Il sabato, si sa, nel concetto dell‘All Star Weekend, è sinonimo di gara delle schiacciate, gara dei tre punti e…. di qualche altro piccolo show.

 

SHOOTING STARS 2012

Via dunque con lo Shooting Stars, gara di tiro tra quattro team composti da ex giocatori NBA (veterani) accanto a giocatori di oggi NBA e a giocatrici WNBA.

Prima squadra presentata il Team Tex composto dall’ex Rocket Kenny Smith, da Sophia Young  delle San Antonio Silver Stars e da Chandler Parson degli attuali Rockets.

Nel Team NY si rivede l’ex Allan Houston, Cappie Pondexter per le NY Liberty e Landry Fields.

Per il Team Orlando il grande Dennis Scott accanto a Marie Ferdinand-Harris delle Phoenix Mercury e Jameer Nelson.

Infine a rappresentare Atlanta ci sono l’ex Hawk Steve Smith, Lindsey Harding delle Atlanta Dream e Jerry Stackhouse.

Due tiri dalla media, un long two e due tiro dall’arco, oltre alla chiusura da metà campo; dopo aver segnato il tiro precedente può passarsi al tiro successivo, con difficoltà crescente di posizione in posizione.

Parte il Team Texas che chiude la prova con il tiro di Kenny Smith da centro campo in 42,7 secondi.

Il Team NY con il purista del tiro Houston chiude a 38,7 con una sua grandissima tripla da centro campo.

I padroni di casa sono leggermente inguardabili chiudendo dopo 1 minuto e 4 secondi con la tripla di della Ferdinand-Harris e con l’automatica eliminazione.

Haws precisissimi al tiro dalle posizioni canoniche ma scontano la sfortuna dai tentativi da centro campo. Lo centra dopo 55,3 secondi la Harding. Anche Atlanta eliminata, finale tra i team Texas e NY.

Iniziano i texani, avendo fatto nel primo turno il tempo peggiore. Mano decisamente fredda ma grande canestro al primo tentativo per Kenny Smith che raddrizza la situazione chiudendo quindi con 47,6 secondi totali.

NY inizia con 6/7 al tiro e segna il canestro da centro campo al sesto tentativo con Allan Houston: per la gioia di Spike Lee superano Texas vincendo dunque la prima esibizione della notte.

Team NY vincitore dello Shooting Stars 2012.

 

SKILLS CHALLENGE 2012

Gara di abilità in palleggio e tiro tra diversi playmaker.

Quest’anno i partecipanti sono Rajon Rondo, che inizia per primo e chiude la sua prova calmo calmo e quieto quieto in 32,8 secondi; Kyrie Irving, l’ottimo rookie di casa Cavs, che solo al quarto tentativo centra il long two e chiude in 42,2 secondi; Deron Williams perfetto in ogni prova chiude con 28,3; Russell Westbrook chiude in 33,8 secondi evitando l’eliminazione pur nella totale tranquillità; Tony Parker passeggiando mette al primo tentativo il long two e appoggia in sottomano dopo 29,2 secondi; John Wall, ultimo dei partecipanti, chiude in 32,8, pari con Rondo…. quindi, che bello!, spareggio tra il play Wizards e quello Celtics!

Parte Rondo, preciso al tiro e che chiude con 27,5. Nulla da fare per Wall che chiuderà con 45,4 con una schiacciata al volo sbagliata..

Finale dunque tra Williams, Rondo e Parker. Il play Celtics chiude con 34,6, il collega franco belga con 32,8. Deron Williams, faccia delle “grandi occasioni” :-) paga l’uno su quattro al tiro chiudendo con un brutto 41,4.

Tony Parker, dunque, campione dello Skills Challenge 2012!

 

GARA DEL TIRO DA TRE PUNTI

La notte inizia a farsi interessante, finalmente qualcosa di bello (oh, a mio parere ovvio!)

Davanti a LBJ e Wade vestiti da gansta che mangiano cinese a bordo campo, si sfidano alcuni dei migliori tiratori da tre della Lega.

Inizia Mario Chalmers (ad oggi miglior tiratore della Lega con 45,6%) con un buon 18 finale. Segue Kevin Love, sinceramente non un tiratore puro ma pur sempre insolito (fatta eccezione per WunderDirk e Bargnani) quale lungo tiratore, che chiude anch’egli con 18 sbagliando il tiro jolly finale. Anthony Morrow scende in campo con la maglia n. 3 di Drazen Petrovic, quarto miglior tiratore da tre della storia del gioco, chiude con 13 facendo scadere il tempo prima di terminare l’ultimo carrello. Kevin Durant inizia bene con 5 punti al primo carrello, ma solo due al secondo, tre al terzo, anche cinque al quarto e al quinto: straordinario finale con 20 punti riscattando la pessima figura dello scorso anno. Uno dei principali indiziati per il premio di giocatore più migliorato dell’anno, Ryan Anderson chiude con 17 e viene eliminato. Ultimo ad apparire, il campione in carica, James Jones (42% in stagione): per lui tre punti al primo e al secondo carrello, quattro al terzo, sbagliando il jolly, quattro al quarto e un perfetto sei all’ultimo. Chiude con 22, che tiratore, ragazzi.

