I Pacers passano a New York con un grande Hansbrough

THUNDER 95, CAVALIERS 75

Tutto molto semplice per gli Oklahoma City Thunder che approfittano della trasferta di Cleveland per vincere e per far riposare le proprie star. Solo 23’ per Westbrook (20 pts, 10/16) e 29’ per Durant (19 pts) per una partita chiusa già nel primo quarto (+15).  In difesa, Ibaka è un muro e chiude con una prova da 8 punti, 14 rimbalzi e 7 stoppate. Per i Cavs, 54 rimbalzi ma solo 27 canestri con il 33% dal campo. In doppia cifra i soli Gibson (13) e Samuels (10).

BOBCATS 95, RAPTORS 90

Vittoria importante peri i Bobcats che espugnano Toronto e mantegono lo stesso record dei Pacers (28-38) per l’ottavo posto ad Est. A meno di un minuto dalla fine, Henderson fissa il definito per +5 dalla lunetta con i Raptors che sbagliano 4 tiri di fila.  Chalotte chiude con il 51% dal campo e la buonissima prestazione di Augustin che vince il duello con Calderon e deposita 23 punti. A Toronto non bastano i 16 rimbalzi d’attacco ed un Bargnani da 17 punti.

MAGIC 111, SUNS 88

Dominio assoluto di Dwight Howard e degli Orlando Magic che sbancano facilmente Phoenix con i Suns privi di Steve Nash. Howard supera i 10.000 punti in carriera e mette a referto 26 punti, 15 rimbalzi e 5 stoppate in una gara chiusa nel 3° quarto con i Magic che volano sul +22 subendo solo 13 punti in 12’. Ben 7 Magic chiudono in doppia cifra con un dominio abbastanza netto a rimbalzo (57-40). Per i Suns, un buon Brooks (19 pts, 10 asts) e il solito Gortat (12 pts)

BUCKS 56, CELTICS 87

Dopo due sconfitte di fila, i Boston Celtics spazzano via i Bucks con una prova difensiva superlativa che riscrive il record i minor punti subiti della franchigia.  Record negativo per Milwaukee che non aveva mai segnato meno di 56 punti. Allen segna 17 punti in meno di 3 quarti mentre Kristic ha vita facile sotto canestro (11 pts, 14 rebs). In casa Bucks c’è solo un giocatore in doppia cifra (Barron, 10) per una squadra che tira il 31% dal campo.

PACERS 106, KNICKS 93

Sorpresa al Madison Square Garden dove i Pacers (8 L nelle ultime 9) battono i Knicks in una gara condotta in testa sin dalla palla a due. Superba la prova di Hansbrough che segna 29 punti con 12/20 al tiro. New York tira il 36% e concede il 57% agli avversari con il solo duo Anthony-Stoudemire a tenere a galla D’Antoni. 25 punti per Melo mentre l’ex Suns ne infila 28 con 12/14 dalla lunetta. Male Billups (0/7 da 3) al rientro dopo uno stop di 6 gare.

TIMBERWOLVES 77, WARRIORS 100

Trentesima W stagionale per i Golden State Warriors che confermano l’ottimo record casalingo (21-13). Stephen Curry gioca una partita a tuttotondo e chiude con 24 punti, 9 rimbalzi e 6 assist mentre Udoh piazza 5 stoppate in 17’. Dopo 53 doppie doppie di fila, Kevin Love si ferma e non va oltre i 6 punti a referto per la 28a sconfitta nelle 33 trasferte stagionali finora affrontate.

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

148 thoughts on “NBA – Vittorie per Thunder, Celtics e Magic

  1. assurdi sti Knicks… ma se non vinci in casa coi Pacers disastrati dell’ultimo periodo come si può pensare di avere buon impatto ai play-off? non riusciamo a dare continuità alle vittorie che subito perdiamo con squadre debolissime. sveglia

  2. NY non smette mai di stupire, anche in negativo. I Pacers sono in un periodo in cui non vincono neanche a piangere in cinese, poi vanno all’MSG e danno una lezione di basket ai Knicks a ‘Melo&co. Colpa dei Knicks o merito dei Pacers? Una cosa è certa: io in un upset non ci spererei, a meno che si trovino contro Miami. Entrambe si trovano nella stessa situazione: ci sono i big three fenomenali, ma il resto della squadra è così così e sotto le plance ci sono serie difficoltà…

    Magic che distruggono i Suns senza Nash. Ma quanto è scarso Dowdell?? Se ci gioca uno così in NBA ci posso arrivare anch’io eheheh…

  3. Veramente ieri i knicks hanno preso venti rimbalzi più dei pacers
    è una questione di difesa. se questi pacers tirano col 57% significa che new york non difende mentre i pacers non hanno concesso tiri facili

  4. Ecco, i celtics non erano propriamente d’accordo circa le nostre teorie sull’ottavo posto ad est di ieri, anzi direi che hanno mostrato ai bucks che forse è meglio sperare in qualcosa di buono al draft, piuttosto che prendersi una bella ripassata…! suns invece come previsto iniziano a mostrare le prime crepe, specie se il canadese non c’è, la rimonta diventa sempre più un’utopia perchè avanti viaggiano a marce elevate! new york francamente c’è poco da dire, se non che spero per il loro bene in un bel 4-0 al primo turno, magari si liberano del baffo e del suo sistemino che non mi ha mai convinto!

  5. Alfredo

    Se vuoi sperare che il baffo venga cacciato ci sono solo tre possibilità: che fallisca i PO, che venga sweeppato di brutto al primo turno e che la dirigenza si ravveda su di lui. Possibilità: zero.

    Knicks senza difesa ma non è una sorpresa. Sorprendersi è un parolone. Se sono capaci di perdere con i Cavs non vedo come possano non prenderle dai Pacers senza Granger. A proposito: tenere Granger in panca per un pò?

    Suns facili, con Nash ai box. Ieri dicevano che conviveva con i problemi da tempo e che le sue condizioni erano pessime da un pò. Stasera i Magic avranno un impegno niente male.

    Bobcats vincono a Toronto, non è un’impresa impossibile anche agevolata dalla gestione cinque stelle extrralusso di Calderon. Se avete l’opportunità di vedere gli ultimi 2 minuti c’è da essere stupefatti. Tutto quello che un play non dovrebbe fare. E costa pure 10 mln a stagione.

    Celtics-Bucks

    Sconfitta incredibile dei Bucks non in grado di segnare. 56 punti sono pochissimi ma a parziale giustificazione venivano da un b2b non tostissimo giocato meno di 23 ore prima. Rimango sempre dell’idea che per i Celtics, Pacers-Bucks-Cats non sarebbero avversari impossibili ma i Bucks a differenza delle altre due sarebbero più ostici. E’ una gara in b2b conta il giusto.

  6. Accendo subito la polemica…:-)
    Stranamente Love appena realizzato il record fallisce una doppia doppia…:-)

    • Aveva realizzato il record che prima o poi doveva finire. Guarda caso dopo averlo fatto il coach ha trovato modo di levarlo dal campo a 4 minuti dal termine. Se il record non fosse stato battuto lo avremmo visto ricevere 10 palloni di fila pur di arrivare al 10mo punto!!!!
      Strazio evitato.

  7. Hansbrough è sicuramente un buon giocatore,
    ma se realizzi 29 punti in quel modo forse è sintomo che la difesa avversaria forse non ha lavorato molto bene…

    • Togli quel forse. I Knicks sono uno strazio difensivo al punto che Reggie Evans sarebbe una manna dal cielo e dico tutto.

      • Reggie Evans quello di Toronto…? Toronto Raptors…Ma dopo chi da canestro…?:-)
        Forse D’antoni è stato troppo in Italia, perché non conosce il famoso detto…”l’attacco vende i biglietti, la difesa vince le partite…”

  8. Giangio
    Eheh molto strano… E poi contro i Warriors che in difesa e sotto non sono certamente eccezionali….

    • Infatti quello che voglio dire è che per me era palese che giocasse per le statistiche, senza per questo voler sminuire il giocatore, eccezionale, ma si capiva che volesse a tutti i costi il record, anche a prescindere dalle prestazioni della squadra.
      E nemmeno lo condanno, perché in una stagione del genere togliersi una soddisfazione non è male…

  9. direi che tra Knicks e Pacers bisogna partire da un bel cambio di allenatore …..
    i pacers per il talento che hanno sono da P.o. sicuri ed con lo spazio salariale potrebbero pure migliorarsi, invece arrancano ..
    cmq per quanto simpatizi per hibbert ed i pacers i Bucks meritano molto piu di loro l’ottavo posto…

  10. Ibaka è veramente na bestia, sta crescendo ogni partita. OKC si conferma una forza crescente a ovest.

    NY non ha ancora trovato la quadratura, con un roster effettivamente corto, ma soprattutto male la difesa. Non capisco ancora cosa D’Antoni pensi di fare per questo.

    DH12 inarrestabile e costantemente penalizzato da arbitraggi che concedono qualunque cosa ai suoi marcatori….

  11. Ma io mi chiedo: visto che D’Antoni non fa niente per la difesa, perchè in quel di NY non si mettono in cerca di un Thibodeau della situazione? Gli diano un posto come assistant coach e questo tizio si deve occupare solo della fase difensiva della squadra, mentre di quella offensiva e del resto si occupa D’Antoni…Un pò come era ai Celtics fino all’anno scorso, col duo Rivers-Thibodeau…Voglio dire, ma è tanto difficile trovarne un’altro? Non penso Thibodeau sia l’unico specialista della difesa!

