Utah Jazz @ Toronto Raptors 91–115

No-contest al di là del confine, con i padroni di casa che si prendono la terza vittoria stagionale contro i Jazz ancora senza successi. Partita già abbondantemente in ghiaccio all’intervallo, con i Raptors (per l’occasione in divisa mimetica) avanti di 26 punti. Il top scorer per Toronto è Tyler Hansbrough, autore di 23 punti e 7 rimbalzi; ai Jazz non basta il solito, ottimo Gordon Hayward, autore di 24 punti, 7 rimbalzi, 4 assist e altrettante rubate. Per i Raptors un successo che li avvicina al 50% di vittorie, per Utah un altro passo verso la lottery del prossimo Draft.

Orlando Magic @ Atlanta Hawks 94–104

Terza vittoria per gli Hawks, che battono dei Magic mai domi ma i quali manca il centesimo per fare la lira e completare la bella rimonta effettuata nel terzo quarto. Gli ospiti, in doppia cifra di svantaggio, riescono a riportarsi sotto e addirittura a tentare il sorpasso a quattro minuti dal termine, grazie a una tripla di Afllalo (21 punti per lui). Nei minuti finali però Atlanta prende il largo, trascinata da uno scatenato Horford (15 punti, 7 rimbalzi, 7 assist e 4 stoppate) e da Korver (14 punti e 79esima partita con almeno una tripla a bersaglio, superato Dennis Scott al terzo posto assoluto). Doppia-doppia per Teague (19 punti, 13 assist) e Millsap (18 punti, 11 rimbalzi); solo 5 punti per il rookie dei Magic Oladipo.

Indiana Pacers @ Brooklyn Nets 96–91

Partita di cartello al Barclays Center, dove i Pacers conservano la propria imbattibilità portando a casa una partita dura ed equilibrata contro i Nets. Padroni di casa avanti di due lunghezze all’intervallo, ma gli ospiti fanno prove tecniche di fuga tra terzo e quarto periodo, portandosi anche in doppia cifra di vantaggio con poco meno di cinque minuti da giocare; i Nets non mollano, e grazie a una tripla di Pierce accolta da un ferro quanto mai casalingo e a un fade-away di Deron Williams accorciano fino al -3. La palla del pareggio finisce in mano a Joe Johnson, che manda sul secondo ferro una tripla ben costruita; i liberi di West chiudono la contesa, con la settima vittoria dei Pacers e la quinta sconfitta dei Nets. Ennesima grande gara di Paul George, top scorer dell’incontro con 24 punti; Brooklyn paga le 6 palle perse nel quarto finale, che vanificano la rimonta e le doppie cifre di Pierce, Lopez, Johnson e Williams.

Philadelphia 76ers @ Cleveland Cavaliers 125–127

Servono due overtime ai Cavs per avere la meglio sugli indomiti Sixers. I padroni di casa si trovano addirittura a dover rimontare uno svantaggio di dieci lunghezze al termine del terzo quarto; Kyrie Irving e soci, pareggiati i conti, sembrano poter portare a casa la vittoria, ma il layup di Young riporta tutto in parità a quota 107. Una magia di Irving non trova l’aiuto del ferro, e si va così al supplementare. Cavs a un passo dal traguardo anche nel primo overtime, ma i sei punti di vantaggio vengono cancellati da un super Turner (31 punti e 10 rimbalzi) che manda la gara al secondo extra time. Carter-Williams (altra grande gara per lui, con 21 punti, 13 assist e 7 rimbalzi) pareggia a quota 125 con una super tripla in fade-away, ma l’ultima parola spetta ancora a Irving: lo slalom di Kyrie (39 punti, massimo stagionale, e 12 assist) stavolta è vincente, e regala ai Cavs il terzo successo stagionale.

Boston Celtics @ Miami Heat 111–110

Partita pazzesca a Miami, dove i Celtics, vittima sacrificale e per giunta in back-to-back, sbancano la “Triple A” al termine di 48 minuti di grande pallacanestro. Gli Heat impostano il match su ritmi alti e provano a vincerla con l’attacco (settima partita su sette oltre i cento punti per gli uomini di Spoelstra), ma Boston risponde colpo su colpo con percentuali di tiro fantascientifiche. L’equilibrio resta fino ai possessi finali: un LeBron che flirta con la tripla doppia (25 punti, 10 assist, 8 rimbalzi) trova pane per i suoi denti in Jeff Green (24 punti) e Avery Bradley (17 punti, 9 dei quali realizzati nel quarto periodo). Nel finale succede di tutto: Boston è sotto di quattro a 3 secondi dalla fine, Wallace segna il layup del -2 e Wade sbaglia entrambi i liberi per chiudere la gara (il secondo in modo comico, cercando l’errore ma prendendo solo il tabellone). Con 6 decimi da giocare, coach Stevens disegna una rimessa impossibile eseguita alla perfezione da Wallaca, che con un “cross-court” trova Green in angolo: il numero 8 biancoverde, marcato da James e cadendo fuori dal campo, segna l’incredibile tripla che regala il terzo successo consecutivo ai Celtics.

