TOP

Duke Johnson

miamiEra dal 2002 che un RB, ai tempi un certo Willis McGahee, di Miami non faceva una prestazione così altisonante. 249Y e un TD per Duke Johnson contro Virginia Tech. Il ragazzo di Miami si tra dimostrando uno dei migliori della nazione, giocatore all-around, corre bene tra i tackle nel traffico, sia quando deve andare esternamente, sia su screen pass e ha pure dimostrato di possedere buone doti da ricevitore. Contro gli Hokies è stato una bestia, fantastico, non ha mai mollato una yard sino alla fine della partita. L’unico neo l’infurtunio a fine partita, dopo una corsa uscendo dal campo è scivolato andando a sbattere contro la panchina. Nulla di serio pare ma è uscito dal campo zoppicando. Probabilmente in un contesto migliore e in una conference leggermente più competitiva si starebbe parlando di un possibile candidato Heisman.

Georgia Tech

Dopo due sconfitte consecutive, è arrivata una bella vittoria contro Pittsburgh, con rabbia e ferocia, affrontando il match a mille. Se nei primi 5 possessi avversari riesce a forzare 5 fumble e recuperarne altrettanti vuol dire che, oltra alla fortuna, l’atteggiamente è quello giusto, dato che gli Yellow Jackets riusciranno pure a fare 28pti. Il resto della partita i ragazzi di Paul Johnson lo vivono in pieno controllo, senza mai concedere gradi guadagni o break pericolosi a Pittsburgh. Vittoria importante che li rilancia in Division all’inseguimento di Duke, ma quello scontro diretto potrebbe far la differenza in maniera pesante.

WORST

Pittsburgh

Se nei primi 5 drive offensivi, commetti 5 fumble e prendi 28 punti, hai quasi zero possibilità di vincere. E così è stato per Pittsburgh, che ha vissuto un primo quarto da incubo, tradite dai suoi uomini migliori, ovvero James Conner e Tyler Boyd, entrambi autori di un fumble. Da mangiarsi le mani soprattutto quello del RB dato che è avvenuto praticamente sulla Goal Line di Georgia Tech, perdendo di fatto 7 punti che avrebbe potuto far rientrare in partita la propria squadra. La difesa invece non ha retto per nulla, concedendo 56 punti e oltre 600Y totali. Probabilmente senza turnover sanguinosi i Panthers avrebbero potuto giocarsela, ma la sfera di cristallo purtroppo non l’abbiamo.

Virginia 

eli-haroldI Cavaliers avranno molti rimpianti per come han perso questa partita, riuscendo a vanificare prima un vantaggio di 14 punti e poi andare avanti nel punteggio per ben 3 volte riuscendo sempre a farsi recuperare dai Tar Heels. Il finale di partita di Virginia mostra tutte le difficoltà di questa squadra, prima non riescono a recuperare un onside kick di UNC a 4 minuti dalla fine e su un 4&2 riescono a commettere una “illegal substitution” facendo finire la partita, non riescendo più a rientrare in possesso della palla. L’attacco è il solito, che va a singhiozzi facendo fatica a produrre. La difesa di UNC è molto generosa ma probabilmente con un po’ di talento in più, Virginia avrebbe vinto, i due INT di Lambert gridano vendetta. Gran partita invece del DE Eli Harold, autore di ben 2 sack e vero dominatore della battaglia delle linee. Virginia prima o poi esploderà, ma il momento sembra non essere ancora arrivato.

Virginia Tech 

Dove sono finiti i bei Hokies di inizio stagione in grado di battere Ohio State? La squadra visto con Miami è stata pessima, mai in partita, pessima su entrambi i lati del campo e ridicolizzata da un Duke Johnson superlativo. La prestazione è stata orribile, l’attacco non ha mai punto, solo 6 punti totali, ma soprattutto ha pagato i 3 fumble persi, troppi per pensare di vincere contro una squadra del calibro degli Hurricanes. La difesa che invece doveva essere il punto forte ha concesso le praterie a Duke Johnson e ha sempre concesso tempo e spazio a Kaaya per lanciare l’ovale. Che sia già finita la stagione degli Hookies?

 

Post By lucadome (22 Posts)

Connect

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.