Il primo giro dell’NFL Draft 2015 è ormai storia, ecco com’è andato.

(I voti che do sono in gran parte basati sui miei ranking personali dei prospetti, ma ho cercato di dare un’analisi obiettiva di ogni scelta. Per leggere i miei ranking e altri contenuti scritti sul Draft andate su trueblue.playitusa.com o footballnation.it, o potete ascoltare i Podcast di Playit First Pick o Delta House.)

Le prime 20 scelte hanno regalato poche emozioni, ovviamente non tutto e` andato come previsto, ma non ci sono stati i colpi di scena o le grosse sorprese a cui siamo solitamente abituati.

E` stato sorprendente la mancanza di Trades al primo giro, sopratutto nelle prime 20 scelte. La mancanza di scambi nelle prime 14 e` stato sorprendente ed ha aiutato a limitare i colpi di scena.

Sembravano esserci tante squadre disposte e vogliose di scendere al primo giro, e nessuna squadra disposta a pagar un prezzo salto per salire di tante scelte. Anche le due trade viste sono state di poche posizioni e per scelte aggiuntive basse. Mi aspetto molti più movimenti al secondo giorno del Draft dove i prezzi si abbassano e squadra saranno più disposte a fare trade up.

Dalla 21 in poi le scelte diventano pazze, se c’erano poche sorprese ad inizio Draft, le ultime 10-11 scelte sono state un po’ inaspettate.

Si auspicava che questa classe aveSSE poco divario di talento tra il 20° miglior prospetto e il 50-60°, si e` visto nelle ultime scelte che molte squadre sono andate a preferenza ignorando un po il valore del BPA.

Tampa Bay Buccaneerrs, Jameis Winston QB Florida St.

Tampa non ha un potenziale QB franchigia dai tempi di…aspettate, ma Tampa ha mai avuto un QB con questo potenziale? penso proprio di no. Forse l’inizio dell’era Josh Freeman e` l’ultima volta che i Bucs pensavano d’avere un giocatore franchigia sotto centro.

Winston ha avuto una carriera collegiale spettacolare, vincendo un titolo nazionale nel 2013, aggiunto al premio Heisman. E in due anni da titolare ha perso solo una partita, (il Rose Bowl contro Mariota e Oregon). E` facile studiare Winston e vedere come le sue abilita possano aiutarlo ad essere un QB d’alto livello in NFL, sopratutto grazie al sistema Pro-style da qui proviene.

Ci sono due grandi preoccupazioni per Winston. La prima e` il decision making in campo, cosa di cui si parla molto poco, ma e` una parte del suo gioco che ha preso passi in dietro  quest’anno. Ha forzato troppi lanci sul profondo, ed e` stato colpevole di cattive letture sull’underneath. In più ci sono stati anche vari problemi per Winston fuori dal campo, che e` sembrato immaturo nel gestire più attenzione mediatica. I Bucs scommettono nel suo potenziale e sperano che tenerlo vicino a casa possa fargli del bene. 

Con la foto messa online di Winston che mangia granchio e` chiare che non e` ancora maturato del tutto.

Voto: B+

Tennessee Titans, Marcus Mariota QB Oregon

Scelta molto interessante per loro, che decidono di scegliere il QB Heisman per se stessi, non ritenendo nessuna delle offerte in trade degne.

Anche se e` vero che ai Titians piace il giovane QB già in rosa Mettenberger, si sono presi il giocatore col valore più alto, per ruolo giocato, potenziale e anche trade value. Se Mettenbeger riesce ad essere un buon QB, Mariota dovrebbe essere sempre appetibile in trade.

Scrivendo settimanalmente sulla Pac-12 qui su playitusa, Mariota lo conosco bene e mi sono affezionato. Per me ha tutto quel che serve per essere un QB d’altissimo livello, anche se l’adattamento dall’attacco Oregon non sarà dei più semplici. Mariota spicca nel lanciare su corsa, ed al contrario di altri QB spread (penso a Manziel) si e` mostrato competente anche quando forzato a fare una giocata quando contenuto nella tasca.

Anche i Titans non hanno un vero QB di cui ci si possa fidare dai tempi di Steve McNair. E per quanto detto sul sistema Wisenhunt, va ricordato che il HC di Tennessee ha vinto con QB diversi negli anni da Rothlesberger a Kurt Warner a poi Phillip Rivers.

Per quanto posso apprezzare il giocatore e essere ottimista che possa essere sviluppato in questo attacco. E` molto preoccupante che i Titans abbiano gia detto a Mariota che sarà titolare da subito, a meno che l’attacco sarà adatto alle sue abilita penso sia una mossa che potrebbe sciuparlo e rovinare il processo di sviluppo. Ora con Bortles e Mariota la AFC South non e` ha solo Andrew Luck come scelta da top 3.

