Cleveland Cavaliers @ Indiana Pacers 74–89

Terza vittoria in tre partite per i Pacers, che mettono la freccia nel primo quarto e mantengono il comando fino a imporsi con un margine di sicurezza a fine partita. George e Stephenson fanno il buono e il cattivo tempo, il primo con una doppia doppia da 21 punti (8/17 dal campo) e 13 rimbalzi, il secondo con 22 punti e un notevole 5/7 dall’arco. Cleveland ha cercato di riaprire la partita con un parziale a fine terzo quarto, ma è stato proprio Stephenson a propiziare il contro-break che ha permesso ai padroni di casa di piazzare l’allungo decisivo. Brutta serata per Irving, che chiude con 15 punti e un pessimo 6/17 al tiro; top scorer dei Cavs, privi di Andrew Bynum, è stato Dion Waiters a quota 17 punti.

Chicago Bulls @ Philadelphia 76ers 104–107

Continua la favola dei Sixers, indicati in maniera unanime come la cenerentola della lega ma che nel frattempo si portano sul 3-0, aggiungendo i Bulls alla loro collezione di scalpi eccellenti. Partita che sembra già indirizzata all’inizio del terzo periodo, con gli ospiti avanti di 18 punti; Phila però ha altri piani, e con un parziale di 17-4 ispirato da un Michael Carter-Williams che non smette di stupire (13 punti nel terzo quarto, 26 e 10 assist in totale) riapre i giochi e si rimette in corsa. Chicago ha il fiato corto, Rose (13 punti con 4/14 al tiro per lui) non è lucido in regia e padroni di casa sorpassano e vincono con un jumper a 6 secondi dalla sirena finale messo a segno da Spencer Hawes (ispirato da un gran passaggio dietro la schiena di MCW).

Charlotte Bobcats @ New Orleans Pelicans 84–105

Successo convincente per i Pelicans, che cancellano lo zero dalla casella delle vittorie imponendosi a domicilio sui Bobcats in una gara praticamente mai in discussione. Anthony Davis è semplicemente dominante su entrambi i lati del campo, mettendo a referto cifre da fuoriclasse assoluto: 25 punti (9/13 al tiro), 8 rimbalzi, 6 stoppate, 6 rubate e 4 assist. Tyreke Evans porta in dote 15 punti, 6 rimbalzi e 7 assist dalla panchina, mentre tra gli ospiti vanno in doppia cifra i soli Sessions (22 punti) e Walker (14).

Memphis Grizzlies @ Dallas Mavericks 99–111

Bel successo per i Mavericks, che battendo i Grizzlies lanciano un segnale importante sulla loro reale consistenza. I Mavs mettono le cose in chiaro già a partire dai primi minuti, chiudendo il primo quarto avanti 32-16 e toccando il +20 di vantaggio a metà del secondo periodo, salvo poi subire la rimonta degli ospiti che riescono a chiudere il primo tempo sotto di sole sei lunghezze. Dallas però resiste all’urto e rimette la gara sui binari della vittoria grazie alle ottime prestazioni di Nowitzki, Ellis e Marion: 24 punti per il tedesco, 21 e 14 rimbalzi per The Matrix e 18 per Monta, con Dallas che manda in doppia cifra sei giocatori rispondendo ai 68 punti del trio ospite formato da Conley, Gasol e Randolph (21 punti e 14 rimbalzi per Z-Bo).

Toronto Raptors @ Milwaukee Bucks 97–90

Primo successo stagionale per i canadesi, che si imponono di misura al cospetto dei Bucks. I Raptors prendono il comando nel primo quarto e riescono a restare avanti fino alla sirena finale grazie a punti ben distribuiti tra tutti gli uomini scesi in campo (5 giocatori in doppia cifra). Milwaukee prova il colpo di mano nel quarto periodo, pareggiando i conti a quota 85 e sprecando il layup del sorpasso con Middleton, prima che Toronto sistemi le cose e archivi la pratica. Serataccia al tiro per entrambe le squadre, con gli ospiti che si impongono grazie al controllo dei tabelloni (60-38 il computo dei rimbalzi). Nonostante le pessime percentuali al tiro Rudy Gay riesce a realizzare una doppia-doppia da 18 punti e 15 rimbalzi; per i Bucks il top scorer è OJ Mayo, a quota 16 punti.

Houston Rockets @ Utah Jazz 104–93

Terza vittoria per i Rockets, che battono in rimonta i Jazz in quel di Salt Lake City. Partono forte i padroni di casa, che chiudono il loro splendido primo tempo avanti 56-40; Houston però non molla, e dodici minuti più tardi riporta tutto in parità a quota 76. Harden e soci completano l’opera nel quarto periodo, forti di un 40% dall’arco che mortifica le speranze dei giovani Jazz. Il top scorer dell’incontro è Chandler Parsons, che a 24 punti aggiunge anche 12 rimbalzi e 6 assist; bella prova del duo Lin-Harden (rispettivamente 20 e 23 punti). Per Utah non è sufficiente la doppia cifra raggiunta da ben sei giocatori, tra i quali spicca un redivivo Richard Jefferson autore di 18 punti.

San Antonio Spurs @ Portland Trail Blazers 105–115

Bella affermazione casalinga dei Blazers, che battono gli Spurs grazie ad una grande serata al tiro e a un’ottima prestazione di squadra. Gli uomini di coach Stotts costruiscono il successo nel primo tempo, chiuso in vantaggio 50-39; San Antonio riesce ad accorciare fino al -3 (108-105) grazie anche a due triple di un ottimo Belinelli (19 punti e 8/12 al tiro per Marco), ma Portland non si fa sorprendere e con un 7-0 finale chiude il match. Per i padroni di casa ben tre giocatori in escursione sopra i 20 punti (25, 7 rimbalzi e 7 assist Lillard, 24 Aldridge e 20 Matthews), oltre alla tripla doppia da 11 punti, 12 rimbalzi e 11 assist di Batum. Agli ospiti, oltre a Belinelli, non bastano i 24 punti del rientrante Tim Duncan.

Sacramento Kings @ Golden State Warriors 87–98

Facile successo casalingo per Steph Curry e company, contro una Sacramento che litiga coi ferri della Oracle arena e si complica la vita con percentuali di tiro davvero pessime (34,5% dal campo a fine gara). Il successo dei Warriors è già in ghiaccio all’intervallo, con un +20 propiziato dai 17 punti di Klay Thompson (saranno 27 conditi da 7 rimbalzi al termine) e ai 14 di Curry (22 e 12 assist il totale). L’ormai consueta pioggia di triple sommerge gli inermi Kings, che senza un solo titolare in doppia cifra riescono a limitare il passivo soltanto quando i buoi sono ormai scappati dalla stalla. L’unica nota positiva per gli ospiti arriva dalla prova del rookie Ben McLemore, che con 19 punti frutto di un buon 8/17 al tiro è il top scorer per gli uomini di Sacramento.

Post By Filippo Ferraioli (96 Posts)

Studente in giurisprudenza, amo ogni genere di sport e il suo lato più romantico. Seguace di Federico Buffa, l’Avvocato per eccellenza, perché se non vi piacciono le finali NBA non voglio nemmeno conoscervi.
“Ricordati di osare sempre”.

Connect

One thought on “NBA – Phila non smette di stupire, successi importanti per Blazers e Mavs

Commenta