panthers-falcons-football-deangelo-williams_pg_600Carolina 21 at Atlanta 20

I Panthers strappano il titolo di campioni della Nfc South e il bye week ai play off superando i rivali di Atlanta grazie a un’altra gran prova del reparto difensivo! Spiccano su tutti i quattro sacks realizzati da Greg Hardy e l’intercetto riportato in touchdown da parte del rookie cornerback Melvin White i quali sigillano il 12-4 con cui Carolina chiude la stagione regolare.

L’attacco ospite è ancora troppo spesso altalenante: Cam Newton lancia 149 yards, 2 td, un intercetto e corre 72 yards; le marcature sono realizzate da Ted Ginn e Greg Olsen mentre DeAngelo Williams produce 107 yards tra corse e ricezioni anche se perdendo un fumble ad inizio partita. La difesa brilla con 9 sacks realizzati e il solito egregio lavoro nel contenere le corse avversarie.

Matt Ryan gioca una gara da 28 lanci completi su 40 per 280 yards, 2 td e un intercetto: Roddy White riceve 91 yards e firma uno score personale mentre l’altro touchdown è siglato da Jason Snelling. Nell’ultimo minuto i Falcons avevano il pallone per provare a pareggiare, ma uno snap anticipato condanna l’attacco a perdere numerose yards consegnando la partita ai Panthers.

Un tributo speciale spetta a Tony Gonzalez: riceve 56 yards in 4 palloni, peccato che non chiuda la sua fantastica carriera con una vittoria che di certo avrebbe meritato così come quel Super Bowl mai raggiunto. Per lui ci sarà spazio sicuramente nalla Hall of Fame.

Baltimore 17 at Cincinnati 34

I Ravens si condannano alla eliminazione dai play off giocando un quarto quarto orribile contro i già qualificati Bengals. A decidere il rush td di un rivedibile Andy Dalton e il pick six firmato dall’ex Alabama Dre Kirkpatrick, inoltre per la gestione Harbaugh è il peggior risultato dal 2008.

Andy Dalton lancia si 281 yards e 2 touchdown oltre a correrne uno, ma concede anche 4 intercetti che tengono a lungo in partita i Ravens. A.J Green a Marvin Jones realizzano i due score anche se generalmente si muove bene tutto l’attacco tigrato oltre alla solita ottima difesa.

Nei Ravens Joe Flacco lancia 50 volte completando 30 passaggi per 192 yards, un td siglato da Marlon Brown e ben tre intercetti. Running game pressoché nullo e la sconfitta pesa ancor di più pensando che Miami è stata contemporaneamente sconfitta dai Jets. Unica nota positiva il kicker Justin Tucker, sempre preciso e puntuale con 3 field goal realizzati che lo rendono il miglior score nella storia di Baltimore in una singola stagione.

NY Jets 20 at Miami 7

I Dolphins combinano un pasticcio bello grosso fallendo l’appuntamento finale che li avrebbe lanciati dritti ai play off! I Jets si impongono grazie ai due rush touchdown siglati da Sheldon Richardson e da Geno Smith oltre ai due field goal di Nick Folk che nel secondo tempo sigillano la partita. Nei Jets brilla l’intero running game che produce 154 yard con un Bilan Powell da 76 yards, inoltre la difesa riesce a piazzare tre intercetti. La vittoria e il buon momento finale valgono a Rex Ryan la conferma per la prossima stagione!

I Phins compiono un mezzo suicidio: Ryan Tannehill completa 20 passaggi su 40 per 204 yards e un solo td siglato da Mike Wallace, l’attacco prova ad aiutare con un Lamar Miller da 73 yards ma a poco servono perché il confronto di tre turnovers a zero pesa parecchio e Miami vede così la sua qualificazione ai play off volare via. Rimarrà tutta esperienza a vantaggio dei delfini, certo che Tannehill e compagni si sono impegnati per gettare al vento una qualificazione che ormai sembrava fatta.

Cleveland 7 at Pittsburgh 20

Pittsburgh supera i Browns e tiene vive le speranze di playoff complici le sconfitte di Baltimore e Miami, tutto dipenderà dal risultato di San Diego. Ben Roethlisberger non gioca proprio una gara esaltante lanciando solo 179 yards, un touchdown a Jerricho Cotchery e due intercetti; a risolvere tutto ci pensa un Le’Veon Bell da 90 yards e uno score personale e il solito Antonio Brown da quasi 100 yards ricevute.

