1) Seattle Seahawks (=): giocano bene, ma vengono sconfitti a 30 secondi dalla fine con un field goal dagli ottimi 49ers. Niente da rimproverare a Seattle che si tiene comunque il suo meritato primato di classifica, sicuro di avere un posto per i playoffs.

2) Denver Broncos (=)Nel primo tempo hanno dovuto faticare molto più del dovuto contro Tennessee, trovandosi anche in svantaggio. Nel secondo tempo il discorso è stato un altro, grazie soprattutto a Peyton Manning che, benchè ultimamente sia di moda criticarlo, realizza 397 Yds e 4 TDs, consegnando la vittoria alla squadra. Ottimo, comunque, tutto il reparto offensivo e, da sottolineare, la prestazione di Eric Decker 8 Rec., 117 Yds, 1 TD. La difesa, invece, dovrebbe essere più concentrata per tutta la partita.

3) New England Patriots (=): in un clima polare, i Patriots sono stati messi sotto dai Browns per quasi tutta la partita. Nel finale, però,  l’orgoglio e tutta la fisicità di New England è venuta fuori e, grazie ad un ottimo attacco guidato dal grande Tom Brady (418 Yds, 2 TDs), sono riusciti nella rimonta che li ha portati a vincere di un solo punto. Vittoria tanto sofferta quanto importante che risulta essere anche un campanello d’allarme per questa squadra, poichè deve risolvere alcuni grattacapi soprattutto in difesa, mentre in attacco un altro grave infortunio di Rob Gronkowski è una bruttissima tegola.

4) New Orleans Saints (+1): ottima prestazione per i Saints che riescono nel difficile compito di battere i lanciatissimi Panthers. Ottima difesa che non concede niente (o quasi) agli avversari, ed attacco di grande qualità e solidità. Come sempre, bella prestazione di Drew Brees (313 Yds, 4 TDs). Da sottolineare il rendimento dell’esperto Marques Colston (9 Rec., 125 Yds, 2 TDs).

5) San Francisco 49ers (+1): mentre in attacco possono e devono fare di più, la difesa è davvero forte e garantisce a San Francisco l’importante vittoria contro Seattle a 30 secondi dalla fine con un field goal. Appaiono ancora un po’ appannati fisicamente e dovranno migliorare se vogliono aspirare alla vittoria del titolo.

6) Carolina Panthers (-2): dopo una lunga striscia di vittorie, i Panthers vengono femati dagli ottimi Saints. Carolina è inefficace in attacco, la difesa non è forte e incisiva come sempre, e concede davvero troppo agli avvversari che giocano meglio. La sconfitta è quindi meritata, ed inoltre, si complicano le cose (se pur lievemente) per la corsa alla wild card di accesso ai playoffs.

7) Kansas City Chiefs (=): vittoria netta quanto importante e meritata contro i Redskins. Gara già chiusa nel primo tempo grazie all’indomabile attacco e ad una difesa impenetrabile. Gli avversari non sono mai stati pericolosi rendendo la vita facilissima agli Chiefs. Migliore in campo Jamaal Charles (19 Car., 151 Yds, 1 TD).

8) Cincinnati Bengals (=): restano una delle migliori squadre di quest’anno, soprattutto per continuità. Buon attacco e buona difesa, hanno sempre saputo restare concentrati e determinati. Vittoria importante e meritata contro Indianapolis. Bene Andy Dalton (275 Yds e 3 TDs).

9) Philadelphia Eagles (+2): Sotto la bufera di neve iniziano davvero male ma, nell’ultimo quarto, segnano quei 28 punti che consegnano loro l’importante e meritata vittoria. La difesa appare ancora troppo instabile, invece l’attacco è davvero di ottimo livello. Momento magico per gli Eagles che sembrano non fermarsi più grazie ad un brillante stato di forma. Grandissima prestazione di LeSean McCoy (29 Car., 217 Yds, 2 TDs).

10) Arizona Cardinals (=): continua la sorprendente stagione dei Cardinals, che vincono nettamente contro St.Louis grazie ad una partita giocata molto bene sia in attacco, sia in difesa. La strada (difficile) per ottenere una wild card è quella giusta, più di così adesso non possono fare. Ottimo Carson Palmer (269 Yds ed 1 TD).

