Miami 87 – Oklahoma City 103
Ad Oklahoma City è andata in scena la sfida tra due della più accreditate contenders per il titolo NBA. La sfida se la sono aggiudicata i Thunder grazie ad una difesa aggressiva e a una precisione dal campo impressionante. Infatti le palle perse degli Heat alla fine saranno ben 21 (trasformate poi in 28 punti) e la percentuale realizzativa nel primo tempo dei Thunder ha sfiorato il 68%. Westbrook ha avuto fin da subito problemi di falli, quindi Durant ha dovuto prendersi la squadra sulle spalle (aiutato da un Perkins da 16 punti) e, guardando le statistiche, ci è riuscito egregiamente: 28 punti, 9 rimbalzi, 8 assist. Per i “tre amigos” ci sono 57 punti combinati ma anche 15 dei 21 turnovers di squadra

Phoenix 108 – Cleveland 83
I Suns dominano i Cavaliers in ogni singolo quarto e continuano la loro marcia verso un’insperata qualificazione ai Playoff.  Nash mette solo 4 punti ma smista ben 13 assist di cui beneficiano soprattutto i due lunghi, Gortat e Morris, che conludono il match con 22 punti a testa. Per Cleveland migliore in campo il solito Irving con 16 punti, 4 assist, 6 rimbalzi.

Denver 100 – Minnesota 117
I Timberwolves privi di Rubio ottengono un’importante vittoria a discapito dei Nuggets. Prestazione monstre di Kevin Love da 30 punti (11-19 al tiro) e 21 rimbalzi coaudivato da un Ridnour da 25 punti. Per Denver, ancora priva di Gallinari, buona prestazione del rookie Faried: 17 punti, 6 rimbalzi.

Utah 133 – Atlanta 139   4OT
Nel 1997 Phoenix e Portland portavano il loro match fino al quarto tempo supplementare, 15 anni dopo Utah e Altanta ripetono l’impresa. Gli Hawks escono vincitori da questa inteminabile sfida (nonostante fosse la terza partita in tre notti) grazie ai 37 punti di Johnson, i 22 punti di Smith e i 18 punti+9 assist di Teague. Per Utah non bastano i 53 punti e 30 rimbalzi combinati di Jefferson e Millsap.

Washington 77 – Boston 88
I 15 punti di vantaggio accumulati nel solo primo quarto spingono i Celtics alla vittoria. Man of the match a sorpesa per i verdi, Bradley, il sostituto di allen in quintetto, ne infila 23 con 9-14 al tiro. Per Washington ci cono 20 punti di Crawford e Nenè tenuto in panchina per “Coach decision”.

Philadelphia 76 – San Antonio 93
Gli Spurs continuano la loro marcia trionfale (saldamente secondi a ovest) a discapito dei 76ers. Sei giocatori in doppia cifra per San Antonio tra cui spiccano i 21 punti+7 assist di Parker. Per Philadelphia apporto sotto la media da parte di tutti tranne Elton Brand: 16 punti e 9 rimbalzi per lui.

Golden State 87 – Portland 90
Un turnaround fadeaway jumper di Aldrige a 39 secondi dalla fine dona il decisivo vantaggio ai Trailblazers, poi manteuto grazie ad alti due tiri liberi del lungo. Ritorna su alti livelli Felton grazie ad una prestazione da 24 punti e 7 assist. Jenkins, a sorpresa, migliore in campo per i Warriors: 27 punti e 6 assist per lui.

Memphis 102 – LA Laker 96
I Grizzlies escono da un brutto periodo di forma andando a vincere in casa dei Lakers. Sette giocatori in doppia cifra per Memphis tra cu spicca Rudy GAy con 18 punti. Per i Gialloviola buona prestazione collettiva del quintetto base tra cui un Bynum da 30 punti ma apporto della panchina vicino allo zero, solo 4 giocatori scesi in campo per 9 punti complessivi.

Post By DeAndre P. (35 Posts)

Connect

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

135 thoughts on “NBA – I Thunder stendono gli Heat, Memphis a sorpresa sui Lakers, Love continua a dominare

  1. Partendo dal presupposto che questa partita non significa niente. Siamo in RS, nell’eventuale finale sarà tutta un’altra cosa ma ieri i Thunder volevano vincere. E l’hanno fatto in controllo. Assoluto controllo. Questo un po’ mi ha sorpreso. Sono il primo a dire che i Thunder si abbinano benissimo agli Heat perché l’unico mismatch veramente favorevole agli Heat è Wade che ancora è troppo più forte del pur incredibile Barba. Tutto il resto siamo li. E l’unico vero ago della bilancia possibile per gli Heat sarebbero delle superprestazioni di Wade. Vi spiego perché. Westbrook stuprerebbe qualunque play Heat, infatti a marcarlo mettono Wade. Ma questo può dare assolutamente spazio al barba. Sul piano difensivo non possiamo dimenticare che ieri Wade si è mangiato Harden ma c’è da dire che in determinati momenti puoi schierare il miglior difensore perimetrale della Lega, tale Sefolosha, che ancora deve riprendersi dall’infortunio. James vs. Durant ieri Lebron ha pagato un periodo di forma non ottimale ma è stato fin troppo in ombra. Ma più che altro la differenza l’hanno fatta la sotto. Checché se ne dica, Ibaka riesce a vincere sicuramente sul piano difensivo rispetto a Bosh e, come abbiamo visto, anche a dare un ottimo contributo su quello offensivo. Ecco cosa mi piace di lui, la sua completezza. Il “vecchio” Perk, suprerebbe qualunque centro Heat e ieri lo abbiamo visto (season high). Preso dalle motivazioni (ieri ne aveva…) e quando conta questo giocatore può uscire fuori soprattutto se ha gente come Anthony e co. davanti.

  2. Ma le dinamiche che colpiscono sono quelle già decisamente preventivabili. Ovvero se riesci a contenere gli Heat sotto le planche e li limiti nelle transizioni li hai in scacco. La sotto con Ibaka e Perkins si passa difficilmente, James e Wade non possono più fare il bello e il cattivo tempo e sono costretti a scaricare verso gli angoli (ieri Battier avrà tirato non so quante volte). Questo capiterà sempre fino a quando non si metteranno in testa che ci sono (e sono tra l’altro le più forti) squadre che possono limitarti in maniera brusca la sotto. Vedi le difficoltà che mostra con Orlando, Chicago e appunto OKC tanto per citare i più smaccati esempi. Cosi facendo sono costretti a fare gli straordinari giocatori come Wade e James che per carità possono farlo (decisamente si) ma basta che va in crisi uno dei che la frittata è fatta (vedi James vs. Dallas). Dall’altra parte questi hanno tutti 23 anni e giocano come se ne avessero 5 di più. A volte si perdono, a volte fanno confusione, anche ieri sera dopo una partita in assoluto controllo (impressionante e pur senza una difesa cosi aggressiva come riporta il servizio) stavano facendo risalire gli Heat fino a -8 a 3m dal termine. In questo devono migliorare tantissimo perché possono in qualunque momento buttare partite già vinte ma si può chiedere di più a questi ragazzi? Magari un’ipotetica finale la perderanno 4-0 in primis per la loro inesperienza e l’esperienza acquisita dagli Heat ma non mi toglierò mai dalla testa che la squadra che meglio si abbina a Miami sono proprio i Thunder.

  3. La differenza tra Heat e Thunder è che i primi hanno 2 campioni (Wade e James), 1 ottimo giocatore (Bosh) e poi il nulla più totale; i secondi hanno 2 campioni (Durant e Westbrook), 2 ottimi giocatori (Ibaka e Harden) e il resto della squadra di medio-alto livello. Anche in una serie di playoff Miami parte sfavorita, senza James, Wade e Bosh è una squadra peggiore di Charlotte e di Cleveland dello scorso anno.

  4. Aspettiamo però a fare questi commenti. Questi sono arrivati in finale in un solo anno dalla ricostruzione. Hanno due mostri autentici sia offensivamente che difensivamente come James e Wade che sono al pieno della loro maturità. Le altre squadre prima di cantar vittoria devono prima incontrarli. I Thunder si adattano benissimo a loro ma hanno altre lacune soprattutto sul piano dell’esperienza e del controllo. Certo è che se OKC dovesse vincere un’ipotetica finale contro Miami, gli Heat rimanendo cosi le cose non vincerebbero mai il titolo perché Durant e co. non potranno altro che migliorare.

  5. Abbastanza d’accordo sui giudizi di Stoppani… valutazione di Harden a parte. Ho visto la partita e questa netta supremazia di Wade nei confonti del Barba io ieri sinceramente non l’ho vista affatto…

    L’unica supremazia che ho visto in modo molto evidente è stata quella sotto le plance da parte dei Thunder. Siamo ancora in Regular Season e quindi bisogna dare a questa partita la giusta importanza, ma è anche vero che gli Heat sono veramente troppo deboli là sotto, inoltre 15 palle perse da parte dei big three sono sintomatiche di un gioco che quando la difesa avversaria è schierata non c’è, non esiste…

    Lo ripeto, il basket (per fortuna aggiungo) non è fatto solo di giochi in contropiede e alley-opp… e soprattutto ai Play Off, quando le difese serrano i ranghi, se non hai giochi di attacco alternativi alla transizione non vai da nessuna parte.

    Sempre più convinto della mia idea: finals 2012 Thunder-Bulls. Vedremo…

    • Aspetta Nick quando parlo di Wade che si è mangiato Harden va intenso nel senso lo ha spesso messo in difficoltà in difesa. Harden aveva la vita più semplice perché Dwyane marcava Russell ma l’ho visto parecchie volte in ritardo. Il barba ci mette un’ottima intensita ma a volte si perde l’uomo soprattutto negli scarichi. Adesso come adesso è un mismatch favorevole agli Heat, tra 2 anni si vedrà… Dwyane rimane tra i primi 5 del globo soprattutto per la sua completezza su ambo i lati. E poi è stilisticamente meraviglioso, basti vedere il tiro da metà campo di ieri a prescindere dalla botta di culo o meno. Il bello è che il barba entro breve potrebbe, senza avere quella fisicità (altre doti), arrivare a quei livelli… E li saranno dolori.

      • Discorso Harden…concordo sul fatto che è destinato a diventare uno dei primi nel ruolo. Sul fatto che non abbia la stessa fisicità di Wade, siamo d’accordo. Diciamo però che si tratta pur sempre di un giocatore molto esplosivo, che quando decide di penetrare, al ferro ci arriva! Il mio dubbio sul suo futuro a OKC è che alla fine di questa stagione va in scadenza: siamo sicuri che i Thunder abbiano spazio salariale per rifirmarlo con un offerta che valga il suo reale valore (non conosco com’è è messa okc a cap)? Con la penuria di validi giocatori nel ruolo, molte squadre farebbero ponti d’oro per Harden.

