Blair (20 pts) ferma Paul sotto canestro

CLIPPERS 90, SPURS 115
Prima pesante sconfitta per i nuovi Clippers di Chris Paul che vengono surclassati all’At&t Center di San Antonio dove gli Spurs appaiono in grande spolvero. Per la squadra di Popovich è decisivo un 3° quarto praticamente perfetto. 38 punti a referto ed un brillante Manu Ginobili, autore di 24 punti e 6 assist in 27’. Benissimo Blair (20 pts) e Jefferson (19 pts, 8/9) con Parker che ha il merito di chiudere la gara con i suoi canestri. Nei Clippers, brilla il solo Griffin (28 pts, 9 rebs) con Paul troppo assente dal cuore della gara. 10 punti e 9 assist per l’ex Hornets.

PACERS 90, RAPTORS 85
Indiana, giocando a sprazzi, passa all’Air Canada Centre di Toronto e conquista la seconda vittoria consecutiva. La squadra di Vogel conduce per larghi tratti della gara e deve “rivincere” la partita nel finale con due triple di Granger ed il canestro decisivo di West che vanificano il grande 4° quarto di DeRozan coadiuvato da un buon Bargnani. Tutti i componenti del quintetto dei Pacers raggiungono la doppia cifra con Granger top scorer a quota 21. Si fa notare George (18 pts, 4 triple) devastante nel primo tempo. Per i Raptors, 43 punti del duo DeRozan-Bargnani con il Mago che mette a referto anche 5 assist.

HEAT 96, BOBCATS 95
Un canestro appoggiato al tabellone di Dwayne Wade consente ai Miami Heat di sbancare Charlotte e di portare a casa una vittoria soffertissima, la terza stagionale. Dopo un primo tempo a pieno appannaggio dei Bobcats, la ditta James-Bosh costruisce la rimonta nel 3° quarto con gli Heat che limitano gli avversari a soli 10 punti in 12’. Nel finale, una mostruosa reverse di Lebron sembra chiudere la gara ma Henderson rimette davanti i Bobcats a 12” dalla fine prima della perla vincente di Wade. Per James, 35 punti e 13/23 dal campo mentre Bosh è decisivo con i suoi 25 punti. A Charlotte non bastano i punti del duo Henderson-Augustin ed un Diaw che sfiora ancora la tripla doppia (16 pts, 16 rebs, 8 asts)

WIZARDS 83, HAWKS 101
Altra facile vittoria per gli Atlanta Hawks che bissa il largo successo contro i Nets battendo i non irresistibili Washington Wizards. Partenza lanciata per Atlanta che segna 11 punti in un amen e va sul +14 dopo pochi minuti. Gli ospiti reagiscono grazie ad un ispirato Young ma il quintetto di Atlanta si dimostra letale all’inizio del 3° quarto piazzando il parziale decisivo con le triple di Johnson e Williams. Sono 6 gli Hawk in doppia cifra con Smith e Horford che chiudono anche in doppia doppia, entrambi con 10 rimbalzi. Per i Wizards, seconda sconfitta in fila nonostante i 41 punti del duo Wall-Young.

CAVALIERS 105, PISTONS 89
Convincente affermazione dei Cleveland Cavaliers che riscattano il ko interno subito contro i Raptors. Battuti i Pistons a domicilio grazie alle giocate di Samuels ( 17 pts, 6/8 al tiro) unite alla buona perfomance di Kyrie Irving che in 19’ mette a referto 14 punti e 7 assist. Seppur con le 22 palle perse sul groppone, i Cavs dominano a rimbalzo e sono efficaci al tiro da 3 (57%) mentre i Pistons s’affidano agli assoli di Gordon (25 pts, 4 triple) e dell’ottimo Knight che mette a referto 23 punti con 10/13 dal campo conditi da 6 assist.

THUNDER 98, GRIZZLIES 95
Oklahoma City vince un altro match tirato e va via dal FedEx Forum con il successo che gli garantisce il 3-0 di record. La squadra di Brooks domina la prima porzione di gara ma viene raggiunta dai padroni di casa che sfruttano le giocate del duo Gay-Pargo. All’inizio del 4° quarto, tre triple mortifere di Cook, Durant e Harden riconsegnano il +12 ai Thunder, vantaggio che non riescono nuovamente a gestire con Memphis che si riporta a contatto. Non bastano le giocate di Randolph perché decide un grande canestro di Durant a 35” dalla fine. Terzo trentello di fila per KD che si ferma a quota 32 con 8 rimbalzi e 10/17 dal campo. Bene Harden (20 pts), malissimo Westbrook autore di un imbarazzante 0/13 al tiro. Ai Grizzlies, non bastano i 24 di Randolph.

CELTICS 78, HORNETS 97
Vittoria di prestigio per i New Orleans Hornets che seppur privi di Eric Gordon battono con autorità i Boston Celtics giunti alla terza sconfitta consecutiva senza Paul Pierce. Boston, al contrario dei primi due ko, tira male dal campo (37%) e non da mai l’impressione di poter impensierire i ragazza di Monty Williams che iniziano nel migliore dei modi il post CP3. Bene Belinelli che resta in campo 34’ rispondendo con una prova da 13 punti, 6 rimbalzi, 3/4 da 3 e solo 6 tiri a referto. Ispirati Jack (21 pts, 9 asts) e Landry (20 pts, 11 rebs) con Okafor che piazza 5 stoppate. Per i Celtics si salva il solo Allen (15 pts, 4 triple) per un inizio da incubo.

SIXERS 103, SUNS 83
No contest allo US Airways Center di Phoenix dove i Philadelphia 76ers dominano in lungo ed il largo un match iniziato in equilibro ma successivamente sfociato in una resa dei Suns che hanno subito un esiziale parziale di 17-0 in apertura del terzo quarto. Sono 6 i giocatori di Phila in doppia cifra tra cui Evan Turner che deposita 12 punti nel canestro avversario. Bene Holiday e Young, autori di 15 punti a testa mentre Iguodala chiude la sua buonissima gara con 3/3 dall’arco, 6 assist e 4 recuperi oltre ai 15 punti. Phoenix davvero deludente con Nash che non va oltre i 4 punti con 2/11 dal campo. Solo un assist a fronte di 6 perse per il canadese. Numeri inquietanti.