I Browns si affidano di nuovo a Jason Campbell ma vedono il loro record fermarsi a 4 vittorie e 12 sconfitte: Campbell lancia 240 yards, un td e un intercetto giocando sotto una costante pressione. L’unico touchdown della giornata è realizzato da Fozzy Whittaker mentre Josh Gordon chiude una super stagione con una prova da 7 prese per 82 yards. Gli Steelers possono così sperare ancora in una wild card  con il record in parità nonostante parecchi li abbiano continuamente criticati da inizio stagione.

Jacksonville 10 at Indianapols 30

Indi chiude col botto questa stagione con il record di 11-5 e la partecipazioni ai prossimi play off. Andrew Luck lancia 282 yards e un td a Griff Whalen anche se il miglior receiver rimane T.Y. Hilton con 11 prese per 155 yards; i due running back Trent Richardson e Donald Brown combinano per 80 yards e uno score a testa poi il piede di Adam Vinatieri fa il resto.

I Jaguars terminano l’anno con il record di 4-12 dando comunque qualche segnale positivo: Chad Henne completa 30 passaggi su 51 per 331 yards, un touchdown e un intercetto subito: gran serata per lo sconosciuto Kerry Taylor che riceve ben 8 palloni per 75 yards e l’unico touchdown dei suoi. Ora la dirigenza dovrà lavorare bene in off season per trovare il quarterback giusto a cui affidare la squadra perché di Henne e Gabbert forse a Jacksonville non si vuol più sentir parlare.

Houston 10 at Tennessee 16

I Texans finiscono con il record di 2-14 e avranno il top pick al prossimo draft. Matt Schaub gioca probabilmente la sua ultima partita a Houston finendo con due intercetti subiti e nessun touchdown, l’unico acuto del pomeriggio è firmato dal RB di riserva Jonathan Grimes autore di una prestazione da 126 yards totali. In difesa JJ Watt ci mette parecchio orgoglio ma i sui 9 placcaggi, un sacks e 5 tackle for loss servono a poco quando manca un gruppo a sostenerlo.

I Titans chiudono con un record di 7-9 forzando 4 turnovers e vincendo grazie al rush td di Chris Johnson ed i tre field goal di Rob Bironas. Buona prova di Johnson che ritrova i migliori momenti correndo 127 yards in 27 attacchi, al resto ci pensa la difesa con due intercetti messi a segno e due fumble recuperati.

Washington 6 at NY Giants 20

I Giants conquistano un’ultima gioia stagionale firmando il record di 7-9 che potrebbe valere ancora la conferma all’intero corpo allenatori. Eli Manning lancia 152 yards, un td e subisce un intercetto poi è costretto ad abbandonare il campo per un infortunio alla caviglia lasciando posto a Curtis Painter che in 8 lanci riesce a subire pure lui un pick. A far vincere la partita è il wide receiver Jerrel Jernigan, il quale corre due volte ottenendo 57 yards e uno score, poi riceve 6 palloni per 90 yards e un altro touchdown che valgono la vittoria per i suoi compagni.

Nei Redskins Kirk Cousins è protagonista di una pessima partita in cui completa solo 19 passaggi su 49 e subisce 2 intercetti senza mai segnare un touchdown. Il back field produce 91 yards ma mai l’attacco riesce a mettere a segno uno score pesante che renda quest’ultima uscita meno amara perché la detentrice della corona della Nfc East finisce l’anno con sole 3 vittorie, l’ultimo posto nella division e la sua prima scelta in mano ai Rams. Aspettando RG3, è tempo di grandi pensamenti in casa Redskins con un 3-13 che fa parecchio male!

 

Post By Federico Vedovelli (538 Posts)

Student, rugby referee, Carolina Panthers, NCAA Football, NBA, Radio Play.it. Affascinato da Twitter: CamFederico

Connect

4 thoughts on “NFL – Week 17 Results (1/2)

  1. Washington si è suicidata…cousins nn ha reso come ci si aspettava da lui e nn ha sfruttato l`occasione…e in più questo “tank involontario” nn li favorirá nemmeno al draft…ke situazione!!
    Miami ha di nuovo fallito i playoffs purtroppo…ma si può sperare che se l`hanno prossimo lo staff riuscirà a mettere le giuste convinzioni nei giocator, l`anno prossimo faranno una grande stagione

    • Beh era normale che lo tagliassero, anzi mi sarei sorpreso del contrario…l’anno scorso ha quasi distrutto la carriera del QB che doveva prendere in mano la squadra per il prossimo decennio e a quanto pare anche Cousins non è stato gestito al meglio…!! Inoltre la squadra si è disunita e molto spesso le scelte dello staff hanno influito!! Ora dovranno ricostruire per l’ennesima volta e anche senza la prima scelta al draft…auguriii ai Redskins e ad RGIII

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.