  6. gran bella vittoria dei thunder nei confronti di una contender come gli heat con durant che per un giorno si transforma in james sfiorando la tripla doppia.
    thunder con 5 uomini in doppia cifra(mi sa che e la prima volta in stagione) con assoluto dominio sotto i tabelloni da parte della coppia ibaka-perkins.

    • non concordo harden ieri in certi momenti ha preso in giro l’intera squadra degli heat wade compreso,

      • Ragazzi concordo con voi ma ripeto Harden può avere vita facile e può decisivo nel confronto con gli Heat proprio perché Wade guarda praticamente sempre a Westbrook. Ma sul piano difensivo ancora gli manca oltre all’intensità. Soprattutto negli scarichi il barba si è spesso perso Wade. Dico che la prossima volta dovrà fare più attenzione. Soprattutto sul finire del 3/4 Dwayne ha provato a riportare sotto Miami proprio perché spesso vieniva lasciato libero quel tanto che basta. A parti inverse non succederebbe, e comunque non succede perché Wade marca altro. Se il barba si mette a difendere con più attenzione, davanti può fare quello che vuole. Può essere una via preferenziale al successo per i Thunder.
        Su Durant e la tripla doppia sfiorata questa la dice lunga su chi parlava di un KD macchina da punti e stop. Kevin è migliorato tantissimo sotto tutti questi aspetti. Non ha ancora la visione che ha Lebron ma si sta avvicinando parecchio. Ormai la differenza vera tra i due sono la difesa di James quasi inarrivabile e la completezza offensiva di Durant che Lebron si sogna. Poi KD ha un vantaggio. Pur essendo strapompato dalla Nike e sistema Nba non è lui il prescelto, il loro testimonial. Ha meno vantaggi in termini di popolarità ma sicuramente meno pressioni. E considerata la testa che ha quel ragazzo, questi fattori portano ad una sola via: l’anello.

  7. Bryant panchinato da Brown! Finalmente ha avuto le palle di farlo dopo l’ennesima minchiata targata Mamba.

  8. Bryant è ingestibile ed è fuori di testa. Questo sciroccato ha il frount court migliore della lega, con Bynum in uno stato di grazia e questo pensa a giocare solo contro il mondo quando il sangue non fluisce adeguatamente nel cervello. Lui dovrebbe essere la ciliegina sulla torta in grado di punire i raddoppi che inevitabilmente si hanno nel contenere il bambinone, sfruttando alla grande le sue doti di tiratore che di passatore, invece nada.

    Ora non so cosa accadrà ma fossi in Brown lo rifarei di nuovo all’ennesima minchiata.

  9. cmq gli heat anche anche battier che è uno dei difensori più forti in assoluto…

  10. Postare su Thunder-Heat è impossibile.

    Proviamo di nuovo.

    Se la serie ci sarà la deciderà Harden. Chi lo ferma? Se ci mettono Wade, chi marca Westbrook? Il frountcourt più o meno si equivalgono per produzione totale (difesa/attacco) mentre Harden è il rebus di Spoeltra. Ovviamente i rispettivi big produrranno più o meno lo stesso.

    La questione è: quando affronteranno Westbrook, Durant e Harden chi metteranno in campo? Wade su Harden, Chalmers su Westbrook e James su Durant? Oppure metteranno James su Westbrook, Wade su Harden e Battier su Durant?

    • Poi ripeto i season high di Ibaka e Perkins non sono un caso. La sotto c’è la vera differenza. James e Wade non possono entrare come vogliono e devono scaricare per gli esterni. Ibaka se gioca come ieri diventa un rebus per Bosh e Perk nonostante non abbia più punti nelle mani, può stuprare qualunque Centro di Miami. L’unico modo per poter compensare è che Bosh esca dall’area e prenda gli scarichi di James e Wade. Sappiamo benissimo quanto i Thunder soffrano questa tipologia di giocatori (vedi Love e Nowitzki) piuttosto che un Griffin (nonostante la monster dunk di 2 mesi fa). Detto questo i Thunder si abbinano fin troppo a questi Heat. E’ una partita di RS, non conta niente, i veri valori si vedranno a giugno ma Miami deve cogliere al volo questa lezione. James e Wade giocassero meno in transizione e cercare il canestro con le mani. Perché con i Thunder, anche arrivati a canestro hai in questo momento il miglior stoppatore della Lega e uno ignorante come Perk. Dove vai? Miami soffre ogni volta che si trova lunghi di qualità davanti. Vedi Chicago (Boozer-Noah), Orlando (basta Howard) ma anche Utah (Milsapp-Jefferson) oppure Dallas lo scorso anno (Odom-Nowitzki) o anche i Lakers di quest’anno (Gasol-Bynum) Se deve cambiare, lo faccia al svelta. Non può pensare che si giochi sempre con Charlotte o Denver.

      • Bosh/Haslem hanno punti nelle amni, specie negli scarichi. Che siano sui 5/6 metri o nel pitturato. Dall’altra parte Perk/Ibaka hanno meno punti complessivamente parlando, ma difensivamente sono due gradini avanti ai rispettivi avversari.

        Detto questo, Harden è il rebus Heat. Non vedo Wade su di lui troppo a lungo, anche perchè lo paghi offensivamente. Gli Heat non possono permettersi di avere il 3 poco lucido.

        L’esempio lo faccio con i Bulls. I tori hanno avuto e hanno il problema del secondo/terzo violino. Quando James si mise sulle piste di Rose, i Bulls implosero perchè le alternative non erano di primo livello. Per cui Wade non aveva un avversario tosto e Bosh di suo fece il terzo violino alla grande. Con i Thunder si ritrovano tre giocatori con 20 punti nelle mani, facili, hanno Ibaka e Perk che possono infastidire Bosh, senza dimenticare che Thabo sarà della partita. Ovviamente gli Heat possono mettere, come hanno fatto, Battier su Durant anche se il 35 i suoi punti li metterà sempre e comunque.

        Non so se l’ho notato solo io,ma i Thunder difendono meglio sugli esterni più di quanto non fanno gli Heat. Ho visto Wesbrook entrare a piacimento.

  11. Ma quale fuori di testa, ma non diciamo cazzate, fuori di testa sarà Brown che fa giocare Artest da guardia, in una partita dove s’è preso la miseria di 15 tiri prendersela così tanto con Bryant ha del comico, ogni tanto fai uscire fuori l’hater che c’è in te.

    • Hater? Io godo come un pazzo nel vedere Kobe fare minchiate. I Lakers hanno Bynum e Gasol, vale a dire il duo migliore della NBA con due tre spanne sugli altri. Se hai Kobe non fai altro che metterti al servizio delle due torri e tu, da bravo scolaro, sfrutti il tuo talento nel modo migliore. vale a dire, punisci di raddoppi sul lungo, vale a dire servi i compagni come sa, vale dire prendersi i tiri quando servono.

      Non mi venire a dire che il 24 lo fa perchè gli altri giocano male, semplicemente parliamo di un giocatore che non si fida dei compagni se non ad intermittenza. E quando lo vedi fare uno contro il mondo per poi subire una transizione a canestro con tre Grizzlies soli a canestro capisci che la colpa è soprattutto sua. I compagni li vedi alzare le braccia e chiedere la palla inutilmente. Ovviamente non difendono esponendo Brown a fare la scelta del muro contro muro.

  12. E’ una partita di RS, e come tutte le partite di RS va valutata il giusto…però…

    Gli Heat sembrano essere tornati ad uno dei 2 grossi problemi del 2011, ovvero l’incapacità di vincere contro le Big (l’altro problema era i finali tirati, quest’anno è andata senz’altro meglio). Le sconfitte contro Lakers, Bulls (senza Rose), Thunders, hanno riportato la lancetta del tempo indietro di un anno

    Stanotte a livello di voglia ed energia non c’era confronto, e se i lunghi titolari di OKC fanno 35 punti con quelle %, non c’è gara (visto anche cosa hanno sotto canestro gli Heat)

    E’ vero anche che lo scorso anno gli Heat sembravano messi anche peggio, e poi nei PO si è visto come (Finals a parte, dove però parliamoci chiaramente, con tutto il rispetto per Dallas, con un minimo di palle ed intelligenza in più, avrebbero anche potuto chiudere 4-0) in realtà la squadra rollava alla grande

    Al momento li vedo belli stanchi, James dopo aver tirato la carretta senza Wade, sta giocando abbastanza sotto il par (ed allo stesso tempo, dimostra come i 2, per quanto più amalgamati rispetto allo scorso anno, ancora non riescano ad integrarsi benissimo), il supporting cast, come a ha detto qualcuno oggi (personalmente lo avevo detto anche io qualche giorno fa), tolti i Big 3, è desolante, specie sotto canestro

    Che poi un minimo di qualità ci sarebbe pure, Mike Miller non era l’ultimo degli scemi prima di venire in Florida, ma a quanto pare fare solo il tiratore lo ha rimbecillito, Battier sta giocando abbastanza male, idem Haslem, cui ho visto fare un sacco di vaccate nei finali di partita

    Il 1° posto ad Est è abbastanza lontano ormai, e stanotte prevedo altri schiaffi contro i Pacers

    Riguardo ai mismatches di cui si parlava sopra, credo che l’idea del filippino sia quella di andare, almeno nei finali contro i Thunders, con Wade-LeBron-Battier dietro, ed il duo Bosh-Haslem sotto…i due play non sono indispensabili, ed il Trio Harden-Westbrook-Durant esclude gente come Chalmers e compagnia

    Contro altre squadre meno fisiche, prevedo che spesso andranno con Battier/LeBron da 4 tattico, e Bosh da 5

    Bene, benissimo gli Spurs, che alla terza partita in 3 giorni vincono, contro una squadra riposata e di talento, e senza i cm di Duncan e Splitter. Diaw non senza ma i 27 minuti dicono di quanto il Pop già lo consideri importante, con la sua difesa e la sua versatilità. Davvero contento di rivederli ad alto livello, giocano davvero in 5 in attacco e difesa, non hanno primedonne o rompicoglioni, ed i loro leader sono un esempio di altruismo ed umiltà. Di poche squadre si può dire la stessa cosa

    Kobe panchinato, credo che anche se giocava non cambiava il risultato. D’accordo con Alert, il coach ha fatto bene a livello di messaggio, e non mi sono piaciute troppo neanche le dichiarazioni di Bryant nel dopo partita (tipo “non parlo per non creare un caso”, segno che gli rodeva parecchio il culo). Se per una volta in 1000 partite il coach ritiene che non puoi dare un apporto positivo, amen, tanto non è che la partita fosse in equilibrio

    Però stavolta ha tirato solo 18 volte, mi sembra un passo avanti, anche se non sono aumentati gli assist. Certo che se Gasol e Metta giocano contro come stanotte…

  13. Si ciao, ti stai attaccando ad un possesso, beh allora hai ragione, a me invece risulta che nell’ultima partita coi Blazers non si sia preso nemmeno un tiro nel quarto periodo con la partita punto a punto, stanotte ha giocato un primo tempo che definire ecumenico è un eufemismo, ciò nonostante con quella che tu definisci la miglior frontiline della lega i Lakers erano sotto abbondantemente, se c’è una cosa sulla quale si può criticare casomai è la sua difesa su OJ Mayo, sono altre le partite in cui Bryant palesa il suo egoismo, tipo quella a Houston o Detroit tanto per citare partite recenti, criticarlo da questo punto di vista per la gara con Memphis mi sembra davvero ridicolo.In panchina c’è uno che fa giocare Artest da guardia, parliamo di questo piuttosto, non di sta barzelletta di Bryant egoista che non si fida dei compagni, succede ogni tanto e se permetti ci può anche stare visto che fino a prova contraria questa è e rimane la squadra di Bryant.