Voto: A-

3. Jacksonville Jaguars, Dante Fowler Jr. DE-OLB (Edge rusher) Florida

E dai tempi di Del Rio che a Jacksonville si cercava un pass rusher sull’esterno d’impatto, più di tre gestioni fa. Fowler ha il potenziale per essere un DE di talento, con mezzi fisico – atletici di primo livello. E` molto grezzo, l’ho descritto con potenziale di livelli di Robert Quinn e Justin Houston, ma ha anche certe delle stesse preoccupazioni che avevano Berkevious Mingo e Dion Jordan in entrata al Draft un paio d’anni fa.

Gus Bradley sara un buon allenatore per Fowler, che per certi era quasi meglio come OLB tutto fare che DE che deve andare a battagliare sulla linea ogni snap.

Con lui i Jaguars completano la linea su cui avevano gia speso molto in free agency. Il GM Dave Caldwell ha spiegato la scelta dicendo che in una divisione con Andrew Luck serve avere difensori che possano assediare il QB. Dopo aver speso fortemente sull’attacco gli ultimi due Draft, e` stato sensato andare a prendere un difensore su cui cercare di costruire la front-7.

Voto: C+

4. Oakland Raiders, Amari Cooper WR Alabama

I Raiders hanno bisogno di aggiungere ricevitori per il loro giovane QB di promessa. E Cooper e` stato un giocatore spaziale al college quest’anno mostrando d’essere capace di smarcarsi da diverse posizioni e contro qualunque DB. Non un mostro da big play come Sammy Watkins l’anno scorso, ma un corridore di tracce ancora più puro, e veramente letale nel smarcarsi e fare la ricezione difficile.

E` stato scelto lui invece del beniamino di casa Leonard Williams che sarebbe stato un rinforzo importante per la difesa. La scelta di Cooper non si discute. Ora ai Raiders serve aggiungere talento nei prossimi giri.

Voto: A

5. Washington Redskins, Brandon Scherff OL Iowa

Questa e` stata la prima scelta un po’ a sorpresa del primo giro, anche se assolutamente auspicabile e comprensibile. Possibile che Scherff non fosse stimato così in alto da molti, visto che non progetta essere un LT franchigia. Per una squadra come i Redskins che hanno gia il protettore della blindside serviva prendere un rinforzo nelle altre posizioni della OL, e in questo Scherff può essere un titolare d’altissimo livello se non un giocatore elite.

Con coach Gruden portato alla capitale per cercare di mettere a posto i QB e l’attacco, Scherff era un rinforzo che serviva per vedere veramente se continuare col HC e RGIII. Per il nuovo GM che ha detto ripetutamente che avrebbe scelto il BPA, passare su Leonard Williams e` stata una sorpresa.

Voto: B-

6. New York Jets, Leonard Williams DT USC

Scelta molto a sorpresa questa, anche se si parlava di Williams come possibile scelta ai Titans i Jets sembravano essere l’unica squadra che non l’avrebbe scelto visto i due DE stellari nella loro difesa. Williams con Wilkerson e Richardson possono creare un trio sulla DL che non abbiamo mai visto, poco vario ma entrambi grossi con anche buonissime abilita di movimento. Si ipoteca una linea con Wilkerson nel mezzo e Williams e Richardson ai suoi lati, questa su terzi down può essere una linea devastante da affrontare.

Williams e` per molti il miglior giocatore del intera classe, ma e` stato un po a sorpresa vedere che per le prime 5 squadre non era così. I Jets non vanno su un need, ma devo apprezzare il potenziale della linea con Williams. Nel draft scegliere il miglior giocatore disponibile e` sempre la mossa giusta.

Voto: A

7. Chicago Bears, Kevin White WR West Virginia

Scommettono sul talentuoso WR di West Virginia la squadra di casa in questo Draft. White ha un profilo molto simile a l’uno che sta sostituendo nella rosa di Chicago. Come Brandon Marshall e` molto forte nel correre dopo la reception, e` grosso e fisico e nelle palle contestate sa dominare. Cutler avrà ancora una volta un duo che potrebbe essere dominante sull’esterno. Dopo tante aggiunte in difesa la scelta e` comprensibile, ma con la ricca storia di squadra dominante in difesa confesso che sono stato sorpreso che la scelta non fosse stata sull’altro lato della palla. Stanno scommettendo che il nuovo coach Fox possa migliorare la difesa mentre White aiuta l’attacco.