    Veramente, la fiducia in D’Antoni va esaurendosi, soprattutto perchè quando i Knicks hanno difeso, sono arrivate vittorie importanti, vedi quella contro i Bulls! Per carità, tutte le attenuanti che volete per la sconfitta di stanotte, Billups non al 100%, pessima serata al tiro, 3a partita che i 3 giocavano insieme…Ma perdere cosi contro una squadra malmessa come Indiana è veramente una cosa indegna! Quindi dico, visto che ogni volta, in ogni sconfitta, il problema è praticamente (quasi) sempre e solo quello della difesa, perchè non affiancare a D’Antoni qualcuno che si occupi solo della parte difensiva? Davvero, da tifoso sono stanco di vedere partite buttate cosi

    • Credi che D’Antoni accetterebbe un coach difensivo al suo fianco? Neanche morto. Per lui sarebbe come ammettere il fallimento. Il grosso problema è che D’Antoni vive di eredità Suns che ha portato ad alti livelli. Quindi a NY si dicono: se ce l’ha fatta a Phoenix perchè non può farlo qui con Melo e Stat?

      Alla fine andrete ai PO acquisirete un CP3 e farete delle stagioni spettacolari fino alla finale di conference se vi andrà di lusso per poi uscire. Perchè con quel gioco non si vince una serie al meglio delle 7 gare.

  12. ALERT

    Secondo me invece prima che succeda una cosa del genere, è molto più probabile che D’Antoni venga esonerato

    • Infatti è quello che dico. O vi tenete D’Antoni oppure lo licenziate. Non c’è verso di vincere. Se una squadra non sa difendere perchè non ha un sistema difensivo valido, perchè non hai gli interpreti giusti non puoi credere alla storiella che arrivati ai PO si girano due viti difensive.

      Se in RS subisci una valanga di punti non puoi pensare di capovolgere la situazione. Al contrario squadre come i Bulls e i Celtics che sanno difendere ed hanno talento in attacco non devono trasformarsi in ciò che non sono. Per loro i PO saranno la prosecuzione della RS perchè l’identità difensiva ce l’hanno nel DNA. Quindi i Knicks potranno difendere per 1-2 gare alla morte ma non per 4.

  13. Interessante, molto interessante la front line dei Thunders, se tutti sono in salute…sembrano costruiti apposta per giocare contro i Lakers, anche se è probabile che in un eventuale secondo turno se la vedano con gli Spurs

    Ibaka ha 21 anni, cresce a vista d’occhio, prepariamoci a qualche giornata infelice al tiro (gioca stabilmente da 4, ma dell’ala grande nn ha mezzo movimento, segna solo su scarichi, tap in, alley hoop, ed un tirino da 4 metri), ma a rimbalzo e come intimdatore è terribile, ed in difesa sarà un fattore.
    Mohammed mi è sempre piaciuto, dai tempi degli Spurs, nn ha grande talento, ma ovunque vada porta il suo, punti nel pitturato, rimbalzi, fisicità. Ha vinto un titolo giocando in quintetto, un po’ di esperienza ce l’ha. Collison dalla panca ci sta tutto, Aldrich ha 21 anni e può crescere.

    Rimane Perkins, altro giocatore che può dare un dimensione fisica eccellente, senza danneggiarti troppo in attacco. La partenza di Green è stata colmata in attacco da una maggiore presenza di Harden, che si è visto come sappia lavorare anche in difesa. Il futuro è tutto dalla loro parte.

    Cazzo però, che sogno sarebbe stato vedere questa squadra in quel di Seattle…

    • Concordo sulla descrizione di Ibaka, continuo a credere che del 4 abbia poco, e lui e Mohammed il ruolo di 5 potevano tranquillamente ricoprirlo! credo che con le cessioni di green e krstic bisognava cercare un altro tipo di giocare, uno alla scola, alla west, un 4 con punti nelle mani e i thunder diventavano davvero pericolosi! perkins in questo contesto continuo a non vederlo, o comunque a vederlo relativamente utile, poi magari mi sbaglio io…

  14. Il problema dei knicks è che certi giocatori non hanno neanche voglia di difendere, o meglio lo fanno solo a loro piacimento, non hanno la cultura per farlo!!!!altro che d’antony, stoud non ha mai difeso in vita sua, con o senza d’antoni, e se i tuoi lunghi non difendono, non hai difesa, i lakers insegnano, da quando gasol-bynum-odom hannpo stretto due viti dietro nessuno gli segna più di 100 punti, sarà un caso??? io non credo!!! Se già sei piccolo e poi non ti sbatti, mi spiegate su chi costruite un sistema difensivo??????su melo?????su billups trentaquattrenne????su fields????No, l’unico che può dare una dimensione difensiva a questa squadra è stat, ma non lo farà mai!!!!!! e 100M per un giocatore forte ma che non ti farà mai vincere sono tanti, ma meglio di niente…………..

  15. Certo, avere in quintetto due che non sanno manco cosa sia la parola difesa non è il massimo ma con un coach serio e senza sto cazzo di run and gun potrebbero certamente migliorare, domando, ma Pierce e Allen prima dell’avvento di Thibo erano considerati dei grandi difensori?Non mi risulta, in quel sistema hanno fatto il salto di qualità anche da quel punto di vista.

  16. Guardate che D’Antoni un coach difensivo ce l’ha anche (il fratello, ndr)… il problema è che non lo usa, o perlomeno gli da poco poco spazio….

    • O forse che Dan D’Antoni non ci sa fare…Fatto sta che in difesa, per quanto riguarda i Knicks, non ci siamo

      • Non dimentichiamoci che il fratello di Mike c’era anche a Phoenix…Ne Phoenix ne Knicks sono lontanamente decenti in difesa…Quindi se 2+2 fa 4………Dan D’Antoni o non combina niente o Mike non lo considera…In ogni caso, cosi non si può andare avanti e prima o poi qualche testa salterà

  17. Dan sta lì solo per prendersi lo stipendio da raccomandato, non scherziamo per favore… se quello è un coach difensivo io sono Wanna Marchi…

  18. Thunder

    Mohammed scade a giugno per cui 6 mln risparmiati sul salary cap. La presenza di Perkins sarà utile perchè si affiancherebbe a Collison, ad Ibaka e Aldrich. Quindi il pacchetto non sarà di qualità assoluta ma decente.
    Si parlava di un 4 con punti nelle mani e si faceva l’identikit di West. Guarda caso West ha una player option che può utilizzare o meno. Siccome a NO c’è la grana CP3 che probabilmente al 99% leverà le tende non vedo come West possa rimanere a NO.

    I Thunder di spazio salariale ne avranno a sufficienza per firmarlo visto che il monte salari sarà di 49 mln. Inoltre nel 2012 avranno altro spazio per firmare Westbrook. Quindi in una situazione del genere i Thunder hanno preso il duo Mohammed-Perkins per quest’anno, hanno esteso il contratto al secondo avendo spazio sufficiente per puntare sul 4. West stupido non è e se Paul andrà via è lecito aspettarsi che un’offerta Thunder sia gradita. Avrebbe il ruolo in quintetto in una contender. E non credo che un West si farebbe sfuggire un’occasione del genere.

    NY

    Stat non sa e non ha voglia di difendere. Poi siccome ha D’Antoni la vita è più facile. Se magicamente andasse a Chicago/San Antonio/Boston lo vedresti sputare sangue in difesa altro che cazzeggio.

  19. Posso aprire un’altra polemica….?:-)
    Ma siamo sicuri che la colpa sia solo dell’allenatore?
    Stoudemire e Anthony che difensori sono? Solo per citarne 2…

    • I due sopracitati non sono delle iene in difesa. Però mettili in un contesto diverso e col piffero che non si applicherebbero. Ovvio che non hanno nella difesa la loro priorità ma hanno mezzi fisici e tecnici per essere un fattore. Fattore che a NY è sconosciuto. Ripeto, metti Melo a Boston e quello ti difende.

      • concordo soprattutto sul “hanno mezzi fisici e tecnici per essere un fattore”. poi ha anche ragione giangio sul fatto che non pensino molto in difesa, ma se si impegnassero avrebero i mezzi per rendersi molto utili, un pò alla ray allen nelle serie contro i lakers, se non fosse che ray è mille volte più intelligente (sul campo) dei due sopracitati…

        • Alert70
          sai quanto seguo i tuoi ragionamenti…e sai quanto difendo Andrea…
          Ma allora anche Bargnani ha i mezzi per prendere più rimbalzi…:-)
          La mente può molto…
          Jordan era pazzesco anche in difesa, cosa che spesso non si ricorda, proprio perché ci si metteva anche di testa…

  20. tra l’altro ok, Melo non è un difensore ma schifo non fa….è vedere Stat difendere a gambe dritte che fa veramente nervoso…e un lungo che difende nel pitturato non può farlo…a meno che non voglia vivacchiare per i lresto della sua carriera, e mai vincere!
    prima trovano qualcuno che li “convinca” a difendere, prima potranno aspirare a traguardi che sono fattibilissimi visto il talento a disposizione

  21. Curioso che l’incidente del Bistecca contro i Mavericks sia già passato alla storia come uno dei tanti capitoli leggendari del 24, tornato in campo eroicamente dopo un dolore lancinante che a suo dire “ sembrava avergli precluso la stagione” ma che in realtà non era niente: solo un bello spavento per fortuna. Diciamo che anche l’osservatore più distratto potrebbe notare una certa distonia nelle reazioni tra questo episodio e quello di Pierce nelle finals 2008, chissà come mai eheheheheh!