    • Parliamoci chiaro. I Lakers non sono da titolo NBA. Punto. Ha tre giocatori di livello assoluto e un roster tra il ridicolo e il decente.

      Kobe è il leader del gruppo, amato o meno, ed ha due centri che volendo possono dominare il lungo e il largo. L’esclusione di ieri era un messaggio chiaro che il coach, che ha digerito palate di merda, non voleva più sopportare. Kobe invece di dire, non parlo per non fare storie, avrebbe dovuto stare zitto e guardarsi allo specchio e vedere quante gare schifose ha giocato. Quante forzature ha fatto, quante volte si e fatto stuprare dagli avversari e quante volte i compagni lo hanno visto fare l’uno contro il mondo? Ieri è stato migliore di altre esibizioni, salvo prendersi dei tiri senza senso oltretutto mentre Mayo faceva il fenomeno. Perchè non dovremmo guardare solo l’aspetto offensivo, non ti pare?

      Mi dirai che gasol sembra lo scemo del villaggio, che Artest si è rincoglionito, che Blake è uno zoombie etc…. Vero, ma in una rs devi mettere in conto di perdere qualche gara in più per creare un sistema che veda i due lunghi come l’opzione principale e lui, Bryant il facilitatore che all’occorrenza toglie le castagne dal fuoco. Senza dimenticare i compagni, che volente o nolente fanno aprte del team.

  14. Beh allora mettiamoci d’accordo, te l’hai criticato perchè ha giocato da solo, cosa non vera, 15 tiri per lui sono una miseria, se poi in alcuni possessi gioca 1vs5 ci sta, a volte le forzature gli entrano a volte no ma non è che ha tirato 30 volte, che poi in difesa sia stato osceno è un altro discorso e non c’entra niente con quello che hai detto te nel primo post.

    • Ho enfatizzato l’azione incriminata come la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Se Bryant avesse giocato sempre come ieri, pensi veramente che Brown lo avrebbe panchinato? No. Però, tornando al “fattaccio”, quello non era il momento propizio per l’assolo visto come hanno reagito i compagni. Omettendo di ritornare a canestro. Mi è sembrato un messaggio molto ma molto chiaro. Come non è sembrato accettabile per il coach che il suo diretto avversario facesse quel caxxo che gli pareva.

  15. Per precisare,kobe 15 tiri stanotte. Bene da questo punto di vista. Detto questo anche io non mi sento di condannare brown. Vedremo prossimamente come reagirà sul campo kobe a questa punizione. Per il resto soliti problemi, squadra discontinua e panchina inesistente.la sconfitta di miami ci può stare ma dice che gli heat non avranno vita facile per l anello come sembrava all inizio della stagione. Certo poi dipenderà anche dalla condizione di rose che al momento fa un po’ preoccupare

  16. sono abbastanza d accordo con i commenti di Stoppani riguardo OKC-MIA,il problema di fondo e’ pero’ un altro,e cioe’ questo tipo di partite Perk e Ibaka le faranno anche quando devono affrontare TD,Gasol P,Gasol M,Bynum,Zibo?? no perche’ vedendo questa coppia di lunghi contro altre squadre mi viene davvero da pensare che sia il loro punto debole,sono proprio poca roba in attacco se parliamo di squadre che puntano a vincere tutto…prima di Miami eventualmente ci sono 3 serie di poff da giocare e incontrando i giocatori sopracitati le cose cambieranno,un conto e’ dominare contro Joel Anthony altra roba contro frontline piu’ serie…io partite cosi’ a Perk contro i Lakers non gliene ho mai visto fare…KD si conferma una gioiosa macchina da guerra..

  17. wade-harden…il mismatch pende chiaramente a favore dei thunder..ho anticipato la troiata che qualcuno stava per scrivere..tanto piano piano ci si arrivava..

  18. premesso che la locuzione “si è fatto stuprare” non è elegantissima e sottintende una visione maschilista che dovrebbe essere ormai obsoleta: ci si è messi nelle condizioni di farsi stuprare… che siamo negli anni ’70?
    poi però si scrive caxxo perché non si vuol essere volgari?
    suggerirei delle immagini eleganti come: sono affogati come immigranti clandestini, oppure sono rimasti folgorati come in val di susa, sono rimasti intrappolati come militari italiani in india o in afghanistan…
    dico questo perché l’essersi “lasciati stuprare” è diventato un modo di dire su ‘sti commenti e mi pare fastidioso e non riesco ad abituarmi
    chissà quante eleganti metafore si potranno leggere durante i playoff?

    • Sky descriveva le triple come bombe. Dopo un fattaccio (bombe vere) decisero di cambiare parola. Stuprare è stupido come parola, da me scritta in un contesto sbagliato, salvo comprendere e contestualizzare l’uso. Se ti da fastidio hai ragione, ma permettimi di dire che
      “suggerirei delle immagini eleganti come: sono affogati come immigranti clandestini, oppure sono rimasti folgorati come in val di susa, sono rimasti intrappolati come militari italiani in india o in afghanistan…” non ci azzeccano nulla ma proprio nulla.

      Se segui il sito potrai notare che non sono avvezzo all’uso della parola stuprare (commenti ai po inclusi) che ho usato stupidamente. Ho sbagliato e ti do atto che non lo utilizzerò più.

      Poi sul virgolettato avrei molto da ridire, del tipo sti cazzzzzzzzz se un militare va in “missione di “pace” in Afganistan e/o Iraq e ci rimette la pelle. Perchè fino a quando torna a casa col gruzzolo va bene, poi quando muore, poveraccio. Senza dimenticare le porcherie che questi “signori” fanno alla popolazione locale, vera vittima della democrazia da esportazione.

    • madò con politacally correct…e fattela una risata che magari domani ti sveglio freddo marcè!!

    • dai apprezzo il tuo sforzo..xrò siam tutti adulti e scandalizzarsi x alcuni termini mi sembra un po ridicolo..manco fossimo testimoni di geova..

    • “lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”“lasciati stuprare”

      • Hilton sei un idiota!
        Marcell_o, grazie, era tanto che volevo scriverlo, parlare di stuprare è proprio fastidioso!

  19. Son parzialmente daccordo con te Alert. Nel senso che Bryant andava panchinato, il punto è che Brown avrebbe dovuto farlo già tempo fa. Secondo me aver concesso carta bianca in attacco al mamba fino ad ora e poi panchinarlo per disperazione ieri sera ha solamente dimostrato la mancanza di polso del coach. Prevedo un po di burrasca a l.a.

  20. Se bryant vuole fare il fenomeno allora che restasse solo lui in campo oppure potrebbe iscriversi ad una regular season di uno contro il mondo…fortuna sua che ha avuto phil come allenatore per gestirlo

  21. @Marcell_o Ma dai, non scherziamo… Io l’ho usato parecchie volte anche prima ma non sottintendo nessuna visione maschilista… E’ un modo di dire. Che non da un carattere negativo o positivo all’azione quanto fa una scala del grado di “umiliazione” inflitta a chi la riceve. Essere stuprati, (a proposito guardati American History X riguardo alla visione maschilista dello stupro…) è per eccellenza l’atto più umiliante che qualsiasi persone possa ricevere. Metaforicamente uno lo inserisce in un contesto cestistico. Ma universalmente non possiamo riconoscere quanto l’ATTO sia da demonizzare in tutti i modi e mezzi. Ma adesso non scherziamo…. Addirittura a fare la morale per una parola! La prossima volta potrei usare OWNATO ma penso che molti di voi non sappiano nemmeno cosa significhi. Non scherziamo su!

  22. oh, beh…
    alert70, matteo, fabbio… ochei.
    è possibile che la mia sia una visione “moralistica” del linguaggio.
    tuttavia temo che nel “gergo” che si instaura in un sito/contesto ci possano essere degenerazioni, anche se per fortuna non muore nessuno e nessuno si fa male.
    tuttavvia (tanto che mi trovo) direi che una frase tipo “Ma universalmente non possiamo riconoscere quanto l’ATTO sia da demonizzare in tutti i modi e mezzi”, fa un po’ pensare.
    voglio dire: il sottotesto è un po’ terrificante, ma forse è solo superficiale. ma no: sono io che sono un rompicaxxo! (scritto giusto?)
    atteniamoci al basket. dov’eravamo rimasti? ah, sì, bryant che s’è fatto stuprare da… ho perso il filo

    • essere stuprati non è piacevole.. ma se ti tirano in testa e ti “penetrano” ovunque.. è pur sempre italiano..

  23. Boh… Energia diversa, atteggiamento diverso, risultato quindi scontato.. era una partita più importante, come fiducia e risposte, per OKC ma credo che Miami avrebbe dovuto mandare un messaggio diverso a Durant&soci… e invece brutta partita degli Heat… non ho mai avuto la sensazione che i Thunder potessero perderla e questo è abbastanza grave…

    Avete già detto tutto e quindi non entro in altri ambiti della partita… dico solo che, ad oggi, delle due ha molte più % Miami, a mio modo di vedere, che i Thunders di andare alle Finals… resto dell’idea infatti che OKC, nei PO, debba incontrare molte più squadre che possano metterla in difficoltà di quante ne incontrerà Miami… con gli Spurs si accoppiano male, con i Grizzlies trovano una squadra con la stessa fisicità ma più forte sottocanestro, con i Lakers anche qui sottocanestro vanno sotto e con i Clips non si sa mai… mentre, per contro, gli Heat hanno solo i Bulls in finale come ostacolo verso la possibilità di giocarsi l’anello e con questi si accoppiano non malissimo…

    Tutto questo non per dire che OKC sia più debole di MIA (anche se per me, nel complesso, lo è ancora), ma per dire che, causa percorso delle due verso le Finals, vedo la strada dei Thunders molto più dura..