Voto: B+

8. Atlanta Falcons, Vic Beasley OLB – DE Clemson

Scelta molto interessante che personalmente apprezzo molto. Si parlava tanto di una trade up per i Falcons per prendere il pass rusher che volevano, invece aspettano e si trovano uno speed rusher dominante negli ultimi anni nella ACC.

Molto interessante che sia stato scelto da coach Quinn, perché in certi sensi somiglia al vecchio pupillo Bruce Irvin. Beasley e` un pass rusher più completo, ed anche un atleta più devastante. Mi chiedo come voglia usarlo Quinn nella sua difesa in stile Seahawks, Beasley in una 4-3 sembra più adatto come LB della “strong side” ma e possibile che Quinn voglia adattarlo al suo ruolo di LEO DE.

Voto: A-

9. New York Giants, Ereck Flowers OT Miami

I Giants erano dati da molti come squadra che avrebbe preso Scherff se ancora in giro. Invece vanno per un altro OT. Squadra di OT molto interessante questa, con nessun chiaro miglior giocatore ma tanti giocatori che a dipendere dal sistema e da cosa si cerca nel OT potevano andare a chiunque e ovunque. Per certi Flowers e` il miglior OT puro del Draft, e per altri e` una scelta più sicura di Peat, ma con potenziale più da RT forte che da LT franchigia.

I Giants dovevano aggiungere talento sulla OL e nel loro sistema d’attacco Flowers dovrebbe essere un giocatore possente contro la corsa che può aiutare a proteggere Manning.  Scelta che capisco, ma peso che c’era di meglio nella top 10 di Flowers, mi sembra un po una forzatura per need.

Voto: C

10. St. Louis Rams, Todd Gurley RB Georgia

Vera prima sorpresa del primo giro, con i Rams che hanno già 4 RB a roster con Tre Mason scelto nello scorso Draft. Non sembrava essere un need ma con i test medici di Gurley andati in modo positivo, le sue quotazioni sono salite moltissimo. Per talento puro stiamo parlando di un RB assolutamente speciale che e` sicuramente a un altro livello di qualunque altro giocatore in rosa. E visto i tanti elementi già in squadra i Rams non dovranno affrettarlo se non e` pronto fisicamente dalla week 1.

Il problema principale per questa scelta, e` che l’attacco di St. Louis manca di elementi sulla linea, e chi sa quanto potrà rendere Gurley con una linea al di sotto della media. Sono pochi i RB che possono migliorare come gioca la propria OL, con Marshawn Lynch e Adrian Peterson forse unici che metterei in questa categoria, e Gurley ha quel tipo di potenziale, se rimarrà sano.

Penso che l’idea di  coach Fisher fosse stata di seguire il modello Seattle, con già tanto talento in difesa si spera che Gurley possa essere un uomo simbolo dell’attacco che migliora e apre spazi per i compagni. Insomma, il tipo di aspettative che non si metteva su un RB da tempo.

Voto: B

11. Minnesota Vikings, Trae Waynes CB Michigan St.

I Vikings optano per quello che e` dato da molti come il miglior CB della classe. Coach Zimmerman aveva bisogno di un altro giovane DB da mettere opposto a Xavier Rhodes. Waynes arriva da una buonissima stagione, ma ha anche sofferto contro i migliori attacchi affrontati, e non e` il progetto sicuro o fatto e finito come lo danno certi. Ma buon CB molto adatto a giocare in press coverage.

In una division come l’NFC North serve avere almeno due CB competenti, con Rhodes e Waynes e certi degli elementi che hanno in pass rush, Zimmerman potrebbe avere un gruppo difensivo che pian piano comincia a promettere molto bene. Vedremo se andranno a prendere un arma in più a Teddy. Capisco la logica ma non amo il giocatore, ma penso sia nelle mani giuste.

Voto: C+

12. Cleveland Browns, Danny Shelton NT Washington

Con la peggiore difesa contro la corsa nella lega quest’anno i Browns prendono Shelton e vanno su un giocatore di gran talento, che può prendersi doppi blocchi e spingere in dietro la tasca e dominare OL quando bloccato nell’uno contro uno.

Un NT abbastanza raro per le abilita di movimento e una scelta che per valore molto giusta, con Shelton che meritava una presa tra le prime 10-15 scelte. Il need del WR c’era sicuramente e passare su Parker non può esser stata una decisione facile.

Il GM Ray Farmer si diceva volesse costruire la rosa prima dalle trincee e poi fuori e con Shelton prendono uno dei miglior giocatori di linea dell’intero Draft attacco o difesa.