    • nessuno l’ha fatto passare per un “capitolo leggendario del 24”, piantala con ste cavolate, per favore, se insisti così poi andrà sempre a finire con discussioni inutili… pierce si era fatto male, e poi per fortuna sappiamo benissimo che il capitano non si è mai arreso in carriera, figurati se ci lasciava in finale nba… kobe si è fatto male, ma poi è riuscito a rientrare normalmente, sono due casi uguali, non vedo perchè serva polemizzare…… e questo vale sia per te, che per i tifosi lakers che attaccarono pierce all’epoca, io non c’ero ancora, ma ora basta, per piasè…

      • ma stai scherzando? ma se c’è ancora gente qua dentro che chiama pierce simulatore e ricorda quell’episodio ( si erano illusi di avere la strada spianata, poveretti).

        • premesso che non me ne frega nulla, però almeno non si sono viste sedie a rotelle lacrime e sceneggiate napoletane l’altra sera!!!!!!!Magari la mia mente è offuscata dalle recenti vittorie degli ultimi due anni, ma credo che con pierce si sia visto quello!!!!!

          • ma quali sceneggiate? pensava di essersi rotto ed erano solo crampi dopo una botta. i lacustri sonos tati mesi a rivangare quell’episodio come se fosse stata chissà quale scorrettezza in grado di falsare quella serie, poi arriva un episodio del tutto simile e i commenti sono ” ah kobeeeeeeeeeeeeee scopami ancora”.

  22. sinceramente non mi sermbra che boozer sia diventato un mastino difensivo o sputi sangue in quel di chicago col migliore allenatore difensivo in nba…………
    La prima cosa che serve per difendere è la voglia e l’intelligenza per capire che a volte è anche più importante dell’attacco, ma certi giocatori sono un pò recidivi e infatti al momento sono nella categoria perdenti di lusso!!!!!

    • Infatti non definirei mai e poi mai Boozer un giocatore intelligente! Mentre su PP e Allen direi che hanno più che dimostrato di esserlo…James e Wade anche, se fosse necessario…Stat e Melo finchè non gli viene chiesto di difendere è inutile criticarli in difesa

      Che poi voglio dire, anche su Boozer vanno dette due cose: per esempio che non è indispensabile in difesa, visto che nel reparto ai Bulls ci sono già Noah, Thomas e Gibson che in difesa ti danno molto…Boozer serve in fase offensiva…Certo, con Thibodeau in panchina era lecito aspettarsi di più

  23. sinceramente considero stat sul livello di boozer anche se più forte offensivamente, la sua testa è un limite almeno quanto per boozer,……….. soltanto che lui avrebbe anche i mezzi, l’altro molto meno

    • Stat sul livello di Boozer? AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

      In che contesto è stato chiesto a Stat di diventare leader difensivo della propria squadra? NESSUNO…Per cui queste sono polemiche sterili…Stat ha come limite la testa? Infatti quest’anno si è visto, tutti che dicevano che senza Nash era finito, lui si è caricato NY sulle spalle portandola a un record vincente e ai playoff dopo quanti anni di buio assoluto? Con Boozer sarebbe successo lo stesso? Non credo proprio

      Quindi non paragoniamo Boozer a Stat per piacere, Stat gli è superiore in tutto, e ha dimostrato di avere la testa sulle spalle…Se gli venisse chiesto di mettere intensità difensiva si sacrificherebbe sicuramente per vincere, al momento nel contesto dei Knicks di D’Antoni questo non succede per cui è inutile attaccare Melo e Stat sotto questo punto di vista, perchè la colpa non è certo loro ma piuttosto di D’Antoni

      • mi permetto di mettermi nella categoria di quelli che pensavano che stat senza nash sarebbe rimasto colle sue cifre, perchè è dotato di un’ottima tecnica, sa palleggiare, è veloce e potentissimo fisicamente, oltre che dotato di una grande elevazione… l’ho sempre considerato uno dei migliori lunghi della lega, mi è sempre piaciuto, ed ero convinto che la botta maggiore quest’anno l’avrebbe subita phoenix, infatti senza stat hanno incontrato (almeno all’inizio) grosse difficoltà, mentre a NY stat all’inizio era addirittura candidato al titolo di mvp…
        detto ciò, a me sembra evidente che il limite di stat sia la testa, perchè ha spesso dimostrato che fisicamente e atleticamente può battere chiunque, molto più in difesa che in attacco, per con la palla in mano o in pick’n’roll è devastante, sa sempre trovare una soluzione, ma in difesa ha ancora grosse pecche, dovute soprattutto alla mancanza di impegno, che un allenatore dovrebbe fargli capire, dicendogli che se non le colma non vincerà mai un titolo, o comunque sarà molto difficile… e non vedo come d’antoni, che lo allena praticamente da sempre, possa fargli fare adesso il salto di qualità, dopo anni di gioco “alla d’antoni” che non ha portato da nessuna parte, a phoenix in questa maniera si sono addirittura buttati via gli anni migliori di nash, uno spreco… e se d’antoni è simpatico alla dirigenza di NY, allora sono veramente cazzi amari, perchè qui non si va da nessuna parte…
        come ho detto ad alert, se a NY l’anno prox arrivasse, che so, larry brown, allora si che ci sarebbero i presupposti giusti, ma fino a che c’è d’antoni, allora non vedo come si possa arrivare a una finale nba… poi magari arriva uno “alla rodman” che se ne frega delle regole e delle idee di d’antoni e NY vince, ma la vedo ancora più dura…

        • poi paragonare stat a boozer è una bestemmia, boozer se non avesse un buon tocco sul pallone per i jumper e sugli appoggi a canestro sarebbe sulla panca di una squadra qualsiasi, altro che 14.5 mln all’anno… un pacco della madonna, non difende, gli è andata bene che quest’anno si è ritrovato thibodeau e soprattutto noah, sennò questo finiva più in basso di joe johnson come vincente… non lo cagava più nessuno, e sa benissimo che è probabilmente l’ultima possibilità della sua carriera (questi due-tre anni) quindi che si dia una mossa e muova il suo culone anche in difesa… poi ripeto, per me non vale metà di stat, anche perchè a pari di “cambiamento di mentalità” e di applicazione in difesa, stat gli salta in testa a boozer… soprattutto atleticamente è due spanne sopra, sarebbe molto meglio come difensore…
          ciao!!!

  24. Michele
    per fortuna che ti risponde gente che tifa la tua stessa squadra, altimenti siamo noi i faziosi………………..

  25. Ho avuto due distorsioni alla caviglia sinistra: la prima giocando a pallavolo la seconda a basket. Nella seconda ho sentito un “crack” ed ho pensato immediatamente di essermela rotta di brutto. Invece è stata una distorsione e niente di più. Però a parte questo escursus quando ti fai male non sai mai l’entità. Poi dopo gli esami ti rendi conto che non è accaduto nulla e ritorni sul parquet in carrozzina o meno. La polemica innescata da Michele non ha senso.

    Boozer vs Stat

    Il primo è strapagato e vale meno del secondo. I Knicks non hanno Noah e Thibodeau non sarà mai felice di Carlito ed ho la cattiveria di pensare che se topperà nei prossimi due anni lo spediranno su Marte.

    Stat è un mammifero strano perchè in alcuni frangenti ha mostrato buone performance difensive. Per cui se stimolato potrebbe essere un fattore. Purtroppo non so chi lo possa stimolare: D’Antoni?

    • larry brown, che stimolò anche iverson mettendolo in una squadra… buffa docet…

  26. Scusami giulio, ma io ho detto che li paragono difensivamente mentre offensivamente ho detto che stat è più forte.
    Secondo, se non difendi di tuo quando arrivi ad una finale di conference(vedi lo scorso anno dove divensivamente ha fatto schifo) mi spieghi come fa una persona ad entrarti nella testa????
    Io penso che certe occasioni non abbiano bisogno di stimoli esterni, li devi trovare dentro di te, se poi per voi l’aver mostrato attitudini difensive equivale a qualche stoppata in aiuto, allora depongo le armi, le squadre dove gioca lui sono da sempre quelle che subiscono più punti dentro il pitturato, sarà un caso, sarà sempre colpa dei compagni inadeguati(ma sbaglio o a phoenix ha giocato anche con kurt thomas che sembra russell dai commenti a chicago????), sarà sempre colpa dei vari allenatori che ha avuto, ma per me c’è qualcosa che non quadra, e secondo me o si rende conto di cosa serve per vincere(non solo punti) oppure a ny chiunque gli giochi vicino(melo,billups,cp3,deron), non vincerete, tanti bei play-off ma zero vittorie!!
    Lo dico da spettatore esterno, altrimenti qualcuno mi dice ch sono tifoso e non capisco nulla!!