Morrow e Anderson eliminati. Spareggio tra Chalmers e Love. Inizia il play degli Heat che in metà gara (così prevista in caso di spareggio) mette quattro canestri in due carrelli e mezzo. Love pareggia i punti dell’avversario con il primo carrello e al terzo tentativo del secondo lo supera chiudendo con 5. Passa quindi Love per la finale insieme a Jones e Durant.

Finale: inizia Kevin Love, per lui al termine 16 punti accusando la stanchezza dello spareggio vinto su Chalmers. Segue Kevin Durant…. uno spettacolo da vedere lo spilungone di OKC, termina la propria finale con 16 punti eguagliando la prestazione dell’ala di Minnie. Ultimo a scendere in campo il Campione James Jones, consapevole di dover fare più di 16 per vincere… inizia male, 1 punto nel primo carrello, due nel secondo (jolly), tre nel terzo e nel quarto e solo 1 nel terzo: il Re abdica chiudendo con 11 punti.

Finale in spareggio tra Love e Durant!!!!!

Comincia il n. 42 dei Wolves, segna 17 punti e mette pressione al buon Durant. KD risponde con 14 punti, prestazione notevole ma insufficiente a vincere….

Kevin Love è il Campione del Tiro da Tre punti per il 2012!

 

GARA DELLE SCHIACCIATE 2012

Finalmente il clou della serata… alla gara delle schiacciate, primo anno senza giuria (si vota con twitter) si sfidano il Rocket Chase Budinger, Jeremy Evans dei Jazz, Paul George da Indiana e Derrick Williams da Minnesota.

Inizia Budinger vestito come nel famoso film Chi non salta bianco è: pantaloncini rossi, t-shirt bianca e cappellino rosso con visiera all’indietro…. che schiacciata ragazzi, salta con palla alzata al volo superando metaforicamente, e mica tanto, il black power…

Jeremy Evans con webcam in testa schiaccia e fa vedere come è bello stare vicino al canestro in diretta video…. la schiacciata, per sé, è decisamente “penosa”….

Segue Paul George, che promette di voler saltare oltre Roy Hibbert e Danthay Jones, con quest’ultimo ad alzargli la palla. My God….. primo tentativo, gliela alzano e vedo maluccio Hibbert…. a vuoto anche il secondo tentativo… alla fine, partendo con la palla in mano ce la fa e il risultato è tanta roba!

Ultimo in campo Derrick Williams che arriva con una Harley Davidson guidata dalla mascotte degli Wolves… ai primi tentativi non riesce, ma buona la terza…. mulinello saltando la moto, bella ma… già vista!

Per la seconda tornata di schiacciate, questa volta senza coreografia, ritorna sul campo Chase Budinger con un tentativo non troppo eccitante.. anche per lui mulinello, bello ancora una volta ma niente di che. Jeremy Evans, mollata la telecamera, tanta una schiacciata a due palloni con l’aiuto di Hayword.. wooooooow!!!!!!! che schiacciata ragazzi! Bell’idea e molto ben riuscita! La più bella schiacciata della serata finora.

Paul George fa spegnere tutta l’arena, riprendono solo lui con canotta fluorescente… e George, nel buio totale, sale con una 360gradi… bella ma, vista poco! :-)

Derrick Williams per la seconda schiacciata si fa aiutare da Ricky Rubio, che gli alza la palla sulla spalla del tabellone… Williams la prende e schiaccia in 360. Bella ma dopo Jeremy Evans sembra comunque sotto.

Per il terzo tentativo, Chase Budinger si fa bendare e prova un remake della famosa schiacciata “cieca” di Cedric Ceballos, con tanto di ex giocatore dei Suns presente che lo benda… incredibile pensare che non veda, anche perché sale e schiaccia all’indietro! uhm…. Jeremy Evans mette la maglia di Karl Malone dopo la consegna di un nano nero in veste di “mailman”… Evans salta e schiaccia il postino al volo. Bello ma come idea meglio la schiacciata precedente.

Paul George sale tentando di stampare Larry Bird sul tabellone per poi affondare… prima figurina schiacciata, seconda, terza… al quarto tentativo ce la fa, appiccica Larry e schiaccia dall’altra parte.

Derrick Williams dopo una serie interminabile di tentativi, decide di alzarla al vetro e schiacciare normalmente.. niente di che.