JAZZ 100, NUGGETS 117
Tutto facile per i Denver Nuggets che bissano la goleada di Dallas e infliggono ai Jazz un altro pesante passivo. Dopo un inizio stentato, i ragazzi di coach Karl danno sfogo alla propria varietà di soluzioni in attacco e costruiscono un gran 2° quarto da 35 punti segnati con il vantaggio che si assesta fin da subito sui 15/20 punti. Gran protagonista è Nene che firma una prova da 25 punti, 7 rimbalzi e 10/13 dal campo. 11 punti e 5 rimbalzi per Gallinari mentre Fernandez mette a referto 11 punti e 8 assist nei 30’ d’utilizzo. Per i Jazz, 2° ko pesante in 24 ore con un Jefferson da 19 punti ed un conto di palle perse di squadra troppo alto (22).

KNICKS 78, WARRIORS 92
La tripla del pareggio di Rush sul finire del 3° quarto è il preludio dell’onda Warriors che nel 4° quarto travolge i Knicks e che regala a Mark Jackson il secondo successo consecutivo. New York rimane tramortita dal parziale di 25-6 firmato in prevalenza da Monta Ellis che incide con 12 dei suoi 22 punti totali. Non c’è Curry e Jackson s’affida a Ish Smith che risponde con una prova da 11 punti e 4 assist mentre New York spreca un vantaggio di 8 punti e cade nonostante un buon primo tempo difensivo. Anthony sbaglia 10 dei 13 tiri presi mentre Stoudemire chiude in doppia doppia (16 pts, 10 rebs)

Post By Kevin Di Felice (156 Posts)

Connect

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

85 thoughts on “NBA – Spurs a raffica sui Clippers, male Boston

  1. Boston alla 3 sconfitta di fila, ma aspetterei a parlare di crisi, rimangono sempre 3 sconfitte senza pierce, quindi bisogna vedere come giocheranno quando pp tornerà e solo allora eventualmente si potrà forse parlare di ciclo chiuso.

    Heat con molta sofferenza vincono contro i bobcats, wade va di tabella a 3 secondi dalla fine e ciao a tutti. James 35, con una selezione di tiro anni luce avanti rispetto agli altri anni e in più ci sono 3 cose buone che ho visto nelle prime 3 gare:

    1) Prova ad attaccare dal post, per quanto sia ancora molto poco elegante da vedere, il suo lo fa ed è terribilmente complicato non fargli prendere posizione.

    2) Finalmente ha forse smesso di tirare da 3, non che fosse scarso(le sue % sono identiche a quelle di kobe e un filino peggiori di durant), ma uno come lui DEVE puntare a canestri ad alta percentuale.

    3) I tiri liberi. Forse, dopo anni è migliorato ai liberi, da sempre un suo limite considerando che visto il talento non è mai arrivato a tirarli con almeno l’80%.

    Questi sono 3 punti chiave che lebron doveva per forza migliorare. Chiaro che le prime 3 gare non bastano a capire se uno ha davvero fatto progressi, però i segnali sono buoni.

    Guardando i bobcats ancora una volta devo ammettere di essere rimasto impressionato da diaw, gicoatore molto sottovalutato in grado di fare qualsiasi cosa in campo, ebbe una grande stagione ai suns quando mancava stat, e da allora non è mai riuscito ad esplodere. Talento da vendere.

    Ginobili impressiona, ancora oggi per il talento cristallino che in pochi hanno nella nba. Lo vedi da piccole cose, da come passa, da come tira, alcune volte fa delle cose incredibilmente difficili con grande semplicità. Il problema degli spurs è che duncan probabilmente faticherà ad arrivare in doppia cifra anche solo nei punti.

    Clippers sbattuti con un paul fuori partita, ma capita, era la seconda uscita, contro una squadra a dir poco rodata.

    Durant continua a macinare trentelli tirando con alte%. Per l’MVP lui c’è.

    Grande delusione per la gara tra i warriors e i knicks: niente 220 a 204 come molti si aspettavano, ma una brutta serata al tiro per tutti.

  2. sono le prime partite,oltretutto in un calendaio affastelato,per cui..sui celtici concodo con michael(a proposito,ciao carissimo).per il resto su lebrone..bà,aspetterei…vediamo quando conterà cosa farà…ci sta la sconfitta dei clip..devono amalgamarsi un poò,al contrario degli speroni..che comunque non vedo in nessuna ottica..più andrà avanti la stragione col suo carico di fatica, più,appunto,faticheranno..okc da finals, probabilmente..e molto bene i miei sixers, ma squadr come suns e jazz son da lottery filate filate…bene i pacers, ma i rap non so che banco di prova possan essere..il 2,13 è brillante sui 4 rimba..more solito…adesso mi parlerete dei punti..ma se non segnasse in che lega giocherebbe?b2?visto il resto,intendo…

    • Non vedi gli Spurs in nessuna ottica, ma intanto questi continuano a vincere ed è dal 97′-98′ che scollinano sopra le 60 vittorie a stagione e vanno ai playoff. Franchigia straordinaria mai abbastanza elogiata.

  3. Ciao Brazzz, quanto tempo!

    credo che si possa vedere il reale valore dei giocatori, e dei team dopo circa 15 gare, perché comunque avendo 66 partite invece di 82, ci sarà molto meno tempo che sperimentare e fare il rodaggio.

    Comunque il guidizio sui celtics senza pierce, va fatto anche con i lakers senza bynum. Questa è la stagione in cui se sta bene, non avrà più minuti “rubati” da odom, quindi potrà far vedere quanto può rendere con un minutaggio da tirolare. Insomma con o senza bynum cambia molto per i lakers.

