Road to New Orleans (November Edition) – NFC

Ed eccoci di nuovo qui, pronti ad analizzare le classifiche e i risultati di un altro mese di regular season andato ormai in archivio.

Il mese di Novembre nel football, si sa, è spesso decisivo. Si vedono squadre imbattibili perdere lentamente colpi, squadre finora deludenti che risalgono la china, team partiti senza nessuna ambizione che zitti zitti quatti quatti continuano a sorprendere, gli infortuni si accumulano e si fanno sentire. Per alcuni la via che conduce alla postseason è spalancata, per altri stretta e impervia, per altri è già ora di pensare al Draft e alla free agency. Questo Novembre 2012 non ha fatto eccezione, quindi tuffiamoci dentro ciò che è avvenuto in un mese di football, partendo dalla NFC.

NATIONAL FOOTBALL CONFERENCE

Una Division già assegnata, due quasi, una che probabilmente resterà in bilico fino all’ultimo, una corsa alle Wild Card che coinvolge ancora 7 squadre. Sarà un Dicembre ad alta tensione nella NFC. Ma scendiamo nel dettaglio.

 

NFC NORTH

1. Chicago Bears             8-3   .727

2. Green Bay Packers     7-4   .636

3. Minnesota Vikings      6-5    .545

4. Detroit Lions               4-7    .364

Sarà testa a testa Chicago-Green Bay in questa Division, con lo scontro diretto nella Windy City del 16 Dicembre che probabilmente sarà decisivo. I Bears erano stati raggiunti in vetta dai gialloverdi dopo la doppia sconfitta contro Houston e San Francisco, ma hanno approfittato del passo falso di Rodgers e compagni sul campo dei Giants. La schedule di Dicembre prevede i classici scontri divisionali, ma per i Bears ci sarà già domenica una durissima trasferta a Seattle che potrebbe favorire Green Bay. Il pronostico pende quindi leggermente verso i ragazzi di Mike McCarthy, anche in virtù della netta affermazione nello scontro diretto di inizio stagione e i limiti mostrati finora da Chicago nei match con squadre di vertice. I Playoff non dovrebbero essere comunque in discussione per entrambe. Chi invece, a sorpresa, può provare a rincorrerli sono i Vikings di uno straripante Adrian Peterson. Sembrano in fase calante (a Novembre 1 vinta e 2 perse) e soprattutto il gioco aereo guidato da Ponder non è certo efficace come il running game. In più, hanno perso a inizio mese lo scontro diretto con Seattle e la schedule a Dicembre gli metterà di fronte i Packers 2 volte, poi Chicago e Houston. Dovrebbero fare un miracolo. Stagione finita con largo anticipo rispetto alle previsioni per i Lions. Le ultime 3 sconfitte consecutive, pur arrivate dopo buone prestazioni, hanno posto fine ad ogni residua speranza di tornare ai Playoff. Sembrano comunque in crescita, seppur ormai tardiva, e potrebbero essere scomodi arbitri dei destini altrui.

 

NFC East

1. New York Giants            7-4   .636

2. Washington Redskins    5-6   .455

3. Dallas Cowboys             5-6   .445

4. Philadelphia Eagles       3-8   .273  

Alzi la mano chi ci capisce qualcosa coi Giants. Ad Ottobre sembravano inarrestabili, con una difesa che recuperava palloni ed un Eli Manning che guidava il prolifico attacco con autorità. Poi….black out! Sconfitti a domicilio da Pittsburgh, travolti a Cincinnati, attacco spento, Manning irriconoscibile. Ma evidentemente il bye week è stato opportuno, visto come hanno asfaltato i lanciatissimi Packers nell’ultimo Sunday Night. Indecifrabili, ma con 2 partite di vantaggio sui diretti inseguitori: Redskins e Cowboys. Nella Capitale ci si gode il RGIII Show. Il rookie da Baylor sta strabiliando e il resto del team lo asseconda. Per loro si deciderà tutto probabilmente lunedì sera, nel Monday Night contro i Giants che potrebbe riaprire, o chiudere definitivamente, i giochi. Sono in forma, sottovalutarli in chiave corsa ai playoff potrebbe essere pericoloso. I Cowboys sono lì appaiati, ma al momento fanno meno paura. Sono stati sconfitti dai Redskins nel Thanksgiving Day, continuano ad essere incostanti e a sembrare sempre ad un passo da quel maledetto salto di qualità eternamente rinviato. Servirebbe un Dicembre immacolato, ma contro Steelers, Bengals, Saints e Redskins (oltre agli Eagles) sarà difficile. E’ invece crisi totale a Philadelphia. A Novembre altre 4 sconfitte, Vick infortunato, il rookie Foles non ha convinto, la fine del ciclo di Andy Reid è ormai una certezza. Nella città dell’amore fraterno è già tempo di pianificare il Draft.