    • Questa è la differenza tra Thunder e Heat, la conference. A parti invertite sarebbe lo stesso.

      Ad ovest, sin dal primo puoi affrontare i Grizzlies e mandare a monte una stagione. Ad est becchi i Celtics e/o Knicks di oggi e banchetti. Senza dimenticare in Hawks di turno.

  24. “Non è che non mi fido dei miei compagni…è che mi fido più di me stesso…”

    Parole del Kobe qualche anno fa…come sempre, la verità sta nel mezzo, nel senso che se da una parte in questo dimostra di non avere forse chiarissimo il concetto di squadra (e si che dovrebbe, per vincere gli ultimi 2 titolo ha avuto bisogno di 2 corrazzate, l’idea che non si vince da solo dovrebbe averla assimilata), dall’altra è indubbio come tante volte si sia trovato non sufficientemente aiutato dai compagni, e sia stato sostanzialmente costretto a mettersi in proprio…

    Con la dipartita di Odom, difficile vedere i Lakers anche solo in finale, è indubbio però che qualche cosa non quadra, quanto troppe volte Kobe da solo si è preso più tiri di Gasol e Bynum insieme. Lo spagnolo quando gioca come stanotte è da spaccargli la faccia, ma rimane il fatto nessuno nella Lega ha questa coppia di lunghi, e l’asse offensivo si dovrebbe spostare verso sotto (specie quando hai un Bynum in versione Kareem)

    Forse a Kobe vengono in mente i tempi di Shaq, in cui si sentiva castrato a passare prima dal post, ma se i Lakers vogliono fare strada nei PO, deve iniziare a vedere i due sotto come un’arma, e non come una “minaccia”

    Ripeto quello che ho detto altre volte, credo che a MJ abbiano fatto un gran bene i 3 anni a UNC, dove ha assorbito i rudimenti del gioco di squadra, ed un minimo di rispetto dei compagni (famose gli ultimi tempi con Shaq, dove si vociferava che neanche conoscesse il nome di un paio di panchinari :-))

    Marcello

    Io non la farei così lunga, si usa “stuprare” solo per esprimere un concetto di impotenza da parte di un avversario, lo si estremizza. Nessuno vuole mancare di rispetto alle donne, e personalmente odio il Politically Correct

    Comunque nel caso fai un elenco delle locuzioni a te sgradite, con annessi alcuni sinonimi che reputi rispettosi per le donne e tutte le altre categorie da te ritenute protette

  25. In your wais,
    hai ragione: “si usa “stuprare” solo per esprimere un concetto di impotenza da parte di un avversario”
    ognuno è responsabile di quel che scrive e attenta all’eventuale buon gusto come meglio crede (siamo un paese libero)
    il buon gusto è soggettivo e io ho solo segnalato un mio fastidio. come quando senti usare a sproposito una parola o un verbo.
    ma, insomma, non è neanche un grande fastidio dal momento che son qui. nel momento in cui la forma dei commenti mi infastidisse più di quanto apprezzi il contenuto lascerei stare

  26. Sarò cinico e forse un po’ stronzo (anzi stronxo) ma “folgorati come in Val di Susa” è un’espressione che ha un non so che di ilare…
    Roba da spinoza.it, non per niente blog dell’anno a ripetizione

  27. @showstopper Sicuramente la conference ad Ovest è più equilibrata ma onestamente ad oggi non vedo nessuna che possa sbarrare la strada ai Thunder. Magari anzi sicuramente sbaglierò… ma ad oggi prendendo caso per caso abbiamo:
    -Nuggets Sempre maltrattati vedi anche l’anno scorso
    – Rockets Gara interna persa in maniera scellerata, non c’è partita di norma
    – Trail Blazers Tendenzialmente li soffrono ma vedo un roster in crisi e non credo che Portland possa portarlo oltre le 6 gare
    – Mavs L’anno scorso li hanno dominati con l’esperienza ma soprattutto con un Barea e Chandler in +. Con questo roster, questo Nowitzki e con l’esperienza acquisita dallo scorso anno non vedo anche qui oltre le 6 gare.
    – Jazz ottima squadra ma vale il discorso dei Nuggets. Tanti buoni giocatori, ottima squadra ma ai PO serve il go to guy.
    – Clippers Senza Billups fanno poca strada. Paul è preso da Westbrook che può limitarlo e Griffin non è quel giocatore mobile che può impensierirli (nonostante la monster dunk di 2 mesi fa)
    – Lakers Loro sono i Lakers ma i Thunder con la loro dinamicità non dico che possono spazzarli via ma quasi. Senza contare la panchina che è di un altro livello
    – Grizzlies Lo scorso anno li hanno molto sofferti ma i Thunder sono cresciuti come squadra e collettivo. Sicuramente possono di nuovo metterli in difficoltà, anzi se c’è una squadra che può farlo sono proprio loro ma considerato lo scorso anno non vedo perché debbano fare il colpaccio
    – Spurs Non dico che ai PO scoppieranno come lo scorso anno però, nonostante le buone trade, forse con un Duncan di 5 anni fa ne avremmo potuto parlare, oggi con quel roster e quegli acciacchi?

  28. ad ovest gli spurs sono gli unici a tenere il passo dei thunder con 3 vittorie in back-to-back-to back.
    ad oggi gli spurs giocano probabilmente la miglior pallacanestro della lega almeno nella meta-campo avversaria con grande circolazione di palla per cercare il miglior tiro disponibile.sono una squadra completa(forse manca un vero centro) e profonda con un altro colpaccio in stile spurs con la pesca di leonard che sta disputando una grande stagione.gia al primo anno e uno dei migliori difensori perimetrali della lega con delle braccia chilometriche e una favolosa mobilita laterale.
    nessun in questa stagione ha messo in netta difficolta durant come lui e nell’ultima gara contro i mavs ha pure difeso per qualche minuto su dirk con discreti risultati.insomma popovich ha trovato il suo nuovo bowen anzi questo e anche piu forte di bruce sopratutto in attacco.

  29. @showstopper Detto questo tutto può succedere, sicuramente saranno PO impegnativi e non a spasso. I Thunder arriveranno quasi sicuramente con 4-5 gare in più in finale rispetto all’avversario (ripeto penso sarà cosi ma magari sbaglierò e li eliminano i Jazz al primo turno). Di contro però Miami ha meno competizione ma più eccellenze. Chicago è l’avversario più ostico dopo i Thunder, una squadra sicuramente da finale. L’anno scorso furono asfaltati da James ma quest’anno i Bulls potrebbero avere imparato la lezione e mettere in pratica le contromosse. Soprattutto se Deng arriva in forma sarà dura per Miami. Poi c’è Orlando, non una squadra da finale assolutamente ma ostica proprio per il sistema Heat. Howard è un serio problema per il loro gioco. E poi ci sono comunque Boston e NY per cui vale il discorso dei Lakers e quasi sicuramente le prendi al primo turno quando ancora sono fresche. Senza contare squadre valide come Phila, Indiana e Atlanta che quasi sicuramente asfalti ma magari qualche fastidio te lo creano. Insomma sicuramente il lato dei Thunder è più impegnativo ma Miami deve affrontate una squadra decisamente impegnativa.

  30. @dwyanewadeee32008

    teoria: wade su westbrook, quindi harden può far danni..

    mi sembra che stiano dicendo questo.

  31. dontry

    era una semplice provocazione..tanto per rompere un pò le balle..in memoria di un recente discorso su quanto per me si tenda a sopravvalutare il buon barba..

    • contesterei… ma dopo un discorso con te su roy e wade di qualche tempo fa,
      perlomeno di guardie non ci parlo più con te XD

  32. POVERO Trigari!!!!!
    E’ costretto a lavorare con Bagatta che gli fa un sermone sui Warriors che scoprono giocatori come Jenkins (credo) che ieri fa la partita della vita…
    poi certo contro Portland che perde un’altra volta che sono poca cosa questo momento….
    Trigari:” guarda che la partita l’ha vinta Portland…”
    Ah vero…scusate…..e poi grandi unghie sugli specchi!!!

    • ahah ma soprattutto “Dejuan Blair da All-Star Game” e “la stagione pazzesca di Enes Kanter” (5 punti e 5 rimbalzi di media)! le perle di bagatta sono il meglio!

  33. Concordo nel fatto che ad Ovest tutti questi ostacoli non li vedo, però darei più credito gli Spurs, che non per niente in questa RS hanno battutto OKC più di una volta

    Nei PO i record contano fino ad un certo punto, nel senso che poi sono gli accoppiamenti a fare la differenza. Magari Denver e Utah arriveranno con lo stesso record, ma mentre i primi al completo sono per me tosti (e lo scorso anno OKC cagò sangue per passare la serie, al di là del 4-1 finale), i secondi credo saranno di passaggio

    Memphis ha 20 partite per re-inserire Zack, già stanotte qualcosa si è vista (con Randolph tenuto in panca quasi tutta la partita), credo che nessuno voglia davvero affrontarli, il resto dell’Ovest (tolti Lakers e Spurs) non mi pare da corsa

    Su San Antonio, direi che al momento, e nn solo ad Ovest, è difficile trovare un roster più completo ed equilibrato in tutti i reparti. E’ vero che TD non è quello di qualche anno fa, come a dire il vero non lo è la squadra, molto più profonda. E se Manu è un grosso punto interrogativo, dato che è di cristallo, a ben guardare, neanche Parker è quello di 5 anni fa, ed è uno dei pochi che parte alla pari con Westbrook

    Gli ultimi anni parlano chiari, gli Spurs hanno preso begli schiaffi, ma ci sono state anche tante “giustificazioni”. Gente come Blair o Bonner dubito possa fare la differenza nei PO, ma mentre lo scorso anno c’erano solo loro, adesso l’innesto di Diaw e la crescita di Splitter da molte armi e cm in più. Senza contare che tolto quel cacasotto di Jefferson, ora hanno uno con le palle al suo posto, Captain Jack, che alla Artest, può essere anche distruttivo, ma se tenuto a bada, potrebbe fare molta differenza

