Celtics senza problemi anche in Gara 4

I New York Knicks sono tornati ai play off dopo anni di sofferenze, e hanno subito trovato i Boston Celtics sulla loro strada, le prima due gare a Boston combattute ma perse, finalmente il ritorno a New York per Gara 3 dove però oltre all’assenza di Billups anche Stoudemire è limitato dall’infortunio alla schiena e produce solo 8 punti in una gara che i Knicks perdono per 113 a 96 grazie ai 38 punti di Paul Pierce e alla tripla doppia, ai 20 assist, di Rajon Rondo, troppo per dei Knicks con il roster così ristretto dagli infortuni.

 

Domenica è la giornata di gara 4, la gara dello Sweep per i Celtics, che vogliono vincere per poter riposare e non giocare più partite del necessario, è la gara che i Knicks, seppur privi di due delle loro stelle vogliono vincere per dar un senso a questa loro post season e non uscire inosservati dai play off.

La prima sorpresa della partita è che Stoudemire vuole giocare e scende in campo per i suoi Knicks, subito però si capisce che la sua presenza è più dettata dall’orgoglio del giocatore simbolo della franchigia che dalla reale opportunità per Stat di incidere sulla gara.

New York prova a partire forte, ma i Celtics rispondono colpo su colpo senza troppa fatica e si adeguano facilmente al ritmo alto che D’Antoni prova a dare alla pallacanestro dei suoi Knicks.

Sin dall’inizio si vede come Stoudemire non è il solito Stat, difatti chiude il primo tempo con solo 6 punti, quindi con Billups in borghese a bordo campo, è Carmelo Anthony l’unico Knicks che riesce a rispondere ai Celtics, ma evidentemente da solo non può essere la risposta ai problemi dei Knicks e non può tenere i suoi in partita da solo contro una Boston guidata da Rondo, in forma playoff, e con tutti gli altri Celtics pronti a rispndere alle sollecitazioni del proprio playmaker.

Il primo quarto, grazie ad una grande prova di Anthony, vede i Celtics avanti solo di 6 punti, ma quando l’ex Nuggets va a sedersi nessuno dei suoi riesce a  mettere punti a tabellone con continuità e così nel secondo quarto i Celtics scappano via, il parziale del quarto dice 26 a 15 per Boston, ed il punteggio della partita all’intervella è 55 a 38 per i biancoverdi con i 13 punti ed i 6 assist di Rondo e i 12 punti di Glenn Davis; mentre Anthony mette a referto 19 dei 38 punti di New York.

Il primo gioco del terzo quarto è un tiro da tre punti a bersaglio di Paul Pierce, che porta subito i Celtics sopra di 20 venti punti, un divario troppo grande da colmare per una New York con il solo Anthony in grado di giocare al livello richiesto da una gara come questa.

Nel corso del terzo periodo Anthony prova ancora a portare sotto New York con una serie di canestri consecutivi, così a 4 minuti dalla fine del terzo quarto i punti di Carmelo sono già 27 e i Celtics sono avanti di 14 punti ed i Knick sembrano vedere un po di luce, sembrano mettere la testa un pò fuori dall’acqua, ed all’improvviso si iscirvono alla partita anche Roger Mason Jr e Williams che con un paio di triple avvicinano ulteriormente New York a Boston, intanto Stoudemire continua a stare in campo nonostante i problemi lo limitino in  modo evidente, specie nella percentuale al tiro, e con qualche tiro libero sul finire del quarto completa un periodo da 34 punti per i Knicks che riescono ad arrampicarsi sino al meno dieci dai Celtics sul 82 a 72.

New York quantomeno dimostra di essere viva e di voler combattere fino in fondo per far si che questa non sia l’ultima partita della propria stagione, ed infatti il quarto periodo inizia ancora con 4 punti consecutivi di New York, adesso Boston ha solo 6 punti di vantaggio e tutto il Madison Squar Garden crede all’impossibile, crede all’impresa che Anthony e gli altri stanno cercando di compiere.

Poi nel quarto periodo la distanza tra le due squadre rimane sempre tra i 4 ed i 6 punti, con i Knicks che continuano a lottare per restare in scia dei Celtics e trovano in Antony Carter un insperato protagonista di questi minuti finali, però siccome siamo ai play off e le partite le decidono i fuoriclasse, ecco che con New York sotto di solo quattro punti Ray Allen mette una tripla, subito dopo Pierce subisce uno sfondamento vanificando un contropiede di New York, sul posesso sucessivo jumper di Garnett ed ecco che Boston è di nuovo davanti di 10 punti a 3 minuti dalla fine della partita.

New York ha provato a rientrare in partita, Stoudemire con i tiri liberi è riuscito a mettere i punti che la schiena e Garnett non gli hanno fatto mettere con i tiri dal campo, Williams e Carter hanno provato a mettere delle triple nel finale di partita, ma nessuno dei due è Billups e le gambe di Anthony non avevano più tante energie dopo lo sforzo fatto  ad inizio partita e i tiri di Carmelo hanno iniziato ad arrivare corti sul primo ferro.

Alla fine la maggior completezza dei Celtics ha avuto la meglio sulla voglia di vincere e di prolugare la propria stagione dei New York Kinkcs,  il punteggio finale dice 101 a 89, e Boston può avanzare al secondo turno e aspettare la vincente tra Miami e Philadelphia.

Stasera Anthony ha messo a referto 32 punti, Stoudemire 19 punti e 12 rimbalzi ma  alla fine lo sforzo dei due non è bastato di fronte alla completezza e alla solidità di Boston; stasera nei momenti decisivi ad aiutare le due star c’erano in campo Carter, quello di Scafati e Williams, non i giocatori che ci si aspetta di avere in campo con la palla in mano nei momenti decisivi di una partita, di una stagione, gli infortuni, prima Billups poi Stoudemire, hanno inciso davvero su questa serie di play off e di conseguenza su questa stagione newyorkese,

I Celtics hanno dimostrato anche questa sera di essere una squadra solida, compatta, in grado di giocare con le marce e di gestire lo sforzo, hanno sempre gestito ritmo e punteggio della gara, quando i Knicks si sono avvicinati i Celtics hanno resistito ed appena l’intensità di New York è calata i Celtics hanno saldamente ripreso i comandi delle operazioni, Rondo ancora protagonista con 21 punti e 12 assist, Pierce dopo i 38 punti di gara 3 si è preso un giro di riposo, solo 13 i suoi punti a referto, stavolta è toccato a Garnett, 26 punti e 10 rimbalzi, essere il go-to-guy di Boston.

Si chiude con un secco 4 a 0 per Boston il ritorno ai play off di New York, nel pieno rispetto dei risultati che le sfide tra le due squadre avevano avuto nella stagione regolare, adesso c’è un’altra lunga off season alle porte per i Knicks, mentre i Celtics possono prendersi qualche giorno di riposo supplementare nell’attesa di conoscere il loro avversario per il secondo turno dei play off.

Post By gobbazzo (41 Posts)

Connect

One thought on “Celtics avanti, 4-0 ai Knicks

  1. io sbaglierò ma vedo una finale Oklahoma-Boston, perchè a Ovest non ci sono grandi contendenti, mentre i Celtics possono ancora fare valere la loro sterminata esperienza: se non hanno grossi infortuni e riesce a rientrare anche Shaq, Miami dovrà stare molto molto attenta e giocare con umiltà e grande impegno difensivo, cosa che non sempre riescono a fare…

Commenta