    Sarei curioso di vedere che rendimento avrebbe nick young con 35-37 minuti di gioco a gara…idem per hansbrough, diaw.

  4. sinceramente diaw sempre piaciuto poco..sa fare molte cose,vero, ma nessuna particolarmente bene…un all around “de noartri”..eh..michael,non ti ho più visto da me..ho ricominciato a mettere film…lakers..un pò bolliti di testa,forse..più che altro, non vedo in giro squadre particolarmente forti..

  5. è da anni che diciamo le stesse cose di diaw dopo una partita buona e puntualmente le 10 partite seguenti fa cagare. è buono in tutto come dice brazz ma non nella testa. peccato che il talento ed il fisico sia capitato in questi idioti tipo diaw, bargnani, beasley e tanti altri ubriaconi e drogati

  6. non vedo gli speroni in ottica titolo,intendevo..ovviamente…anche se guardando le squadre..di forti davvero ne vedo pochine..

  7. esatto, quest anno tante squadre medie devono sfruttare la loro occasione della vita, visto che le dinastie sono al capolinea

  8. Questo è quello che si evince dalle prime giornate di RS:
    1) LeBron in missione, il titolo glielo può togliere solo un infortunio;
    2) Suns e Jazz sono da lottery, a volte sembrano più imbarazzanti dei Raptors… e ho detto tutto;
    3) Celtics e Lakers in difficoltà, ma quando torneranno Pierce e Bynum la musica cambierà;
    4) Durant segna con una facilità impressionante, finirà con il trentello di media;
    5) Spurs infiniti, e pure Jefferson sta giocando bene. Perché nessuno ci mette il dollaro su di loro?;
    6) Diaw sta avendo medie da ASG, se Charlotte sarà tra le prime 8 a febbraio (improbabile) e Diaw continua così…;
    7) Clippers spettacolari ma da rodare completamente;
    8) Nonostante il ritiro di Roy, i Blazers sono ancora una bella squadra;
    9) Mavericks appagati, se arrivano ai playoff non durano un turno;
    10) Rubio la sa passare benissimo ed è adatto a giocare in NBA;
    11) Dei draftati, nessuno sarà un giocatore franchigia, ma solo ottimi/buoni/pessimi comprimari;
    12) Denver dà spettacolo, ma non vincerà nada.

  9. Purtroppo tempo per commentare ce n’è sempre meno. Ma tanto siamo ancora agli inizi. Entro solo per fare un salutone generale ai veterani del forum, che leggo sempre con piacere. E Brazzz cercherò di passare sul blog per attingere buoni consigli, ma è un periodo veramente di magra con il tempo per me. Ciao a tutti!

  10. Alla Intralot una vittoria degli Spurs è quotata 30. Io, 10 €, ce gli ho messi.

  11. Diaw continuo a credere che farebbe bene in una contender, un pò come farebbe odom.

    Per per l’anello, ancora troppo presto per poter capire chi, oltre a dallas, thunders, bulla, heat e lakers, possa puntare al titolo.

    Brazzz, ma hai cambiato il blog? Non lo trovo più!

  12. Scusate ma sul Mago nn son particolarmente d’accordo..Bargnani stà facendo a sportellate per i rimbalzi (ancora nn li prende…timing orrendo sul rimbalzo…ma ovvio dopo 20 anni di inattività totale che vi aspettate), e si smazza in difesa, rimane un mozzarellone, però quest’anno almeno è sembrerebbe di bufala… Toronto quest’anno può iniziare finalmente a costruire su un buon allenatore che, per ora, ha fatto comprare il progetto a tutta la squadra.

  13. la notizia del giorno sono i 78 punti dei Knick contro i Warriors!!!
    E anche la partita Spurs Clippers mi ha sorpreso

  14. Ok, però il nostro andrea, che rimbalzi a parte non mi dispiace più di tanto, con le mani arriva alla retina del canestro senza neanche saltare…insomma, se facesse a sportellate qualcosina la prenderebbe no?

  15. Ma nessuno ha visto che Wade ha fatto passi nel suo canestro finale? Ma come fanno gli arbitri a non vederli??? Se ne sarebbe accorto anche un cieco…Questa doveva essere una vittoria dei Bobcats!

  16. I rimbalzi puri….contano relativamente, conta molto di più fare un taglia fuori per far prendere un rimbalzo comodo al compagno…cerchiamo di differenziare un attimo, NBA è drogata di statistiche e di numeri che alla fine dicono poco…..in Eurolega, i giocatori più quotati sono quelli che rubano palloni, fanno assist e prendono i tiri che devono prendere senza forzare un giusto mix tra le due realtà non sarebbe male.
    Ty Lawson a Kaunas è stato raccapricciante non ci capiva nulla, Parker e Batum hanno fatto strabene perchè hanno cervello, Kirilenko al CSKA viaggiava a 14 punti (non molti) ma avevo 9 rimbalzi e 4 stoppate di media….quello conta….anche in NBA conta quello solo che nella regular season è un circo ai Play Off infatti escono i veri giocatori mentre i fenomeni da circo stanno in panca…
    Vedi ultimi play off….alla fine Dallas ha vinto per merito anche di Barea….tipo giocatore poco spettacolare ma con le palle quando conta…

  17. la si può girare come si vuole..i grandi rmbalzisti(moses malone, barkley,rodman,ecc..)i rimbalzi li prendevano..se sai prendere posizione, se tagli fuori,ecc..i rimbalzi li prendi,poco da dire..esempio lampante fu Moses Malone..saltava molto poco, era poco atletico anxche per itempi,ma com’è come non è,la palla gli cadeva in mano…esempio opposto dawkins..saltava in modo pazzesco,atleticità folle..ne prendeva pochi ma pochi…poi se vogliamo sempre difendere il gelato(da definizione di un giornalista espn)ok,..allora parliamo di quel che sa fare, non arrampichiamoci sugli specchi per difenderlo(lui come tutti,sia chiaro) su quelo che non sa fare…i soliti 3 rimbalzi per un 2.13 è orrendo,punto…

