime le prove anche di Jeff Green con 18 punti, e del rookie Kelly Olynyk dalla panchina con 14 punti e 8 rimbalzi.

New Orleans Pelicans @ Memphis Grizzlies 99-84

Altra sconfitta per i Grizzlies una squadra della Southwest Division (dopo Spurs e Mavericks). Prima vittoria in trasferta, invece, per i Pelicans, grazie soprattutto ai cinque giocatori in doppia cifra: Anthony Davis (18+9 rimbalzi), Jason Smith (10), Eric Gordon (19), Holday (11) e Tyreke Evans (16 dalla panchina). Brutta serata al tiro dall’arco per Memphis invece, che chiude con 26% complessivo in questa statistica. Oltre agli 11 di Gasol, da segnalare solo i 26 di Mike Conley. Gioia almeno per Zach Randolph, che lascia il parquet dopo quasi 8 minuti per andare a trovare suo figlio appena nato.

Cleveland Cavaliers @ Milwaukee Bucks 104-109

Partita incredibile quella andata di scena in Wisconsin. Dopo aver concesso, infatti, un parziale di 13-0 nell’ultimo quarto sul vantaggio di 103-91, i Milwaukee Bucks portano a casa la vittoria grazie a 6 punti negli ultimi 25 secondi. Il canestro di Butler a 24.8 secondi dalla fine e i liberi di OJ Mayo pongono fine al match. Miglior giocatore della partita proprio Mayo, autore di 28 punti, coadiuvato dai 23 dalla panchina di Gary Neal. I due hanno combinato per un fantastico 10/12 da tre. Come detto i Cavaliers ci provano in tutti i modi a vincere, ma non bastano i 29 di Kyrie Irving e i 21 di Waiters.

Golden State Warriors @ Minnesota Timberwolves 106-93

I Warriors vincono ancora, portandosi sul record di 4-1, grazie alle doppie cifre dei suoi esterni. Tornano a casa Iguodala con 20 punti, David Lee con 22 punti e 15 rimbalzi e Harrison Barnes con 14 dalla panchina con un ottimo 6/8 dal campo e, soprattutto i 30 punti di Klay Thompson, con 6/9 dall’arco a fine partita. Si teme, però, per la caviglia di Stephen Curry, rimasta chiusa tra le gambe di Rubio nel corso del terzo periodo. La stella di Golden State non ha infatti giocato nell’ultimo periodo. Solita doppia doppia per Kevin Love con 25 punti e 16 rimbalzi, 23 punti anche per Kevin Martin.

Phoenix Suns @ San Antonio Spurs 96-99

Altra vittoria per i San Antonio Spurs, ottenuta grazie al 7/7 dal campo di Tony Parker negli ultimi 7 minuti di gioco. Alla fine per il francese 20 punti e sei assist. Nonostante questo, vittoria di sole tre lunghezze sulla squadra dell’Arizona, guidata da un ottimo Markieff Morris, autore di un’ottima doppia doppia dalla panchina da 23 punti (11/13 al tiro) e 12 rimbalzi. Inutili però i 45 punti messi insieme da Bledsoe, Marcus Morris, Plumlee e Gerald Green. Per gli speroni un 8/11 al tiro con 3/6 dall’arco garantisce a Danny Green 19 ottimi punti, da aggiungere ai 17 di Duncan con un 7/12.

Dallas Mavericks @ Oklahoma City Thunder 93-107

Vittoria per i Thunder nello scontro tra le due franchigie della Conference rossa. La partita ha sempre visto i padroni di casa avanti, guidati dalla doppia doppia da 23 punti e 10 assist di Kevin Durant, quella da 17 punti e 13 rimbalzi di Ibaka e i 22 punti di Russell Westbrook, tornato finalmente a disposizione di Scott Brooks. Ottima prova dalla panchina anche di Jeremy Lamb con 13 punti (4/7 al tiro con 3/5 dall’arco). Qualche fuoco d’artificio arriva nel terzo periodo, quando Vince Carter (0 punti fino a quel momento) è stato espulso per una gomitata in faccia al rookie Steven Adams. Non sono serviti a rimontare i Thunder i 70 punti combinati da Ellis, Crowder, Nowitzki e Marion, unici tra gli ospiti ad arrivare in doppia cifra.

Post By Francesco Gentile (154 Posts)

Studente di giurisprudenza. Appassionato delle Big Four, NFL in particolare. Tifoso sfegatato Green & Gold!

Website: →

Connect

One thought on “NBA – Pacers ancora imbattuti, prima vittoria per i Celtics

Commenta