20131226-095014.jpgChicago Bulls @ Brooklyn Nets 95-78

Non aprono come avrebbero voluto l’NBA Chrismats Day i Brooklyn Nets, che cadono in casa per mano dei Chicago Bulls. La formazione di casa resiste solo il primo quarto, cedendo il passo in quelli intermedi. Nel parziale decisivo si fa vedere soprattutto Taj Gibson, che chiude la partita con 20 punti e 8 rimbalzi. In doppia cifra per i Bulls anche tutto il quintetto meno Kirk Hinrich, tornato comunque a buoni ritmi dopo l’infortunio. In leggero rialzo i Bulls quindi, mentre cadono ancora i Nets, con un’altra brutta serata di Garnett e Pierce. I veterani ex Celtics combinano per 3-15 dal campo, arrivando a collezionare una dozzina di punti. Male anche Andray Blatche che chiude con 1/11. Inutili i tentativi di Deron Williams di riagganciare la partita, leader della formazione newyorkese con 18 punti. Natale amaro per Jason Kidd e i suoi.

Oklahoma City Thunder @ New York Knicks 123-94

Continua il brutto momento dei Knicks, che subiscono una pesante sconfitta casalinga per mano di Westbrook ed i Thunder. Con Anthony e Felton fermi ai box, gli altri giocatori della formazione blu-arancio cercano di mantenere vivo l’animo al Garden, ma la sonora tripla doppia di Russell Westbrook (14 punti, 13 rimbalzi e 10 assist) ed i 29 punti di Durant (conditi peraltro da 7 rimbalzi e 6 assist) lasciano poco scampo. Oltre a tutto questo ci sono anche 18 punti dalla panchina per Reggie Jackson e 24 punti con 10/14 al tiro per Serge Ibaka. Solo tre giocatori vanno in doppa cifra, invece, per i Knicks: JR Smith, Stoudemire ed il sempre più sorprendente Hardaway jr. Solo 9 punti, e 4/8 dal campo, per Andrea Bargnani nella 19esima sconfitta stagionale per New York.

Miami Heat @ LA Lakers 101-95

Sarebbe dovuta essere probabilmente la partita della serata, ma senza Kobe Bryant i Lakers vengono battuti allo Staples Center da James e i Miami Heat per la quinta volta nella giornata di Natale. Nel corso del match viene dato spettacolo, soprattutto da Wade e James in un paio di ally-oops alzati dal #3 per il #6. Per il primo 23 punti (11/17), 6 rimbalzi e 7 assist, mentre per il secondo i punti sono 19 (7/14), con 8 rimbalzi e 9 assist. Doppia doppia da 23 punti e 11 rimbalzi invece per Chris Bosh. Nonostante tutto però Miami si aggiudica la partita solo nei minuti finali, grazie ai contributi dalla panchina di Xavier Henry (14 punti) e Nick Young (20 con un gioco da quattro punti, il terzo della stagione), che rendono difficili le cose per gli ospiti. Grazie a questa vittoria Miami rimane molto vicina ai Pacers, mentre i Lakers continuano a lottare per portarsi sempre più vicini all’ottavo posto.

Houston Rockets @ San Antonio Spurs 111-98

Partita incredibile quella andata di scena tra le due formazioni texane, che ha visto uscire vittoriosi gli Houston Rockets di James Harden e Dwight Howard. La squadra di Houston realizza nel solo primo quarto 40 punti, mettendo una piccola ipoteca sulla vittoria finale. Merito del vantaggio sono anche le triple di Parsons, che chiude la partita con cinque bombe e 21 punti. Altra doppia doppia da bei vecchi tempi per Superman, a fine partita con 15 punti e 20 rimbalzi. Top scorer del match, invece, è James Harden che segna 16 dei suoi 28 punti nell’ultima frazione di gioco, annientando le speranze di Popovich e gli Spurs. Brutta serata per gli speroni, che stranamente mandano solo tre persone in doppia cifra. Oltre alla doppia doppia di Tim Duncan (11 punti e 14 rimbalzi), realizzano 13 punti Kawhi Leonard e 22 Manu Ginobili dalla panchina. Settima sconfitta stagionale per San Antonio, che cede leggermente il passo a favore di Portland ed OKC, mentre i Rockets si mantengono con il fiato sul collo dei Clippers.

LA Clippers @ Golden State Warriors 103-105

Vittoria di rimonta per i Golden State Warriors, che frenano la corsa dei Clippers. La squadra di casa riesce alla fine ad imporsi su quella ospite, nonostante le non bellissime prestazioni al tiro dei due cecchini Stephen Curry e Klay Thompson. Per il primo 15 punti (5/17) e 11 assist, mentre per il secondo 23 punti (10/22) al tiro ma con un grande effort difensivo ferma nel finale Paul prima e Crawford poi. Inutile la doppia doppia da 26 punti e 11 assist per Chris Paul e quelle di DeAndre Jordan da 13 punti e rimbalzi, e Blake Griffin valida per 20 punti e 14 rimbalzi. 19 punti anche per Jamal Crawford. Battuta d’arresto per i Clippers, che comunque si mantengono in scia degli Spurs grazie alla vittoria dei Rockets, mentre i Warriors mantengono più che viva la corsa alla post season, occupando momentaneamente l’ottava piazza della Conference rossa.

Post By Francesco Gentile (154 Posts)

Studente di giurisprudenza. Appassionato delle Big Four, NFL in particolare. Tifoso sfegatato Green & Gold!

Website: →

Connect

3 thoughts on “NBA – Natale amaro per Nets e Knicks, vittorie importanti ad Ovest

  1. Sicuramente la partita più combattuta ed emozionante della nottata, Golden State comunque ancora al di sotto come classifica di quello che mi aspettavo.

  2. LBJ mi sembra smazzi 4 assist, non 9. LA Clippers @ Golden State Warriors, partita nervosa, con Griffin e Green spediti anzitempo negli spogliatoi e Bogut a martellare. Splendida difesa su Paul nell’ultimo minuto, da parte di GSW

Commenta