  18. ok seconda vittoria degli hawks con una buona prova di squadra,(squadra appunto qui non si parla di singoli),non avremo un rose un bryant un lbj in squadra ma se tutti girano con il verso giusto(ieri si cercava l’uomo libero sul perimetro quasi sempre) secondo me puo’ dire la propria!! mi soffermo sull’aspetto delle percentuali al tiro anche da 3,il lavoro in allenamento che han fatto marvin williams e teague puo’ portare i suoi frutti,e diciamolo chiaramente marvin williams era un po’ l’anello mancante!! certo l’ipotesi di avere howard in casa propria non sarebbe male(e qui non mi soffermo su i tanti che pensano che la proposta dei lakers dei nets o di altri sia migliore si quella hawks!!) ma andrei contro corrente e non snaturerei la squadra,un plauso a t-mac si alza dalla panchina e da il suo contributo di questo ha bisogno una vera squadra..ps, diaw non lo capisco,avra’ mezzo almeno 10-15 kg di ciccia in + e gioca meglio quando c’è la volonta’ di giocare..,onore a san antonio questi non muoiono mai perke’ sono una squadra compatti,se penso ke jefferson era stato tagliato e ora esce dai blocchi ke è una meraviglia,aaah popovich quant’è sottovalutato!!

  19. Brazz hai nominato Rodman, Malone e Barkley…insomma paragoni un pò eccessivi parliamo di Bargnani, se vogliamo paragonare Bargnani a Barkley possiamo anche farlo…ma mi sempre poco onesto non credi…ovviamente può migliorare ma lo paragonerei in proiezione futura a giocatori di livello diverso….

  20. Io sono d’accordo con quanto dice Nicola, ma è possibile che ogni anno si debbano sottovalutare così tanto gli Spurs? Io ho letto la griglia di inizio stagione e sono stati messi al settimo posto… cosa devono fare per far capire che valgono ben di più? Son vecchi, non sono da titolo (e su questo ok) ma perchè negli ultimi anni vengono sempre così sottovalutati?

    Nelle griglie di inizio stagione ho espresso alcune perplessità: Dallas non era nemmeno da primi 4 posti (e per ora ci ho preso), Clips forti ma per me sopravvalutati, ma non per il talento dei singoli che è altissimo e Spurs come al solito – già detto – sottovalutati. Risultato di stanotte? +25 San Antonio…

    Intanto Miami in back to back va 3-0 e finalmente (incredibile ma vero!) Wade infila un tiro decisivo a pochi secondi dalla fine sotto di uno! In quasi dieci anni di carriera NBA gliel’avrò visto fare forse 4-5 volta…

    Ciao a tutti

  21. reyer
    era un esempio x capirsi..ovvioc he non paragono il “gelato” a Barkley,era per dire che la storia di prender posizione ecc non mi convince..se la posizione la prendi,se “fai a sportellate”..i rimbalzi li prendi..altrrimenti no…ti par pensabile che ne prenda così pochi’ovvio ch se ne disinteressa..e questo non è ammissibile
    gli spurs-..nessuno li sottovaluta.solo non sono più da titolo,tutto qui..
    i mavs han pescato il jlly lo scorso anno..la sensazione è che dato che siamo in una fase di transizione(frase elegante per dire che squadre particolarmente forti non ce ne sono)la sorpresa possa scapparci fuori,tipo appunto mavs l’anno scorso..altrimenti heat-okc non ce la toglie nessuno

  22. Tanto ormai si parla delle solite menate…Gallo esploderà e fare sfracelli, secondo me è già esploso e questa sarà il suo standard NBA per i prossimi 5 anni, buon giocatore da quintetto 13/14 punti di media e carattere, Bargnani ha il suo livello gran tiratore e pochi rimbalzi, Belinelli 2 partite bene e 4 male….ma va bene cosi……siamo noi che pompiano gli argomenti la realtà è diversa..io sono appassionato di Basket, serie A, Eurolega, NBA che vinca Teramo, Siena o Portland me ne frega poco, mi piace vedere giocare a basket bene….Siena – Barcellona è stato un esempio da fare vedere alle scuole basket, New York – Boston di Natale è stato lo scempio del basket, io credo nella tecnica mix con fisicità Nowtzki, Bryant, Wade, Nash, Durant sono gran giocatori in qualsiasi lega mondiale, James in Europa farebbe 30 volte passi a partita….ovviamente poi si adatterebbe ma fa miseria vedere tanta forza e poca tecnica nei fondamentali….

  23. Quest’anno la stagione regolare sarà ampiamente falsata da questo avvio senza rodaggio di molte squadre.Non credo sia un caso che le migliori fino ad ora siano quelle più rodate, ad eccezzione di lakers e celtics che però hanno problemi di diversa natura. In ottica play-off terrò conto del record nelle ultime 40 partite, che secondo me racconteranno il vero valore delle squadre.

  24. Dalle parti mie si dice che inutile dar profumo ai maiali….dunque Bargnani quello è e quello resterà….2 rimbalzi in più li potrebbe anche prendere ma alla fine sposta poco, suo problema oggi è che deve fare l’uomo franchigia in un squadra squallida, magari in futuro fare il 3 violino in una squadra da titolo e forse il suo gioco acquisirà valore….oggi come oggi 3 rimbalzi fanno pena…ma non migliorerà…punto e basta…
    Come non migliorerà Gallinari…secondo me è al suo massimo, tanto di cappello e mi piace il suo carattere, ma siamo al limite….nei 3 mesi a Milano qualche limite è uscito, tiri affettati, penetrazioni un pò prese a caso ma tanti liberi….però ha spostato poco se non nulla…….resta un ottimo giocatore….