11) Indianapolis Colts (-2): i Colts impattano nei forti Bengals e vengono sconfitti. Indianapolis attraversa una fase di regressione e difficoltà in tutti i ruoli; la strada che li vedeva possibile sorpresa per la vittoria finale è diventata piena di ostacoli, vedremo come reagiranno. Meglio rispetto alla ultime prestazioni Andrew Luck (326 Yds e 4 TDs), da sottolineare la prestazione del rookie Da’Rick Rogers (6 Rec., 106 Yds, 2 TDs).

12) Detroit Lions (+1): sotto la tormenta di neve partono bene e sembrano poter mantenere il vantaggio fino in fondo ma, nell’ultimo quarto, subiscono la bellezza di 28 punti che li condannano ad una sconfitta meritata. Certi cali di concentrazione si pagano carissimo e, se si vuol essere competitivi al massimo, non dovrebbero neppure accadere, ma Detroit ci ha abituati a questi alti e bassi per tutta la stagione.

13) Baltimore Ravens (+1): i Ravens vincono ancora confermandosi squadra in grande spolvero ed in rimonta. Rimonta verso i playoffs che molto probabilmente è tardiva, ma non è ancora detta l’ultima parola. Vincono nel finale (sotto una bufera di neve) una partita giocata alla pari degli avversari dove la loro costante e maggiore concetrazione, alla fine, ha pagato. Ottimo Joe Flacco (245 Yds, 3 TDs).

14) Chicago Bears (+1): torna un grande attacco e torna la vittoria a Chicago. Il freddo esalta i Bears che strappano una bella vittoria ai Cowboys. Come già detto, l’attacco è stato ed è il punto forte di questa squadra, grazie ad un ottimo Josh McCown (348 Yds, 4 TDs). Bene anche la difesa.

15) Dallas Cowboys (-3): Dallas perde contro Chicago in una partita dove l’attacco è stato inconcludente e la difesa piena di problemi. La stagione dei Cowboys ed il rendimento della squadra è davvero altalenante. Poco incisivi in ogni ruolo, a questa squadra troppo spesso è mancata la giusta determinazione.

16) San Diego Chargers (=): sebbene sia difficile, per i Chargers la strada per la postseason è ancora aperta grazie alla bella ed importante vittoria contro i Giants di New York. Grande prestazione dell’attacco guidato da Philip Rivers (249 Yds e 3 TDs) e ottima difesa. La vittoria è meritata, e le speranze per San Diego in chiave playoffs continuano.

17) Miami Dolphins (+1): Miami trova una bella vittoria sotto la neve con una rimonta ben orchestrata nel terzo, ma soprattutto ultimo quarto di gioco. Vittoria arrivata grazie ad un attacco molto solido (la difesa non ha brillato) guidato da Ryan Tannehill (200 Yds., 3 TD). Molto bene anche Daniel Thomas (16 Car., 105 Yds, 1 TD) e Charles Clay (7 Rec., 97 Yds, 2 TDs). Vittoria che ci voleva per Miami, sempre in cerca di conferme.

18) Pittsburgh Steelers (-1): nel loro stadio innevato cominciano bene la partita, ma non tengono la concetrazione fino alla fine. Infatti, vengono rimontati nel momento cruciale della gara e quindi sconfitti. La loro prestazione è stata discreta, ma soprattutto la difesa non è stata all’altezza. Meglio l’attacco con il solito Ben Roethlisberger (349 Yds e 3 TD) che da solo, però, non basta.

19) Green Bay Packers (=): per non buttare al vento quanto costruito nella prima parte della stagione e dire addio a qualsiasi speranza di playoffs, i Packers dovevano vincere e così hanno fatto. Escono vincitori da una combattutissima gara con Atlanta grazie ad una difesa di discreto livello che, dopo il vantaggio, riesce a mentenere il risultato dalla loro parte fino alla fine. Bene Matt Flyn che totalizza 258 Yds ed 1 TD.

20) New York Jets (+3): giocano una discreta partita e vincono contro i Raiders. Attacco ben organizzato ma difesa un pò troppo traballante. I Jets danno sempre l’idea di non giocare mai con tranquillità e sicurezza. La vittoria arriva comunque, ma la discontinuità è il loro difetto più grande.

21) New York Giants (-1): brutta sconfitta che non ci voleva proprio per i Giants poichè la corsa per i playoffs era già abbastanza compromessa. Improbabile quindi che riescano ad accedere alla postseason a causa, oltre che di questa mancata vittoria, anche del gioco mediamente dimostrato: lento ed incerto in attacco, quasi sempre deficitario in difesa. Ancora non è detta l’ultima parola per i NYG, vedremo…

22) St.Louis Rams (-1): i Rams giocano una brutta gara ed escono giustamente sconfitti da Arizona. Male in ogni settore, dimostando di essere squadra non competitiva, salvo rare occasioni.

