Ryan Hunter-Reay ha ottenuto a Pocono la sua seconda vittoria stagionale, ma ovviamente la gioia per il successo è stata smorzata dal drammatico incidente che ha visto coinvolto il suo compagno di squadra all’Andretti Autosport Justin Wilson. Il pilota inglese è stato colpito accidentalmente da un pezzo di musetto della vettura di Sage Karam, andato a muro in curva 1 quando si trovava in testa alla gara a venti giri dalla fine.

Hunter-Reay ha preso il comando poco dopo il restart seguente l’incidente di Wilson. Gabby Chaves, che aveva ereditato il comando da Karam, ha subito perso il comando a favore di Takuma Sato, passato a sua volta dopo un giro da Hunter-Reay e Josef Newgarden. Al giro 197 la rottura del motore Chaves ha determinato l’uscita delle bandiere gialle e la gara è terminata in regime di caution. La gara è stata caratterizzata da numerose caution, ben 12, molte causate da incidenti, tra cui quelli di Helio Castroneves, Tony Kanaan e Marco Andretti, e ben 30 cambi di leadership. L’incidente più importante è stato quello che ha visto protagonista Graham Rahal, secondo in campionato. Il pilota americano è finito a muro al giro 92 a causa di un contatto con Tristan Vautier, che cercava di passarlo all’interno della curva 3 con un mossa azzardata. Grazie al terzo posto dietro Hunter-Reay e Newgarden, Juan Pablo Montoya allunga così in campionato e si presenterà domenica prossima a Sonoma con un vantaggio di 34 punti su Rahal. Scott Dixon, nono al traguardo, mantiene delle speranze di portare a casa il titolo e si trova a 47 punti di distanza da Montoya, mentre Will Power, quarto sia a Pocono che in campionato, è a 61 punti di distacco. Il punteggio doppio assegnato nell’ultima gara di Sonoma mantiene ancora matematicamente in corsa per il campionato anche Castroneves, a 77 punti di distanza, e Newgarden, a 87. Buon quinto posto finale di Carlos Munoz, autore di sorpassi spettacolari. Sato ha concluso sesto davanti a Simon Pagenaud, Ryan Briscoe, Dixon e James Jakes, gli unici piloti a giungere al traguardo.

Post By Marco Strazzulla (90 Posts)

Sono un grande appassionato di sport americani, in special modo di basket NBA e football NFL, ma soprattutto di automobilismo. Considero la IndyCar la migliore categoria al mondo per spettacolo, sportività e completezza dei piloti. Ho assistito di persona alla 500 Miglia di Indianapolis 2008, uno spettacolo indescrivibile.

Website: → Indycar Italy

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.