  25. la stagione di boston è finita quando nel giro di 24 ore dall’avere Jeff Green e David West come ricambi di PP e KG si è passati al non avere nessuno dei due e adesso il ricambio di PP è Sasha Pavlovic, non so se mi spiego, poi questi back to back sono ulteriori mazzate…..mi aspetto una reazione di orgoglio per agguantare almeno i playoff ma l’ultimo treno per il titolo è passato l’anno scorso, amen.

    per il resto quest’anno sarà una scontatissima finale Miami-OKC

    quanto agli Spurs boh ragazzi l’anno scorso sono usciti al primo turno nonostante avessero il miglior record, cosa vi aspettate che dica il buon brazz eheheheh

    • Si ma non si parla mai degli Spurs e ogni volta che vincono si continua a dire “eh ma non sono da titolo, appena arriveranno i playoff si scioglieranno come neve al sole”, dimenticando che i 2 giocatori più rappresentativi hanno 34 e 35 primavere sulle spalle e se hanno ancora la forza di vincere con questa continuità sono soltanto da elogiare.

  26. Westbrook agghiacciante, cosa è successo con Durant?
    La sua tenuta mentale è il vero dubbio per i Thunder

  27. gli speroni han vinto partite di regular, al momento..non mi sbilanceri in chissà quali peana…sono freschi, giocano assieme da secoi,ovvio che partano bene..non mi sembra tutta sta cosa,al momento..
    westbrook..vero, è l’unico problema di okc..ma può diventare un problemone bello grande
    ciao Michele…

  28. I Thunder che vincono su un campo difficilissimo praticamente senza Westbrook (0/13 e 4 perse) deve far riflettere in molti sulla loro forza.C’è uno che può togliere il titolo a Lebron, è il signore che porta il 32 sulle spalle

  29. gli heat che vincono una partita che non meritavano di vincere grazie a un wade disastroso per tutta la gara.finalmente james inizia a capire che per essere piu efficace bisogna impare a giocare senza palla e giocare in diverse zone del campo e non solo in punta con la palla in mano in isolamento.un altro dato interessante per gli heat e che dopo 3 partite wade e james non hanno ancora preso un singolo tiro da 3 e non e il frutto di un caso.
    come volevasi dimostrare i thunder di durant si confermano ancora come una delle favorite per il titolo,sono destinati a vincere la rs ad ovest pero a mio modo di vedere russel e uno giocatore che non riesce a piacermi ma proprio per niente.e ovvio che non sia il play ideale per giocare accanto a kevin e se fossi stato presti avrei fatto un tentativo per paul.ripeto ancora il dubbio principale per i thunder in ottica titolo si chiama russel.harden difficilmente non vincera il titolo di sesto uomo della lega.

  30. Non so quanti di voi hanno visto la gara del gelataio. Forse nessuno. Il gelataio sta facendo cose che fino a 6 mesi fa con la gestione Triano neanche si sognava di fare. A tutti quelli che amano sfancularlo dico questo: avete mai giocato con gente che non ha le mani forti? Con ragazzi che non hanno una presa forte sulla palla? Sono certo di si. Bargnani è uno di quello. Ieri aveva almeno due palle in mano e al primo contatto l’ha persa. Non ha il grip.

    Tornando alla gara ha fatto di tutto, segnato, passato da dio, l’assist della serata è uno dei cioccolatini regalati e ha “tagliato fuori” gli avversari, cosa mai vista a Toronto. Chi gioca a basket sa che il taglia fuori se fatto bene ti garantisce dei rimbalzi. Non necessariamente a te ma al compagno. Purtroppo i Rapts senza lui e DeRozan (grande 4 quarto) sono il nulla cosmico. Ieri c’era un certo Hibbert (scelto dai Rapts) che ha banchettato contro gli Amir Johnson, Ed Davis di turno. Evidentemente faceva schifo a Colangelo. Va detto che la squadra sta lottando, ha perso contro un team migliore che schierava Granger e West che hanno segnato 5 punti devastanti nell’ultimo minuto. Lo scorso anno avrebbero passeggiato segnando almeno 100/105 punti.

    OKC
    Togli Westbrook, mettici Paul è vincono il titolo a mani basse. Ieri senza il play ci ha pensato il solito dinoccolato Durant che ora sta imparando a metterla nei finali e a passare la palla. Illegale. I Grizzlies hanno perso ma sono una realtà.

    Celtics
    Stanchi e senza Pierce. Sconfitta che ci sta.

    Heat
    James è assurdo e al momento divide con Durant lo scettro del migliore. Ma siamo all’inizio. Poi arriveranno i PO e le cose potrebbero cambiare. Un’analista dell’ESPN ha pronosticato 58 W per gli Heat. Non andrà lontano.

    Spurs
    Sono stato “scottato” l’anno scorso da una serie di PO brutta. In RS ci sarano, vedremo ad aprile.

    • Ciao Alret,
      ti dirò che sono completamente d’accordo con te per quanto riguarda andrea. Ho visto entrambe le partite, (anzi, ieri ero all’Air Canada), e lui sta giocando veramente bene, e qui a Toronto c’è grande fiducia intorno al ragazzo, che poi escluso il 10 e quando è in serata Calderon qua è il nulla.

      Sono in disaccordo invece su Paul-Westbrook. Dal mio punto di vista Russell, se non lo è già, diventerà un gicatore migliore di paul e forse anche di Rose (per ora inavvicinabile da entrambi).

      Heat pazzeschi, ma non imbattibili… ne hanno vinte 2 per il rotto della cuffia contro Boston (senza pierce) e Charlotte. Come al solito a decidere non è LeBron. Ottimo Bosh, anche nel finale, troppo spesso deriso.