  27. ESEMPIO
    tutti parlano di james che avrebbe bisogno di un allenatore che lo disciplini e che gli tenga testa, ma questo offensivamente, dove comunque non basta la volontà per costruire un sistema, ma difensivamente non gli si può dire nulla, ha i suoi alti e bassi(come tutti) ma quando conta si fa sentire e ha sempre contribuito a sistemi difensivi di primo livello senza essere un difensore tecnico superbo, di stat questo non si può dire, anzi nei suns era sempre lui il primo anello debole, ancora più di nash(che almeno poverino non ha i mezzi fisici per competere con gli atleti nba)

  28. Avete letto sul sito della Nba dei parenti delle stelle della Nba??
    Ho scoperto da poco che Jordan potrebbe selezionare suo figlio in un prossimo draft, tipo quello del 2013,
    e in più che c’è anche il figlio di Stockton in giro….
    Speriamo che non siano come il figlio di Ewing…

  29. gatsu83

    Condivido in parte il discorso Stat ma vorrei sottoporti il mio pensiero. Stat ha sempre giocato con lo stesso sistema da quando è nella NBA. Si chiami Gentry o D’Antoni non cambia nulla. Se non c’è la cultura della difesa non c’è stimolo che tenga. Perchè è ovvio che uno Stat in una finale di conference darebbe tutto ma non combinerebbe nulla perchè non è abituato a farlo. Quindi se hai lo stesso coaching staff che non lavora specificatamente sulla difesa non puoi aspettarti che ai PO questo esploda e ti diventa un difensore con i fiocchi. Per farlo e per diventarlo dovrebbe lavorare sin dal training camp e applicarlo in RS.

    Quindi con i Knicks che non difendono per 70 gare ti aspetti che questo con tutti gli stimoli del mondo diventi un fattore su i due lati del campo? No perchè è impossibile. Quindi o i Knicks si sbarazzano di D’Antoni oppure PO e niente più.

    • bhooo, per me un giocatore a quasi trent’anni deve capire da solo cosa serve e dove può migliorare se vuole vincere, io non credo che d’antoni gli dica di non difendere, anzi, secondo me è l’attitudine e la capacità mentale di rimanere in partita, comunque a sto punto sono curioso,facciamo una petizione per mandar via d’antony e mettiamoci un allenatore difensivo e vediamo se gli asini sanno anche volare!!!!!!!!!!!!!!

      • Quoto Alert

        Poi Gatzu va detto che più di qualche volta dopo l’arrivo di Melo gli è stato chiesto cosa avrebbero fatto per la difesa e Stat ha sempre detto di essere a disposizione e di essere a conoscenza che la difesa è un fattore fondamentale per vincere…Però se non hai un allenatore che la pensa nello stesso modo, se non hai di tuo la difesa nelle vene, serve qualcun altro che ti insegni e ti stimoli e come dice Alert, Stat non si è mai trovato in un contesto diverso da quello del run&gun di D’Antoni…

        Detto questo tu non ti eri limitato a paragonare Boozer e Stat difensivamente, ma avevi detto anche “la sua testa è un limite almeno quanto per boozer”, e questo per quanto mi riguarda è una grandissima cazzata, perchè quel che ha fatto Stat a NY dimostra finora il contrario…Poi attenzione, può essere benissimo che sia un giocatore pigro, che anche arrivando Thibodeau in persona sulla panca dei Knicks si ostini a non difendere: ma finora non abbiamo controprove su questo punto, mentre ci sono le prove che Stat è un giocatore con la testa sulle spalle…Per cui ripeto, polemiche inutili proprio

      • Se guardi le squadre di D’Antoni non vedi un sistema difensivo. Chi difende in quella squadra è pagato per farlo. Ed è lì il problema. Tu puoi impegnarti quanto vuoi ma se non sei disciplinato a farlo non ti improvvisi difensore a quei livelli. D’Antoni non è che gli dice di non difendere ma nella cultura cestistica di Mike non c’è l’ossessione per quelo particolare aspetto del gioco. Per lui il mantra è fare un punto in più dell’avversario.

        Poi Stat probabilmente con un altro coach non migliorerebbe ma almeno avremmo la controprova. Ed è quello che accadrà Boozer.

  30. non tutte le squadre sono celtics o bulls, e neanche miami ha una difesa così strutturata.
    Ma voglio prendere l’esempio dei lakers, non hanno una difesa strutturata per nulla, l’unico concetto chiaro è di riempire l’area e lasciare tiri da fuori o dalla media distanza, e la differenza la fa la voglia che ci mettono o meno.Poi ci sono altre differenze di gioco, per esempio i lakers preferiscono controllare la partita e avere ritmi bassi, il gioco di d’antoni no, però la differenza la fa la voglia in primis, soprattutto nella metà campo difensiva, perchè i concetti di base, d’antoni o no a trent’anni, se sei pagato 100M e fai quello dalla mattina alla sera, li devi conoscere meglio di tua madre!!!!!!!!!

    Giulio
    Ribadisco che per me stat è un boozer più forte offensivamente e più atletico, ma a livello di testa non ha dimostrato ne di più ne di meno e quello che ha fatto coi knicks quest’anno non è niente di eclatante al momento, anche se per voi tifosi può sembrarlo se rapportati agli ultimi anni.
    Ai suns lui era lo scorer ma il leader era un altro, ai knicks era scorer e leader di una squadra piena di ragazzi giovani( molto promettenti, ma senza esperienza) e ora non sono così convinto che sia lui il leader………
    Se poi ti basi sulle affermazioni che fa ai giornalisti ribadisco che depongo le armi, secondo te va in sala stampa a dire, non io non difendo lo devono fare gli altri per me!!!!!!!!!??????
    Io guardo a quello che fa in campo, e sinceramente mi sembra uno che non si sbatte più di tanto ( e sono generoso), e visto i mezzi che ha( da primi 5 atleti della lega) dovrebbe essere uno che sposta e pure tanto!!!
    howard non ha un difensore che uno in squadra con lui, però da solo fa la differenza e rende un’ottima difesa quella dei magic, che se gli togli lui prendono 120 punti di media.
    Garnett idem con o senza sistema celtics, che appena è mancato il bigliettone ne hanno presi 110 di media da dei bulls tutt’altro che irresistibili e si può dire la stessa cosa per il duncan di 3-4 anni fa!!!!!
    Stat ha gli stessi mezzi fisici, offensivamente è più forte di questi giocatori ma difensivamente e per mentalità non ci si avvicina neanche lontanamente

  31. Raga,
    scusate oggi che sto male sono in vena di notizie…
    Bargnani ha detto che in caso di sciopero l’anno prossmi viene a giocare al Basket Roma in C2…
    Cavolo la mia squadra è in C2!!! Mi devo allenare e chiedergli se mi riprendono in squadra, così potrò dire che ho giocato contro Bargnani…!!!
    Per il momento posso solo dire di aver giocato contro Cittadini….

    • Contro di me dici,
      o in generale???:-)
      Guarda che Io ero un gran rimbalzista in attacco, perché essendo una guardia/ala difficilmente mi tagliavano fuori, mentre Io andavo e saltavo spesso a rimbalzo offensivo…:-)
      Quindi non lo so se con me ci arriva a 10….:-)))))))))))

      • Li prendi tu, Andrea li concede a tutti, lui gioca a pallacanestro non a pallarimbalzo…

        • AHAHAH
          e vero, grande questa sua battuta…
          COmunque Andrea sta diventando un po’ antipatico anche alla intervistatrice della Gazzetta….l’altro giorno gli ha chiesto se Indiana doveva dare di più per puntare ai P.O., e Lui ha risposto che non gli interessava di Indiana…

  32. @alert70
    Come siamo messi ad infortunati questa sera?
    Udrih e Cousins saranno della partita?
    Stavo pensando di schierare Jeter, contro i Warriors ci sarà da divertirsi…

    • Udrih ha avuto la febbre per cui si deciderà poco prima della palla a due mentre Cousins che io sappia sta bene. Evans invece giocherà per la fine del mese.

  33. ma a nessuno viene mai in mente che i knicks sono un cantiere aperto?
    poi sono d’accordo nel discutere d’antoni e il suo sistema,ma non può essere oggi il momento in cui il lavoro dell’ex coach di treviso verrà discusso…

    si dice sempre che questa squadra è imprevedibilie,quindi come tale può vincere a miami,atlanta e memphis e perdere in casa con cavs e pacers.
    quindi ai playoff ci può stare che faccia soffrire chiunque,come ci può stare che esca fuori dopo un bel cappotto.
    ma l’importante è capire che questa squadra non è oggi che deve convincere.
    parliamo di una squadra di prospettiva che aspetta l’estate del 2012 per completarsi…

    poi per quanto riguarda melo e stoudemire.
    il loro problema è mentale,su questo nessun dubbio,anche perchè a livello di talento sono probabilmente entrambi tra i primi 10 della lega.
    ma questo loro limite mentale non lo noti solo in difesa,ma in generale,visto che entrambi,pur avendone il talento,non mi danno la sensazione di essere dei veri e propri trascinatori di una squadra che punta al massimo.
    ecco perchè per completare questa coppia ci vorrebbe un cp3.
    anche billups va bene,ma non è eterno, e comunque,pur restando sempre ai livelli top del suo ruolo,qualche colpo l’ha perso rispetto a qualche anno fa…

    comunque ieri nessuno ha parlato dell’asg italiano.
    dove un italia sperimentale ha vinto con le stelle straniere.
    mancinelli ogni giorno che passa diventa sempre più una certezza del nostro basket,datome è in buona crescita,idem hackett,mentre mi ha fatto una buona impressione nella gara di ieri il giovane melli.
    gara che comunque qui da noi viene interpretata molto più seriamente rispetto a quella americana.
    aspettando i nostri big three nba,una buona iniezione di fiducia in vista degli europei.
    abbiamo giovani interessanti che stanno crescendo e che potranno aiutare i 3 nba, per permettere all’italia di fare un grande europeo,cosa che ormai non accade da parecchio tempo.
    si vede sempre lo zampino di pianigiani,grande coach,di lui mi piace il suo spirito,vuole il massimo dai suoi in qualsiasi gara o in qualsiasi momento della partita,in più è anche un ottimo coach tatticamente parlando,quindi il top.
    può nascere una nazionale speciale…