 

NFC South

1. Atlanta Falcons                  10-1   .909

2. Tampa Bay Buccaneeers   6-5     .545

3. New Orleans Saints            5-6    .455

4. Carolina Panthers               3-8    .273

E alla fine inciamparono pure i Falcons, in quel di New Orleans, per 31-27. Poco male. Ryan e compagni restano solitari in vetta alla Division, per il titolo si aspetta solo la matematica e il seed n°1 per i playoff è a portata di mano. A preoccupare è la qualità del gioco: tante vittorie sofferte contro squadre sulla carta inferiori, Ryan sforna intercetti con troppa disinvoltura, però alla fine la spuntano (quasi) sempre loro. Alle loro spalle, i Buccaneers di coach Schiano e Doug Martin. Nell’edizione di Ottobre avevo scritto che potevano arrivare a Dicembre col record in positivo, e così è stato. 3 vinte e una persa, di un punto, contro Atlanta. A Dicembre per loro Denver e i Saints, le abbordabili Phila e Saint Louis e il rematch, in trasferta, contro i Falcons all’ultima giornata. Saranno decisivi i due scontri divisionali, e non potranno fallire contro Eagles e Rams. E’ difficile, ma chissà…Alla ricerca di un miracolo invece sono chiamati i Saints. Dopo lo 0-4 iniziale Brees e compagni si sono risollevati. Peccato che a fine Novembre sia arrivata la sconfitta coi Niners a rovinare un mese perfetto, e a complicare le cose ancora di più. Servono 5 vittorie su 5 per andare ai Playoff, non sono ammessi errori. E in questo Thursday Night vanno ad Atlanta. Poi Giants, Bucs e Cowboys. Con l’obbligo di vincere. Il talento c’è, gli Dei del football saranno con loro? Poco da dire invece sui Panthers, ormai una delle delusioni ufficiali della stagione. A Novembre 2 vinte e 2 perse, devono solo pensare a chiudere dignitosamente e a programmare il 2013.

 

NFC West

1. San Francisco 49ers   8-2-1   .773

2. Seattle Seahawks       6-5      .545

3. Saint Louis Rams       4-6-1   .409

4. Arizona Cardinals       4-7      .364

Alex Smith o Colin Kaepernick? E’ su questo che si dibatte nella Baia. L’attuale Qb controversy rischia di essere l’unico ostacolo serio per i Niners sulla rotta verso la postseason. A Novembre 2 vittorie pesanti (Bears e Saints) e l’inatteso “pareggio” coi Rams. La squadra gira bene, la difesa è sempre super e i primi inseguitori in Division sono a 2 partite e mezzo di distanza. A Novembre la schedule prevede 2 sfide clou: le trasferte a Seattle e a Foxboro coi Patriots (Super Bowl anticipato?). Ma c’è lo spazio per mantenere almeno il seed n°2 e il turno di bye. E se i Falcons rallentassero…Seattle è finora imbattuta in casa, ma in trasferta ne ha vinta solo una. La sconfitta di Miami ha fatto parecchio male. E ancora più male potrebbe fare la sospensione per 4 partite che la Lega intenderebbe infliggere ai CB Sherman e Browner. Ma al momento sono in pole per la seconda Wild Card, quindi padroni del loro destino. A Dicembre due sfide durissime: a Chicago e contro i Niners. Il resto è alla portata. Playoff invece ormai irraggiungibili per i Rams, che comunque lottano sempre e mostrano progressi sotto la guida di coach Fischer, e i Cardinals, che continuano il loro filotto di sconfitte (ben 7, non ne vincono una da Settembre, quando erano 4-0). Ora chiudere dignitosamente, poi programmare (Rams) e rifondare (Cardinals).

Situazione Playoff

Se iniziassero oggi, il tabellone della NFC sarebbe il seguente: Falcons (1) e 49ers (2) accederebbero direttamente ai Divisional, in attesa delle vincenti delle Wild Card Chicago (3)- Seattle (6) e N.Y. Giants (4)- Green Bay (5).

I Packers però potrebbero soffiare il titolo divisionale ai Bears.

Seattle è però a pari merito con Minnesota (decide lo scontro diretto) e Tampa Bay (decide il miglior record nelle sfide intraconference). Tra queste 3, tutto può succedere. I Buccaneers sembrano i più in forma, ma hanno il calendario sulla carta più difficile, i Vikings sembrano in calo e hanno una schedule difficile. Seattle ha 3 sfide in casa, se riuscissero a vincere almeno una delle 2 in trasferta sarebbe Wild Card quasi in tasca.

Alle loro spalle però, ad una sola partita di distanza, ci sono tre squadre: Washington, Dallas e New Orleans. Se una di queste squadre tirasse fuori dal cilindro un Dicembre perfetto o quasi, beh, la seconda Wild Card diventerebbe realtà. In fondo Dallas ha un collettivo solido, i Saints hanno Brees e Graham, i Redskins hanno RGIII. Chissà che non basti.

Eh, sì, sarà un Dicembre caldo, molto caldo, nella NFC.

 

 

 

 

 

Post By Gerrki (65 Posts)

Folgorato dal football Usa all’età di 11 anni (era il lontano 1992), tifoso di 2 diversi tipi di Dolphins (quelli di Miami e quelli di Ancona), ha iniziato a scrivere su Play.it nel 2012. Appassionato di sport a 360°, di quelli che durante le Olimpiadi trasferiscono la propria residenza davanti alla Tv, considera il football lo sport di squadra per eccellenza, e una straordinaria fucina di storie di eroi ed antieroi. Che ogni tanto prova a raccontare!

Connect

One thought on “Road to New Orleans (November Edition) – NFC

  1. Come ogni anno la corsa alle wild card appassiona sempre, come giustamente detto nell’articolo: Green Bay e Chicago si giocano la prima mentre per la seconda penso Seattle, Saints, Vikings, Tampa.

Commenta