Voto: A-

13. New Orleans Saints, Andrus Peat OT Stanford

Simile a Flowers ai Giants, Peat sarebbe potuto andare ovunque a dipendere da quel che serviva alla squadra. I Saints che hanno dichiarato più volte questa offseason di voler cambiare un po stile, e diventare una squadra più fisica vanno a prendersi un OT enorme che quando gioca al meglio ha un atteggiamento aggressivo combinato a un potenziale immenso.

Tra tutti i potenziali OT, Peat e` quello col potenziale più alto e quello che promette più di tutti d’essere un futuro LT.

Eppure nonostante tutte le doti grandi doti di Peat, quest’anno ha deluso giocando proprio male a tratti. Sopratutto le troppe flag subite preoccupano, se non migliora l’aspetto del gioco i Saints avranno tanti drive fermati da Peat per colpa di offside o holding.

Con cosi tante scelte ad inizio Draft, pensavo che i Saints si sarebbero permessi di andare di miglior giocatore disponibile. Passare su DeVante Parker, Alvin Dupree e anche Shane Ray e` stata una sorpresa.

Voto: C

14. Miami Dolphins, DeVante Parker WR Louisville

Una delle poche scelte fino a questo punto dove il need maggiore della squadra e` anche il miglior giocatore rimasta (detto il BPA). Parker e` un talento fantastico che per me meritava persino la top 10 dopo aver dominato per mezzo anno nel 2014 e fatto grandi numeri con Bridgewater nel 2013. Dopo aver speso fortemente sulla OL nella scorsa offseason, e aggiunto target nell’underneath con Kenny Stills e Jordan Cameron ora trovano un arma di primo livello sull’esterno per Tannehill che ora non ha più scuse e dovrà migliorare un grande salto in avanti.

I Dolphins hanno speso grosso su Suh in free agency, e fatto altre mosse importanti e rischiose in questa offseason, ma la scelta di Parker e` un aggiunta perfetta per quello che serviva a Miami. In quanto a valore e need una scelta per me perfetta.

Voto: A+

15. San Diego Chargers, Melvin Gordon RB Wisconsin

I Chargers fanno una trade per guadagnare due posizioni al primo giro e prendere l’ultimo RB meritevole di un primo giro. Per assicurarsi il diritto di scegliere Gordon hanno dato via un quarto giro, quindi non hanno sacrificato molto. Gordon e` stato un corridore spettacolare a Wisconsin, dominando, e mostrando un accelerazione impressionante su un corpo ben scolpito e potente sopratutto nelle gambe. Bravo a evitare il contatto e un corridore esplosivo e macchina da big play, deve ancora raffinare tanti degli altri aspetti del suo gioco, ma i punti di forza più importanti ci sono.

Si sa quanto abbia scocciato Rivers la perdita di Darren Sproles e ancora prima di Tomilson. Gordon restituisce un RB di primissimo livello, che può aiutare a prendersi un po del peso dell’attacco Chargers. Chi sa che sia questa la mossa che serviva per rendere contento il QB.

Discreto valore, anche se sorprende sicuramente vedere due RB andare tra le prime 15 scelte dopo l’assenza di giocatori nel ruolo negli ultimi due Draft. Buona scelta, ma era questo quel che serviva per fagli fare il salto di qualità e tornare ad essere contendenti?

Voto: B-

16. Houston Texans, Kevin Johnson CB Wake Forrest

Interessante la trade dei Charges anche per i Texans, perche conferma i rumors pre draft che la squadra fosse interessata a un RB, e si presume sia stato anche per questo che San Diego ha fatto trade up di solo due posizioni.

Ai Texans va probabilmente anche meglio così, prendendosi un grandissimo CB in copertura sull’esterno e uno dei giocatori più sottovalutati della classe. Johnson e` un po magrolino ma gioca con una buona aggressività, e` eccellente in copertura sull’esterno e mostra anche buone ball skills dove anche  aiutato dal corpo lungo. Per quanto si sia parlato dei numeri fatti da Waynes alla Combine nelle 40 yard, Johnson ha saltato meglio e mostrato abilita molto migliore nei test di cambi di direzione. Basato sui filmati collegiali Johnson mi piace persino più di Waynes, e se solo avesse giocato per Alabama o LSU e non Wake Forrest staremo parlando di un talento da top 10 scelte.

Ai Texans serve aggiungere elementi buoni in copertura, sperando che Clowney torni sano e possa creare con Watt una pass rush dominante.

Voto: B+

17. San Francisco 49ers, Arik Armstead DE Oregon

Questa e` una scelta fatta specificamente per il nuovo coach Tomusula che e` conosciuto per essere uno dei migliori allenatori nel sviluppare giocatori della DL. I 49ers dovevano rinnovare diverse posizioni in difesa dopo un offseason difficile piena di perdite.