Los Angeles Clippers @ Houston Rockets 107–94

Importante successo esterno dei Clippers, che battono in rimonta i Rockets e si prendono una vittoria che darà fiducia e morale agli uomini di Doc Rivers. La prima parte del match è griffata dai padroni di casa, che fanno gara di testa e toccano la doppia cifra di vantaggio poco dopo l’intervallo; i Clippers però si scuotono, e con un grande terzo quarto rimontano e sorpassano. Il parziale di 18-0 si protrae anche nel quarto periodo, prima che i Rockets tentino la disperata mossa dell’”hack-a-Jordan”: Los Angeles rende pan per focaccia col fallo intenzionale su Howard, e Chris Paul e soci portano a casa il quarto successo in questo inizio di stagione. Redick e Griffin vanno  braccetto per 22 punti a testa, Paul e Jordan chiudono in abbondante doppia doppia (14 e 13 assist il play, 12 e 18 rimbalzi il centro) e Crawford e Collison portano 26 punti complessivi che aiutano i Clips a aggiudicarsi il successo; a Houston non bastano i 23 di Parsons e i 21 di Howard; serataccia per Harden, che chiude con 12 punti (4/15 al tiro).

Golden State Warriors @ Memphis Grizzlies 90–108

Successo di forza per i Grizzlies, che mostrano gli artigli e si impongono in maniera convincente sui Golden State Warriors. Nella sfida tra i rientranti Curry (problema alla caviglia) e Randolph (nascita del figlio) è proprio Z-Bo a avere la meglio, risultando il migliore dei suoi con 23 punti e 11 rimbalzi. Golden State va in vantaggio sul 61-60 grazie a una tripla di Iguodala, ma da lì in poi sono i padroni di casa a fare la voce grossa con l’allungo che vale la vittoria. Memphis manda in doppia cifra sei giocatori, con un 53% dal campo e un +11 a rimbalzo che legittimano il successo. Agli ospiti non bastano i 22 punti di Curry e i 19 di Iguodala.

Dallas Mavericks @ Milwaukee Bucks 91–83

Monta Ellis (18 punti e 5 assist) fa la festa alla sua ex squadra, continuando l’ottimo inizio di stagione e guidando Dallas alla vittoria in trasferta. I Mavs sembrano in totale controllo del match, forti di un vantaggio di 15 lunghezze all’intervallo, ma alzano troppo presto le mani dal manubrio e subiscono la furiosa rimonta dei Bucks guidati dall’altro ex di turno, O.J. Mayo (28 punti). Milwaukee si riporta a contatto, e nel finale Dallas si affida alla sua miglior polizza assicurativa: ci pensa il vecchio Dirk a mettere a blindare il siccesso per i texani, chiudendo con 16 punti e 6 rimbalzi.

Portland Trail Blazers @ Sacramento Kings 96–85

Portland si prende il successo in trasferta, battendo i Kings e portandosi a quota quattro vittorie stagionali. Portland mette subito le cose in chiaro con un solido primo tempo, chiuso avanti di sette lunghezze; il divario si allarga nella ripresa, quando gli ospiti, trascinati da un Aldridge da 22 punti e 14 rimbalzi scollinano la doppia cifra di vantaggio. Sacramento tenta una disperata rimonta nel quarto periodo, affidandosi alla vena di DeMarcus Cousins (33 punti e 12 rimbalzi); una tripla di Batum mette i sigilli sulla vittoria dei Blazers che pensano in grande, mentre i Kings si leccano le ferite della quinta sconfitta in questo avvio di stagione.

Post By Filippo Ferraioli (96 Posts)

Studente in giurisprudenza, amo ogni genere di sport e il suo lato più romantico. Seguace di Federico Buffa, l’Avvocato per eccellenza, perché se non vi piacciono le finali NBA non voglio nemmeno conoscervi.
“Ricordati di osare sempre”.

Connect

One thought on “NBA – Jeff Green batte gli Heat sulla sirena, vittorie di forza per Grizzlies e Clippers

Commenta