    Al momento sono gli unici che hanno qualche chance contro OKC. Poi si sa, in una settimana può cambiare tutto, tra infortuni ed altro

  34. Per dire, in stagione:

    OKC-HOU 2-2
    OKC-SAS 1-2
    OKC-DAL 2-1
    OKC-LAC 1-1
    OKC-LAL 1-0
    OKC-MEM 3-0

    Tolto i Grizzlies, con gli altri in stagione i Thunders non hanno dominato…

    MIA-ORL 2-2
    MIA-CHI 1-1
    MIA-PHI 3-0
    MIA-IND 3-0
    MIA-NYK 2-0

    Questi record contano fino ad un certo punto, ma un paio di indicazioni le possono dare….
    OKC, delle 12 L subite in stagione, ben 6 sono a carico di Spurs-Rockets-Mavs.. quelle Heat sono “solo” 3, a carico di Magic e Bulls… gli Heat hanno spazzato via chiunque ad Est tranne Bulls e Magic, quest’ultimi credo siano l’avversario che per accoppiamenti mette più in difficoltà Lebron&soci… per quanto riguarda Bulls-Heat, credo che sulle 7 partite Chicago abbia pochissime possibilità di spuntarla…

    • Chiaro Showstopper, le stat parlano chiaro ma paradossalmente la squadra che davvero potrebbe impensierirla di più (Memphis) non ne ha vinta una. Scommetto però che ai PO sarà come lo scorso anno (se Randolph sta bene) con lo stesso risultato. Con Houston (ma non stavano 2-1 per OKC?) oggettivamente non vedo difficoltà. Col resto è chiaro, ci sarà da lottare ma anche per gli Spurs quoto tutto quello detto da IYW ma secondo me hanno troppe incognite. Salute Parker e Ginobili, resa ai PO di giocatori nuovi come Leonard, inserimento di Diaw e Jackson e resa della AG più forte che abbia mai visto, dicasi Duncan a malincuore e con le lacrime agli occhi, ormai lontano parente di quello che fu. OKC squadra troppo competitiva e talentuosa per non reggere l’urto della loro esperienza. Lo scorso perirono contro Dallas, squadra simile agli Spurs odierni, ma probabilmente agli speroni manca il Nowitzki della situazione. Poi magari gli danno una lezione di basket e di gioco. Ai PO è tutta un’altra cosa nel bene e nel male. Vedremo, sono solo discorsi ipotetici, da qui ad aprile-maggio può cambiare tutto.
      Riguardo agli Heat è proprio questo il discorso. Contro le squadre di seconda fascia, no problem. Con Chicago e Orlando? In RS sono state partite toste e praticamente tutte tirate fino alla fine, Miami ha palesato difficoltà e mostrato i suoi limiti. Anche qui vedremo. Ad oggi se c’è una finale che vedo è Miami-OKC. Tuttavia non rimarrei basito, stupito si, se dovessi vedere Chicago-Memphis

      • Certo certo e considerato Zibo dello scorso anno sposterebbe un bel po’.

  35. Francamente non vedo così facile il cammino degli OKC verso la finale ad Ovest ed il titolo di Conference. Sicuramente sono i favoriti e sulla carta i più forti, ma attenzione a Memphis, perchè con i Thunders si incatra molto bene e ha tutte le armi per mettere in difficoltà i Thuders. Non dimentichiamo che hanno una copia di lunghi che in fase offensiva potrà creare probelmi a Perk e Ibaka (soprattuto ZIBO se torna in forma) e esterni/sf che – quantomeno – possono contenere/limitare il trio delle meraviglie Harden-Wes-Durant e creare loro qualche problemino in attaco. Mi riferisco ai vari Tony Allen (lmitatamente alla fase difensiva), Gay, OJ Mayo e Conley.

  36. non scherziamo, le insidie ai PO per i Thunder sono parecchie e di un certo spessore. non parlo tanto di squadre che abbiano realmente possibilità di vincere un anello, quanto di squadre che potenzialmente ti portano a gara 7 con facilità, il che implica un dispendio di energie fisiche (ma sopratutto mentali) notevole pure per un roster fresco e profondo come quello di OKC…cosa che dall’altra parte del tabellone, per Miami (esclusi i Bulls), non sta né in cielo né in terra, suvvia.

    • Quoto perché alla fine è proprio quello che dico io. Però aggiungo che hanno più possibilità i Bulls di buttare fuori Miami che Memphis i Thunder. Questo fondamentalmente affermo io. Poi davvero la finale sarà Indiana-Utah… Si vedrà

  37. se parliamo di chi potrebbe fermare okc mi viene in mente solo i griz……..è vero okc è migliorata e ora sono più esperti ma memphis è l’unica squadra abbastanza giovane per poter stare al ritmo dei thunder inoltre non scordiamoci che rispetto all’anno scorso c’è un signor rudy gay che sta viaggiando a quasi 20 pp e che difensivamente non ha nulla da temere dai più esperti difensori NBA. se zibo torna quello dell’anno scorso con m.gasol la coppia perk ibaka sembra più sulla terra
    e poi sono sicuro che se incontreranno okc (magari invece escono al primo round con qualcun altro) daranno il 110% per provare a fare il colpaccio dell’ anno e per riscattare la sconfitta dell’anno scorso

  38. credo che San Antonio farà molta strada quest’anno e non mi stuoirei se vincessero il titolo loro.

    Ginobili ha riposato,Duncan è in forma ,Parker gira a mille,alcuni giocatori hanno un anno in + di esperienza e le aggiunte di marzo si faranno sentire di sicuro.

    A Est vorrei vedere i Bulls in finale e Miami che quest’estate vende Bosh e prova a mettere su una squadra decente,dal prossimo anno LBJ da 4 e via se la gioca con tutti con quel fisico e elevazione.
    Lo sanno tutti che se Miami fallisse anche quest’anno e per loro arrivare secondi vuol dire fallire è ovvio qualcosa si dovrà cambiare..Wade non può muoversi per mille ragioni,Lbj non puoi darlo via ora che Wade ha 30 anni ed è cmq sempre il giocatore che domina di + in questi anni,Bosh lo cedi per rinforzare la squadra e inizi a prendere un Kaman che almeno del centro non ha solo il nome

  39. (Scarto gli spurs perchè è 3 anni che sono animali da RS per poi sciogliersi ai PO in pieno old style di quando erano la squadra di david robinson.)
    LA l’ anno scorso l’ ha data su per chissà quale motivo e quest’ anno non hanno più nè Jax nè Odom.
    Partiamo dal presupposto che Odom è sempre stato molto ondivago nelle prestazioni ma questo non ha mai impedito ai lacustro di andare avanti ai PO e che bynum sta salendo di livello, direi che sono ancora la squadra che a Ovest non vorrei mai incontrare.

    Okl si troverebbe Bynum in mezzo all’ area con in parte gasol -non due nani- e comunque due buoni difensori e non ha lunghi che possano allontanarli più di tanto dal ferro.
    Perk avrebbe le mani piene, e Ibaka se ha ancora qualche difficoltà in difesa è sui giocatori più tecnici, come il catalano, sull’ esecuzione di finte con annesso piede perno.
    Sugli esterni effettivamente La rischia di dover consumare troppo di bryant in difesa ma sulla panca ad oggi -con tutti i difetti che può avere- c’è un tale a cui va il merito di aver reso anche pavlovic un discreto difensore di sistema… forse qualche aggiustamento può trovarlo.
    Certo panchina cortissima, direi che conterebbe tantissimo la forma: in un primo turno dei PO potrebbero dare parecchio fastidio, più avanti penso arriverebbero eccessivamente spompati.

    ps. LBJ da 4 fra 2/3 anni sarebbe un suicidio..

    • allora è già abbandonata l’ idea che non vinceranno 1 anello, non 2, non 3 ma…..

      ??

  40. secondo me marcello ci sta pigliando per il culo… cmq qui sul forum si usano espressioni che ho sentito solo qui.. un’altra che va molto di moda in questi giorni è andare a sud… :)

  41. Andare a sud
    A mani bassissime (per qualsiasi premio a qualsiasi giocatore dopo una buona prestazione)
    Tonnara (a ovest)
    Mani dolci (gnam)
    Movimenti da ballerino con mani da pianista (per descrivere qualsiasi lungo che non sia una pippa)
    Bambinone (per chiunque sia alto e grosso)
    Esperienza (riferito a chiunque abbia più di 25 anni) vs inesperienza (sotto i 25).. Il giorno del 25º compleanno cambia tutto
    MVP vs pippa/sopravvalutato/bollito (ci sono passati kobe, lebron, love in pochi giorni)
    Esci di casa e fatti una vita / una tipa (quando non si sa più come ribattere)
    Ti fai le seghe pensando a … (seguito da giocatori sempre di genere maschile perché o si odia un giocatore o ci si fa le seghe pensandoci, non ci sono vie di mezzo)
    Un coglione (termine univocamente attribuibile a tale mike d’antoni)

  42. Se gli Heat non vincono il titolo nemmeno quest’anno il loro progetto lo si può classificare facilmente sotto FALLIMENTO. Senza che nessuno si offenda. La scelta più insensata è stata prendere Bosh. Punto. Wade è Wade e non si tocca, su LBJ non spendo parole (può non piacere ma è con Durant il giocatore che più ti cambia un piano gara), il resto è poca roba. Sotto sono inguardabili. Sembrano una squadra costruita senza logica. Non c’è sistema di gioco (e quando, raramente, hai in panchina sia il 3 che il 6 te ne accorgi), hai un allenatore inguardabile senza polso. Phil Jackson farebbe vincere questi. Perchè finchè comanda l’uno – due per quanto forte non vincono. Ci sono squadre più squadre. E le squadre vincono sull’individualità, anche se infinitamente talentuose.