Dopo queste schiacciate, per la prima volta nella storia della competizione, con una votazione online e senza giuria in campo, viene fatta una proclamazione alla presenza di tutti e quattro i partecipanti. Con tre milioni di voti e il 29% delle preferenze vince lo Slam Dunk Contest 2012 Jeremy Evans!!!!

 

Dall’All Star Saturday Night è tutto!

 

 

 

 

Post By Giuseppe TJ Vallone (45 Posts)

Laureato in Legge, appassionato di basket e fotografia, guardo la vita attraverso un obiettivo e con la palla a spicchi in mano…

Twitter: @peppevallo
Facebook: www.facebook.com/PHeppevallo

Connect

13 thoughts on “NBA All Star Saturday Night: Recap

  1. Doveva vincere Paul George tutta la vita!! Tutte e 3 le sue schiacciate erano più che discretamente difficili. La seconda poi davvero bella, oltre che per la coreografia fluorescente, era un 360° a una mano con mulinello…al “buio”!

    Quella con i 2 palloni boh a me non è sembrata tutta sta difficoltà, gli sono stati alzati benissimo..erano già a livello del canestro e ha dovuto solo spingerli dentro prima uno e poi l’ altro.

  2. Che merda di slam dunk contest, davvero una ciofeca…ormai non provano quasi più a fare delle belle schiacciate, cercano punti col contorno (luci, cori gospel, telecamere sulla capoccia)…per non parlare delle continue chiacchiere di K Smith e soci, o delle dediche a questo o quel giocatore…diamine, possibile che non si possa fare un contest “puro”, solo schiacciate e niente paccottiglia attorno?

  3. Detesto criticare l’all star saturday… per quello che riguarda tiro da 3 e skills challenge nessun problema…
    Ma la gara delle schiacciate è stata ridicola… lasciare tutto alla TNT con quel trio di buffoni al comando (specialmente smith) è pazzesco… poi il pubblico che vota…non ha senso… tutti i giocatori hanno preso tra il 20 e il 30% delle preferenze… una vera schifezza…
    è stato pessimo… Quello dell’anno scorso, anche con un po di teatro è stato di tutt’altro livello…

  4. concordo in pieno…al rising stars hanno fatto delle schiacciate molto piu belle…wall su tutti,è davvero coreografico ed è bello vederlo schiacciare…vogliamo lui,lebron,wade,westbrook,rose,griffin,howard,nate e compagnia cantante

  5. Orrido slam dunk contest, ancora una volta. Ma io dico, questi giovini non sono più capaci di schiacciare al prim tentativo? Sbagliare la schiacciata rovina ogni cosa, la sorpresa è tutto. Inutile continuare a provare a mettere una schiacciata per 8 volte, ormai la gente è come se avesse visto la dunk 8 volte. Poi scusate, budlinger, che ha impressionato con quella sopra quell’idiota di “pafdeddi” mi si presenta con una dunk a mulinello??? Roba che gay, james e tanti altri mi propongono in gara? Vabbè. Cioè nessuno ha provato a fare qualcosa di mai visto, incredibile banalità. Molto più interessante la gara del tiro da 3, mille volte meglio.

  6. http://www.youtube.com/watch?v=x9TpHR2Olbo

    Cioè nick young che non viene filato manco di striscio, realizza scherzando la schiacciata sulla quale derrick williams ha cagato sangue, senza successo. Ma basterebbe guardare alcune schiacciate di lebron durante il riscaldamento, o quello che ha fatto wall l’altro giorno.

  7. Tra l’altro, non sopporto e dovrebbe essere una violazione al regolamento, il fatto che qualcuno si appoggi sul tizio che sta scavalcando durante il dunk…cavolo, che senso ha se il mio salto è aiutato da una spinta? Carter è saltato sopra uno di 2.15 in partita, senza appoggiarsi, e se uno guarda i filmati adidas o and1, c’è gente che salta 6 o 7 persone…a questo punto, tanto vale invitare anche loro, per creare un minimo di motivazioni e di sfida…

  8. Il punto è che un tempo nello slam dunk contest si vedevano le migliori schiacciate del mondo, mentre ora, sul web trovi il coglione di turno che ti fa un 360 scalzo e con un braccio ingessato.

    Cioè tutti sanno che james white vincerebbe sempre e comunque lo slam dunk contest. Poi ripeto, fino a qualche anno fa non c’era gente che sbagliava la schiacciata 4-5 volte, al massimo al secondo tentativo, ma comunque vergognandosi come un ladro.

  9. 2 cose importanti:
    Dan Peterson ha preso in pieno il pronostico sulla gara dei tiri da 3!!!!
    Io lo volevo quasi prendere in giro…
    La schiacciata con 2 palloni al volo è qualcosa di veramente eccezionale,
    direi niente male!

Commenta