Con Haurbaugh era evidente l’importanza del DE nel loro sistema, con Justin Smith uomo essenziale nel aprire spazi alla pass rush sull’esterno e nel chiudere varchi per la rosa. Armstead e` molto diverso da Smith ha più fisico, ed e` un atleta immensamente superiore. Ma il motore, la grinta e l’aggressività sono tutti aspetti che rendono Smith un giocatore splendido in NFL, ma punti di domanda che si porta dietro Armstead. Se avessi giocato con più grinta e costanza all’università staremo parlando di un DL di talento simile a Leonard Williams, ma in numeri e i filmati a Oregon parlano chiaro. E` messo nelle mani giuste per essere sviluppato e ha già esperienza giocando da DE in una linea a 3. Con tante scelte fatte negli ultimi due Draft i 49ers hanno più depth e opzioni per tappare buchi a roster di quel che si pensi, ora servirà trovare un ILB e altre armi per Kaepernick nei prossimi giri.

Voto: C

18. Kansas City Chiefs, Marcus Peters CB Washington

Giocatore dal potenziale altissimo, e al contrario d’altri col potenziale alto ha già giocato a livelli altissimi con costanza. Cade fino a questa scelta perché espulso da Washington nell’ultimo anno, e perché ha avuto problemi d’atteggiamento e non ha saputo adattarsi al nuovo coaching staff (che ha fatto esplodere altri compagni in difesa). Quando visto nel 2013 Peters mostra d’esser un CB dominate, soprattutto in press coverage. I Chiefs in una division con QB veterani e un QB giovane che ha appena aggiunto un arma di primo livello avevano un forte bisogno di aggiungere depth e qualità in copertura, soprattutto con la difficile situazione di Eric Berry che e` il loro leader difensivo, sopratutto nelle secondarie. Con la pass rush che hanno aggiungere un giocatore come Peters potrebbe rendere vita molto più difficile su QB immobili come Manning e Rivers, e anche Carr sotto pressione non e` mica un mago.

Voto: A

19. Cleveland Browns, Cameron Erving OC Florida St.

Un OL molto versatile dal gran fisico, e con atletismo e potenziale di primo calibro. E` sicuramente una scelta a sorpresa quella di Erving, non ci sono dubbi che meritasse una scelta così in alto, ma come lo vorranno usare i Browns?

Si e` parlato molto di Cleveland che fosse in cerca di un RT come erede a Schwartz che e` in scadenza il prossimo anno. Erving ha il potenziale per fare l’OT ma merita una scelta nelle 20 solo se scelto come OL interno. Magari sarà usato come OG il primo anno per poi spostarlo o Bitonto sul lato destro della linea. L’altra cosa che va ricordata con questa scelta e` come i Browns fossero in piena corsa ai playoff e al titolo di Divison prima che si infortunasse il loro OC Mack. Con Erving non ci sarà questo stesso calo di rendimento, e al primo anno completa la linea dei Browns alla grande e si rende anche un sostituto di lusso. Sotto questo aspetto la scelta si capisce in pieno, soprattutto visto il talento del ragazzo. Ma una squadra come Cleveland poteva permettersi una scelta di lusso come questa? c’erano altri giocatori, soprattutto pass rusher e WR che avrebbero potuto avere un maggiore impatto per loro. Se prima eravamo riassicurati che Farmer e la dirigenza Browns volessero costruire la squadra dalle trincee in fuori con questa scelta e` confermata.

Voto: C+

20. Philadelphia Eagles, Nelson Agholor WR USC

Gli Eagles a questo punto avevano ancora diverse opzioni da cui scegliere, con maggior parte de prospetti accostati a Philadelphia ancora disponibili. Agholor sembra un sostituto quasi perfetto per Maclin ed e` un altro giocatore che Kelly sceglie dalla sua ex conference collegiale, la Pac 12. Il WR era uno dei need più importanti per gli Eagles, e con Agholor hanno un duo molto intrigante, giovane e complementare con Jordan Matthews. Serviva anche un aiuto nelle secondarie e con la profondati della classe di WR serve chiedersi se si poteva aspettare. Ma con le quotazioni di Agholor in ascesa c’erano buone probabilità che poteva essere scelto attorno a questa scelta comunque.

Per una volta tanto Kelly non fa una scelta troppo a sorpresa e non fa trade, quasi noiosa come scelta per gli standard a cui siamo ormai abituati.