  43. Tra l’altro, se solo il 3 fosse andato a giocare con l’MVP uscente non si inizierebbe neppure a discutere su chi vincerebbe il titolo. Sarebbe BULLS vs THUNDERS tutti gli anni. Sempre. E sarebbe stata una finale incredibile. Lo stesso discorso vale per il 6 ovviamente…

  44. dontry

    in che senso suicidio? che col fisico che ha (205×110) in difesa non credo che soffrirà molto i 4 avversari e in attacco diventa un bel rebus..se poi trovassero un 3 alla odom..anzi io lo vedo proprio bene in quel ruolo, sarebbe ancora più devastante, se possibile

    PO
    quelli di est temo che saranno noiosi, l’unico team che può creare un po’ di suspance temo sia NY, ma c’è un melo da inserire seriamente per farlo, non sarà facile per woodson
    a ovest sarà una tonnara governata dallo stato di forma delle 4 citate (SAS, LA, DAL, MEM). io 1 euro sugli speroni lo metterei anche, che tra tutte mi sembrano quelli meno legati a chimiche da trovare o umori di spogliatoio da sistemare, senza contare che hanno il lungo più intelligente della storia recente del basket, un ottimo TP e POP che è COY a mani basse: a parte il francese a 34 min e TD a 28, gli altri tutti sotto i 25min, arriveranno meno stanchi dei parietà di altre squadre
    sono molto poco fiducioso su LA invece, speravo in un cambio di marcia ma KB dimostra di essere una testa non dura ma impossibile da governare (non accetterà l’idea che per vincere deve affidarsi ai 2x7ft) e temo che tutto lo spogliatoio lo sia pure..prevedo una picchiata nella resa di session, sia mai che possa far capire al pubblico che con un po’ di entusiasmo si gioca meglio e gettar quindi ombra sui senatori (gasol su tutti). ovviamente fanno arrabbiare, che anche quest’anno a sprazzi han fatto vedere veramente un bel basket, solo che la luce la accendono 10 minuti ogni 10 partite

    • se vuoi lo mettiamo anche 5.. tanto porta su palla lo stesso e parte in punta per attaccare il ferro.
      Se vogliono giocare 5 fuori va bene, se invece si decidesse a giocare spalle a canestro contro i pariruolo (3) per far fruttare il fisico sarebbe meglio.
      Con il fisiologico calo atletico che fra pochi anni lo colpirà, vuoi l’ età e il tonnellaggio che si porta a spasso, senza un bagaglio tecnico specifico in attacco farebbe gran fatica, poi se ci metti un Howard da 5 il quattro posso farlo pure io..

      • sì sul fronte offensivo sarebbe sicuramente atipico, però ricordo che Magic in quel ruolo a quasi 40 anni fece benissimo grazie alla visione di gioco e all’esperienza, non certo grazie al fisico. poi tra qualche anno smetterà di portar palla (non so se tu giochi play ma ti assicuro che si fa fatica a farlo per 35-40 min e le energie risparmiate si possono usare per altro) e ormai lo small ball è la normalità più che eccezione..certo se come 5 hai anthony diventa dura, ma con un lungo degno di tal nome affianco credo non sia impensabile giocare 4 fuori

  45. Discorso Thunder-Heat, interessante il discorso delle marcature Westbrook-Wade, LeBron-Durant con via libera al barba, sarà la chiave in un ipotetica finale. Ibaka e Perkins non sono dei mostri parlando di costanza, magari in 7 partite gli Heat troveranno la risposta all’enigma lunghi. In fondo hanno anthony, curry, turiaf e pittman che i loro falli li possono spendere sui due lunghi di OKC visto che nei liberi, se non sbaglio, non sono dei fenomeni. ne Serge, ne Perk.

    Discorso Kobe, è sempre stato criticato e sempre lo sarà. Non piace perché è arrogante, cattivo ed è anche grazie a queste qualità che ha vinto i titoli ed è la seconda guardia della storia. Non smetterà di certo di giocare come ha sempre giocato perché glielo dice MIKE BROWN. Rispetto per quest’ultimo perché finalmente ha mostrato un po’ di palle (spero di non turbare marcello), ma negli ultimi 5 minuti di partita, anche se sta giocando male, tenere in panca Kobe è una follia.
    Stanotte 15 tiri, ovviamente non va bene anche quando tira relativamente poco.

    • Beh aspetta Ibaka ha uno 0,670% dai liberi. Un po’ come Duncan. Perk ha 6 e passa, insomma non è Howard. Certo è che se devi far fallo lo spendi su di loro considerate le medie di Westbrook, Harden e Durant (anche se quest’anno è un po’ calato in questo fattore, gli anni scorsi era implacabile, sembra svogliato a tirarli).

      • Duncan però ne tira 4,4 di media contro appena 1,9 di media di Serge. Non so quale sarebbe la percentuale se ne tirasse 4 o 5 liberi a partita. Comunque, ovviamente gli Heat non imposteranno la serie su un Hack-a-Serge/Perk, ma i liberi dei lunghi saranno un piccolo fattore in ogni caso.

  46. No, sono espressioni prese spesso dalle telecronache Buffa-Tranquillo…”andare a Sud”, “puro ossigeno”, lisergico”, a loro volta prese spesso da Dick Vitale o altri telecronisti USA…

    Gli Spurs nel 2009 giocarono i PO senza Manu, nel 2011 Ginobili era si e no al 50%, ed incontrarono sulla loro strada la squadra peggiore che gli potesse capitare al 1° turno. Questo non vuol dire che non possano uscire presto anche nel 2012, ma secondo me è chiaro come il Sole che il roster di quest’anno è il più profondo dell’Era Duncan

    Poi di certo TD non è quello del 2005, ma se guardiamo con maggiore attenzione le statistiche, e le parametriamo a 36′ a partita, ci si accorge che il calo è stato molto, molto meno netto di quanto si pensi. E visto il contorno, non serve neanche che domini, basterebbe giocare bene

    Qui il discorso è solo di salute: si sa che, possibilmente attorno al 20 di Aprile, Ginobili si massacrerà in qualche modo, ed a TD tornerà come per magia la fascite plantare. Nel caso, per magia, non fosse così, saranno un dito al culo per tutti

  47. OKC-MIA

    ma vedete tutti equilibrato l’accoppiamento LBJ-KD? che secondo me in caso di finals pende (e non poco) a favore del primo: ha troppi tentativi mancati da farsi perdonare, spero per lui (e per IYW..sto a scherzà eh) che sia in modalità “piuttosto muoio sul campo ma te la biglia non la prendi”..poi westbrook, che a me è sempre piaciuto un sacco, di colpo è diventato un fenomeno su sto blog, ma ricordo che il ragazzo non ha lettura difensiva e scelte di tiro pari a quelle di nash, anzi..e nei PO..

    • Io ad esempio lo vedo squilibrato ma a favore del 35 se non altro perché KD ha dietro l’area coperta mentre James deve contenerlo da solo. Se contiamo poi l’arsenale offensivo ci spieghiamo perché James ogni volta che lo incontra un pelino lo soffra. Ma non entriamo in questa questione altrimenti si scatena la solita bagarre LBJ-Durant. Eravamo andati bene fino ad ora nonostante ieri notte. Westbrook ha i suoi limiti caratteriali e di QI cestistico ma se davvero mettessimo queste caratteristiche in quel corpo avremmo un misto tra Paul e Rose. Non pensabile finché non arriverà qualcuno a dimostrarcelo. Poi che non abbia lettura difensiva non è vero dai.

      • secondo me Westbrook non ha nulla da invidiare a Rose, l’unica differenza sta nei caratteri delle 2 PG che sono opposti. e il carattere si riflette in campo.

      • lettura difensiva era, come scelte di tiro, legato a nash: non dico che non ne abbia, però diciamo che può migliorare per usare un eufemismo..

        cmq è vero quel che dici, per giunta paga la stazza se deve seguirlo sui blocchi, però francamente mi aspetto dal re dei PO a base di grinta, senza il miglior LBJ le chance di vittoria di MIA “vanno verso sud”

        • Quoto. Quel che è certo, che se finale sarà, la storia sarà molto diversa. Battaglia epocale. Poi diciamo che Perk con quel piede in faccia a Wade non ha fatto altro che accendere ancora di più gli animi dopo la scaramuccia Bosh-Durant dello scorso anno.

  48. Io penso che si diano a Westbrook molte più colpe di quelle che abbia, ricordo come solo nel 2010 fosse “il vero leader dei Thunders”, mentre ora è da molti considerato un peso, uno da scambiare, o comunque non il punto di forza che realmente è…ma tanto sul forum è così, un giorno sei Dio, il giorno dopo merda

    Se da una parte è ovvio che sia un giocatore imperfetto, e che debba crescere sotto diversi aspetti (ma ha sempre 23 anni, e mi pare che ogni anno si presenti sempre più forte), mi pare anche che ci si soffermi solo su quello, e mai sui punti di forza

    La % dal campo parla di un ragazzo che è migliorato esponenzialmente al tiro e nelle scelte, e se gli assist sono crollati, è anche perchè Brooks gli ha chiesto qualcosa di diverso quest’anno, ed ha scaricato parte del playmaking su Harden. Con tutti i suoi limiti di lettura, segna sempre 24 punti a gara nella squadra di Durant, penetra come un treno (o come Rocco Siffredi, per dirla alla Marcello :-)), tira da fuori, spacca in due le difese, in campo aperto pare il miglior Iverson, va in lunetta

    Senza contare che è uno che difende sul serio. Detto sinceramente? Io non credo che Rose sia molto migliore, anzi, credo che il margine tra i due sia minimo. Già il fatto che Rose sia stato tutt’altro che “gentile” nei confronti dei possibili arrivi di LBJ o Howard forse ci dice che accanto ad un’altra superstar forse non si troverebbe bene, e se Russell si trovasse ad essere l’unico capace di generare attacco (che è la situazione Bulls, seppur migliorati quest’anno), dubito che andrebbe lontano dai 30 di media

    Perde ancora una marea di palloni, e troppo spesso attacca a testa bassa. E deve ricordare più spesso che alla fine il miglior attaccante in squadra non è lui, ma quello magro magro. Ma certi pippe mentali dubito se le facciano ad OKC, dove al contrario se lo tengono stretto e ne aspettano la definitiva maturazione

  49. Miami : 3 giocatori + comprimari abbastanza mediocri = Contender
    LA : 3 giocatori + comprimari abbastanza mediocri = NON Contender

    solo un problema di conference o mancanza di obiettività ?