  34. ma andate a fanculo porca puttana,perdere con i pacers in casa,ma caxxo vinci a miami,memphis con delle belle vittorie poi perdi in questo modo?bah
    c’è pure da dire che billups era appena rientrato,e che per creare i giusti meccanismi con gente come anthony e stoudemire ci vuole un pò,però cazzo non le sopporto ste sconfitte.
    cioè in casa quest anno abbiamo perso con i cavs,clippers ora i pacers,poi abbiamo perso contro minnesota,insomma a questo punto eri attaccato al culo degli hawks…

    • :-DD
      scusa se rido ma l’ingresso in scena è stato epocale, da cineteca…
      e hai pure tutte le ragioni…

  35. Non ho visto l’ASG italiano ma ho lettogli articoli. Sonoben felice di vedere un Datome attivo e un Hackett che non sarà un fenomeno ma potrebbe essere del gruppo in estate. Pianigiani non lo scopre nessuno: se è in grado di svegliare Bargnani dal torpore allora non mi stupisco di nulla. Ottimo allenatore oltre che motivatore pazzesco. Le prospettive per qualificarsi per le Olimpiadi sono buone. Speriamo.

    Gallo

    Non si può non criticare D’Antoni. Lui può pure ricevere in dono CP3 ma chi difende? Il francese, qualche FA preso appositamente per fare sportellate e poi? Poi sconfitte su sconfitte quando conterà per davvero.

    Gatsu

    Parlavi dei Lakers e della loro filosofia in difesa. Riempiranno pure il pitturato ma lo stesso Gasol che non è una roccia in difesa rende di più di Stat-Melo-Boozer di questo mondo.

    Siamo sicuri che a CP3 gli va di andare a NY da Mike? Sarò spudoratamente di parte ma se i Kings gli offrissero le chiavi della squadra con Cousins, un Jones, una buona guardia perchè non dovrebbe accasarsi a LA? In fondo per come sono strutturati i Kings potrebbero anche prendersi un West. Insomma se si parla di un progetto futuribile a breve un quintetto con CP3-Thorton/JR Smith-Jones-West-Cousins proprio schifo non farebbe. In fin dei conti ai Kings basterebbe avere la prima scelta per arrivare a questo quintetto. Lo so sto svalvolando ma i Kings potrebbero offrire agli Hornets un Evans+Udrih.

  36. per l’mvp,lo merita rose,ma dietro di lui non può non esserci dwight howard.
    questo sta facendo i miracoli,i magic stanno lottando per il terzo posto ad est pur non avendo un altra stella di questa lega da affiancare ad howard.
    parliamoci chiaro,i magic ricordano molto le recenti versioni dei cavs,dove attorno a lebron si vedevano discreti/buoni giocatori ma nessuna stella.
    in più howard è costretto ad ogni gara a lottare praticamente da solo contro i lunghi avversari.
    questo può anche andare bene quando incontri certi tipi di squadre,ma con le vere big,non può bastare il solo howard…

    l’impressione che howard e van gundy ad orlando abbiano i giorni contati,il primo per una sua scelta,mentre il secondo semplicemente perchè in quattro anni è andato peggiorando.
    di solito le squadre “giovani” come i magic dovrebbero evolversi anno dopo anno,invece questi sembrano aver fatto esattamente l’opposto…

    l’unica salvezza dei magic si chiama cp3 o deron,ipotesi da non scartare.
    fino a quando avranno howard in squadra,i magic potranno fare gola a quache big.
    ma si devono muovere,perchè la pazienza di howard ha un limite…

    • quoto tutto apparte il discorso magic…tu dici che una squadra giovane si debba evolvere..pero pur stimando otis come GM della squadra del 2009 con quintetto alston/nelson lee turko lewis e howard è rimasto ben poco…prima il turko(sostituito da un tropppo discontinuo carter) lee e poi lewis…diciamo che le trade si quest anno siano un po quanto meno azzardate soprettutto quella per hedo con lo spostamento di pietrus e gortat(importantissimi nel 2009 sopratutto il primo)…puntare su arenas,ammesso che abbiano fatto un discorso tecnico e non abbiano solo scambiato contratto pesante per contratto pesante fino ad adesso si è rivelato sbagliato cosi come privare di lunghi un reparto non troppo fornito…quindi diciamo che non ce stata troppo una continuità no??

  37. Ragazzi, io me lo ricordo a Scafati Datome, è cresciuto tantissimo quest’anno, a me sembra ottimo per il basket europeo, può giocare anche da 4 tattico e ha messo su un tiro da lontano che merita rispetto, per me le lacune sono sempre nel ruolo di play e di centro, perchè con datome e mancinelli dalla panca arriverà tanta energia! nel ruolo di play comunque viggiano ed hackett già mi sembrano meglio di poeta e giacchetti, almeno fisicamente possono reggere, soprattutto difensivamente, nel ruolo di centro invece c’è davvero poca roba, mi sa che sarà il tallone d’achille

  38. giangio

    La mente può tanto. Assolutamente. Quando vedo l’approccio di Andrea alle partite nei Rapt e in Nazionale con Pianigiani mi piange il cuore. Due persone diverse. E questo vale per Stat, per Melo etc….

    Non ci sono santi ma per alcuni di questi giocatori un generale in panca e regole incise nella pietra serve come il pane. D’Antoni non lo è come Triano. Rimango sempre stupito dal lavoro di Monty Williams il coach degli Hornets: questo ha creato una squadra che sa difendere senza avere gli Howard, i NOah o i KG di questo mondo. Eppure in una conference dura come la Western sta facendo un lavoro incredibile. Vai a capire perchè in altre franchigie non esiste niente di tutto questo.

    • Ma il tuo ragionamento è logico.
      C’è da dire che un, non vorrei fare esempi banali,
      un Artest anche con D’antoni in panca difenderebbe lo stesso,
      mentre è probabile che Antony, già con Williams, diventerebbe un buon difensore, anche se dobbiamo averne la prova.
      Quello che dico, in generale, che la difesa, più dell’attacco, è un esercizio di spirito e di mente: quando giochi tra gli amici corrì di più quando parti in contropiede che quando devi tornare a difendere, e ai massimi livelli, è così anche nella Nba…
      Certo è che D’antoni non fa della difesa il suo credo,
      mentre lo stesso Bargnani ha detto più di una volta che ha bisogno di una guida in panchina.

  39. alert70
    Appunto, se anche gasol, che non ha mai fatto della difesa il suo credo, capisce che per vincere lo deve fare e si sforza direi anche con buoni risultati, non vedo perchè stat con quelle doti non si debba applicare anche senza uno in panchina che lo sevizia se non lo fa!!!
    E’ solo una questione di voler vincere a tutti i costi o no e di non accontentarti di quello che madre natura ti ha dato!!!!
    E ribadisco, a quel livello in panchina serve uno che lucidamente fa aggiustamenti da esterno, ma non uno che ti deve spiegare come si fa, perchè a trent’anni se non ne hai idea vuol dire che non hai colpe, poichè non credo sia il caso credo che stat spesso non ne abbia la volontà!!!

  40. gasol non è un duro,ma è un giocatore estremamente intelligente cestisticamente parlando,per questo in difesa fa comunque il suo.
    di stoudemire non si può dire la stessa cosa.
    animale da parquet,una potenza fisica e atletica devastante,questo gli permette di essere un finalizzatore pazzesco,ma per il resto come sempre ha evidenti limiti.
    poi oltre a tutto questo,non dimentichiamoci che gasol è allenato da phil jackson e gioca nella squadra di kobe,quindi sei costretto ad essere aggressivo anche nella propria metà campo,altrimenti questi ti massacrano…

  41. dalla cessione di green e krstic,sia ibaka che harden hanno avuto piu spazio e hanno risposto positivamente.
    il congolese e stato promosso in quintetto e rispetto a jeff(che nasce ala piccola) e una vera ala grande con grandi doti fisiche ed atletiche,buon difensore e gia in grado di viaggiare in doppia cifra in attacco.potenzialmente potrebbe formare una gran bella frontline con perkins che e il prototipo di lungo che mancava ai thunder,un giocatore che dara fisicita,difesa ed intimidazione alla squadra.
    harden invece e la guardia perfetta per giocare accanto al duo westbrook-durant.

  42. artest non è intelligente cestisticamente parlando ma difende, il problema è sempre la volontà, in difesa o ce l’hai o non ce l’hai!!!

  43. Alfredo

    Viggiano non è un play, ma una guardia. Del play fidati che non ha proprio nulla. In PG abbiamo Poeta, Hackett, Maestranzi e Giachetti. Purtroppo lì e nella posizione di centro saranno guai seri quest’estate

  44. Big 0
    Lo so, ma al di là del ruolo, serve uno da associare al beli e a danilo, indipendentemente dal ruolo, può anche essere una guardia e il play lo fa belinelli! io comunque ai poeta, ai maestranzi, ai giacchetti darei pochi minuti, fisicamente non sono andatti a certi livelli! darei molto più spazio ai carraretto, agli hackett, ai viggiano, difesa e tanto fisico! poi se datome continua con questi progessi, si può anche andare con belinelli in play con lui e danilo a completare il reparto piccoli, secondo me tecnicamente ci sta! nel ruolo di centro invece la vedo male male…

  45. @Doff
    Tu in che squadra giocavi?
    Perchè me l’hai chiesto…? Semplice curiosità o altro…?
    Ci siamo incontrati in qualche partita?

