RGvsPorTalvolta è difficile intuire dall’esterno se alcune giocate siano anomale per pianificazione o soltanto così male eseguite da risultare addirittura sperimentali.

Con 4.3 secondi al termine ed un deficit di due punti, i Raptors giocano la rimessa decisiva: per la tripla della vittoria, oppure per il pareggio, talvolta ritenuto favorevole in caso di partita in casa (anche se è probabilmente uno dei tanti falsi miti in Nba…).

Quello che va in scena è una sorta di “scissor action” allargata, in cui i giocatori si incrociano e si sfiorano in una languida assenza di veri blocchi: se si è trattato di “intorbidare le acque”, impegnando la difesa per concedere un propizio effetto sorpresa al semplice guizzo di Gay, Casey è stato arditamente geniale; se, invece, alcune di quelle traiettorie tangenti prevedevano almeno un tentato blocco, il povero Casey ha molto su cui lavorare…

Diamo un’occhiata:

La difesa di Batum è molto stretta, di quelle solitamente mirate ad impedire il tiro, ma in questo caso è più probabile che volesse tentare di “sporcare” la prevedibile partenza in palleggio di Gay, fidando nella copertura amica del pitturato.

Gay parte così a circa 10 metri dal canestro, quando Aldridge è quasi sulle tacche del post basso: dovrebbe solo scegliere il tempo giusto dell’intervento; invece, per badare ad un Johnson in avvicinamento, ma fuori dal campo (comunque reo di spingere Aldridge proprio verso la linea di penetrazione) o forse per non rischiare di finire su un poster, LaMarcus preferisce non ostacolare il lay up di Gay che vale i supplementari (da notare come il piccolo Lowry sia prontamente volato a rimbalzo offensivo per eventuali correzioni).

Post By Fraccu (121 Posts)

Connect

2 thoughts on “Il tiro di Gay contro i Blazers

  1. Johnson tagliando a canestro durante la penetrazione di Gay ha sbagliato , ha portato eventualmente Aldridge in grado di portare un aiuto senza che lui fosse libero per uno scarico .

  2. Concordo su Johnson (“reo di spingere Aldridge proprio verso la linea di penetrazione”) e, a ben vedere, anche Novak commette la stessa ingenuità…

Commenta