    PS: 5 titoli tra un lockout e l’altro. Il primo (e unico) in anno pari. Dai ragazzi… è il loro anno ;)

  50. Aggiungerei inoltre:

    È in missione (tutti gli altri giocano in modo svogliato, lui invece non può perdere perché ha ricevuto l’investitura da Dio in persona)

    Togliersi la scimmia dalla spalla (che può essere comoda se hai le pulci ma quando devi saltare è un bel fastidio)

    Se….non ce n’è più per nessuno (se aggiungono una guardia (Chicago), se quello impara a andare in post (lbj), se quello difende, se inizia a tirare da 3 (detto di griffin dopo una preghiera all’ultimo secondo), se impara a tirare i liberi,se se se)

    Vedevano una vasca al posto del canestro

  51. IYW

    se ti riferivi al mio commento, ci tengo a precisare che volevo evitare l’incensamento di un ottimo giocatore che però ancora deve crescere su aspetti decisivi del gioco, ma il talento non è in discussione anzi. rispetto a Rose ha meno in mano la squadra e cmq paga un po’ in termini di scelte e capacità di playmaking (non molto eh)

    Quaqquo
    ne l’uno ne l’altro
    3 di LA: 1 gioca svogliato (pau), 1 si rompe sempre (AB), 1 è convinto di essere il più furbo oltre che il più bravo di tutti (e ha la sua età ormai). aggiungici un certo appagamento..
    3 di MIA: 1 deve togliersi l’etichetta di perdente, 1 deve vincere senza shaq, 1 deve dimostrare di valere i soldi che prende. aggiungici che non vengono da una delusione ed ecco la differenza tra contender e non contender

  52. Quaqquo:
    Presi singolarmente credo che i 3 di Miami siano più forti: se ti dicessero di scegliere tra lebron e gasol o lebron e bynum? Chi scegli?
    Poi kobe non è più un giovincello, gasol che sarebbe meglio di bosh non sta giocando granché bene mentre bosh sta entrando bene nell’ottica del terzo violino… Bynum sta giocando da dio seppur rimanga qualche dubbio sulla tenuta fisica… Dopo di che considera che Miami è tra le top 3 difese e non si può dire altrettanto dei lakers e che le cose in casa lakers non stiano andando benissimo dal punto di vista della serenità di spogliatoio

    Per il resto io considero i lakers come un forte outsiders, non nelle prime 3 ma nelle prime 5 direi di si.. E significa che possono anche vincere il Titolo (non dimentichiamoci che l’anno scorso erano dati per favoriti a inizio anno e poi si è visto)

    • Non per smontare la tua tesi sulla difesa, ma quest’anno hanno lo stesso numero di punti presi ( 93.4 a partita).
      Poi ok che per me sono meglio gli Heat anche nella loro metà campo, ma i numeri non dicono questo.

      • Si ma i punti a partita non dicono niente, dipendono molto dal ritmo a cui si gioca in attacco…molto più interessanti sono i punti per possesso, ed eventualmente le % concesse…

        • allora:
          Miami: 42.6 dal campo e 36.8 da 3. Steal + 0.6/ Blocks +1/ Rimb +1.9

          Lakers: 42.7 dal campo e 32 da 3. Steal -1.5/ Blocks +1.4/ Rimb +4.3

          Spiacente ma i punti per possesso non so neanche a che voce cercarli.

          • io li ho trovati nel power rankings, c’è l’indicatore PACE (possessi per partita) e i punti fatti/subiti sui 100 possessi

  53. Questi discorsi sono divertenti ma lasciano il tempo che trova…su finale tra heat e thunder…l’anno scorso mi ricordo che tutti prevedevano heat lakers e invece si sa come è andata…..conta lo stato di forma soprattutto in questa pallacanestro moderna…e la stagione comprex secondo me darà delle belle sosprese.
    cmq ogni volta che leggo i Knicks ai playoffs mi tocco bene le palle.
    Stasera c’è la partita chiave della stagione, contro i Bucks. Vediamo di non sbagliarla spero che non ci sia il consueto melohorrorshow.

  54. Ehi, ma nn ci siamo accorti che stanotte 1-Bynum ha segnato una bomba 2-l’iraniano di Memphis ha fatto i botti?

  55. Andrew Bynum si rompe sempre. Intanto quest’anno non ha saltato neanche una partita per infortunio. Che sia fragile non si discute, ma è sempre dipinto come Oden…

  56. Grazie per la precisazione: io intendevo a livello più ampio. Anche se subiscono gli stessi punti, Miami è seconda nelle rubate, i lakers ultimi; leggermente migliore Miami sulla difesa dei tiri da 3.. Soprattutto poi se prendiamo l’indicatore punti subiti ogni 100 possessi, Miami è 4º e i lakers 10º (rallentando il gioco è più facile subire meno punti perché si hanno meno possessi a disposizione ma questo non vuol dire essere meglio in difesa)
    Senza contare che ai playoff lebron e wade si trasformano in difesa, gasol diciamo un po’ meno

    È certo che mike brown ha migliorato e parecchio la difesa lakers… È uno specialista della difesa (si dice così nel suo caso più che altro perché in attacco è nullo e per giustificare il contratto ci si appella alla difesa ahaha)

    Cmq quando si parla di attacco pessimo dei lakers ricorderei sempre che l’allenatore dell’attacco è un certo Ettore Messina che forse non viene criticato in quanto italiano ma probabilmente le sue colpe le ha

  57. IHE
    Se si infortuna stanotte ce l’hai sulla coscienza eh..
    Beh storicamente salta 3 mesi all’anno e se non è esploso finora è colpa degli infortuni che bloccano il trend di miglioramento e impediscono alla squadra di abituarsi al suo gioco (anche per questo spesso riceve/va pochi palloni)

    • in effetti ho tirato una bella gufata, speriamo bene!
      però “sempre rotto” è Oden, Bynum non lo metto sullo stesso livello del povero Greg!
      sono d’accordo con te, comunque.

  58. IYW mi hai tolto le parole di bocca..

    messina a LA conta come il 2 di picche purtroppo, basta vedere come giocavano le SUE squadre in attacco. poi ok in europa, ma i lakers sembra facciano un altro sport (in negativo) rispetto a queste

    Shaq
    anche giocare con KB non aiuta. in effetti non aiuta proprio nessun giocatore ad avere stima di se stesso, figuriamoci uno con tante aspettative sulle spalle

  59. Qualcuno mi sa dire se con l’NBA League Pass e l’Apple Tv si riescono a vedere le partite direttamente sulla TV?? Thanks!!

  60. Scusate signori ma che volete cambiare un kobe bryant a 33 anni o quanti ne ha?? Purtroppo il soggetto e’ cronico, prendere o lasciare.. Ma siccome ha vinto 5 titoli NBA, shaq o non shaq fortune sortilegi o altro io direi che l’unica cosa da fare e’ provare a gestirlo come sta tentando di fare mie brown, per la verità, per ora, con poco successo perché altrimenti sarebbe molto deleterio.. Certamente stanotte tenerlo gli ultimi 5 min. in panca ha voluto dire perdere sicuramente la gara. Magari quando inizia a giocare lui vs il mondo dopo 3 azioni consecutive toglilo e fagli capire che la sta pestando, ma fare muro vs muro non mi sembra molto azzeccato.

    • Mike Brown ha fatto la scelta giusta nel momento sbagliato. Nel senso che l’esclusione di ieri non era corretta considerato il modo in cui stava giocando il 24, mentre l’avrebbe dovuto pensare/fare alcune gare fa.

      A me sembra che lui sia in difficoltà nel gestire un uomo difficile da tenere entro certi binari. Da lui vorrebbe leadership e saggezza, che non riceve, dovendo al contempo dimostrare al resto del gruppo chi ha il timone.

      Per cui ha preso la decisione forte non sapendo a cosa porterà, se ad una guerra aperta tra lui e il 24 o ad una serie di operazioni ricongiungimento che vedono alcuni giocatori,vice e teste pensanti ricondurre tutto verso la normalità.

      Chiudo sottolinenando un fatto: passi le percentuali dal campo, passi le forzature esccessive, passi il salvare la patria, ma se a questo includiamo una difesa da telepass allora non ci siamo. Brown noto coach difensivo proprio non lo digerisce. Come dargli torto.

  61. Ma perchè Lebron dovrebbe dare di più ai PO rispetto a Durant in un eventuale finale? Perchè Lebron vuole vincere più di KD? Ma che cazzata è? XD

  62. Westbrook

    Ieri Mike Breen durante la gara chiede a Jeff Van Gundy un’opinione su Westbrook. Il coach dice chiaramente che il ragazzo è la migliore pg della lega. Breen rimane stupito e gli chiede se Russel è migliore di Rose e lui dice di si.

    JVG ha la sua opinione, non la condivido, ma non si può non notare come il buon Russel abbia cambiato modo di giocare. Meno personalismi, si prende i suoi tiri, passa di più la palla, pur rimanendo una guardia in un corpo da play e fisicamente è una bestia. Con Rose fanno a gara a chi è più esplosivo.

    I Thunder sono i numero 1 all’ovest, salvo non avere un frountcourt di primissimo livello. Lakers, Grizzlies,Mavs, Spurs gli sono davanti salvo che per contro si ritrovano il trio Harden-Westbrook-Durant che fa spavento, per atleticità, per il modo di cercarsi, per l’alchimia che hanno raggiunto. I po sono un altro sport e certe differenze le paghi. Gli Spurs sono vecchi ma lunghissimi, e se non implodono al primo turno diventano pericolosi, perchè volente o nolente a ritmi bassi Parker-Ginobili-Jackson-Diaw-Duncan sono un bel quintetto contro cui fare i conti. Ovvio che se la mettono sulla corsa pagano dazio. I Grizzlies non li vorrà affrontare nessuno perchè animali da po con l’aggiunta di Gay. Nei finali avere difensori come Mayo e Allen, i punti di Zibo e Gay faranno comodo senza dimenticare Gasol (quello buono) e Conley che è bravo. Per i Thunder queste tipi di squadre sono pericolose perchè per motivi differenti possono mettere a nudo i loro limiti, ovvero il frount court, non talentuoso al punto da giocare in post basso e produrre punti nel pitturato che non siano put back e alleyoop.

  63. Come tipologia di giocatori non mi piacciono ne Rose ne Westbrook; per quanto vogliano fare i play, mi sembrano sempre ancorati al ruolo di guardia-nana.
    Ovviamente sono entrambi molto più altruisti di un Iverson, ma non mi sembra al contempo si possano qualificare play puri.

    E per Rose c’è anche la “riprova Boozer”, che gioca molto meglio quando non c’è Derrick a dirigere la squadra ( e non parlo solo del numero dei punti, quello sarebbe quasi scontato). E Boozer, ricordiamolo, è uno che di un valido e puro play, Williams, se ne è giovato e non poco.

    Per Westbrook non c’è riprova pratica, ma son sicuro personalmente che, con un Paul al suo posto, Okc sarebbe molto più pericolosa.
    Con questo non dico che Russell sia scarso, è sotto gli occhi di tutti il suo valore, dico soltanto che, da playmaker, non credo valorizzi così tanto il prossimo.

    • Sono guardie in un corpo assurdo da play. Anch’io preferisco Paul/Deron/Rajon/Nash/Kidd/Rubio che hanno, pur con caratteristiche diverse, playmaking. Nei Thunder il vero play (seppur tirato per i capelli) è Harden, senza dimenticare Maynor ma ahimè non è della partita.

      Sui Bulls, Boozer, Rose concordo salvo che senza il numero 1 non andrebbero da nessuna parte.