23) Tennessee Titans (-1): partono bene mettendo in difficoltà niente meno che i Broncos ma, nel secondo tempo, la differenza è troppa e la superiorità di Denver, schiaccia i Titans che niente possono contro degli avversari così in forti. La sconfitta era inevitabile e non potevano fare molto meglio di così. Degno di nota il giovane Justin Hunter (4 Rec., 114 Yds, 1 TD).

24) Tampa Bay Buccaneers (+2): i Buccaneers non si fermano più e inanellano un’altra meritata vittoria. Molto bene in difesa ed attacco sufficiente, Tampa Bay si aggiudica giustamente questo bel successo. Da sottolineare la prestazione di Bobby Rainey (22 Car., 127 Yds, 1 TD).

25) Buffalo Bills (-1): crisi nera per i Bills che ancora una volta vengono sconfitti nettamente. Poco c’è ormai da migliorare riguardo ai gravi problemi della difesa e soprattutto dell’attacco guidato dal giovane E.J. Manuel che ha totalizzato 184 Yds, 0 TD, ben 4 Int. e (non solo per sua colpa) 7 Sack. Va davvero male a Buffalo quest’anno.

26) Oakland Raiders (-1): ancora una volta giocano come si deve solo per metà partita. Solitamente era il primo tempo, questa volta è stato il secondo. I Raiders sono poco competitivi ed i difetti di forma e concentrazione sono tanti. Meglio l’attacco della difesa con Matt McGloin (245 Yds, 2 TDs), Marcel Reece (19 Car., 123 Yds, 1 TD) e Rod Streater (7 Rec., 130 Yds., 1 TD) migliori in campo per Oakland.

27) Cleveland Browns (=): il freddo polare ghiaccia ai Browns ogni speranza di vittoria proprio nel finale. Perdono una gara che sembravano poter controllare fino alla fine ma, la netta differenza di livello tra loro e gli avversari ha prevalso, annullando tutto ciò che di buono avevano costruito dall’inizio della partita. I Patriots sono stati e sono superiori ai Browns, le grandi squadre si vedono nei momenti decisivi, ed infatti, la clamorosa vittoria è sfumata per Cleveland.

28) Minnesota Vikings (=): sotto la neve ed in un clima artico, i Vikings perdono una gara giocata al pari degli avversari confermando di essere (oltre di scarsa competitività) squadra sfortunata. Attraversano comunque un discreto periodo di forma ma contro certi avversari tenere duro fino alla fine non è facile. Degni di nota Matt Cassel (265 Yds e 2 TDs) ed il giovane WR Cordarrelle Patterson (5 Rec., 141 Yds, 1 TD).

29) Jacksonville Jaguars (+2): i Jaguars continuano a tenere alta la testa scansando, per ora, il bollino di “peggior squadra della stagione”. Vincono contro i Texans, ed ancora una volta, migliore in campo Maurice Jones-Drew con 14 Car. e 103 Yds. Sufficiente Chad Henne (117 Yds, 2 TDs).

30) Atlanta Falcons (-1): ennesima sconfitta per i Falcons che giocano una gara abbastanza tirata nel punteggio ma, come sempre, l’attacco funziona poco e la difesa non regge. Stagione che si conferma fallimentare ad Atlanta, tutta la squadra è in grave difficoltà orami da tanto, troppo tempo.

31) Washington Redskins (-1): difesa gravemente insufficiente ed attacco inconcludente, fanno dei Redskins una delle più grandi delusioni di questa stagione, candidandosi tra le peggiori squadre di questo campionato. Robert Griffin III (164 Yds, 1 TD) è totalmente fuori forma, non sa più che fare, ma la colpa non è ovviamente soltanto sua…

32) Houston Texans (=): stagione che si conferma disastrosa per Houston, nuovamente sconfitta contro Jacksonville. Crisi totale in tutti i settori; difesa inconsistente e attacco in grave difficoltà. Unico degno di nota è stato Andre Johnson con 13 Rec. e 154 Yds.

Post By McCarter (41 Posts)

Appassionato ed esperto di USA sotto ogni aspetto, seguo con passione NFL,MLB e NBA…tifoso sopratutto dei Carolina Panthers, Chicago Bulls e Los Angeles Dodgers, per me gli USA sono un chiodo fisso!

Connect

One thought on “NFL Power Ranking: Week 14

Commenta