Voto: B

21. Cincinnati Bengals, Cedric Ogbuehi OT Texas A&M

Da cui in poi il draft e` cambiato un po` le scelte non sono state così ovvie come ad inizio giro. La scelta di Ogbuehi e` ha sorpresa dopo un ultimo anno con gli Aggies difficile finito con un infortunio al ACL nel Bowl di fine anno. Per questo si pensava che poteva cadere fino al secondo o anche terzo giro. Ogbuehi con Erving e Peat erano tutti considerati prospetti d’altissimo livello ad inizio stagione collegiale, ma Ogbuehi ha sofferto un po la conversione a LT dopo aver giocato a destra l’anno prima, e` persino stato ri spostato a destra prima che si infortunasse. E un OT molto capace contro la corsa, che si muove benissimo con anche un fisico longilineo e atletico. Il potenziale di LT sembrava esserci ma dopo aver giocato male nel ruolo i dubbi esistono. Se non usato come LT Ogbuehi può essere un buonissimo uomo di linea quando recuperato dall’infortunio.

I Bengals non hanno tantissimi need immediati, ma con entrambi OT titolari che andranno in scadenza il prossimo anno guardano al futuro e scelgo un giocatore che possono sviluppare. Ogbuehi ha anche giocato bene come OG ad inizio carriera ad A&M ed ha buonissima versatilità. Capisco la scelta in pieno, e capisco che sono una delle poche squadre che posso permettersi di aspettare che Ogbuehi venga sviluppato. Non e` una scelta che aiuta da subito, e sembra un po troppo una luxury pick per una squadra che sta tentando di fare il passo in avanti e vincere ai playoff.

Voto: D+

22. Pittsburgh Steelers, Alvin “Bud” Dupree OLB – DE Kentucky

Con moltissima Hype recente e` stata una vera sorpresa vedere Dupree scivolare fino alla 22. Cade fino a questo punto perché non ha giocato con moltissima costanza e` non si e` mostrato un pass rusher fantastico. Ma c’e` il materiale grezzo con cui lavorare ed ha sicuramente un potenziale molto alto come mostrato alla combine, con una grande combinazione fisico – atletica.

Per il sistema Steelers e quello che storicamente hanno cercato in un OLB Dupree e` perfetto, molto più grosso e adatto, del mai sano Jarvis Jones. E potrebbe essere l’erede ideale di James Harrison che arrivato agli Steelers era molto più grezzo di quel che e` Dupree. Considerando l’importanza dell’edge rusher questa sembra essere una gran scelta. Anche se per me Dupree pareva un po sopravalutato nelle valutazioni recenti, penso che il suo valore sia giustissimo a questa scelta.

Voto: A

23. Denver Broncos, Shane Ray DE – OLB Missouri

Questa e` l’altra trade della giornata, con i Broncos che cedono un quinto giro quest’anno e l’anno prossimo a Detroit con anche Manny Ramirez. Salgono all 23 per prendere Ray che fino a un mese fa era considerato uno dei 10 miglior talenti di questa classe e dopo un problema al piede che potrebbe tenerlo fuori ad inizio anno e un problema fuori dal campo a una settimana dal Draft ha visto le sue quotazioni calare moltissimo.

Sorprende quasi che Denver debba salire per prenderlo ma con 4 scelte compensatorie, 10 totali al Draft quest’anno e già molti posti a roster potevano permetterselo. Dopo la scelta si dice che siano saliti per paura che Baltimore l’avrebbe preso.  L’altra sorpresa e` che Denver vada per un pass rusher e non per un RT come molti auspicavano. Con Von Miller e Ware il need non sembra dei più ovvi, ma con Miller in scadenza l’anno prossimo e Ware che ha un terzo anno non garantito Ray potrebbe essere l’erede di uno o entrambi.

Ha una velocità impressionante, un primo passo devastante, ed usa le mani a una velocità lampo e con gran violenza. Nel  girare l’angolo e supremo, e a Missouri e` stato spostato ovunque sulla linea ed ha prodotto molto, mostrando d’essere non solo un arma sull’esterno ma un rushatore più completo. Nello spazio non entusiasma e sarà interessante vedere come verra usato in una 3-4 visto che ha Missouri ha giocato principalmente con la mano a terra ed ha e` stato ultra produttivo. Al primo anno può essere un pass rusher situazionale, che creerà situazioni da gratta campo a attacchi avversari. E` anche un chiaro segnale ai giocatori in rosa che sono ben visti da tifosi e media, ma l’anno scorso quando l’attacco non ha prodotto ai massimi livelli non sono stati capaci di dominare come dovrebbero. Elway non accettare più 0 sacks in uno scontro playoff.