      Sottolineo che Rose ha cervello. Se capisce che deve migliorare dal lato playmaking lo fa, salvo poi raggiungere livelli sopraffini in quel particolare aspetto del gioco. Ad onor del vero i miglioramenti ci sono stati. Vedremo fino a dove.

      • beh Westbrook è un animale,forza fisica spaventosa,schiacciate con la violenza che solo un Michael Finley,un VC o uno Sprewell,devo dire che quest anno ha alzato l asticella a un livello ancora più alto,24 punti o quello che è con KD in squadra è una cifra monstre,poi non sono un fan delle mini guardie,e preferisco Rose perchè mi sembra che abbia ancora un gioco più completo e più leader in spogliatoio,però rispetto a quando è entrato in NBA ha fatto passi da gigante,è tra i primi 5 del ruolo ora come ora e io non avrei mai pensato potesse arrivare così in alto..

  64. Stasera Bucks-Knicks. Vale i po. I Rockets devono maneggiare con cura i Kings, mentre ad indianapolis vedo gli Heat favoriti.

    Partitona a Toronto….ehehehheehh

  65. Durant MVP della stagione…molto più decisivo e costante quando serve che il 6 di miami, stanotte soprattutto nel secondo tempo è stato disastroso, ciò nonostante continuava ad gestire tutti i palloni!
    Inspiegabile come nel 4 periodo non abbiano più fatto uno schema offessivo su Wade, l’unico con % sul 50 al tiro!
    Speriamo bene per i PO…iniziasse a far riposare quel finto play visto ch’è già da un pò che è calato fisicamente come le sue percentuali a canestro!

  66. La differenza tra Westbrook e le altre PG, la grossa differenza, è che questo difende con un’intensità che gli altri manco si sognano, e ha il fisico per reggere tranquillamente anche le guardie avversarie, vedi wade che ha provato a portarselo in qualche occasione in post, con scarso risultato…che poi abbia dei limiti pesanti in chiave di lettura è altrettanto un dato di fatto…come è pur vero che rispetto a quando è entrato nella lega ha fatto un miglioramento straordinario nel tiro dalla media e nel tiro da3, che da rookie erano inesistenti, e oggi hanno percentuali ottime considerato che comunque le difese non gli lasciano certo metri…

  67. @ abitato :
    secondo me stai sopravvalutando le capacità mentali di quelli che vengono da una delusione. Nel senso che ci sono due modi per reagire a una scoppola come quella dell’anno scorso, e ancora non sono convinto che a Miami abbiano capito quale sia quello giusto..

    @ shaq4ever :
    non mi puoi chiedere di scegliere tra LBJ e uno di quei due lunghi.. dipende da chi sono gli altri 4 che mi mette in squadra l nostro fantomatico GM..
    Sulla difesa non sono così sicuro di prendere per oro le stats. MI spiego : giocando in una conference “amatoriale” in cui fai 20 partite all’anno contro Wiz, Raps, i ragazzi di MJ ecc mi sembra molto probabile che le tue statistiche difensive siano migliori di quelle che avresti se quelle 20 gare fossero contro, che so.. PHX, Minnie e Warriors.

    • a me sembra palese ma se proprio vuoi facciamo un giochino così:
      ipotizza un draft in cui devi rifare da capo tutta la squadra e dimmi se scegli alla 1 lebron o gasol.. ok? ovvio che non si può ridurre tutto a una banalità così, ma visto i problemi di chimica in attacco per tutte le due squadre, io considero più forti i 3 di miami.. soprattutto considerando gli scorsi playoff dove i lakers sono stati maltrattati, miami al primo anno insieme sono andati in finale.. per questo gli heat sono unanimamente considerati una contender e i lakers invece sono un gradino più basso

      ok che l’est è meno competitivo nel suo complesso ma mi vai a fare un confronto tra le 3 peggiori ad est e 3 mediobasse a ovest.. se già ci metto dentro new orleans e sacramento invece di phoenix e minnesota (che sono in lotta per i PO) le cose si riequilibrano
      che la difesa heat sia più forte di quella lakers al di là di statistica e avversari mi sembra sia palese

  68. Quaqquo

    è vero quel che dici, ma in realtà sto vedendo la cosa come ipotesi di partenza: vista la caratura dei giocatori di cui parliamo non posso pensare che facciano dei PO anonimi. Se dovesse capitare credo che nessuno più oserebbe paragonare il Re ai migliori di sempre per un po’, almeno fino a prova contraria diciamo

    Westbrook
    se trova il controllo che ha Rose (del corpo, delle scelte, della squadra ecc), questo è più forte ancora

  69. Quindi a vostro parere invertendo Rose con Westbrook, avremmo una Chicago più competitiva di ora? ho moltissimi dubbi in merito.
    I Thunders sarebbero uscirebbero danneggiati da questo scambio? Ho seri dubbi anche su questo.

    Di certo è innegabile che Westbrook stia migliorando costantemente.

  70. @ shaq4ever :

    certo che se me la metti così è ovvio che non prendo Gasol, ma se avessi la prima scelta al draft con tutti disponibili NON prenderei MAI LBJ come primo assoluto. Saranno opinioni personali, ma non credo di essere il solo. Poi sarò antiquato io, ma al di là della difesa a me sembra che i Lakers siano più squadra da PO di quello che si possa pensare:
    1- giocano a ritmo controllato per abitudine, costrizione o quello che vogliamo, ma nei PO si gioca così.
    2- Difendono il pitturato meglio di quello che dicano le stats e in generale meglio di quello che sembri.
    3- siamo tutti d’accordo nel dire che nei PO si gioca sostanzialmente un altro sport, e io credo ancora che Metta in gara singola possa limitare qualsiasi SF in giro per il mondo.
    4 – motivazioni : tutti a dire che Miami ha da farsi perdonare l’anno scorso, giocheranno alla morte ecc ecc… ma anche a LA hanno qualcosa da farsi perdonare (essere sweeppati non piace a nessuno)
    5 – sia Mia che LA hanno in panca personaggi che non fanno della loro sapienza tattica o delle loro letture a gara in corso un vanto. Molte situazioni, anche a livello decisionale, saranno in mano alle stelle. E, per quanto possa essere “regredito” a livello di efficienza in questi 2 anni, io mi fido più del cervello cestistico di un Kobe in debito d’ossigeno che della somma dei cervelli di LBJ e D-Wade.

    @ abitato :
    ovviamente e realisticamente anche io mi aspetto che partano a mille (gli heat) della serie “noi contro il mondo-the revenge”. Quello che non mi convince di Miami è che sembra sempre che troppi astri si debbano allineare contemporaneamente per farli girare con costanza al meglio.

    PS. Westbrook è uguale a Tony del telefilm “my wife and kids” ahahaha

    • io sceglierei lbj senza pensarci troppo soprattutto per come migliora tutta la squadra al di là dei punti che segni e delle sue percentuali, ma sono opinioni

      siamo d’accordo sul fatto che i lakers siano cmq un osso duro (ho detto che sono nella top5 dei candidati al titolo. quello che pesa molto è il ricordo dell’anno scorso.. tanti danno come favoriti (o almeno come seri contenders) gli heat perchè l’anno scorso nonostante una stagione con qualche incognita (si scioglievano nei finali, avevano momenti di blackout e contro le forti non ne avevano vinta una) hanno battuto con autorità sia boston che chicago

      mi trovi d’accordo anche sulla questione motivazioni: tutte le squadre sono motivate e il fatto di aver perso in finale non significa che il prossimo tiro ti entrerà (anzi magari nei finali di partita lebron&wade saranno più condizionati); gli altri non è che mollano per il semplice fatto che l’anno scorso non sono andati in finale

      metta potrà anche difendere su tutti in gara singola ma i playoff non sono una partita secca, per arrivare in finale ne devi giocare 15-20.. e l’artest di quest’anno ha fatto due partite buone, sta tirando da schifo e bloccando la palla..

      chissà battier e la sua intelligenza cestistica (giustamente uno dei pochi in squadra) se possano aiutare in qualche modo miami o se invece continuerà a sbagliare triple con metri di spazio come adesso

      • Alla fine mi sa che, a parte qualche sfumatura o gusti personali, la pensiamo più o meno allo stesso modo. A parte su Metta , io continuo ostinatamente a pensare che (ri)trovi miracolosamente la grinta e la continuità per dare almeno 20/25 minuti di vecchio Artest durante tutti i PO (o almeno finchè non vengono eliminati) ma ammetto che è soltato un sogno da tifoso.

        Comunque secondo me alla fine la finale sarà Bulls-Spurs… e faranno 5 !

  71. Riprovo: Qualcuno mi sa dire se con l’NBA League Pass e l’Apple Tv si riescono a vedere le partite direttamente sulla TV?? Thanks!!

    • Ho provato a guardare su LP, ma non vedo nulla, in più sul sito apple dove si parla di Apple Tv parlano solo della MLB quindi temo che se uno volesse vedere i match NBA in TV con l’Apple Tv dovrebbe pagare qualcos’altro oltre all’abbonamento LP…

  72. DRose

    io usavo il cavo HDMi dal pc e si vedevano da dio, non so se ti possa esser d’aiuto

  73. Sciopero????

    Gara spettacolare a Toronto tra due squadre hot!!!!! Gara iniziata e finita in un quarto. Pioggia di triple cadute sulla testa dei Raptors che sono rimasti a guardare l’esecuzione balistica dei vari Anderson, Nelson e Howard. Non so perchè abbiano voluto raddoppiare il centro esponendosi alla saga da tre. Bargnani schifoso, senza energia. Sembra il fratello scemo di quello pre secondo infortunio. Non so cosa abbia ma è lento, poco aggressivo, tira in modo poco fluido. Sembra bloccato. Ovviamente dal punto di vista della franchigia non cambia nulla.

    NY vince una gara importante che sigilla i po. I Bucks dovevano vincere, impediti di fatto da un’esecuzione balistica pessima. Purtroppo uno dei peggiori è stato il nuovo arrivato Ellis. Peccato perchè questi hanno veramente un buon roster anche se per un motivo o per un altro (infortuni) non quagliano.

    I miei Kings, come sospettavo, hanno giocato seriamente uscendo purtroppo sconfitti. Sempre più convinto che queste gare perse oggi saranno W l’anno prossimo. DMC incassa un’altra prestazione da futuro All Star. Non temo smentite.

  74. Ma i Raptors (tra)vestiti da G.I.Joe prima serie hanno mai vinto ?

    Earl Boykins dovrebbe aver firmato un decadale a Houston.. vi risulta ?

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.