  31. Ancora con sti spurs? Non bisogna sempre farsi illudere da qualche buona prestazione.. È una squadra finita da tre o quattro anni.. oltretutto in una stagione del genere è mal consigliato partire a razzo,specie per una squadra avanti con l età. Per quanto riguarda lebron non mi stupisce se ne fa quaranta a partita, bisognera’ aspettare i momenti cruciali per vedere se è migliorato per davvero

  32. Schifato da knicks. Qua zero progressi dall’anno scorso anzi di male in peggio. Abbiamo tenuto bene i primi 24 minuti grazie ad una buona difesa e perchè i warriors hanno fatto una prima parte ORRENDA…poi come al solito ci si perde la testa e mandiamo tutto in vacca.
    L’attacco è abberrante….zero pick and roll, isolamenti fatti in modo terribile e la scelta di tirare in attacco è fatta con il giochetto sasso carta forbice, le penetrazioni sono una rarità e il tagliafuori un optional.
    Il problema in attacco mi sa ,anzi ne sono sicuro, va oltre all’assenza del play. Vinciamo contro Boston e magari contro Miami a colpi di talento individuale e perdiamo contro Golden state senza Curry.
    Purtoppo non avendo giochi offensivi di squadra e se i 2 non la buttano dentro come è successo ieri si finisce che si perde sempre.
    Insomma il nulla assoluto come sempre.
    Si spera come sempre. Lavori in corso per new york (il problema è che durano dapiù di 10 anni)
    Schifato.

  33. C’è qualcuno mi presta un attimo di attenzione?
    Volevo chiedere: chi ha visto qualche partita…nota differenze tra i giocatori che hanno già giocato in europa in questo inizio di stagione, quindi allenati in una certa maniera, e chi per il lock-out si è allenato per conto proprio?

    • ti dirò… a me non è parso… anche perchè i giocatori di primissima fascia, quelli che fanno la differenza, non si sono mossi… poi esclusi alcuni rarissimi casi, di gente che ha preso 30 KG durante il LO, questi avranno svolto sedute di allenamento individuale alla stregua di quello che potesse fare un giocatore in europa.
      La gorssa differenza la si nota nelle squadre che si sono rinnovate tanto, rispetto a quelle che giocano assime da più anni, vista la brevità del periodo a loro disposizione per capire schemi e coperture difensive.
      Questo almeno è il mio punto di vista, ma immagino che ci sia qualcuno molto più attento di me e capace di fare una disamina più approfondita :)

  34. IO MI DEVO COPRIRE IL CAPO DI CENERE.
    Essendo tifoso di LA all’eliminazione degli spurs lo scorso anno contro Memphis, mi lasciai andare a dichiarazioni forti e poco rispettose di quello che avevano fatto gli spurs nell’ultimo decennio.
    Quest’estate durante la pausa forzata sono andato a rivedere alcune vecchie partite e interviste e ho capito che avevo detto un sacco di fesserie. A vederli ancora in campo questa notte sono stati eccezionali; in un Lakers-Spurs sarò per sempre giallo-viola, ma devo dirlo, lunga vita a San Antonio.

  35. Westbrook sta diventando un problema. Di testa. Ieri ha litigato con Durant e la squadra. Giocatore con i nervi a fior di pelle che evidenzia, da un lato un caratterino niente male, dall’altro l’incapacità di rimanere nei binari. I Thunder non possono avere una grana del genere.

    Non lo cederanno ma il pensiero sta sfiorando il management.

    Così a naso posso pensare che la faccenda si risolverà con il rinnovo. Se gli offrissero cifre basse sarebbe il segnale dell’addio. Io fossi in loro mi guarderei in giro, senza necessariamente cercare una star visto che ce ne sono già due (Durant e Harden).

  36. intanto visto che non c’e pui paul sul mercato,non sarebbe malvaggio uno scambio russel-deron che si ritrova nel deserto e che non intende rinnovare.

  37. Esatto, a patto che non debbano sacrificare anche Harden io Westbrook lo cederei al volo, il ragazzo per quanto sia forte non sa stare al suo posto, non capisce che ha la fortuna di giocare con un mostro che passerà alla storia del gioco, non vuole essere il Pippen della situazione.Il punto è che comunque si tratta di uno di 23 anni che da due anni viaggia a 20+8+5, non è che lo puoi regalare, ok D-Will ma tolto lui con quali altri lo si potrebbe scambiare?Con Rondo?Boston non lo fa mai nella vita, magari potrebbero fare un tentativo coi Magic per Howard e Nelson ma hanno contratti troppo alti, a livello salariale sarebbe difficile equilibrare la trade.

  38. sui Knicks non vorrei sparare giudizi affrettati,ma le dichiarazioni di D’Antoni che parlavano di titolo mi sembrano solo aria fritta,l’est poi lo vedo un tantino sottovalutato,di sicuro con più equilibrio dell anno prima…

  39. Deron è talmente schifato dei Nets e dei compagni che non vede l’ora di finire un’annata dal suo punto di vista persa.

    Uno scambio con Westb non si può fare se non mettendo sul piatto Harden, il che non varrebbe la pena.

    Mi piacerebbe vedere Nash con Durant oppure vedrei uno scambio alla pari tra Westbrook e Evans. I Kings avrebbero l’asse play (pazzo, estroso) centro (altrettanto pazzo) mentre i Thunder avrebbero un problema caratteriale in meno, un talento all around e uno che pur non essendo un play puro ci può stare. Inoltre nel post uno ci sarebbero comunque Maynor e Harden.

    Secondo me entrambe ci guadagnerebbero.

    • alert

      i thunder hanno bisogno di tutto tranne che di prendere evans che non sarebbe complementare con durant.i thunder hanno bisogno di un cero play e penso che i thunder abbaino abbastanza materiale per prendere williams senza perdere harden.piuttosto si potrebbe sacrificare sefolosha e westbrook per deron.

  40. @toure yaya

    Non possono prendere Williams cedendo Westbrook e Tabo. In due fanno 8.3 mln, mentre Deron costicchia il quasi doppio 16.3. Quindi un’operazione del genere dovrebbe coinvolgere più giocatori. Tenuto conto che i Thunder hanno un roster con salari bassi, quell’operazione smantellerebbe il team. Senza senso.

    Il vero scambio alla pari sarebbe con Wall, stesso salario, ma caratteristiche diverse, che ben collimerebbero con Durant e soci, salvo che i Wizard non se ne priveranno.

    Per questo pensavo a Evans. Non è la soluzione perfetta ma non è neanche malvagia. Io tutti questi problemi non li vedrei.