Voto: A-

24. Arizona Cardinals, DJ Humphries OT Florida 

Humphries si diceva sarebbe andato in questo range del draft, ma e` finito alla 24 non alla 25 come prevedevano tutti i Mock. I Cardinals avevano già aggiunto buoni elementi di linea l’anno scorso, ma evidentemente non soddisfatti hanno scelto di aggiungere un OT, molto agile e longilineo che in pass protection spicca ed ha buonissimo potenziale da LT.

Humphries si e` dichiarato al Draft a sorpresa, e non ha giocato moltissimo a Florida durante l’intro arco della sua carriera perché spesso infortunato. Ma ha buonissime doti atletiche ed il profilo promettente come LT non si può ignorare, il valore e` buono a questa scelta anche se non straordinario.

Interessante come sarà usato da subito Humphries nell’attacco di Arizona. Il sistema di bloccaggio dei Cardinals mirato molto più sulla power-block non sembra il più adatto a Humphries, che sarebbe al meglio in un sistema di zone-block dove le doti di movimento e l’atletismo potrebbe essere sfruttato al meglio.

Voto: C

25. Carolina Panthers, Shaq Thompson OLB – SS Washington

Una delle scelte più difficili da capire di questo intero primo giro. Seguendo la Pac-12 tutto l’anno Thompson e` un giocatore che stimo moltissimo, un vero e proprio playmaker difensivo ed un giocatore che potrebbe essere fondamentale nell’NFL moderna viste le sue abilita in copertura e la versatilità di ruolo.

Ma a Carolina cosa serve un altro LB? e sopratutto un LB che sia abile in copertura. Considerando che il punto di forza della squadra e` proprio il fronte a sette e` stata una scelte difficile da capire, e che anche ora stento a inquadrare per bene come vorranno usare Thompson nella loro difesa. Con i need di WR, OT e DB e una classe profonda di LB e Safety in the box che potrebbero essere usati in modi simili a Thompson nella difesa di Carolina, stento a capire la logica.

Voto: C-

26. Baltimore Ravens, Breshard Perriman WR UCF

Come detto sopra si sta dicendo che i Ravens erano interessati a Shane Ray e l’avrebbero preso se Denver non fosse salita a rubaglielo. Considerando i need la scelta di un WR che possa allungare la difesa sul lungo e sfruttare del tutto il braccio di Flacco serviva e Perriman in questo senso e una scelta con un suo perché.

In tanti sensi ricorda molto l’uomo che gli sarà chiesto di sostituire, Torrey Smith che anche lui ad uscita dal College aveva diversi dubbi sulle mani, visto che aveva avuto troppi drops a Maryland. Perriman ha lo stesso esatto problema con le mani, cosa che preoccupa molto, ha anche il difetto di non creare sempre separazione non ostante una velocità sul lungo molto naturale. Dovranno lavorare molto sulle mani, correre tracce e riuscire a esplodere sulla linea contro press coverage ma ai Ravens e Flacco un ricevitore così serviva e coach Trestman può esser l’uomo giusto per svilupparlo. Mi chiedo solo se Perriman era il migliore WR velocista rimasto con ancora Dorsett, Devin Smith e Sammie Coates in giro.

Voto: C-

27. Dallas Cowboys, Byron Jones CB – S Connecticut

Jones e` salito su molte Board dopo una Combine assolutamente spettacolare, dove ha anche battuto il record mondiale per salto in lungo. Abilita atletiche scintillanti, e Jones non e` solo un classico “workout warrior” avendo esperienza da titolare per 4 anni e giocando sia da Safety che da CB. Ha un buonissimo fisico ed e` molto esplosivo, in copertura ha un paio di limiti, e pare essere più adatto come Safety dove può sfruttare al meglio i suoi punti di forza.

Sicuramente un elemento che aiuterà le secondarie dei Cowboys aggiungendo stazza e versatilità al reparto.

Il valore della scelta e` discutibile ma per con tanta hype recente attorno poteva andare anche molto prima.

Voto: C

28. Detroit Lions, Laken Tomilson OG Duke

Dopo aver aggiunto un uomo di linea nella trade down con Denver vanno a rinforzare ancora la OL interna. Tomilson e` stata forse la scelta più sorprendente dell’intero primo giro, il giocatore vale, e come OG da garanzie d’essere un titolare molto buono ed e` una scelta molto sicura. Ma il potenziale e` più di una scelta da 2-3 giro che di un giocatore nel primo giro. Al contrario di altri OL presi in questo primo giro Tomilson e` solo una guardia e non offre molta versatilità di ruolo in questo senso. Ma e` un bloccassero interno molto pulito che crea varchi nella corsa ed e` abile nel proteggere il QB.

