I postumi della splendida superiorità sui cugini di Pittsburgh o l’euforia per aver espugnato il ghiaccio dei Panthers in gara 7?

Come previsto, Flyers e Devils stanno disputando una serie molto combattuta

Si sfidano due squadre della stessa division, Philadelphia ha chiuso la regular season al quinto posto con 103 punti, uno in più di New Jersey sesta classificata.

La sfida che negli anni passata ricordava lo scontro tra le leggende Eric Lindros e Scott Stevens ora vede da una parte Martin Brodeur, 24 shutout nelle gare di playoff (record assoluto), e Jaromir Jagr, 188 punti in 175 partite di postseason.

New Jersey @ Philadelphia Gara 1

Il Wells Fargo Center è un catino arancione che emana voglia di Stanley Cup. Come dubitarne, hanno appena spedito fuori il prescelto Crosby e il migliore della lega Malkin, annientati dal carattere di una squadra mai doma. Oggi però sul cammino verso il paradiso incontrano un altro animale da playoff, Martin Brodeur, il Signor Record!

I New Jersey Devils hanno ugualmente il morale alle stelle, Kovalchuk ha ripreso ad essere inarrestabile e il portierone vale mezza Stanley Cup e la serie appena vinta su Florida ha fatto capire che la classe è ancora intatta.

La resistenza dei Devils ha permesso d’imporsi nelle ultime 2 partite della serie con i Panthers ai playoff, sull’adrenalina di questo lungo sprint è la storia dei diavoli a recitare l’1 a 0, pressing di Elias che recupera il disco, alza lo sguardo e serve capitan Zach Parise, la rasoiata fulmina Bryzgalov e il messaggio è chiaro “dimenticatevi i ragazzini di Pittsburgh!”, 1 a 0.

I Flyers sembrano ancora imballati da i postumi della festa della serie precedente, nel primo periodo tirano solo 6 volte senza successo mentre New Jersey si lancia 15 volte contro l’estremo difensore di Philadelphia senza aumentare il vantaggio.

La grandezza di Brodeur spaventa, addirittura il primo tiro pericoloso gli viene scagliato dopo dieci minuti senza che RecordMan venga superato cosi la marcatura di Parise resiste per la prima frazione di gara. Il gioco di aumentare di colpo l’intensità i Flyers l’hanno già sperimentata con successo contro i Penguins, decidono cosi di mettere alla prova i Devils e lo fanno con esagerato successo.

Voracek recupera un tiro destinato alle farfalle da parte Devils, assist velocissimo che apre tutto il campo verso Briere, uno contro uno e gol del pareggio Flyers, finalmente bolgia!

Trenta secondi dopo è il bis di Philadelphia, Brodeur s’inceppa nel rilancio Gustafsson tira subito e prodezza del goalie ma sul rimbalzo di Van Riemsdyk non può nulla nonostante un disperato tentativo di parata con la gamba, è 2 a 1 e rimonta compiuta.

I Devils a differenza dei Penguins non resta a guardare i Flyers, Travis Zajac confeziona un gol in power play dopo pochi secondi di superiorità, Kovalchuk lancia per Parise e l’assist al centro non viene trattenuto da Bryzgalov col disco che lentamente entra in porta.

Sul 2 a 2 finisce la seconda frazione di gara cosi si aspetta l’ultima parte per qualche colpo di genio delle stelle sul ghiaccio, una su tutte per i Flyers è Claudietto Giroux, finalmente attende il suo amato power play e liberato al tiro da Timonen fa partire una bordata che neanche Brodeur può fermare, ancora avanti i Flyers, 3 a 2.

Chi pensa che ora Phila possa dilagare non ha fatto i conti con New Jersey, siamo al cospetto di due franchigie piene di esperienza, Petr Sykora risveglia i diavoli copiando il primo gol di Briere, puck recuperato da Clarkson che lancia l’attaccante dei Devils, tiro e gol del 3 a 3, con primo squillo della serie all’overtime.