    • nono io ho solamente giocato a livelli regionali(quindi scarsiXDDD)!!! era semplice curiosità giangio!!!

  46. “per questo in difesa fa comunque il suo.”
    Gallo, scusa tanto ma a me Gasol in difesa sembra una gran segha… Mi sbaglierò…

    • bè, oddio, sega proprio no, se devo scegliere tra boozer (si ancora lui…) e gasol per un quintetto difensivo, non avrò mai dubbi, sarà anche che pau è più alto, ma comunque non è male… non è kg, ma i centimetri e la (comunque sempre presente) “intelligenza” europea che non ti porta sempre a saltare su ogni movimento per stoppare, lo fanno essere comunque uno buono, da 6 non da 9, ma non è un 4 come boozer (4 inteso come voto…)

  47. Attenzione, i Lakers difendono. Se il santone Phil dice a Gasol “guarda che devi difendere” Pau non dice nulla e pedala. Il punto è che ci sono giocatori votati alla difesa altri che sono negati ed altri a cui devi insegnare/imporre a farlo per il loro bene e per la squadra. Quindi state certi che un Gasol ai Raptors/Knicks sarebbe un bel problema mentre uno Stat ai Lakers con Phil, Kobe e i titoli in bacheca muoverebbe le sue chiappe senza proferire parola.

    Purtroppo difendere non piace a nessuno ma è necessario per vincere. Non ricordo una squadra ridicola in difesa vincere un titolo NBA. Ovviamente sempre pronto ad essere smentito.

    Giangio

    Se un giocatore (Andrea) te lo dice e tutto dire.
    Belinelli l’anno scorso ai Rapt era uno sbandato in campo. Oggi difende, non sarà mai un Battier ma il suo lo fa. Se c’era Triano agli Hornets tu pensi che Beli e gli altri avrebbero morso le gambe agli avversari? Come no.

    • paragonare triano a monty è come insultarlo, al povero monty… va che poi ti chiede i danni :-)

      • Mi difenderò con il mio avvocato!!!!!!! hehehehehehehe

        tifoso

        Hai ragione in linea di principio ma nella NBA non c’è solo Thibodeau ma Monty, Rivers, Skiles, Popovich e mi fermo. Indubbio che non difendere è un peccato originale ma sono certo che tanti soggetti pedalerebbero eccome in determinati contesti Stat e Bargnani inclusi. E’ brutto lo so ma è così.

  48. sì però sta mania che se non c’hai thibeuodeau non difendi e te ne frega non mi va giù,stoudemire non difende?male
    bargnani non difende?male
    cazzo ti pagano va bene gestirsi per essere più efficaci in attacco dove sei l’arma principale.

  49. ma nemmeno essere obiettori di coscienza(stat quando vuloe qualche bell’aiuto lo porta ma è troppo poco)

  50. Quoto tutta la vita tifoso, se hai bisogno di uno che ti fustighi per difendere sei un giocatore monco e come tale vai considerato

  51. Tifoso mi spiace ma non sono d’accordo: Stat non è un difensore, non è mai stato e mai lo sarà…In più aggiungici che non ha mai giocato in un sistema in cui la difesa avesse un ruolo importante…Aggiungi che ha un allenatore che non lo incita in difesa…E aggiungici che chiaramente Stat non sa difendere: da solo non lo sa fare, non rientra nelle sue corde, per cui ha bisogno di qualcuno che gli insegni come fare…Come Thibodeau ha fatto per Pierce e Allen per esempio, come Williams ha fatto con Belinelli come giustamente si faceva l’esempio poco fa

    Non sarà mai Garnett, ma può sicuramente migliorare…Da solo no, e vi illudete se pensate che per difendere basti la testa, servono anche le capacità, e lui non ce le ha al momento…Cosi come non le avevano al tempo Pierce e Allen…Non è nato difensore come Garnett o Artest! Diamogli un allenatore che lo prepari in difesa poi ne riparliamo

    Gallo non sono d’accordo quando dici che Stat non è intelligente, per me un giocatore che dopo la firma con NY veniva dato per finito e invece viene candidato addirittura per l’mvp qualcosa vuol dire che l’ha dimostrato…Certo, potrebbe sbattersi in difesa senza che sia un coach a dirglelo, ma evidentemente non è capace, intendo che proprio non sa difendere…Magari mi sbaglio eh, magari arriva Thibodeau in persona e Stat e Melo continuano a non difendere: ma finchè non ne abbiamo la controprova, visto che nessuno dei due ha MAI giocato in contesti difensivi, sono polemiche che trovano il tempo che trovano…Si può parlare di leadership, su questo sono più d’accordo, ma non di intelligenza difensiva…In leadership Melo e Stat mancano di qualcosa, infatti sono d’accordo quando dici di Billups e CP3!

    • PS GALLO

      Sono d’accordo quando dici che NY è un progetto del futuro, e infatti la sconfitta fa incazzare soprattutto per come è arrivata, perchè volendo, come ho già detto, le attenuanti ci sono…Ciò non toglie che la partita andava vinta!

      Però il discorso difesa invece è già attualissimo in casa NY: da un parte è vero che D’Antoni non ha avuto la possibilità di organizzare la squadra perchè appena arrivato Billups si è infortunato, dall’altro però non mi viene da pensare che stia sudando 7 camicie per dare una dimensione difensiva alla squadra, e nemmeno penso che succederebbe se arrivasse un CP3 o chi volete! Semplicemente D’Antoni non crede nella difesa, questo è il punto…E allora dico: perchè non affiancargli un clone di Thibodeau? Ok, fantabasket, ma allora l’alternativa qual’è? Un’anno di occasioni buttate e poi l’esonero?

  52. GIULIO
    Con tutto il rispetto che posso avere per stat, alla favola che dopo 10 anni in nba uno non sa difendere non ci credo neanche se lo vedo!!! ma dai su avete dato 100M a uno che non ha idea di come si difende???????? Neanche tu ci puoi credere!!!!!
    E pensi veramente che pierce o allen non sapessero difendere già prima di incontrare thibodeau???????Ma dai su, piuttosto il discorso era uguale a quello di stat, lo sapevano fare ma lo vedevano che una cosa superflua, poi hanno capito che per vincere quella era l’unica strada e visti anche i sacrifici hanno iniziato a farlo. Poi un conto è non essere grandi difensori, un conto è omettere completamente quella fase di gioco, e ribadisco, a ny stat non ha fatto altro che quello che faceva ai suns, segnare segnare e segnare, soltanto che voi a ny venivate da così tanta cacca, che l’avete elevato a santone, cosa che non è!!!Anche perchè se il leader della tua squadra non difende, voglio vedere come convinci gli altri!!!!

  53. gatzu83

    nessuno dice che se sei cestisticamente intelligente devi per forza essere un difensore di livello,ma certamente puoi compensare certe mancanze.
    gasol non è rodman,neanche mutombo,però in difesa fa il suo,non sciopera sempre come fanno altri big,stoudemire compreso.
    ripeto,anche il contesto in cui gioca lo aiuta da questo punto di vista…

    su artest,io dico che questo se offensivamente ha capito poco la triangolo,difensivamente è un vero e proprio genio.
    voglio dire,lui in difesa non è mica un killer solo grazie all’intensità o al fisico,ma anche perchè sa come muoversi,cosa fondamentale se vuoi limitare certi giocatori…

    giulio

    non ho detto che stoudemire non ha intelligenza cestistica,però diciamo che da questo punto di vista non sfonda.
    con un altra testa sarebbe un dominatore,perchè ha un potenziale impressionante.
    certamente in difesa spesso ha dei limiti di intensità ma anche nel leggere le varie situazioni.
    voglio dire,duncan è stato duncan,ovvero un difensore incredibile anche perchè sapeva leggere il gioco avversario con anticipo,per questo era una macchina difensiva quasi perfetta.
    poi se parliamo della fase offensiva,si può dire la stessa cosa.
    stoudemire è un grande finalizzatore che gioca sostanzialmente da solo,nel senso che il suo lavoro è esclusivamente quello di finalizzare il gioco.
    poi ci sono altri lunghi che con la palla tra le mani inventano pallacanestro,stoudemire non è uno di questi,sia per caratteristiche tecniche,visto che non è un buon passatore,ma anche per caratteristiche mentali,proprio per quanto detto prima.
    ma lo stesso discorso vale per melo,infatti li considero due giocatori piuttosto simili,considerando sempre che uno è un lungo e l’altro è un esterno…

    comunque real madrid del calcio che invita ai controlli antidoping…

  54. GATZU

    Non so cosa dirti, io la vedo cosi…Non so da cosa ti derivi la sicurezza del contrario invece, visto che ribadisco, Stoudemire ha sempre e solo giocato in sistemi di run e gun in cui era la prima opzione offensiva…Quindi mi chiedo da cosa derivi tutta questa sicurezza che Stat sappia difendere ma non lo fa perchè è svogliato…Mah…10 anni e non sa difendere? PP non ha difeso fino all’arrivo di Garnett, eppure non ti ho sentito fare il suo esempio…Mah

    Detto questo, poi tu dici una cosa su cui mi trovi parzialmente d’accordo: “il discorso era uguale a quello di stat, lo sapevano fare ma lo vedevano che una cosa superflua, poi hanno capito che per vincere quella era l’unica strada e visti anche i sacrifici hanno iniziato a farlo”…Magari hai ragione te, probabilissimo che io mi sbagli, in ogni caso per me colpe le hanno si anche Stat e Melo senza dubbio, ma se non è il coach a spronarti in difesa, puoi dire tutto quello che vuoi ma non ti metti a difendere da solo, a maggior ragione se non ne sei capace!