    L’opzione Kidd e Nash sarebbe suggestiva ma non praticabile.

  41. alert

    ti sbagli di grosso,i thunder sono sotto il salary cap quindi possono fare la trade anche se i salary sono diversi.

  42. Il capitolo d-wills che non rinnova potrebbe aprire molti scenari e rimettere in gioco molte contender che hanno fatto un mercato a dir poco a pene di segugio.. Riguardo alle gare della notte: i knics non sono ancora quadrati, andranno a sprazzi alternando buone cose a pessime figure. I celtics sono partiti con l’handicap vedi i lakers senza bynum ma niente paura si riprenderanno.. I clippers, certo meglio dello scorso anno sono ma qualcuno crede veramente di vincere l’anello con gli alley up? Ecco i thunder invece tutt’altra musica.. Questi mi fanno paura più degli heat e sono forti davver.

  43. io se fossi il GM dei Thunder offrirei subito Ibaka+ Westbrook per Howard,mi sembra un offerta valida e cmq OKC sacrifica non poco ma comunque diventa titolare Maynor che è tutto tranne che è un brocco e passa la palla meglio di Russell…

  44. Buongiorno a tutti. Giornataccia lunga lunga..
    Che dire che non abbiate già detto? Quoterò un po’ tutti..
    Quoto tutto alert70, specie sul mago e per chi ha visto toronto queste due partite: non mi piace come giocatore, ma se continua cosi’, Casey candidato a coach of the year!
    Memphis si dimostra squadra tosta, anche senza conley. Westbrook inguardabile, ma quoto il bagattone sul discorso relativo ad età e valore. Da non dimenticare che ha 23 anni e ha tutto il tempo per capire che deve stare quieto -ce la farà?
    Lac-Spurs spenta a fine 3°.
    Visti gli Heat. Quoto toure yaya su Wade e James: LBJ sopratutto inizia a fare VERI movimenti da post.. E il suo salvataggio con assist da 20 metri a DWade? Playstation!
    Purtroppo, e c’è chi lo dice da tempo qui sul forum, iniziato il declino di Garnett in maniera seria. Mi spiace.

  45. Se è come dice toure allora si potrebbe fare, staremo a vedere, è chiaro come il sole che D-Will non firma l’estensione se entro la deadline non arriva Howard, a quel punto meglio tradare Williams invece che restare con un pugno di mosche in mano dopo aver smantellato la squadra lo scorso anno.

  46. ..ah, mi sono scordato. Ragazzi, una domanda: qualcuno che mi sa consigliare un paio di siti seri in cui si parli di tattiche / tecniche di basket? Italiano-Inglese è uguale. Grazie in anticipo!

  47. e lo dite a me che i numeri non sono tutto in questo giochino??ma pensa un pò…il problema di tanti giocatori è proprio di avere numeri buoni,non minimamente paragonabili al reale impatto..come diceva Peterson anni fa..ci sono 20 e 10 e 20 e 10…
    ilgelato è,secondo me,fra questi..i numeri sono ma di molto migliori di quello che in questi anni è stato l’impatto reale..adesso scopro che ha anche le manine di ricotta…tanto x farmelo diventare più simptico..allora diciamo..se non avessele mani di ricotta, se se se se se ..sarebbe..però come tira bene dio mio..e come si impegna..e si,non ho visto ste 2 partite..ho visto quelle dei 4 anni prima…resto dell’idea che se fosse turco nessuno starebbe a perder tempo x difenderlo…
    detto questo,westbrook lo scambierei..anche x evitare che durant prima o poi gli voli addosso…

    • Per me commetti sempre il solito errore.Tu puoi odiare cestisticamente la gente come Olowowiztki, gelataio, o come vogliamo chiamarlo, sta di fatto che questo ragazzo per la prima volta in carriera da quando è nella NBA ha un allenatore vero. Sta sempre in una squadra ridicola ma non è colpa sua.

      Non diventerà mai Nowiztki (che difende comunque una merda e sono certo che non ti piace) e non prenderà mai 8 rimbalzi. Ma se continuerà a giocare come sta facendo oggi avrà molti più estimatori di quanti ne ha avuti. E nella NBA moderna non vedo tanti gladiatori come Barkley, Malone o mi sbaglio?
      Ne parliamo tanto perchè italiano ed interessato alle sorti della nazionale per cui “vigilo” sui suoi miglioramenti.

      Non sarà mai un numero 1, sarà una terza opzione in una squadra da PO/titolo con un talento cristallino. Forse sprecato perchè molle, perchè cazzone, perchè ha paura del contatto, perchè ha le mani di gelatina, ma in una squadra serve anche il signorino che gioca di fioretto.

      Poi aspetta perlomeno questa RS prima di “fiocinarlo”. Anche tu riconosci che questa stagione detterà il futuro del romano.

  48. Sugli Spurs non ci metterei un euro neanche sotto tortura, preferirei spenderli in cerotti alla nicotina…
    Sono bolliti da anni e non hanno messo pezzi rilevanti per compensare al calo anagrafico. Ho visto stamattina la partita contro i Clippers; mi ha pianto il cuore a vedere Duncan in quelle condizioni.

  49. brazz, il discorso è proprio questo: tutti lo abbiamo visto per 4 anni, il “gelato”. e in queste due partite sotto casey gioca in maniera diversa, punto. una rondine non fa primavera, ma non si può neanche negare di vedere la realtà attaccandosi al passato. e sono pure d’accordo come dici tu che i numeri sono relativi, ma vale lo stesso per i rimbalzi come per punti etc.

  50. Purtroppo non ho potuto vedere niente a parte il riassunto (recupero ora), ma il duo Harden Durant mi fa impazzire. Durant non è ne esplosivo alla James ne super elastico alla Rose ma è uno che ti fa 30 punti che manco te ne accorgi. Da brividi, non vedo un realizzatore così da tempo.

    Harden diventerà una sorta di Ginobili per gli OKC, non è un fulmine ma può fare quello che vuole, alla faccia di chi non se lo ricorda nella corta panca dei Thunder. Gioca un basket tutto suo, è fantastico.