Nei supplementari c’è la curiosità di vedere chi ha più carattere nei tempi dominati dalla morte istantanea, i Flyers hanno due sussulti, il primo dopo tre minuti porta la firma di Danny Briere, ed è già gol, assist perfetto e disco in rete, ma un momento, dal replay si nota che il puck viene mandato in gol con un perfetto piatto destro alla Messi col pattino, gli arbitri si consultano e al replay annullano la gioia Flyers.

Poco male per i protagonisti dell’azione, Brodeur blocca 2 volte gli attacchi Flyers ma l’azione prosegue e il disco arriva ancora e Danny la peste, il missile rabbioso che lancia contro l’icona dei Devils non lascia scampo, il boato è del 4 a 3 e non servono replay, anzi se ne fa uso solo per ammirare la perla offensiva di Briere con Van Riemsdyk a far da muro a Brodeur, i Flyers vincono gara 1 e Briere aggancia Jagr a quota 4 gare decise al supplementare con una prodezza personale.

New Jersey @ Philadelphia gara 2 (0 – 1)

Chi si aspetta l’ennesima battaglia con risultato in bilico sino all’ultimo resta sorpreso dallo scherzetto che i Devils rifilano ai Flyers, un sonoro 4 a 1 che rimette la serie in parità.

Eppure per i Devils tutto sembra andar al contrario, prima con l’assenza di Ilya Kovalchuk dalle linee offensive per infortunio poi per il vantaggio Flyers firmato Matt Read dopo un’azione dove Brodeur compie vari miracoli ma si arrende alla vena offensiva dei padroni di casa. Sarà solo un fuoco di paglia nel boato dell’arena locale.

Bryzgalov è protagonista di grandi salvataggi, la copertina non è sua solo perché il rivale di ruolo è storico e perché dopo miracoli si arrende ad un terzo periodo devastante per i Devils.

Prima, quattro contro quattro, subisce l’assist d’oro di Zubrus per Larsson, il tiro non dà scampo e la situazione è in parità, nel pasticcio difensivo che accade a 8 minuti dalla fine ne trae vantaggio Clarkson che segna su rimbalzo e si porta a spasso la porta, sfruttando al meglio il marasma che Zach Parise riesce a infierire in una serie di mischie che lasciano libero l’attacco dei Devils.

Incredibilmente per i Flyers è il colpo del ko, subiscono ancora la profondità degli attacchi di New Jersey come se fossero i Devils a dover rimontare, Gionta e Zubrus si scagliano contro Bryzgalov e ancora Travis Zajac mette la firma sulla gara nel 3 a 1.

In inferiorità numerica arriva anche la quarta marcatura firmata da Bryce Salvador mentre ormai le speranze della squadra locale erano ridotte al lumicino.

Il 4 a 1 finale complica la marcia dei sogni di Philadelphia ma messo in preventivo che il carattere dei playoff è un valore aggiunto, contro i New Jersey Devils non ci si aspettava una passeggiata di salute.

Brodeur chiude con 19 parate su 20 tiri, Bryzgalov fa meglio, para 31 conclusioni su 34 ma ne esce sconfitto.

Prossimi appuntamenti

Phildelphia @ New Jersey gara 3: 3 maggio

Philadelphia @ New Jersey gara 4: 6 maggio

New Jersey @ Philadelphia gara 5: 8 maggio

Post By Francesco Fiori (172 Posts)

Supereroe travestito di giorno da ragioniere e di notte da redattore, Francesco Fiori nasce il 30 maggio 1983 a Sassari e da subito capisce che lo sport è come una passione esagerata, allevato con pane e album Panini. Un sardo che ama il ghiaccio, impossibile, conosce la Nhl grazie ai compiti dell’ora di pranzo che rinvia a causa della dipendenza da TELEPIU2. E’ nel giugno 2008 che decide per curiosità di collaborare con Playitusa grazie ad un pezzo dedicato al grande eroe Mario Lemieux. Non solo Hockey tra le passioni di colui che è casinista, testardo e sognatore (più altri mille difetti), segnala l’amore per la bici (definita sua dolce metà) ma anche una dedizione totale a calcio (INTER), basket (DINAMO SASSARI) e qualsiasi cosa sia sotto la voce SPORT e non lo faccia dormire.
Se anche voi non dormite rintracciatemi alla mail francesco.fiori@playitusa.com giusto per 2 risate.

Connect

Commenta