I Lions raddoppiano e prendono due OG e aggiungo depth e esperienza con Ramirez e anche due scelte più in la al Draft. Se era questa la scelta che volevano fare e` stata la mossa giusta fare trade down e aggiungere più depth.

Voto: D

29. Indianapolis Colts, Phillip Dorsett WR Miami

La presa di Dorsett per i Colts e` stata molto sorprendente visto che i Colts avevano need in diversi reparti tranne quello dei WR. In più e proprio la presa di Dorsett che viene difficile da spiegare, non per il valore del giocatore che non si discute ma più perché sembra troppo simile a TY Hilton, e pochi attacchi oggi giorno hanno due WR velocisti, sotto dimensionati.

L’idea e` questa, con Dorsett e Hilton non ci sono squadre nel NFL che hanno due CB che possono stare dietro a entrambi questi giocatori (veramente sono poche le squadre con 1 CB capace di stare dietro a uno dei due).

Con i due nani veloci in aggiunta ai due TE, un reparto RB sfoltito e un ricevitore di possesso come Andre Johnson l’attacco Colts ha elementi di qualita` ovunque e sara quasi impossibile marcare tutti questi targets e ora raddoppiare Hilton diventa una proposizione molto difficile.

Ma se i Colts non hanno vinto il Super Bowl non era per una mancanza di target di qualità ma più perché erano completamente incapaci di limitare il gioco di corse dei Patriots. La presa e` molto intrigante, ma quanto migliora veramente le prospettive Super Bowl dei Colts? con un gruppo cosi profondo di WR potevano probabilmente aspettare e andare su need più immediati.

Voto: D

30. Green Bay Packers, Damarious Randall S Arizona St.

Altra scelta interessante per il need della squadra. Con già Morgan Burnett e la prima scelta dell’anno scorso Clinton-Dix come Safety titolari, non e` chiara la logica dei Packers in questa scelta. Randall e` un nome che ha guadagnato molto appeal nell’ultimo mese. Non un classico prospetto da primo giro nel ruolo di Safety, e` un po sotto dimensionato, ma ha buone abilita in copertura, come Center Fielder può coprire moltissimo campo e può anche essere usato in copertura nello slot dove si e` comportato discretamente quest’anno.

E` possibile che I Packers siano così innamorati delle sue doti in copertura che lo vedono come possibile titolare anche nel ruolo di CB. Al meglio Randall può essere un giocatore da Nickel già da subito, ed essere impiegato in un ruolo ibrido di FS/ slot CB simile a Tyran Mathieu, Jimmie Ward e Lamarcus Joyner furono scelti lo scorso anno con la stessa idea in mente.

Voto: D

31. New Orleans Saints, Stephone Anthony ILB Clemson

Anthony con Beasly e` stato fenomenale per la difesa di Clemson quest’anno. E dopo essersi mostrato un giocatore fantastico a livello collegiale ha mostrato doti atletiche sorprendente alla Combine. Anthony e` un tackler dinamico, con un grande fiuto per la palla e buonissimi istinti. E` stato un leader per Clemson in difesa.

Anche se e` sembrato un buon atleta all Combine ha mostrato poco in copertura ed e` un aspetto del suo gioco che dovrà raffinare. Con una classe di LB interni che aveva visto nessuno preso a questo punto la presa di Anahtony e sembrata alta non ostante il talento del giocatore e` sicuramente buonissimo.

I Saints hanno bisogno disperato di aggiungere LB ovunque, sull’interno o l’esterno cambia poco. Ma come per Peat ci si deve chiedere se i Saints potevano optare per un giocatore migliore con un valore migliore a questo punto.

Voto: D+

32. New England Patriots, Malcolm Brown DT Texas

Sembrava scritta la trade down dei Pats a questa scelta, ma con un talento come Brown che ha fatto tutto giusto nella Draft process hanno fatto una scelta ottima. Con la perdita di Wilfork un altra presenza nel mezzo della DL per fermare la corsa serviva, e anche se Brown e diverso come tipo di DT da Wilfork spicca contro la corsa. Brown e` un DL molto completo, con gran fisico e anche discrete abilita di movimento. E` molto adatto alla difesa Pats che diventa sempre più 4-3 e meno 3-4, ed e` molto complementare a Dominque Easly che se pienamente sano potrebbe essere un duo devastante nel mezzo della difesa.

Non sono andati per un CB, ma aggiungono un need e prendono anche un giocatore che meritava chiaramente il primo giro all’ultima scelta.

Voto: A+

Post By Andre Simone (19 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.