    E comunque ribadisco: quando hai paragonato difesa e testa di Stat con quelle di Boozer hai detto solo una boiata dietro l’altra, spero che almeno di questo ti sei reso conto da solo

  55. giulio

    ma infatti fosse per me d’antoni non sarebbe più il coach dei knicks.
    ma come me,penso che pensano questo anche i tifosi dei knicks.
    semplicemente penso che la dirigenza knicks ha un progetto di prospettiva in mente,quindi come tale,solo quando l’avrà completato valuterà se d’antoni merita o non merita di allenare questa squadra…

    • Quoto, però credo che questo progetto terminerà prima del 2012, già dal prossimo anno, urgono risultati evidenti…Se questi EVIDENTI limiti in difesa non miglioraro, per me D’Antoni sarà già a rischio…E occhio, perchè un 4-0 al primo turno sarebbe già un campanello d’allarme

      • spererei che un 4-0 non sia solo un campanello d’allarme, ma qualcosa di più grave… del tipo, dopo aver subito lo sweep, walsch che chiama d’antoni e gli dice: o quest’estate diventi uno che bada molto di più alla difesa, oppure ti affianco un coach difensivo colle palle, fanculo tuo fratello, e se non ti ci metti pure tu fanculo pure tu…
        poi sembrano parole dure, ma vedere phoenix con nash e quel gioco a me è sempre piaciuto… però io non sono il proprietario di una franchigia nba… lui deve avere altro in testa rispetto a me…
        buonanotte a tutti

  56. ma posso pure capire che stat in difesa non sarà mai garnett o kurt thomas,però se ci mette un pò più di impegno vuoi vedere che male non fa pure lui nella sua metà campo.
    insomma 1vs1 non è un granchè ma sugl aiuti per me potrebbe dire veramente la sua,quest anno ne ha decise di partite in difesa grazie a stoppate ed aiuti difensivi negli ultimi minuti.
    il contratto da 100 mln cmq fino ad ora se lo è meritato alla grande,tanti soldi ma spesi per un giocatore che ti fa la differenza

  57. “non ho detto che stoudemire non ha intelligenza cestistica,però diciamo che da questo punto di vista non sfonda.”

    Allora andiamo già più d’accordo! Non sono totalmente d’accordo ma capisco cosa intendi…Stat sicuramente non ha la testa di un James o di un Kobe, ma paragonarmelo a un Boozer, consentimi se grido alla BESTEMMIA!!! Resto però della mia idea: se i vari Stat, Melo fossero sotto Phil Jackson, Thibodeau, vedreste migliorare anche loro dal punto di vista difensivo…Tutto qua

  58. fosse per me avrei fatto una proposta da 20 mln all’anno per prendere phil jackson l’anno che lasciò i lakers,magari vince quest anno e poi il prox anno viene a ny :-)
    e pensare che nel 99 era motlo vicino ai knicks,al 1° turno ormai il proprietario dei knicks aveva intenzione di silurare van gundy e lanno dopo di dare le chiavi della squadra a jackson,puntualemtne i knicks 8° testa di serie ad est battono miami al 1° turno ed arrivano in finale,salvando il culo a van gundy

  59. Phil Jackson a NY purtroppo non lo vedremo più, ma D’Antoni per me, o cambia sul discorso difesa, o ha fatto il suo tempo…E non dico a NY, ma nell’intera NBA

  60. Per me Nash deve i 2 MVP a d’antoni e alla sua filosofia di gioco.. D’antoni deve il 50% del ricavato dei suoi contratti di allenatore a Nash.

    Parere personale se non si fossero incontrati nessuno dei due (no, neanche nash.. lapidatemi pure) sarebbe diventato tanto “grande”.

  61. boozer è intelligente cestisticamente,non scherziamo,un giocatore di quella stazza con scarso atletismo fa quello che fa grazie alla sua intelligenza.
    sa stare in campo,guardate sa sempre farsi trovare al momento giusto e al posto giusto,è un’ottimo passatore ed ha visione di gioco,giocare a duke per coach k ti aiuta anche in questo.

  62. “nessuno dice che se sei cestisticamente intelligente devi per forza essere un difensore di livello,ma certamente puoi compensare certe mancanze. gasol non è rodman,neanche mutombo,però in difesa fa il suo,non sciopera sempre come fanno altri big,stoudemire compreso.”

    Mettiamo Gasol a NY allenato da D’Antoni e poi ne riparliamo: secondo me si potrebbe fare per lui il discorso che si fa per Stat, fosse ai Knicks anche per lui ci si incazzerebbe che non difende…Io dico che Gasol fa si il suo in difesa, ma perchè in panca c’è un certo Phil Jackson, che se non facesse il suo lo prenderebbe per le orecchie!!! Stat con D’Antoni non ha questo problema, di per se non ha mentalità difensiva (e questo per carità è un suo limite), ed ecco spiegato perchè ora come ora, senza qualcuno che lo inciti e gli insegni, non difende

  63. tifoso knicks

    per il discorso dei soldi,anche qui la penso come tranquillo.
    ovvero,quando fa il paragone con il nostro calcio,o comunque col contesto europeo,dove tu valuti un giocatore e poi gli offri quello che pensi che possa valere.
    nel contesto americano è già diverso,tu non puoi spendere tutto quello che ti pare,ma hai dei limiti,quindi ci può stare che certi giocatori vengono pagati oltre il loro valore,perchè hai meno la situazione sottocontrollo.
    quindi se puoi prendere un big è giusto dargli quei soldi…

  64. dontrythisathome
    in parte concordo con te,però per me è più quello che ha dato nash a d’antoni che d’antoni a nash.
    che poi la filosofia di gioco di d’antoni il famoso run ‘n’ gun mica l’ha inventato lui.
    don nelson vi dice qualcosa?

  65. giulio

    si,ma riporta tutto.
    se noti,sotto ho appunto scritto che il contesto lo aiuta…

    poi ribadisco,l’intelligenza cestistica che ha lo spagnolo lo aiuta di più a compensare certi suoi limiti di intensità difensiva.
    l’intelligenza cestistica l’avrebbe anche fuori dal contesto lakers,perchè quella è una dote naturale…

  66. giulio
    Sinceramente non vedo quali differenze vedi tu fra boozer e stat difensivamente se non che uno col fisico che ha potrebbe spaccare anche nella sua metà campo, mentre l’altro fisicamente va sotto contro tutti i pariruolo o quasi.
    A livello di testa trovami le differenze, perchè sinceramente anche li non ne vedo.
    Segnano tanto, stat più di boozer per via del talento offensivo e dell’atletismo, manegli altri aspetti del gioco sono carenti, anzi boozer probabilmente è un miglior passatore.

    Poi che stat sia più forte nessuno lo discute nessuno,

    Poi che c’entra pierce,non stavamo parlando di lui e comunque ti ho già risposto prima, neanche pierce è un difensore fantastico, però da quando ha la squadra per vincere lo fa e si impegna sicuramente più di prima, sopperendo in gran parte alle lacune tecniche e fisiche, ma perchè si impegna. Se stat non fa neanche quello, perchè quando vuole anche quest’anno ha dimostrato che una mano la può dare, le colpe sono sue e non di chi lo allena!!!!

  67. Personalmente trovo più giustificato lo stipendio di Stat che quello di Boozer…Sempre opinione personale…Che poi voglio dire: ma c’è qualcuno qui che pensa che con Boozer a NY al posto di Stat, i risultati sarebbero stati gli stessi???

    Per carità, forse da tifoso Knicks ho esagerato pure io, nel senso, Boozer non è il mio giocatore preferito ma comunque è un buon giocatore e zitto zitto è andato a infilarsi in una realtà in cui avrà la possibilità di lottare per il titolo…Però rimango dell’idea che era lecito aspettarsi di più da Boozer, arrivato in un contesto come quello di Chicago…Ma poi per carità, è solo il primo anno, vedremo nei prossimi…Magari migliora, non posso dire già ora che non sarà cosi…Però trovo lo stesso che il paragone con Stat sia ingiusto

  68. io penso da sempre che stoudemire,bosh e boozer hanno la stessa testa cestisticamente parlando,però dei tre stoudemire è nettamente il giocatore pù talentuoso,quindi se devo scegliere,ieri,oggi e domani mi prendo tutta la vita stoudemire…

    • no dai.. uno dei tre gioca con sai bene chi e vuole più tiri :-O

      La testa al massimo può usarla come fermacarte!!

  69. No vabbè, adesso far passare Boozer come un decerebrato no eh… questo è comunque uno che ti porta 20 punti e 10 rimbalzi di media da oltre un lustro abbondante, senza avere un grande atletismo, essendo sottodimensionato e non essendo mai stato la prima opzione della squadra. Di più, è un signor passatore nel ruolo, sicuramente tra i top 10 (mi tengo largo).