    Purtroppo Westbrook non è un play, lo impacchetterei volentieri per un top nei ruoli di 1 4 5.

    Personalmente (quindi anche se iniziate a sbraitare me ne sbatto le palle) vedo in OKC una contender a cui manca una sola pedina. Uno scorer sotto canestro, perchè sia Ibaka che Perkins sono giocatori difensivi. Arrivasse Howard come citato da qualcuno non avrebbero rivali.

    Comunque come già detto da qualcuno se fanno capire a Westbrook che deve fare il play senza esagerare (e lo può fare perchè non è mica un brocco, anzi), abbiamo un nuovo terzetto infernale. Harden 6° uomo dell’anno se continua a entrare dalla panca.

    • Il problema sembra la testa di Russell. Già i primi sintomi si erano manifestati lo scorso anno e quest’anno dopo tre gare è già in ebollizione.

      Forse il tutto è nato dopo la famosa serie contro i Lakers quando il vero trascinatore fu lui e non Durant. Complice anche l’aver affrontato come diretto avversario Fisher.

      Quindi avrà pensato di essere almeno pari al fratello col numero 35. I fatti stanno dimostrando che lui è forte, ma non come Kevin che è chiaramente il numero 1. Non so come andrà a finire, ma in Oklahoma sanno che questo potrebbe essere l’anno giusto e buttarlo via per beghe interne sarebbe un suicidio.

      Perchè nella NBA basta poco per perdere il treno. Per cui o Russell capisce il suo ruolo oppure il GM e il coach si faranno due conti e lo spediranno per pacco celere ovunque. Tanto gli estimatori non mancheranno.

      mjrossit
      Howard è Howard. Non so se è fattibile. Indubbiamente non credo che DH finisca la stagione coi Magic. Comunque stiamo assistendo al drama stile Melo senza sapere dove cavolo vuole andare.

  51. Ho fatto riferimento alla cosa stamani, nessuno ci da peso, ma mettiamo che stanotte Russel ne stecca un’altra e Kidd gli spiega due cose del giochino, questo deve ancora dimostrare di essere all’altezza di giocare insieme a KD :

    Russell Westbrook’s frustration appeared to have started with just 3 1/2 minutes remaining in the second quarter when he drove into the paint and kicked the ball out to Thabo Sefolosha in the corner. Sefolosha passed up a wide open 3-pointer, which prompted Westbrook to yell at Sefolosha “shoot the (expletive) ball.”

    Sefolosha and other teammates, including Kevin Durant and center Kendrick Perkins attempted to calm Westbrook down immediately during an ensuing trip to the free throw line. But the emotions spilled over to the bench one minute later.

    Durant appeared to again settle Westbrook, but Westbrook appeared to take exception to how Durant delivered his message. The two began shouting at each other and had to be separated.

    Read more: http://basketball.realgm.com/wiretap/217898/Westbrook_Durant_Have_To_Be_Separated_After_Altercation#ixzz3q4QhMvoE

  52. Non è una questione di essere o meno un play, è una questione di testa, che fa sempre tutta la differenza del mondo (vero LeBron?)

  53. Mi sembra evidente che il primo ad essere confuso e a non avere le idee chiare sul suo futuro sia proprio Howard

  54. se fossi stato gm dei thunder, alla luce dei playoff della scorsa stagione avrei provato uno scambio westbrook-paul

  55. Se fossi il gm dei thunder è da due anni che propongo lo scambio howard x perkins+westbrook, Voglio vedere poi chi entra in un area presidiata da howard-ibaka-durant, secondo me il campo diventa due metri per due!!!!!!!!!!!!!

    • Secondo te perchè non ci provano? Non riesco a capire. Sono migliorati con Perkins, ma hanno la grana Russell. Sono sotto il salary e potrebbero mettere sul piatto dei giocatori appetibili eppure non si muovono.

      Probabile che abbiano fiducia nel gruppo numero 0 incluso.

  56. forse troppa fiducia…ho paura ke westbrook nn abbia la mentalità di cambiare il suo modo di giocare

  57. Sono un tifoso di Okc e anche io come gatzu proporrei subito lo scambio Westbrook Perkins x Howard e vedo poche possibilita migliori di questa per i magic. se i magic non accettassero mi fionderei su D Will ma in questo caso per nulla rinuncerei a Perkins.

  58. I Suns hanno preso Redd. Buona presa. I Clippers vorrebbero mettere sotto contratto Przybilla, non male e Casey ha chiesto a DeRozan di difendere. Insomma la “pacchia” è finita.

  59. Indubbiamente hanno fiducia nel gruppo, però se ho una squadra già fortissima ma la posso migliorare, non vedo perchè non farlo.
    Alert ti dirò di più, come sai sono un tifoso lakers, e sono parecchio affezzionato come tutti a kobe perchè ci ha regalato 5 titoli in 10 anni, però se fossi un dirigente e volessi ripartire il prossimo anno faccio scadere bynum, spero che fisher capisca che si deve ritirare (magari lo metto in busta paga nel coaching staff) e spero che walton si ritiri. Fatto questo applico la nuova regolina sul contrattino di Bryant e provo a firmare Deron e Howard, con a roster anche gasol, i due lunghi di riserva e Artest (che ha un opzione per uscire dal contratto, non sia mai che la usi!!!!!!) da lì riparto e mi manca solo una guardia discreta per essere ultra competitivo nei prossimi anni. Questo lo farei da dirigente senza emozioni, però al mondo se c’è ancora un minimo di riconoscenza, non succederà, e tutto sommato ne sono felice, meglio 4-5 anni senza vincere che svendere uno come Bryant.

  60. In questo momento OKC darebbe fuoco a Westbrook. Curry – Westbrook alla pari?

    GSW pazzi. OKC dovrebbe farlo

  61. Dalla OKC la partita dell’anno! CHE SPETTACOLO!!!!!!!!!!!! Domani commento. Ora nanna

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.