    Secondo me Stat ha più talento di lui, ma come QI siamo lì eh ragazzi. Stat segna segna, ma sostanzialmente non fa altro, non migliora i compagni di una virgola, a rimbalzo va a momenti e in difesa lo state commentando da oggi pomeriggio. In definitiva, è un giocatore migliore di Boozer, ma questo non certo per la testa!

  70. @tifoso

    Credo anch’ io. Ma se non si fossero incontrati il decennio scorso sarebbe stato indiscutibilmente di un certo Jason e il Run & Gun un sistema strettamente da RS.

    D’antoni ha trovato l’ interprete con la “I” maiuscola per il suo sistema, Nash una tipologia di gioco che minimizzasse le sue carenze fisiche e che insieme all’ allenatore ha accresciuto al massimo la sua sicurezza e comprensione del gioco.

    Differenza fra i due a ora??

    La pallacanestro sta a Nash come un abito su misura..
    D’antoni cerca di far indossare lo stesso completo a chiunque si ritrovi in PG. :D

  71. insomma boozer il suo lo sta facendo,sta sempre viaggiando a quasi 20+10 di media in una squadra da più di 50 vittorie da qui alla fine della stagione.
    ora mi direte che le statistiche non contano nulla però non penso che i numeri dl “povero” carlos sia così inutili,insomma è da anni che viaggia a 20+10 in squadre da 50 vittorie.
    in difesa rimane quello che è purtroppo pure lui ha i suoi limiti

  72. Poi con sta storia di gasol che non difende sono leggende, ha limiti in difesa, a volte la omette, ma quando conta difende e come(chiedere a magic e celtics nelle ultime due finali).
    Stat al momento non lo fa neanche quando conta, poi magari quest’anno mi smentisce e visto che viene maggiormente responsabilizzato lo fa, ma allora darà ancora più ragione a me…..
    Tra parentesi gasol ha vinto tantissimo anche con la sua nazionale, non penso che anche li non difenda………..
    Non sarà mai russel,e non ha la continuità di un garnett, ma quando vuole fidatevi che si fa sentire, non fosse altro per la sua altezza e la sua comprensione del gioco.

    Su boozer concordo con tifoso in tutto e per tutto!!!!

  73. dontrythisathome

    infatti,quando c’era duhon lo faceva giocare come fosse nash…
    insomma è come far indossare il perizoma di adriana lima a shaquille o’neal :D

  74. big “o”

    per me boozer è un ottimo giocatore,ma tra lui e stoudemire mi prendo tutta la vita il giocatore dei knicks.
    che saprà solo finalizzare il gioco,ma lo fa come pochissimi altri…

    boozer è più completo,però anche lui da sempre lo vedo come un giocatore egoista che da l’impressione di pensare prima alle sue cifre o poi alla squadra.
    almeno,questa era l’impressione che mi dava ai jazz…

  75. Allen poi è sempre stato un buon difensore, Pierce un po’ meno. Ma qui c’è da considerare anche un altro aspetto, ossia parliamo (e questo se vogliamo vale anche per Amare) di giocatori che per anni sono stati la prima, seconda e anche terza opzione offensiva della propria squadra (soprattutto Pierce dopo l’addio di Walker, Allen almeno aveva Lewis e Amare Nash), ovvio che con quel dispendio di energie uno tende a concentrarsi più su una metà campo che sull’altra. A Boston le responsabilità in attacco sono molto più suddivise, quindi ci si stanca di meno e si può contribuire anche in difesa. Lo stesso vale per Gasol, che a Memphis non ha mai difeso, e anche per tanti altri

  76. Io la penso come gallo, a testa stat,bosh e boozer sono sullo stesso identico piano, ma come talento c’è differenza e io personalmente prendo stat, poi bosh e infine boozer, ma solo per il talento non certo per la testa o la difesa, dove forse il tanto criticato bosh è il migliore dei tre!!!!!

  77. gatzu83

    su gasol ti quoto.
    qualche volta in difesa l’ho visto anche dominare.
    accade raramente,ma quando si impegna,con quel fisico e con la comprensione del gioco fa la differenza anche in difesa…

    poi lui resta un giocatore da separare con i vari stoudemire,bosh o boozer.
    nel senso che è un uomo meno da statistiche,ma è molto più uomo squadra.
    anche ai grizzlies,pur avendo le doti e lo status per farlo,non ha mai fatto stagioni clamorose a livello di realizzazioni.
    sempre stato un giocatore equilibrato e altruista.
    l’unico suo vero limite è la sua durezza,non è soft,ma non è neanche rambo,questo sia a livello fisico che mentale…

  78. gallo
    che poi la gara 7 dello scorso anno dovrebbe aver sfatato un pò anche questo mito sulla durezza di gasol, non ha continuità nel mostrarla e spesso usa il pilota automatico, ma quando contava negli ultimi due anni ha sempre risposto presente!!!!!!!!

  79. gatzu83

    si,ma in parte.
    dal 2008 ad oggi è migliorato molto.
    però appunto,quando lo vedi giocare con quell’intensità gare come la 6 e l’ultimo quarto della 7 contro i celtics,dopo ti domandi anche perchè non può giocare sempre così?
    invece lui delle volte sempre giocare con l’intensità giusta,ma altre volte sembra l’esatto opposto,tipo la gara 5 sempre contro i celtics…

    detto questo,lui per caratteristiche fisiche,tecniche e di comprensione del gioco e la cosa più vicina a duncan.
    il problema che il vero duncan era un duro come pochi,sotto la solita faccia rilassata,il caraibico è stato uno dei giocatori più duri della lega,poco ma sicuro…

  80. Si vabbè gallo..

    mi tocca fare l’ avvocato di Garnett e Duncan.

    anche bargnani ha un record di 16 o 17 rimbalzi mi pare.. tenesse quelli sarebbe un fenomeno.

    La costanza penso sia uno dei gradini che separa i grandi dai migliori.

  81. ho riletto il mio messaggio.. giurio che non è pensato in tono polemico come l’ ho scritto!! :D

  82. Gallo

    Più che altro in trasferta vedi ultime finals al Garden, la speranza è che quella gara 7 in cui difensivamente ha dominato nell’ultimo quarto gli abbia fatto fare l’ultimo step anche a livello mentale perchè secondo me è solo questione di testa, nel frattempo pare che Kobe stanotte sarà della partita.

  83. ripeto,per me tim duncan avrà sempre il massimo rispetto…

    uno,perchè posso dire che in tutti questi anni in cui i lakers sono stati competitivi con phil jackson in panchina,lui è stato sicuramente l’avversario più forte che i gialloviola hanno sfidato,su questo nessun dubbio.
    un avversario che è sempre stato all’altezza…

    magari poco spettacolare,poco personaggio,ma efficace come pochi altri nella storia nba.
    che mentalmente fosse piste avanti rispetto alla media lo si era già visto quando aveva 22 anni,dove riuscì a portare gli spurs al titolo,trascinandoli letteralmente.
    sempre stato un leader silenzioso.
    non ha mai avuto paura di prendersi le responsabilità più grandi,ma questo anche in difesa,dove pur essendo il faro offensivo della squadra,non si è mai risparmiato.
    qualche volta l’ho visto marcare shaq,il vero shaq, e devo dire che pochi altri riuscivano a farlo soffrire come il caraibico,che compensava la differenza di fisicità con una tecnica difensiva straordinaria.
    qui in pochi ricordano che per quasi tutta la serie 2008 diede lezioni di basket allo stesso gasol,questo su entrambi i lati del campo…

    davvero un grande.
    infatti mi dispiace oggi vederlo così,dove è pur sempre un buon giocatore,ma siccome ero abituato a vedere in lui quasi la perfezione,oggi vederlo così “limitato” fa sempre un effetto strano…

  84. dontrythis@home

    ripeto,per doti fisiche,tecniche e di comprensione del gioco nessuno si avvicina a tim duncan come lo spagnolo.
    poi però ci sarebbe anche l’aspetto di durezza mentale e fisica, e qui la differenza tra i due è abissale…

    poi il paragone con gasol se non sbaglio fu accettato dallo stesso duncan anche quando lo spagnolo era ancora ai grizzlies.
    poi ripeto,assomigliare ad un giocatore non significa avere poi automaticamente lo stesso valore…

  85. gallo
    Era anche la terza gara in trasferta a quei ritmi giocando lui e odom praticamente in due causa infortunio di bynum, E’ probabile che l’abbia data su fisicamente tenendo le poche energie per le due gare allo staples, dove era più facile vincere.
    Anche perchè nelle altre non è stato superbo come in casa però ha retto l’urto contro una front-line ostica come quella dei celtics e con rotazioni molto superiori!!!!
    Di sicuro nell’arco di una serie non ha la continuità di bryant, però è diventato uno veramente affidabile!!!!

  86. gatzu83

    può essere.
    certamente se fosse ancora più continuo da questo punto di vista non sarebbe male.
    ma anche qui,la crescita di bynum non potrà far altro che bene allo stesso spagnolo…

    detto questo,fino a prova contraria,non esiste nella lega oggi come oggi un secondo violino più affidabile,anche considerando che wade non è il secondo violino di lebron e viceversa…

  87. Gasol fa incazzare molti per gli urletti effeminati stile Sharapova. Però nonostante tutto è una presenza in difesa. Non costante non sempre dominante ma c’è. Anche perchè ai Lakers se fosse un obiettore di coscienza avrebbe avuto i glutei pieni di calli da calci nel culo.

  88. certo che se gli spurs pensavano di andare a vincere a miami giocando con questo atteggiamento tattico allora non hanno capito niente…

Commenta